Lunedi, 28 marzo 2011 19: 36

Cavalli e altri equini

Vota questo gioco
(0 voti )

I cavalli appartengono alla famiglia equina, che comprende l'asino selvatico africano addomesticato, noto anche come asino o asino. Gli storici ritengono che l'addomesticamento del cavallo sia iniziato intorno al 6000 a.C. e dell'asino almeno nel 2600 a.C. Il mulo, allevato per il lavoro, è un incrocio tra un asino maschio (jack o jackass) e una femmina di cavallo (cavalla). Un mulo non è in grado di riprodursi. Quando un cavallo maschio (stallone) viene accoppiato con una femmina asina (jennet), la prole, anch'essa sterile, viene chiamata bardotto. Anche cavalli e asini sono stati incrociati con un altro equino, la zebra, e la prole viene chiamata collettivamente zebroidi. Gli zebroidi sono anche sterili e di scarsa importanza economica (Caras 1996).

Processi

Dei 10 milioni di cavalli negli Stati Uniti, circa il 75% viene utilizzato per il piacere personale. Altri usi includono corse, allevamento, allevamento e equitazione commerciale. Il cavallo è diventato un attore di corse, salti, rodeo e molti altri eventi.

Le tre principali imprese di cavalli sono l'allevamento, l'addestramento e le scuderie. Gli allevamenti di cavalli allevano fattrici e vendono la prole. Alcune fattorie sono specializzate nell'addestramento di cavalli per spettacoli o corse. Le scuderie nutrono e si prendono cura dei cavalli per i clienti che non dispongono di strutture per ospitare i loro cavalli. Tutte e tre queste imprese sono ad alta intensità di manodopera.

L'allevamento di cavalli è un processo sempre più scientifico. L'allevamento al pascolo era tipico, ma ora è generalmente controllato all'interno di un fienile o recinto di allevamento. Sebbene venga utilizzata l'inseminazione artificiale, è più comune che le cavalle vengano portate allo stallone per la riproduzione. La cavalla viene controllata da un veterinario e, durante l'allevamento, operatori addestrati si occupano dello stallone e della cavalla.

Dopo il parto, la cavalla allatta il puledro fino ai 4-7 mesi di età; dopo lo svezzamento, il puledro viene separato dalla cavalla. Alcuni puledri non destinati alla riproduzione possono essere castrati (castrati) già a 10 mesi di età.

Quando un cavallo da corsa diventa un bambino di due anni, allenatori e cavalieri professionisti iniziano a romperlo per cavalcare. Ciò comporta un processo graduale per abituare il cavallo al tocco umano, essere sellato e imbrigliato e infine montato. I cavalli che corrono con carri e cavalli da tiro pesanti sono al verde per guidare a circa due anni di età, e i cavalli da ranch sono al verde più vicino ai tre anni, a volte usando il metodo più rozzo di buttare fuori un cavallo.

Nelle corse di cavalli, lo stalliere conduce il cavallo al paddock di sellatura, un addestratore e un cameriere lo sellano e un fantino lo monta. Il cavallo è guidato da un cavallo pony e da un cavaliere, riscaldato e caricato nel cancelletto di partenza. I cavalli da corsa possono eccitarsi e il rumore di una corsa può ulteriormente eccitare e spaventare il cavallo. Lo stalliere porta un cavallo vincente in una stalla per test antidroga per campioni di sangue e urina. Lo stalliere deve quindi rinfrescare il cavallo con un bagno, camminando e sorseggiando acqua.

Uno stalliere si prende cura del cavallo da esibizione ed è responsabile di spazzolarlo e lavarlo, sellarlo per il cavaliere in allenamento, applicare eventuali bende o stivali protettivi alle sue gambe, pulire la stalla e depositare paglia, trucioli, muschio di torba, bucce di arachidi, giornali o persino gusci di riso. Lo sposo o un camminatore "caldo" porta a spasso il cavallo; a volte viene utilizzato un deambulatore meccanico. Lo stalliere nutre il cavallo con fieno, grano e acqua, rastrella e spazza, lava il bucato del cavallo e trasporta il letame su una carriola. Lo stalliere tiene il cavallo per altri come il veterinario o il maniscalco (il lavoro di maniscalco è tradizionalmente svolto da un fabbro). Tutti i cavalli richiedono il controllo dei parassiti, la cura degli zoccoli e la limatura dei denti.

I cavalli da prestazione sono tipicamente stabulati e sottoposti a esercizio quotidiano. Tuttavia, i giovani cavalli da tiro e da diporto sono generalmente ricoverati di notte e rilasciati durante il giorno, mentre altri sono tenuti all'aperto in paddock o pascoli con capannoni per ripararsi. I cavalli da corsa in addestramento vengono nutriti tre o quattro volte al giorno, mentre i cavalli da esposizione, altri cavalli da spettacolo e il bestiame da riproduzione vengono nutriti due volte al giorno. Il bestiame di razza o ranch viene alimentato una volta al giorno, a seconda del foraggio presente.

I cavalli viaggiano per tanti motivi: spettacoli, corse, per allevamento o per percorsi a cavallo. La maggior parte viene spedita tramite camion o rimorchio; tuttavia, alcuni viaggiano in treno o in aereo per i grandi eventi.

Pericoli e precauzioni

Diversi pericoli sono associati al lavoro intorno ai cavalli. Uno stalliere svolge un lavoro fisicamente impegnativo con molte forche di letame, spostando balle di fieno e paglia da 25 a 50 kg e maneggiando cavalli attivi. I cavalli spaventati o minacciati possono scalciare; pertanto, i lavoratori dovrebbero evitare di camminare dietro a un cavallo. Un cavallo spaventato può saltare e calpestare il piede di un operaio; questo può verificarsi anche accidentalmente. Sono disponibili vari sistemi di ritenuta per gestire i cavalli irritabili, come una catena sul naso o una catena a labbro. Lo stress sui cavalli dovuto alla spedizione può causare esitazioni e lesioni ai cavalli e ai conduttori.

Lo stalliere è potenzialmente esposto a polvere di fieno e grano, polvere di lettiera, muffe, peli di cavallo e ammoniaca delle urine. Indossare un respiratore può fornire protezione. Gli stallieri fanno molto lavoro con le gambe sui cavalli, a volte usando linimenti contenenti sostanze chimiche pericolose. Si consigliano i guanti. Alcuni prodotti per la cura della pelle possono contenere solventi pericolosi, che richiedono ventilazione e protezione della pelle. I tagli possono portare a gravi infezioni come il tetano o la setticemia. I colpi di tetano dovrebbero essere mantenuti aggiornati, soprattutto a causa dell'esposizione al letame.

Un maniscalco è esposto a lesioni quando ferra un cavallo. Il compito dello stalliere è tenere il cavallo per impedirgli di prendere a calci il maniscalco o di tirargli il piede in un modo che potrebbe affaticare la schiena del maniscalco o tagliarlo con il ferro di cavallo e le unghie.

Nella stalla del test antidroga, la persona sottoposta al test è rinchiusa in una stalla con un cavallo sciolto, eccitato e sconosciuto. Lui o lei tiene un bastone (con una tazza per l'urina) che può spaventare il cavallo.

Quando si va a cavallo, è importante indossare un buon paio di stivali e un casco. Qualsiasi persona a cavallo ha bisogno di un giubbotto protettivo per correre, saltare, rodeo broncs e pony o allenare i cavalli da corsa. C'è sempre il pericolo di essere disarcionato o che un cavallo inciampi e cada.

I tacchetti possono essere imprevedibili, molto forti e possono mordere o calciare ferocemente. Le fattrici sono molto difensive nei confronti dei loro puledri e possono combattere se minacciate. Gli stalloni sono tenuti individualmente in recinti recintati, mentre altri riproduttori sono tenuti in gruppi con il proprio ordine gerarchico. I cavalli che cercano di allontanarsi da un cavallo capo o da un gruppo di cuccioli di un anno in gioco possono travolgere chiunque si metta in mezzo. Puledri, svezzati, cuccioli di un anno e di due anni mordono e mordono.

Alcuni farmaci (p. es., gli ormoni) usati nell'allevamento vengono somministrati per via orale e possono essere dannosi per l'uomo. Si consiglia di indossare i guanti. Le ferite da aghi sono un altro pericolo. Buone restrizioni, comprese le scorte, possono essere utilizzate per controllare l'animale durante la somministrazione del farmaco. Gli spray topici e i sistemi automatici di spray per stalle per controllare le mosche possono essere facilmente abusati nell'allevamento di cavalli. Questi insetticidi dovrebbero essere usati con moderazione e le etichette di avvertenza dovrebbero essere lette e le raccomandazioni seguite.

Esiste una varietà di zoonosi che possono essere trasmesse dai cavalli all'uomo, in particolare le infezioni della pelle dovute al contatto con secrezioni infette. I morsi di cavallo possono essere causa di alcune infezioni batteriche. Vedere la tabella 1 per un elenco delle zoonosi associate ai cavalli.

 


Tabella 1. Zoonosi associate ai cavalli

 

Malattie virali

Rabbia (incidenza molto bassa)
Orientale, occidentale e alcuni sottotipi di encefalomielite equina venezuelana
Stomatite vescicolare
Influenza equina
Malattia da morbillvirus equino (documentata per la prima volta in Australia nel 1994)

Infezioni da funghi

Tigna (dermatomicosi)

Zoonosi parassitarie

Trichinosi (grandi focolai in Francia e in Italia negli anni '1970 e '1980)
Malattia idatidea (echinoccosi) (molto raro)

Malattie batteriche

salmonellosi
Morva (ora molto rara, limitata al Medio Oriente e all'Asia)
Brucellosi (raro)
Antrace
Leptospirosi (relativamente rara, contaminazione umana diretta non definitivamente dimostrata)
Melioidosi (focolai in Francia negli anni '1970 e '1980; trasmissione diretta non segnalata)
Tubercolosi (molto raro)
Pasteurellosi
Actinobacillus lignieresi, A., A. Suis (sospettata trasmissione della malattia di Lyme, Belgio)


 

 

Di ritorno

Leggi 5508 volte Ultima modifica giovedì 27 ottobre 2011 21:36

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti sull'allevamento del bestiame

Aldhous, P. 1996. La teoria della scrapie ha alimentato il compiacimento della BSE, ora crescono i timori per i bambini non ancora nati. Il nuovo scienziato 150:4-5.

Ahlgren, GH. 1956. Colture foraggere. New York: McGraw-Hill Book Co.

Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH). 1994. Valori limite di soglia per sostanze chimiche e agenti fisici e indici di esposizione biologica. Cincinnati, Ohio: ACGIH.

Auti, JH. 1983. Progetto di potere animale in Australia. Bestiame asiatico VIII: 83-84.

Banwart, WC e JM Brenner. 1975. Identificazione dei gas di zolfo evoluti dai concimi animali. J Ambiente Qual 4:363-366.

Baxter, P.J. 1991. Alghe tossiche marine e d'acqua dolce: un rischio professionale? Br J Ind Med 48(8):505-506.

Bell, RG, DB Wilson e EJ Dew. 1976. Top dressing del letame di feedlot per pascoli irrigati: buona pratica agricola o rischio per la salute? B Ambiente Contam Tox 16:536-540.

Benenson, AS. 1990. Controllo delle malattie trasmissibili nell'uomo. Washington, DC: Associazione americana di sanità pubblica.

—. 1995. Manuale per il controllo delle malattie trasmissibili. Washington, DC: Associazione americana di sanità pubblica.

Marrone, L.R. 1995. La produzione di carne fa un balzo in avanti. In Vital Signs 1995: The Trends that are Shaping our Future, a cura di LR Brown, N Lenssen e H Kane. New York: WW Norton & Company.

Bursey, RG. 1992. Nuovi usi dei prodotti lattiero-caseari. In New Crops, New Uses, New Markets: Industrial and Commercial Products from US Agriculture: 1992 Yearbook of Agriculture. Washington, DC: USDA.

Calandruccio, RA e JH Powers. 1949. Incidenti agricoli: uno studio clinico e statistico che copre vent'anni. Am Surg (novembre):652-660.

Cameron, D e C Bishop. 1992. Incidenti agricoli negli adulti. Br Med J 305:25-26.

Caras, RA. 1996. Un'armonia perfetta: le vite intrecciate di animali e umani nel corso della storia. New York: Simon & Schuster.

Carstensen, O, J Lauritsen e K Rasmussen. 1995. Lo studio West-Justland sulla prevenzione degli incidenti agricoli, Fase 1: uno studio sui fattori specifici del lavoro in 257 infortuni agricoli trattati in ospedale. Giornale di sicurezza e salute agricola 1: 231-239.

Chatterjee, A, D Chattopadhyay, D Bhattacharya, Ak Dutta e DN Sen Gupta. 1980. Alcuni aspetti epidemiologici della dermatofitosi zoofila. Giornale internazionale delle zoonosi 7 (1): 19-33.

Cherry, JP, SH Fearirheller, TA Foglis, GJ Piazza, G Maerker, JH Woychik e M Komanowski. 1992. Usi innovativi di sottoprodotti di origine animale. In New Crops, New Uses, New Markets: Industrial and Commercial Products from US Agriculture: 1992 Yearbook of Agriculture. Washington, DC: USDA.

Crowley, M. 1995. Tendenze e tecnologia dell'acquacoltura. Pescatore Nazionale 76:18-19.

Deere & Co. 1994. Gestione della sicurezza delle fattorie e dei ranch. Moline, IL: Deere & Co.

DeFoliart, GR. 1992. Insetti come alimenti umani. Protezione delle colture 11:395-399.

Donham, KJ. 1985. Malattie zoonotiche di importanza professionale in agricoltura: una rassegna. Giornale internazionale delle zoonosi 12: 163-191.

—. 1986. Agenti pericolosi nelle polveri agricole e metodi di valutazione. Am J Ind Med 10:205-220.

Donham, KJ e LW Knapp. 1982. Esposizione tossica acuta a gas da letame liquido. J Occup Med 24:142-145

Donham, KJ e SJ Reynolds. 1995. Disfunzione respiratoria nei lavoratori della produzione suina: relazione dose-risposta delle esposizioni ambientali e della funzione polmonare. Am J Ind Med 27:405-418.

Donham, KJ e L Scallon. 1985. Caratterizzazione delle polveri raccolte dagli edifici per il ricovero dei suini. Am Ind Hyg Assoc J 46:658-661.

Donham, KJ e KM gio. 1995. Medicina agricola e salute ambientale: la componente mancante del movimento agricolo sostenibile. In Salute e sicurezza in agricoltura: luogo di lavoro, ambiente, sostenibilità, a cura di HH McDuffie, JA Dosman, KM Semchuk, SA Olenchock e A Senthilselvan. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Donham, KJ, MJ Rubino, TD Thedell e J Kammenmeyer. 1977. Potenziali rischi per la salute dei lavoratori negli edifici per il confinamento dei maiali. J Occup Med 19:383-387.

Donham, KJ, J Yeggy e RR Dauge. 1985. Parametri chimici e fisici del letame liquido proveniente da strutture per il confinamento dei maiali: implicazioni per la salute dei lavoratori, dei suini e dell'ambiente. Rifiuti agricoli 14:97-113.

—. 1988. Tassi di produzione di gas tossici da letame liquido: implicazioni per la salute dei lavoratori e degli animali negli edifici dei maiali. Rifiuti biologici 24:161-173.

Donham, KJ, DC Zavala e JA Merchant. 1984. Effetti acuti dell'ambiente di lavoro sulle funzioni polmonari dei lavoratori del confinamento dei maiali. Am J Ind Med 5:367-375.

Dosman, JA, BL Graham, D Hall, P Pahwa, H McDuffie, M Lucewicz e T To. 1988. Sintomi respiratori e alterazioni nei test di funzionalità polmonare nei produttori di suini nel Saskatchewan: risultati di un'indagine sugli allevatori. G Occ Med 30:715-720.

Douglas, JDM. 1995. Allevamento di salmone: salute sul lavoro in una nuova industria rurale. Occupare Med 45:89-92.

Douglas, JDM e AH Milne. 1991. Malattia da decompressione nei lavoratori dell'allevamento ittico: un nuovo rischio professionale. Br Med J 302:1244-1245.

Durning, AT e HB Brough. 1992. Riformare l'economia del bestiame. In State of the World, a cura di LR Brown. Londra: WW Norton & Company.

Erlich, SM, TR Driscoll, JE Harrison, MS Frommer e J Leight. 1993. Vittime agricole legate al lavoro in Australia, 1982-1984. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:162-167.

Feddes, JJR e ​​EM Barber. 1994. Soluzioni di ingegneria agricola ai problemi dei contaminanti dell'aria nei silos agricoli e nei fabbricati per animali. In Agricultural Health and Safety: Workplace, Environment, Sustainability, a cura di HH McDuffie, JA Dosman, KM Semchuk, SA Olenchock e A Senthilselvan. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Ferguson, percorso IR e LRC. 1993. Ratti, pesci e malattia di Weil. Professionista della sicurezza e della salute: 12-16.

Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite. 1965. Attrezzi agricoli per regioni aride e tropicali. Roma: FAO.

—. 1995. Lo stato della pesca mondiale e dell'acquacoltura. Roma: FAO.

Fretz, P. 1989. Lesioni da animali da allevamento. In Principles of Health and Safety in Agriculture, a cura di JA Dosman e DW Crockcroft. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Fröhlich, PA. 1995. Osservazioni e raccomandazioni sul controllo tecnico per le strutture di allevamento di insetti. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Gillespie, JR. 1997. Produzione moderna di bestiame e pollame. New York: Editori Delmar.

Gorhe, DS. 1983. Progetto di potenza animale vs meccanizzazione. Bestiame asiatico VIII:90-91.

Haglind, M e R Rylander. 1987. Misurazioni dell'esposizione professionale e della funzione polmonare tra i lavoratori negli edifici per il confinamento dei maiali. J Occup Med 29:904-907.

Harries, MG e O Cromwell. 1982. Allergia professionale causata dall'allergia all'urina di maiale. Br Med J 284:867.

Heederick, D, R Brouwer, K Biersteker, e J. Boleij. Relazione tra livelli di endotossine e batteri nell'aria negli allevamenti di suini con funzionalità polmonare e sintomi respiratori degli allevatori. Intl Arch Occup Health 62:595-601.

Hogan, DJ e P Lane. 1986. Disturbi dermatologici in agricoltura. Occup Med: State Art Rev 1:285-300.

Holness, DL, EL O'Glenis, A Sass-Kortsak, C Pilger e J Nethercott. 1987. Effetti respiratori ed esposizioni alla polvere nell'allevamento di maiali. Am J Ind Med 11:571-580.

Holness, DL e JR Nethercott. 1994. Traumi acuti e cronici negli allevatori di maiali. In Agricultural Health and Safety: Workplace, Environment, Sustainability, a cura di HH McDuffie, JA Dosman, KM Semchuk, SA Olenchock e A Senthilselvan. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Dipartimento di sanità pubblica dell'Iowa. 1995. Sistema di notifica degli infortuni agricoli per la ricerca sul progetto Sentinel. Des Moines, IA: Dipartimento di sanità pubblica dell'Iowa.

Iverson, M, R Dahl, J. Korsgaard, T Hallas e EJ Jensen. 1988. Sintomi respiratori negli agricoltori danesi: uno studio epidemiologico sui fattori di rischio. Torace 48:872-877.

Johnson, SA. 1982. Bachi da seta. Minneapolis, Minnesota: Lerner Publications.

Jones, W, K Morring, SA Olenchock, T Williams e J. Hickey. 1984. Studio ambientale degli edifici di confinamento del pollame. Am Ind Hyg Assoc J 45:760-766.

Joshi, DD. 1983. Progetto di alimentazione animale per la produzione alimentare in Nepal. Bestiame asiatico VIII: 86-87.

Ker, A. 1995. Sistemi di allevamento nella savana africana. Ottawa, Canada: Libri IDRC.

Khan, M.H. 1983. Animale come fonte di energia nell'agricoltura asiatica. Bestiame asiatico VIII: 78-79.

Kiefer, M. 1996. Dipartimento dell'agricoltura della Florida e divisione dei servizi ai consumatori dell'industria delle piante, Gainesville, Florida. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Knoblauch, A, B Steiner, S Bachmann, G Trachsler, R Burgheer e J Osterwalder. 1996. Incidenti legati al letame nella Svizzera orientale: uno studio epidemiologico. Occup Environ Med 53:577-582.

Kok, R, K Lomaliza e US Shivhare. 1988. La progettazione e le prestazioni di un allevamento di insetti/reattore chimico per la produzione alimentare umana. Ingegneria agricola canadese 30: 307-317.

Kuo, C e MCM Beveridge. 1990. Maricoltura: problemi biologici e gestionali e possibili soluzioni ingegneristiche. In ingegneria per l'allevamento ittico offshore. Londra: Thomas Telford.

Layde, PM, DL Nordstrom, D Stueland, LB Wittman, MA Follen e KA Olsen. 1996. Infortuni sul lavoro legati agli animali nei residenti dell'azienda agricola. Giornale di sicurezza e salute agricola 2: 27-37.

Leistikow, B Donham, JA Merchant e S Leonard. 1989. Valutazione del rischio respiratorio del lavoratore di pollame degli Stati Uniti. Am J Ind Med 17:73-74.

Lenhart, SW. 1984. Fonti di insulto respiratorio nell'industria di lavorazione del pollame. Am J Ind Med 6:89-96.

Lincoln, JM e ML Klatt. 1994. Prevenzione degli annegamenti dei pescatori commerciali. Ancoraggio, AK: NIOSH.

MacDiarmid, SC. 1993. Analisi dei rischi e importazione di animali e prodotti di origine animale. Rev Sci Tech 12:1093-1107.

Marx, J, J Twiggs, B Ault, J Merchant e E Fernandez-Caldas. 1993. Aeroallergene inalato e reattività dell'acaro di deposito in uno studio caso-controllo nidificato di un agricoltore del Wisconsin. Am Rev Respir Dis 147:354-358.

Mattia, CGT. 1989. Epidemiologia della malattia della pelle professionale in agricoltura. In Principles of Health and Safety in Aagriculture, a cura di JA Dosman e DW Cockroft. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Meadows, R. 1995. Eredità del bestiame. Ambiente Salute Persp 103:1096-1100.

Meyer, JR. 1997. Infortuni tra i lavoratori agricoli negli Stati Uniti, 1993. Pubblicazione n. 97-115 del DHHS (NIOSH). Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Mullan, RJ e LI Murthy. 1991. Eventi di salute sentinella sul lavoro: un elenco aggiornato per il riconoscimento medico e la sorveglianza della salute pubblica. Am J Ind Med 19:775-799.

Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1993. Infortuni tra i lavoratori agricoli negli Stati Uniti. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

—. 1994. Richiesta di assistenza nella prevenzione della sindrome tossica da polvere organica. Washington, DC: Oggetto Criteri di gruppo.

Istituti Nazionali della Salute (NIH). 1988. Manuale dell'amministratore istituzionale per la cura e l'uso degli animali da laboratorio. Washington, DC: Oggetto Criteri di gruppo.

Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). 1989. Agricoltura alternativa: Comitato sul ruolo dei metodi di agricoltura alternativa nell'agricoltura di produzione moderna. Washington, DC: National Academy Press.

Consiglio nazionale per la sicurezza. 1982. Fatti sugli incidenti. Chicago, IL: Consiglio nazionale per la sicurezza.

—. 1985. Elettropesca. Scheda dati NSC I-696-85. Chicago, IL: Consiglio nazionale per la sicurezza.

Nesheim, MC, RE Austic e LE Card. 1979. Produzione di pollame. Filadelfia, Pennsylvania: Lea e Febiger.

Olenchock, S, J May, D Pratt, L Piacitelli e J Parker. 1990. Presenza di endotossine in diversi ambienti agricoli. Am J Ind Med 18:279-284.

O'Toole, C. 1995. Impero alieno. New York: editori Harper Collins.

Orlic, M e RA Lung. 1992. Proposta preliminare per aiutare il Bangladesh a migliorare la produttività del bestiame dei ruminanti e ridurre le emissioni di metano. Washington, DC: Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente, Divisione Cambiamento globale.

Panti, NK e SP Clark. 1991. Condizioni di pericolo transitorie nelle stalle dovute al rilascio di gas di letame durante la miscelazione del liquame. Ingegneria applicata in agricoltura 7: 478-484.

Platt, A.E. 1995. L'acquacoltura incrementa le catture di pesce. In Vital Signs 1995: The Trends that Are Shaping our Future, a cura di LR Brown, N Lenssen e H Kane. New York: WW Norton & Company.

Pursel, VG, CE Rexroad e RJ Wall. 1992. La biotecnologia da cortile potrebbe presto produrre nuove terapie mediche. In New Crops, New Uses, New Markets: Industrial and Commercial Products from US Agriculture: 1992 Yearbook of Agriculture Washington, DC: USDA.

Ramaswami, NS e GL Narasimhan. 1982. Un caso per costruire il potere degli animali da tiro. Kurushetra (Giornale indiano per lo sviluppo rurale) 30:4.

Reynolds, SJ, KJ Donham, P Whitten, JA Merchant, LF Burmeister e WJ Popendorf. 1996. Una valutazione longitudinale delle relazioni dose-risposta per le esposizioni ambientali e la funzione polmonare nei lavoratori della produzione suina. Am J Ind Med 29:33-40.

Robertson, MH, IR Clarke, JD Coghlan e ON Gill. 1981. Leptospirosi negli allevatori di trote. Lancetta: 2(8247)626-627.

Robertson, TD, SA Ribeiro, S Zodrow, e JV Breman. 1994. Valutazione dell'integrazione strategica dell'alimentazione del bestiame come opportunità per generare reddito per i produttori di latte su piccola scala e ridurre le emissioni di metano in Bangladesh. Washington, DC: Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente.

Rylander, R. 1994. Sintomi e meccanismi: Infiammazione del polmone. Am J Ind Med 25:19-24.

Rylander, R, KJ Donham, C Hjort, R Brouwer e D Heederik. 1989. Effetti dell'esposizione alla polvere negli edifici per il confinamento dei maiali: un rapporto del gruppo di lavoro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 15:309-312.

Rylander, R e N Essle. 1990. Iperattività bronchiale tra allevatori di suini e latticini. Am J Ind Med 17:66-69.

Rylander, R, Y Peterson e KJ Donman. 1990. Questionario che valuta l'esposizione alla polvere organica. Am J Ind Med 17:121-128.

Rylander, R e R Jacobs. 1994. Polveri organiche: esposizione, effetti e prevenzione. Chicago, IL: Lewis Publishing.
Safina, C. 1995. Il pesce in pericolo del mondo. Sci Am 272:46-53.

Scherf, B.D. 1995. World Watch List per la diversità degli animali domestici. Roma: FAO.

Schmidt, M.J. 1997. Elefanti che lavorano. Sci Am 279:82-87.

Schmidt, J.O. 1992. Allergia agli insetti velenosi. In The Hive and the Honey Bee, a cura di JM Graham. Hamilton: DaDant & Sons.

Shumacher, MJ e NB Egen. 1995. Importanza delle api africanizzate sulla salute pubblica. Arch Int Med 155:2038-2043.

Sherson, D, I Hansen e T Sigsgaard. 1989. Sintomi respiratori professionali nei lavoratori della lavorazione della trota. Allergia 44:336-341.

Gambo, C, DD Joshi e M Orlic. 1995. Riduzione delle emissioni di metano dal bestiame ruminante: studio di prefattibilità del Nepal. Washington, DC: Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente, Divisione Cambiamento globale.

Addolcisci, JM. 1995. Tecnologia e applicazioni per la misurazione degli odori: una revisione all'avanguardia. Nel Settimo Simposio Internazionale sui Rifiuti di Lavorazione Agricola e Alimentare: Atti del 7° Simposio Internazionale, a cura di CC Ross. Società americana di ingegneria agricola.

Tannahill, R. 1973. Il cibo nella storia. New York: Stein e Giorno.

Thorne, PS, KJ Donham, J Dosman, P Jagielo, JA Merchant e S Von Essen. 1996. Salute sul lavoro. In Understanding the Impacts of Large-scale Suin Production, a cura di KM Thu, D Mcmillan e J Venzke. Iowa City, IA: Università dell'Iowa.

Turner, F e PJ Nichols. 1995. Ruolo dell'epitelio nella risposta delle vie aeree. Abstract per la 19a conferenza di ricerca sulla polvere di cotone e altre sostanze organiche, 6-7 gennaio, San antonio, TX.

Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP). 1996. Agricoltura urbana: cibo, lavoro e città sostenibili. New York: UNDP.

Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA). 1992. Manuale sul campo per la gestione dei rifiuti agricoli. Washington, DC: Servizio di conservazione del suolo dell'USDA.

—. 1996a. Bestiame e pollame: mercati mondiali e commercio . Circolare Serie FL&P 1-96. Washington DC: Servizio agricolo estero dell'USDA.

—. 1996b. Prodotti lattiero-caseari: mercati e commercio mondiali. Serie circolare FD 1-96. Washington DC: Servizio agricolo estero dell'USDA.

—. 1997. Produzione e valore del pollame, riepilogo del 1996. Washington, DC: Servizio nazionale di statistica agricola.

van Hage-Hamsten, M, S Johansson e S Hogland. 1985. L'allergia agli acari di stoccaggio è comune in una popolazione agricola. Clin Allergy 15:555-564.

Vivian, J. 1986. Mantenere le api. Charlotte, VT: Williamson Publishing.

Waller, J.A. 1992. Lesioni ad agricoltori e famiglie di agricoltori in uno stato lattiero-caseario. J Occup Med 34:414-421.

Yang, N. 1995. Ricerca e sviluppo del potere di tiraggio del bufalo per l'agricoltura in Cina. Bestiame asiatico XX:20-24.

Zhou, C e JM Roseman. 1995. Lesioni residue legate all'agricoltura: prevalenza, tipo e fattori associati tra gli operatori agricoli dell'Alabama, 1990. Journal of Rural Health 11:251-258.

Zuehlke, RL, CF Mutel e KJ Donham. 1980. Malattie dei lavoratori agricoli. Iowa City, IA: Dipartimento di Medicina Preventiva e Salute Ambientale, Università dell'Iowa.