Banner 14

 

88. Cuoio, Pelliccia e Calzature

Editor del capitolo: Michael McCann


Sommario

Tabelle e figure

Profilo generale
Debra Osinsky

Concia e Finitura Pelle
Dean B. Baker

Industria della pelliccia
Treccia PE

Industria calzaturiera
FL Conradi e Paulo Portich

Effetti sulla salute e modelli di malattia
Frank B. Stern

Tutela dell'ambiente e problemi di salute pubblica
Jerry Spiegel

tavoli

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Scelte tecnologiche per il trattamento degli effluenti di conceria

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

LEA020F2LEA020F1LEA030F5LEA030F1LEA030F2LEA030F3LEA030F4

LEA060F1LEA060F2

Martedì, 29 marzo 2011 19: 54

Profilo generale

Le pellicce e le pelli di animali conciate sono state utilizzate per realizzare vestiti per migliaia di anni. La pelliccia e la pelle rimangono industrie importanti oggi. La pelliccia viene utilizzata per produrre una varietà di indumenti esterni, come cappotti, giacche, cappelli, guanti e stivali, e fornisce rifiniture anche per altri tipi di indumenti. La pelle viene utilizzata per realizzare indumenti e può essere impiegata nella fabbricazione di altri prodotti, tra cui rivestimenti in pelle per automobili e mobili e un'ampia varietà di articoli in pelle, come cinturini per orologi, borse e valigie. Le calzature sono un altro prodotto tradizionale in pelle.

Gli animali da pelliccia includono specie acquatiche come castori, lontre, topi muschiati e foche; specie terrestri settentrionali come volpe, lupo, visone, donnola, orso, martora e procione; e specie tropicali come leopardi, ocelot e ghepardi. Inoltre, i giovani di alcuni animali come bovini, equini, suini e caprini possono essere lavorati per produrre pellicce. Sebbene la maggior parte degli animali da pelliccia sia intrappolata, il visone in particolare viene prodotto negli allevamenti da pelliccia.

Produzione

Le principali fonti di pelle sono bovini, suini, agnelli e pecore. A partire dal 1990, gli Stati Uniti erano il più grande produttore di pelli bovine. Altri produttori significativi includono Argentina, Australia, Brasile, Cina, Francia, Germania (ex Repubblica Federale) e India. Australia, Cina, India, Repubblica islamica dell'Iran, Nuova Zelanda, Federazione Russa, Turchia e Regno Unito sono i principali produttori di pelli di pecora. Le pelli di capra sono in gran parte prodotte in Cina, India e Pakistan. I maggiori produttori di cotenne sono la Cina, l'Europa dell'Est e l'ex Unione Sovietica.

Un'analisi preparata da Landell Mills Commodities Studies (LMC) per l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) mostra che il mercato internazionale delle pelli è sempre più dominato da pochi grandi paesi produttori in Nord America, Europa occidentale e Oceania, che consentono la libera esportazione delle pelli in qualsiasi forma. L'industria conciaria negli Stati Uniti è in costante contrazione dal 1981, mentre la maggior parte delle concerie sopravvissute nel nord Europa si sono diversificate per ridurre la dipendenza dal mercato delle calzature e della pelle. La produzione mondiale di calzature ha continuato a spostarsi principalmente verso il sud-est asiatico (ILO 1992).

Diversi fattori influenzano la domanda complessiva di pelle nel mondo: il livello, il tasso di crescita e la distribuzione del reddito; il prezzo della pelle rispetto a materiali alternativi; e cambiamenti nella preferenza dei consumatori per la pelle rispetto a materiali alternativi per una varietà di prodotti.

Il settore di utilizzo finale in più rapida crescita nell'industria della pelle è stato quello dei rivestimenti in pelle, che rappresentava circa un terzo della produzione mondiale di pelli bovine di alta qualità nel 1990. Oltre un terzo di tutta la pelle per rivestimenti è destinato all'industria automobilistica e , secondo le previsioni di LMC, le prospettive per questo sottosettore sono piuttosto rosee. La percentuale di auto con rivestimenti in pelle è aumentata notevolmente negli anni '1990.

La domanda di capi in pelle è determinata principalmente dal reddito e dalla moda, mentre la moda influenza in modo particolare il cambiamento della domanda di specifici tipi di pelle. Ad esempio, una forte domanda per la pelle di montone più morbida ed elastica nei capi di abbigliamento alla moda ha motivato la produzione della nappa per indumenti alla moda da pelli di pecora e bovini.

I maggiori produttori di pelli di visone nel 1996 erano il Canada, la Federazione Russa, i paesi scandinavi e gli Stati Uniti.

Tra il 1980 e il 1989, l'occupazione della pelle è aumentata in Cina, Ungheria, India, Indonesia, Repubblica di Corea, Uruguay e Venezuela ed è diminuita in Australia, Colombia, Kenya, Filippine, Polonia e Stati Uniti. L'occupazione nel settore della pelle è diminuita anche in Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia. In Botswana l'occupazione della pelle è diminuita drasticamente nel 1984, poi ha registrato un forte aumento, raddoppiando il livello del 1980 entro il 1988.

Ci sono diversi problemi che influenzeranno la produzione futura e l'occupazione nelle industrie del cuoio, delle calzature e delle pellicce. Le nuove tecnologie, il trasferimento della produzione di calzature nei paesi in via di sviluppo e le normative ambientali nel settore conciario continueranno a influenzare le competenze, la salute e la sicurezza dei lavoratori di queste industrie.

 

Di ritorno

Martedì, 29 marzo 2011 19: 55

Concia e Finitura Pelle

Alcuni testi sono stati rivisti dall'articolo scritto da VPGupta nella 3a edizione di questa Enciclopedia.

La concia è il processo chimico che converte le pelli e le pelli degli animali in pelle. Il termine nascondere viene utilizzato per la pelle di animali di grossa taglia (es. mucche o cavalli), mentre pelle è usato per quello dei piccoli animali (es. pecore). Le pelli e le pelli sono per lo più sottoprodotti dei macelli, sebbene possano anche provenire da animali morti naturalmente o cacciati o catturati. Le industrie conciarie sono solitamente situate vicino alle regioni di allevamento; tuttavia, le pelli possono essere conservate e trasportate prima della concia, quindi l'industria è molto diffusa.

Il processo di concia consiste nel rafforzare la struttura proteica della pelle creando un legame tra le catene peptidiche. La pelle è composta da tre strati: epidermide, derma e strato sottocutaneo. Il derma è costituito da circa il 30-35% di proteine, che sono principalmente collagene, mentre il resto è costituito da acqua e grasso. Il derma viene utilizzato per produrre pelle dopo che gli altri strati sono stati rimossi con mezzi chimici e meccanici. Il processo di concia utilizza acidi, alcali, sali, enzimi e agenti abbronzanti per sciogliere i grassi e le proteine ​​non fibrose e legare chimicamente le fibre di collagene.

La concia è stata praticata fin dalla preistoria. Il più antico sistema di concia si basa sull'azione chimica di materiale vegetale contenente tannino (acido tannico). Gli estratti vengono prelevati dalle parti delle piante ricche di tannino e trasformati in liquori abbronzanti. Le pelli vengono immerse in fosse o tini di liquori sempre più forti fino a quando non vengono conciate, il che può richiedere settimane o mesi. Questo processo è utilizzato in paesi con bassi livelli di tecnologia. Questo processo viene utilizzato anche nei paesi sviluppati per produrre pelli più solide e spesse per suole di scarpe, borse, custodie e cinturini, sebbene siano state introdotte modifiche al processo per abbreviare il tempo necessario per la concia. La concia chimica che utilizza sali minerali come il solfato di cromo è stata introdotta alla fine del XIX secolo ed è diventata il processo principale per produrre pelli più morbide e sottili per articoli come borse, guanti, indumenti, tappezzeria e tomaie di scarpe. La concia può essere eseguita anche utilizzando oli di pesce o tannini sintetici.

C'è una grande variazione nella scala e nei tipi di strutture abbronzanti. Alcune concerie sono altamente meccanizzate e utilizzano sistemi automatici chiusi e molti prodotti chimici, mentre altre utilizzano ancora in gran parte lavoro manuale e sostanze concianti naturali con tecniche sostanzialmente immutate nei secoli (vedi figura 1). Il tipo di prodotto richiesto (ad es. pelli pesanti o pelli fini e flessibili) influenza la scelta degli agenti concianti e la finitura richiesta.

Figura 1. Metodi di lavoro manuale in una conceria afghana

LEA020F2

Descrizione del processo

La produzione della pelle può essere suddivisa in tre fasi: preparazione della pelle per la concia, che comprende processi come l'asportazione del pelo e della carne aderente; il processo di concia; e il processo di finitura. La rifinizione comprende processi meccanici per modellare e levigare la pelle e trattamenti chimici per colorare, lubrificare, ammorbidire e applicare una finitura superficiale alla pelle (vedi figura 2). Tutti questi processi possono aver luogo in una struttura, anche se è comune che la rifinizione della pelle venga eseguita in luoghi diversi dalla concia per sfruttare i costi di trasporto e i mercati locali. L'implicazione è che influisce sulla probabilità di contaminazione incrociata tra i processi.

Figura 2. Processi tipici per la concia e la rifinizione della pelle

LEA020F1

Stagionatura e spedizione. Poiché le pelli grezze si deteriorano rapidamente, vengono conservate e disinfettate prima della spedizione alla conceria. La pelle o la pelle viene scorticata dalla carcassa e poi conservata mediante stagionatura. L'indurimento può essere ottenuto con una varietà di mezzi. La polimerizzazione mediante essiccazione è adatta nelle regioni in cui prevalgono condizioni climatiche calde e secche. L'asciugatura consiste nello stendere le pelli su telai o stenderle a terra al sole. La salatura a secco, altro metodo di stagionatura delle pelli, consiste nello strofinare con il sale la parte carnosa della pelle. La salamoia, o salamoia, consiste nell'immergere le pelli in una soluzione di cloruro di sodio eventualmente addizionato di naftalene. La salamoia è la forma più comune di conservazione nei paesi sviluppati.

Prima della spedizione, le pelli vengono generalmente trattate con DDT, cloruro di zinco, cloruro di mercurio, clorofenoli o altri agenti per la disinfezione. Queste sostanze possono rappresentare pericoli sia nel luogo di stagionatura che al ricevimento in conceria.

PREPARAZIONE. Le pelli stagionate vengono preparate per la concia mediante diverse operazioni, denominate collettivamente riviera operazioni. Prima le pelli vengono selezionate, rifilate e poi lavate in tini o fusti. Disinfettanti come polvere sbiancante, cloro e fluoruro acido di sodio nell'acqua prevengono la putrefazione delle pelli. All'acqua vengono aggiunti prodotti chimici come soda caustica, solfuro di sodio e tensioattivi per accelerare l'ammollo delle pelli salate a secco o essiccate.

Le pelli e le pelli imbevute vengono quindi calcinate immergendole nel latte di calce per sciogliere l'epidermide e le radici dei capelli e per rimuovere altre proteine ​​​​e grassi solubili indesiderati. In un altro metodo, una pasta depilatoria di calce, solfuro e sale viene applicata sul lato carne delle pelli per salvare capelli e lana. Le pelli calcinate vengono depilate per togliere i peli sciolti e scarnati. I detriti epidermici e le sottili radici dei capelli vengono rimossi meccanicamente dall'operazione di scudding.

A queste operazioni seguono la decalcinazione e la macerazione con sali tampone, come il solfato d'ammonio o il cloruro d'ammonio, e l'azione degli enzimi proteolitici neutralizza l'elevata alcalinità delle pelli calcinate. Nel piclaggio le pelli vengono poste in un ambiente acido costituito da cloruro di sodio e acido solforico. L'acido è necessario perché i concianti al cromo non sono solubili in condizioni alcaline. Le pelli conciate al vegetale non hanno bisogno di essere messe in salamoia.

Molte delle operazioni di riviera vengono effettuate lavorando le pelli in soluzioni utilizzando grandi fosse, tini o bottali. Le soluzioni vengono convogliate o versate nei contenitori e successivamente svuotate attraverso tubi o in canali di drenaggio aperti nell'area di lavoro. I prodotti chimici possono essere aggiunti ai contenitori tramite tubi o manualmente dai lavoratori. Sono necessari una buona ventilazione e dispositivi di protezione individuale per prevenire l'esposizione respiratoria e cutanea.

Tanyard. Per la concia possono essere utilizzate varie sostanze, ma la distinzione principale è tra concia vegetale e concia al cromo. La concia al vegetale può essere effettuata sia in fossa che in bottali rotanti. La concia rapida, in cui vengono utilizzate elevate concentrazioni di tannini, viene effettuata in bottali rotanti. Il processo di concia al cromo più utilizzato è il un bagno metodo, in cui le pelli vengono macinate in una soluzione colloidale di solfato di cromo (III) fino a completa concia. UN due bagni In passato veniva utilizzato il processo di concia al cromo, ma questo processo comportava una potenziale esposizione ai sali di cromo esavalente e richiedeva una maggiore manipolazione manuale delle pelli. Il processo a due bagni è ormai considerato obsoleto ed è usato raramente.

Una volta conciata, la pelle viene ulteriormente lavorata per modellare e condizionare la pelle. La pelle viene rimossa dalla soluzione e l'acqua in eccesso viene rimossa mediante strizzatura. La pelle al cromo deve essere neutralizzata dopo essere stata conciata. La spaccatura è la divisione longitudinale della pelle bagnata o asciutta, troppo spessa, per articoli come tomaie e pelletteria. Le macchine a rullo con lame di taglio vengono utilizzate per ridurre ulteriormente la pelle allo spessore richiesto. Una grande quantità di polvere può essere rilasciata quando la pelle viene spaccata o rasata mentre è asciutta.

Riconcia, colorante e ingrasso. Dopo la concia, la maggior parte delle pelli, eccetto le suole, subiscono la colorazione (tintura). Generalmente, la colorazione viene eseguita in modalità batch; e le operazioni di riconcia, colorazione e ingrasso vengono eseguite tutte in sequenza nello stesso bottale con fasi intermedie di lavaggio e asciugatura. Vengono utilizzati tre tipi principali di coloranti: acido, basico e diretto. Vengono utilizzate miscele di coloranti per ottenere l'esatta tonalità desiderata, quindi la composizione non è sempre nota se non dal fornitore. Lo scopo dell'ingrasso è quello di lubrificare la pelle per conferirle forza e flessibilità. Vengono utilizzati oli, grassi naturali, i loro prodotti di trasformazione, oli minerali e diversi grassi sintetici.

Finitura. Dopo l'asciugatura, la pelle conciata al vegetale viene sottoposta ad operazioni meccaniche (fissaggio e rullatura) e alla lucidatura finale. Il processo di rifinizione della pelle al cromo comprende una serie di operazioni meccaniche e, normalmente, l'applicazione di uno strato coprente sulla superficie della pelle. La picchettatura è un'operazione di battitura meccanica utilizzata per rendere morbida la pelle. Per migliorare l'aspetto finale, il lato fiore della pelle viene smerigliato utilizzando un tamburo abrasivo. Questo processo genera un'enorme quantità di polvere.

Viene applicata una finitura superficiale finale, che può contenere solventi, plastificanti, leganti e pigmenti. Queste soluzioni vengono applicate mediante tamponi, flow coating o spruzzatura. Alcune concerie impiegano manodopera per applicare la finitura utilizzando tamponi, ma di solito questo viene eseguito da macchine. Nel rivestimento a flusso, la soluzione viene pompata in un serbatoio sopra il trasportatore che trasporta la pelle e vi scorre sopra. Nella maggior parte dei casi, le pelli verniciate o spruzzate non vengono asciugate in forni, ma su vassoi su scaffali. Questa pratica fornisce un'ampia superficie di evaporazione e contribuisce all'inquinamento atmosferico.

Pericoli e loro prevenzione

Rischi infettivi. Nelle prime fasi delle operazioni di riviera, potrebbe esserci qualche rischio di infezione dovuto alle zoonosi delle pelli grezze. L'antrace era un pericolo riconosciuto tra i lavoratori impegnati nella manipolazione di pelli e pelli, in particolare pelli secche e salate a secco. Questo rischio è stato praticamente eliminato nelle concerie grazie alla disinfezione delle pelli prima della spedizione alle strutture. Sulle pelli e sulla superficie dei liquori possono svilupparsi colonie di funghi.

Infortuni. Pavimenti scivolosi, bagnati e unti costituiscono un serio pericolo in tutte le parti di una conceria. Tutti i pavimenti devono essere di materiale impermeabile, avere una superficie piana ed essere ben drenati. Una buona manutenzione e pulizia sono essenziali. Il trasferimento meccanizzato di pelli e pelli da un'operazione all'altra e il corretto drenaggio dei liquori da tini e fusti contribuiranno a ridurre le fuoriuscite e i problemi ergonomici della movimentazione manuale. Fosse e vasche aperte devono essere recintate per evitare lesioni dovute ad annegamento e scottature.

Esistono molti pericoli legati alle parti operative delle macchine, ad esempio lesioni causate da tamburi in rotazione, rulli in movimento e coltelli. Dovrebbe essere fornita una protezione efficiente. Tutti i macchinari di trasmissione, cinghie, pulegge e ruote dentate devono essere protetti.

Diverse operazioni comportano il sollevamento manuale delle pelli e delle pelli, che rappresenta un rischio ergonomico. Il rumore associato al macchinario è un altro potenziale pericolo.

Polvere. La polvere viene prodotta in una varietà di operazioni di concia. Durante il caricamento dei bottali per la lavorazione delle pelli possono formarsi polveri chimiche. La polvere di cuoio viene prodotta durante le operazioni meccaniche. La lucidatura è la principale fonte di polvere. La polvere nelle concerie può essere impregnata di prodotti chimici, così come frammenti di capelli, muffe ed escrementi. È necessaria una ventilazione efficace per la rimozione della polvere.

Rischi chimici. La grande varietà di acidi, alcali, tannini, solventi, disinfettanti e altri prodotti chimici può essere irritante per le vie respiratorie e la pelle. Polveri di materiali concianti vegetali, calce e cuoio e nebbie e vapori chimici derivanti dalle varie lavorazioni possono essere responsabili di provocare bronchiti croniche. Diverse sostanze chimiche possono causare dermatiti da contatto. L'ulcerazione da cromo può verificarsi durante l'abbronzatura al cromo, specialmente sulle mani. Le esposizioni nelle operazioni di riviera sono principalmente a composti di zolfo come solfuri e solfati. Poiché si tratta di sostanze alcaline, esiste la possibilità di generare idrogeno solforato gassoso se queste sostanze vengono a contatto con acidi.

Potenziali agenti cancerogeni utilizzati nella concia e rifinizione delle pelli includono sali di cromo esavalente (in passato), anilina e coloranti azoici, tannini vegetali, solventi organici, formaldeide e clorofenoli. L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha valutato l'industria della concia delle pelli nei primi anni '1980 e ha concluso che non c'erano prove che suggerissero un'associazione tra la concia delle pelli e il cancro nasale (IARC 1981). Rapporti di casi e studi epidemiologici successivi alla valutazione IARC hanno indicato un aumento del rischio di cancro tra i lavoratori della concia e della rifinizione della pelle, inclusi cancro ai polmoni, cancro sinonasale e cancro al pancreas associati alla polvere di cuoio e alla concia (Mikoczy et al. 1996) e cancro alla vescica e cancro ai testicoli associato a coloranti o solventi nel processo di finissaggio (Stern et al. 1987). Nessuna di queste associazioni è chiaramente stabilita in questo momento.

 

Di ritorno

Martedì, 29 marzo 2011 19: 58

Industria della pelliccia

Adattato dall'articolo dell'autore apparso nella 3a edizione di questa Enciclopedia. Ringraziamenti a Gary Meisel e a Tom Cunningham della United Food and Commercial Workers Union per la revisione e l'adattamento di questo articolo

Mezzi rudimentali per conservare le pellicce sono stati usati fin dall'antichità e sono ancora praticati in molte parti del mondo. Tipicamente, dopo che la pelle è stata raschiata e pulita mediante lavaggio, la pelle viene impregnata di olio animale, che serve a preservarla e renderla più malleabile. La pelle può essere battuta o masticata dopo il trattamento con olio per effettuare una migliore impregnazione da parte dell'olio.

Nella moderna industria della pelliccia, le pelli vengono ottenute da allevatori di pellicce, cacciatori o cacciatori. A questo punto sono state private della carcassa, la carne ei depositi di grasso sono stati rimossi mediante raschiatura e le pelli sono state stirate e asciugate all'aria. L'industria della pelliccia classifica le pelli in base a fattori quali le condizioni generali della pelle, la lunghezza della pelliccia, l'arricciatura e il motivo. Le pelli passano attraverso una serie di fasi di trattamento, chiamate pellicce, per preservarle (vedi figura 1). Le pellicce possono anche essere tinte. L'apprettatura e la tintura delle pellicce vengono eseguite in lotti, con le pelli solitamente trasferite da un passaggio all'altro utilizzando carrelli a mano.

Figura 1. Diagramma di flusso della preparazione della pelliccia

LEA030F5

Condimento di pelliccia

In primo luogo, le pelli vengono smistate, timbrate con un segno identificativo e tagliate con coltelli e cesoie. Vengono quindi immersi in acqua salata in vasche o botti per diverse ore per ammorbidirli nuovamente (vedi figura 2). Le pale rotanti sono spesso utilizzate per aiutare questo ammollo. A volte l'acido formico, l'acido lattico o l'acido solforico vengono utilizzati nella fase di ammollo. L'acqua in eccesso viene quindi rimossa in tamburi rotanti.

Figura 2. Reparto di rinverdimento in uno stabilimento di lavorazione delle pellicce

 LEA030F1

Ufficio del cinema del Québec

Successivamente, la parte inferiore della pelle viene tirata su macchine per la scarnatura a coltelli rotondi affilati come rasoi da lavoratori noti come scarnatori (figura 3). Viene eseguita anche la tornitura a mano (rivoltando la pelle al rovescio) e la rifilatura con i coltelli. Questa operazione rimuove il tessuto connettivo lasso dalla parte inferiore della pelle. Lo scopo è quello di asportare, per quanto possibile, qualsiasi tessuto non coinvolto nell'attaccatura del pelo, ottenendo così il massimo grado di leggerezza e flessibilità della pelle.

Figura 3. Scarnatura a macchina di pelli di agnello

LEA030F2

Ufficio del cinema del Québec

Le pelli sono ora pronte per la concia e vengono immerse in una soluzione di allume in fosse o vasche. Come per l'ammollo, vengono utilizzate le palette. La soluzione di allume è solitamente leggermente acidificata con acido cloridrico o solforico. Il trattamento con allume può essere effettuato sia in una soluzione acquosa che in una soluzione oleosa. Il liquido in eccesso viene estratto e le pelli vengono essiccate in appositi essiccatoi per fissare il collagene della pelle.

Le pelli conciate vengono quindi trattate con una soluzione oleosa in una macchina per calci o un tipo simile di macchina per forzare l'olio nella pelle. Vengono quindi puliti in tamburi rotanti contenenti segatura, che assorbe l'umidità e l'olio in eccesso.

Le pelli contengono peli di guardia e fibre di pelliccia più morbide. I peli di guardia sono più rigidi e più lunghi delle fibre di pelliccia e, a seconda del tipo di pelliccia e del prodotto finale desiderato, questi peli possono essere rimossi parzialmente o totalmente a macchina o mediante spiumatura a mano. Alcune pelli richiedono anche la tosatura o la rifinitura con coltelli (vedi figura 4).

Figura 4. Operazione di tosatura su pelli di castoro canadese

LEA030F3

Ufficio del cinema del Québec

Altri passaggi possono includere la rasatura o la “rifilatura” con scarnatrici a lama tonda, la lucidatura con macchine lucidatrici, l'asciugatura e la finitura. Quest'ultimo può includere lo sgrassaggio, l'allungamento, la pulizia, la lucidatura, la spazzolatura e la lucentezza con lacche e resine.

Tintura

Sebbene un tempo la tintura delle pellicce non fosse vista con favore, ora è una parte accettata della preparazione delle pellicce ed è ampiamente praticata. Questo può essere fatto contemporaneamente all'abbronzatura o in una fase successiva. La procedura usuale prevede il trattamento delle pellicce con una soluzione alcalina debole (ad esempio, carbonato di sodio) per rimuovere sporco e residui di olio. Le pellicce vengono quindi immerse in una soluzione mordente (ad esempio, solfato ferrico), dopodiché vengono immerse in una soluzione colorante fino ad ottenere il colore desiderato. Vengono quindi ripetutamente risciacquate ed essiccate in tamburo con l'ausilio di segatura.

Molte altre sostanze chimiche possono essere utilizzate nella tintura, tra cui ammoniaca, cloruro di ammonio, formaldeide, perossido di idrogeno, acetato o nitrato di piombo, acido ossalico, perborato di sodio,
p-coloranti fenilendiamminici, coloranti benzidinici e così via.

Produzione di capi in pelliccia

Prima di essere trasformate in indumenti, le pelli possono essere tagliate e "lasciate uscire". Ciò comporta la realizzazione di una serie di fessure diagonali oa forma di V ravvicinate nella pelle, dopodiché la pelle viene tirata per allungarla o allargarla secondo necessità. La pelle viene quindi ricucita (vedi figura 5). Questo tipo di operazione richiede grande abilità ed esperienza. Le pelli vengono quindi inumidite a fondo e quindi disposte e fissate su una tavola secondo uno schema tracciato con il gesso, lasciate asciugare e cucite insieme. Infine, la foderatura e le altre fasi di rifinitura completano il capo.

Figura 5. Operatori impegnati nella cucitura a macchina delle pelli

LEA030F4

Ufficio del cinema del Québec

Pericoli e loro prevenzione

incidenti

Alcune delle macchine utilizzate nella lavorazione delle pellicce presentano seri pericoli se non viene mantenuta un'adeguata protezione: in particolare, tutti i fusti devono essere protetti con un cancello ad incastro e le centrifughe utilizzate per l'estrazione dell'umidità devono essere dotate di coperchi ad incastro; le macchine per la tosatura e il taglio di pellicce devono essere completamente chiuse ad eccezione delle aperture di alimentazione e scarico.

I tini devono essere coperti o efficacemente recintati per evitare l'immersione accidentale. Le cadute su pavimenti bagnati e scivolosi possono essere ampiamente prevenute mantenendo superfici sane, impermeabili, ben drenate e pulite frequentemente. Le vasche di tintura devono essere circondate da canali di drenaggio. Gli incidenti causati da utensili manuali possono essere ridotti se i manici sono ben progettati e gli utensili ben mantenuti. Nel settore della produzione di pellicce, le macchine per cucire richiedono una protezione simile a quelle utilizzate nel commercio dell'abbigliamento (ad esempio, protezione dei meccanismi di azionamento e degli aghi).

Rischi per la salute

L'utilizzo da parte dell'industria delle pellicce di una percentuale così elevata di pelli di animali allevati in cattività ha notevolmente ridotto la probabilità di trasmissione di malattie animali ai lavoratori delle pellicce. Tuttavia, l'antrace può verificarsi nei lavoratori che maneggiano carcasse, pelli, pelli o peli di animali infetti; un vaccino può essere somministrato a tutti coloro che potrebbero avere contatti. Tutti gli interessati devono essere consapevoli del rischio e addestrati a segnalare immediatamente qualsiasi sintomo sospetto.

Vari prodotti chimici utilizzati nell'industria della pelliccia sono potenziali irritanti per la pelle. Questi includono alcali, acidi, allume, cromati, agenti sbiancanti, oli, sale e i composti coinvolti nel processo di tintura, che comprendono vari tipi di coloranti e mordenti.

Il disimballaggio delle balle che sono state trattate con polvere da spolvero nei paesi di origine, la bottalatura, la spiumatura, la depilazione e la tosatura possono produrre polvere irritante. Nelle tintorie e nelle tintorie, dove vengono pesati e cotti sali di piombo, rame e cromo (ed eventualmente coloranti cancerogeni), esiste anche il rischio di ingestione di polveri tossiche. Vapori nocivi possono derivare da solventi sgrassanti e sostanze chimiche fumiganti. Esiste anche la possibilità di sviluppare una sensibilizzazione da contatto (allergia) ad alcune di queste sostanze chimiche o alla polvere di uno o più tipi di pellicce maneggiate.

La principale protezione contro i pericoli di polvere e vapori è la fornitura di una ventilazione di scarico locale; durante tutto il processo è necessaria anche una buona ventilazione generale. Una buona pulizia è importante per rimuovere la polvere. I dispositivi di protezione respiratoria personale possono essere necessari per lavori di breve durata o in aggiunta all'aspirazione locale in operazioni particolarmente polverose. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata ai potenziali pericoli in spazi confinati nelle fosse e nei tini utilizzati per l'ammollo/lavaggio, la concia e la tintura.

Indumenti protettivi adeguati al processo sono necessari nella maggior parte delle fasi della lavorazione della pelliccia. Protezione delle mani in gomma, protezione dei piedi e delle gambe e grembiuli sono necessari per i processi a umido (ad esempio, nelle vasche di tintura e mordente) e come protezione contro acidi, alcali e sostanze chimiche corrosive. Dovrebbero essere forniti buoni servizi igienici e di lavaggio, comprese le docce. Candeggina e saponi fortemente alcalini non devono essere utilizzati per la pulizia delle mani.

Problemi ergonomici possono derivare dal sollevamento e spostamento manuale di materiali, in particolare dalla spinta di carrelli a mano, e dal carico e scarico manuale di pellicce (in particolare se bagnate). L'automazione di questi processi può aiutare a risolvere questi problemi. Anche i movimenti ripetitivi nella produzione di capi in pelliccia sono fonte di problemi ergonomici.

Le malattie da stress da calore possono verificarsi durante il lavoro nell'essiccatoio. Le misure preventive includono un'adeguata evacuazione dell'aria calda e la fornitura di aria fresca, la limitazione del tempo di esposizione, l'acqua potabile facilmente accessibile e la formazione nel riconoscimento dei sintomi di stress da calore e nelle misure di primo soccorso.

Il rumore può essere un problema con molte delle macchine utilizzate, specialmente nei bottali e nelle macchine pettinatrici, cesoie e lustratrici.

La visita medica pre-collocamento può aiutare nella prevenzione della dermatite mediante un corretto collocamento dei dipendenti con una storia di sensibilità. È auspicabile la supervisione medica; sono essenziali disposizioni di pronto soccorso ben mantenute e affidate a personale addestrato. La massima attenzione all'igiene, alla ventilazione e alla temperatura è necessaria nei numerosi piccoli laboratori in cui viene eseguita gran parte della confezione di capi in pelliccia.

 

Di ritorno

Martedì, 29 marzo 2011 20: 04

Industria calzaturiera

Adattato da P. Portich dall'articolo della 3a edizione di questa Enciclopedia di FL Conradi.

Il termine calzature copre una vasta gamma di prodotti realizzati con molti materiali diversi. Stivali, scarpe, sandali, ciabatte, zoccoli e così via sono realizzati interamente o in parte in pelle, gomma, materiali sintetici e plastici, tela, corda e legno. Questo articolo si occupa dell'industria calzaturiera come generalmente intesa (cioè basata su metodi di produzione tradizionali). La fabbricazione di stivali di gomma (o dei loro equivalenti sintetici) è essenzialmente una sezione dell'industria della gomma, trattata nel capitolo Industria della gomma.

Scarpe, stivali e sandali in pelle, feltro e altri materiali sono stati realizzati a mano nel corso dei secoli. Le scarpe pregiate sono ancora realizzate interamente o in parte a mano, ma in tutti i paesi industrializzati esistono ormai grandi stabilimenti di produzione in serie. Anche così, alcuni lavori possono ancora essere assegnati per essere svolti come compiti a casa. Il lavoro minorile continua ad essere uno dei problemi più gravi nel settore calzaturiero, sebbene diversi paesi abbiano intrapreso azioni contro il lavoro minorile con l'aiuto di vari programmi internazionali in questo settore.

Le fabbriche di stivali e calzature di solito si trovano vicino alle aree di produzione della pelle (cioè vicino ai paesi di allevamento del bestiame); dove c'era un'abbondante fornitura di feltri dal commercio tessile, e nella maggior parte dei paesi l'industria tende a localizzarsi nei suoi centri originari, si sviluppò una certa produzione di pantofole e scarpe leggere. Pelli di diverso tipo e qualità, e alcune pelli di rettile, costituivano i materiali originari, con una pelle di qualità più dura per le suole. Negli ultimi anni la pelle è stata sempre più soppiantata da altri materiali, in particolare gomma e plastica. Le fodere possono essere realizzate in tessuto di lana o poliammide (nylon) o pelle di pecora; i lacci sono in crine di cavallo o in fibre sintetiche; carta, cartone e materiali termoplastici vengono utilizzati per l'irrigidimento. Nella rifinizione vengono utilizzate cere naturali e colorate, coloranti all'anilina e coloranti.

Fattori economici e di altra natura hanno trasformato l'industria calzaturiera negli ultimi anni. La produzione di scarpe da tennis è uno dei principali settori in crescita del settore ed è passata dalla produzione prevalentemente in un paese alla produzione mondiale, in particolare nei paesi in via di sviluppo in Asia e Sud America, al fine di aumentare la produzione e ridurre i costi. Questa migrazione della produzione verso i paesi in via di sviluppo si è verificata anche in altri settori dell'industria calzaturiera.

Processi

Ci possono essere più di cento operazioni nella realizzazione di una scarpa, e qui è possibile solo un breve riassunto. La meccanizzazione è stata applicata in tutte le fasi, ma il modello del processo manuale è stato seguito da vicino. L'introduzione di nuovi materiali ha modificato il processo senza modificarne le linee generali.

Nella realizzazione delle tomaie (parte superiore delle scarpe), la pelle o altro materiale viene cernita e preparata, e le tomaie vengono poi ritagliate su presse cucitrici (o punzonatrici) mediante utensili sagomati a coltello sciolto. Le parti, comprese le fodere, vengono poi “chiuse” (cioè cucite o incollate insieme). Si possono eseguire anche perforazioni, occhiellature e asole.

Per la realizzazione del fondo, delle suole, dei sottopiedi, dei tacchi e dei guardoli, i pezzi vengono tagliati in presse girevoli con taglierine a coltelli sciolti, o in presse per suole; i tacchi sono realizzati per compressione di listelli di cuoio o di legno. Il calcio è rifilato, sagomato, sgrassato e timbrato.

Il calcio superiore e quello inferiore vengono assemblati e poi cuciti, incollati, inchiodati o avvitati insieme. Queste operazioni sono seguite dalla sagomatura e dal livellamento tra i rulli. La finitura finale della scarpa comprende ceratura, colorazione, spruzzatura, lucidatura e confezionamento.

Tra le materie prime utilizzate nel processo produttivo, le più importanti dal punto di vista dei rischi professionali sono gli adesivi. Questi includono adesivi naturali solidi e liquidi e soluzioni adesive a base di solventi organici.

Pericoli e loro prevenzione

L'uso intensivo di liquidi infiammabili costituisce un notevole rischio di incendio e l'uso diffuso di presse e macchine assemblatrici ha introdotto in questo settore un aumento del rischio di incidenti meccanici. I principali rischi per la salute sono solventi tossici, elevate concentrazioni di polvere atmosferica, rischi ergonomici e rumore delle macchine.

Fuoco

I solventi e gli spray utilizzati negli adesivi e nei materiali di finitura possono essere altamente infiammabili. Le precauzioni includono:

  • utilizzando i solventi con punto di infiammabilità più basso possibile
  • utilizzando una buona ventilazione generale e una ventilazione di scarico locale nelle cabine di verniciatura e nelle rastrelliere di essiccazione per ridurre la concentrazione di vapori infiammabili
  • rimuovere residui combustibili da armadi e banchi di lavoro e predisporre contenitori chiusi per rifiuti contenenti solventi e oleosi
  • mantenere uscite e passerelle libere
  • ridurre al minimo la quantità di liquidi infiammabili immagazzinati; tenerli in contenitori, armadi e magazzini approvati
  • assicurando che tutte le apparecchiature elettriche e il cablaggio in prossimità di solventi infiammabili soddisfino i codici elettrici appropriati
  • mettere a terra adeguatamente lucidatrici e altre fonti di elettricità statica.

 

incidenti

Molte delle parti operative delle macchine presentano seri pericoli, in particolare presse, stampatrici, rulli e coltelli. Le taglierine a coltelli sciolti nelle presse di cucitura e rotanti possono causare gravi lesioni. Le precauzioni appropriate comprendono in minima parte i comandi a due mani (può essere preferibile un dispositivo a fotocellula per il taglio automatico della potenza), la riduzione della frequenza della corsa a un livello di sicurezza in relazione alle dimensioni della taglierina e l'uso di strumenti ben progettati , coltelli stabili di altezza adeguata, con flange munite forse di maniglie. La suola e le presse del tallone devono essere protette per impedire l'accesso delle mani. Le timbratrici possono causare ustioni e lesioni da schiacciamento a meno che l'accesso delle mani non sia impedito da protezioni. I nippli dei rulli e dei coltelli delle macchine fresatrici e sagomatrici devono essere dotati di idonea protezione del macchinario. Vanno inoltre custodite le mole di sfumatura e lucidatura delle macchine finitrici e i mandrini su cui sono montate. Ci dovrebbe essere un efficace programma di lockout/tagout per i lavori di riparazione e manutenzione.

Rischi per la salute

I solventi organici possono causare effetti acuti e cronici sul sistema nervoso centrale. Il benzene, precedentemente utilizzato negli adesivi e nei solventi, è stato sostituito da toluene, xilene, esano, metiletilchetone (MEK) e metilbutilchetone (MBK). Tutti e due n-esano e MBK possono causare neuropatia periferica e devono essere sostituiti da eptano o altri solventi.

In alcune fabbriche sono comparsi focolai di una malattia conosciuta popolarmente come “paralisi dei calzolai”, che presenta un quadro clinico di una forma più o meno grave di paralisi. Questa paralisi è di tipo flaccido, è localizzata agli arti (pelvici o toracici) e dà luogo ad atrofia osteo-tendinea con areflessia e nessuna alterazione della sensibilità superficiale o profonda. Clinicamente, è una sindrome derivante da inibizione funzionale o lesione dei motoneuroni inferiori del sistema motorio volontario (tratto piramidale). L'esito comune è la regressione neurologica con un ampio recupero funzionale prossimale-distale.

Dovrebbe essere fornita una buona ventilazione generale e ventilazione di scarico nel punto di origine dei vapori per mantenere le concentrazioni ben al di sotto dei livelli massimi consentiti. Se questi livelli vengono rispettati, anche il rischio di incendio sarà ridotto. Altre precauzioni importanti sono la riduzione al minimo della quantità di solvente utilizzato, la chiusura delle apparecchiature che utilizzano solventi e la chiusura dei contenitori dei solventi.

Le macchine di finitura producono polvere, che dovrebbe essere rimossa dall'atmosfera mediante ventilazione di scarico. Alcuni smalti, macchie, colori e colle policloropreniche possono comportare un rischio di dermatite. Dovrebbero essere mantenute buone strutture per lavarsi e servizi igienici e incoraggiare l'igiene personale.

L'aumento dell'uso intensivo di macchine e attrezzature crea un notevole rischio di rumore, che richiede il controllo della fonte del rumore o altre misure preventive per prevenire la perdita dell'udito. Ci dovrebbe essere anche un programma di conservazione dell'udito.

Il lavoro prolungato su macchine chiodatrici che producono alti livelli di vibrazione può produrre “mano morta” (fenomeno di Raynaud). Si consiglia di limitare il tempo trascorso presso queste macchine.

La lombalgia e le lesioni da sforzo ripetuto sono due malattie muscoloscheletriche che rappresentano i principali problemi nel settore calzaturiero. Le soluzioni ergonomiche sono essenziali per la prevenzione di questi problemi. Il pre-inserimento e le visite mediche periodiche legate ai rischi sul posto di lavoro sono un fattore efficace per la tutela della salute dei lavoratori.

Rischi per l'ambiente e la salute pubblica

L'Earth Summit 1992, tenutosi a Rio de Janeiro, ha affrontato questioni ambientali e le sue proposte per azioni future, note come Agenda 21, potrebbero trasformare l'industria calzaturiera con la sua enfasi sul riciclaggio. In generale, tuttavia, la maggior parte dei materiali di scarto viene smaltita in discarica. Senza adeguate precauzioni, ciò può provocare la contaminazione del suolo e delle acque sotterranee.

Sebbene il lavoro a domicilio abbia vantaggi sociali nel ridurre la disoccupazione e nella formazione di cooperative, i problemi per garantire adeguate precauzioni e condizioni di lavoro in casa sono enormi. Inoltre, altri membri della famiglia possono essere a rischio se non sono già coinvolti nel lavoro. Come discusso in precedenza, il lavoro minorile rimane un problema serio.

 

Di ritorno

Martedì, 29 marzo 2011 20: 05

Effetti sulla salute e modelli di malattia

Abbronzatura in pelle

Il principale gruppo di classificazione industriale standard internazionale (ISIC) per la lavorazione della pelle e delle pellicce è 323. Negli Stati Uniti, il gruppo di classificazione industriale standard (SIC) per l'industria della pelle e dei prodotti in pelle è SIC 311 (OMB 1987). Questo gruppo comprende gli stabilimenti che si occupano di concia, strigliatura e rifinitura del cuoio e delle pelli, nonché gli stabilimenti che producono cuoio finito e prodotti in cuoio artificiale e alcuni prodotti simili fatti di altri materiali. Anche i convertitori di pelle, le cinture e le pelli scamosciate sono inclusi nel SIC 311. Inoltre, parti del SIC 23 (vale a dire, SIC 2371 e 2386) comprendono stabilimenti coinvolti nella fabbricazione di cappotti, indumenti, accessori e passamanerie in pelliccia e stabilimenti coinvolti nella abbigliamento foderato di pecora.

Esistono molte varietà di pelle con caratteristiche diverse a seconda della specie animale e della specifica parte del corpo dell'animale da cui si ottiene la pelle. Le pelli sono realizzate con pelli di bovino o di cavallo; pelle fantasia dalla pelle del vitello, maiale, capra, pecora e così via; e pelle di rettile di coccodrillo, lucertola, camaleonte e così via.

L'occupazione nell'industria della pelle e dei prodotti in pelle è stata associata a varie malattie causate da agenti biologici, tossicologici e cancerogeni. La malattia specifica associata all'esposizione nell'industria della pelle dipende dalla misura in cui il lavoratore è esposto all'agente o agli agenti, che dipende dall'occupazione e dall'area di lavoro all'interno dell'industria.

Per il processo di concia, l'epidermide della pelle viene prima rimossa e solo il derma trasformato in pelle. Durante questo processo, l'infezione è un pericolo costante, poiché la pelle funge da mezzo per numerosi microrganismi. In particolare, possono svilupparsi colonie di funghi Aspergillus niger o Penicillus glaucum (Martignone 1964). Per evitare lo sviluppo di funghi sono stati ampiamente utilizzati i fenoli clorurati, in particolare il pentaclorofenolo; sfortunatamente, tali sostanze chimiche sono risultate tossiche per il lavoratore. Lieviti di tre generi (Rhodotorula, Cladosporium o Torulopsis) sono stati trovati anche (Kallenberger 1978). Tetano, carbonchio, leptospirosi, afta epizootica, febbre Q e brucellosi sono esempi di malattie che i lavoratori potrebbero contrarre durante il processo di concia a causa di pelli infette (Valsecchi e Fiorio 1978).

Disturbi della pelle come l'eczema e la dermatite da contatto (allergica) sono stati diagnosticati anche tra i conciatori di pelli esposti a conservanti applicati alle pelli (Abrams e Warr 1951). Il processo di concia e rifinizione della pelle ha dimostrato di avere la più alta incidenza di dermatosi di qualsiasi gruppo di lavoro negli Stati Uniti (Stevens 1979). Irritazioni delle mucose della gola e del naso e perforazioni del setto nasale possono verificarsi anche dopo l'inalazione dei fumi di acido cromico liberati durante il processo di concia al cromo.

I lavoratori delle concerie possono essere esposti a numerosi agenti cancerogeni professionali noti o sospetti, tra cui sali di cromo esavalente, coloranti azoici a base di benzidina, solventi organici (p. . Queste esposizioni possono provocare lo sviluppo di vari tumori sito-specifici. Un eccesso di cancro al polmone è stato osservato in studi condotti in Italia (Seniori, Merler e Saracci 1990; Bonassi et al. 1990) e in uno studio caso-controllo condotto negli Stati Uniti (Garabrant e Wegman 1984), ma questo il risultato non è sempre supportato da altri studi (Mikoczy, Schutz e Hagmar 1994; Stern et al. 1987; Pippard e Acheson 1985). Il cromo e gli arsenicali sono stati menzionati come possibili contributori all'eccesso di cancro ai polmoni. Un aumento significativo del rischio di sarcoma dei tessuti molli è stato osservato in almeno due distinti studi di conceria, uno in Italia e uno nel Regno Unito; i ricercatori di entrambi gli studi suggeriscono che i clorofenoli usati nelle concerie potrebbero aver prodotto queste neoplasie (Seniori et al. 1989; Mikoczy, Schutz e Hagmar 1994).

In uno studio caso-controllo svedese (Erdling et al. 1986) è stato osservato un triplice eccesso statisticamente significativo nella mortalità per cancro al pancreas; un aumento del 50% del cancro al pancreas è stato notato anche in un altro studio su tre concerie svedesi (Mikoczy, Schutz e Hagmar 1994) e in uno studio su una conceria italiana (Seniori et al. 1989). Nonostante l'eccesso di rischio di cancro al pancreas, non è stato identificato alcun agente ambientale specifico e i fattori dietetici sono stati considerati una possibilità. Un eccesso di rischio di cancro ai testicoli è stato osservato tra i conciatori del reparto rifinizione di una conceria; tutti e tre i lavoratori con cancro ai testicoli avevano lavorato durante lo stesso periodo di tempo ed erano stati esposti a dimetilformamide (Levin et al. 1987; Calvert et al. 1990). In uno studio caso-controllo in Italia è stato osservato un eccesso di rischio di cancro sinonasale tra i lavoratori delle concerie; cromo, polvere di cuoio e tannini sono stati indicati come possibili agenti eziologici (Comba et al. 1992; Battista et al. 1995). Tuttavia, la ricerca IARC nei primi anni '1980 non ha trovato alcuna prova di un'associazione tra la concia della pelle e il cancro nasale (IARC 1981). I risultati di uno studio sull'industria conciaria cinese hanno mostrato un eccesso di morbilità da cancro alla vescica statisticamente significativo tra i conciatori mai esposti a coloranti a base di benzidina, che aumentava con la durata dell'esposizione (Chen 1990).

Gli infortuni sono anche una delle principali cause di disabilità nei lavoratori delle concerie. Scivolate e cadute su pavimenti bagnati e unti sono comuni, così come i tagli di coltello dovuti alla rifilatura delle pelli. Inoltre le macchine utilizzate per la lavorazione delle pelli sono in grado di frantumare e infliggere contusioni, abrasioni e amputazioni. Ad esempio, i dati del Bureau of Labor Statistics (BLS) degli Stati Uniti per il 1994 hanno mostrato un tasso di incidenza nel SIC 311 per infortuni e malattie combinato di 19.1 per 100 lavoratori a tempo pieno e un tasso di incidenza per i soli infortuni di 16.4. Questi risultati sono superiori di oltre il 50% rispetto all'incidenza di tutte le attività manifatturiere per malattie e infortuni combinati, 12.2 per 100 lavoratori a tempo pieno, e all'incidenza di 10.4 per i soli infortuni (BLS 1995).

Calzature

La manipolazione e la lavorazione della pelle nella produzione di scarpe e stivali può comportare l'esposizione ad alcune delle stesse sostanze chimiche utilizzate nei processi di concia e rifinizione sopra citati, dando origine a malattie simili. Inoltre, le diverse sostanze chimiche utilizzate possono produrre anche altre malattie. Destano particolare preoccupazione le esposizioni ai solventi tossici utilizzati negli adesivi e nei detergenti e alle polveri di cuoio disperse nell'aria. Un solvente di particolare interesse è il benzene, che può produrre trombocitopenia; abbassamento della conta dei globuli rossi, delle piastrine e dei globuli bianchi; e pancitopenia. Il benzene è stato in gran parte eliminato dall'industria calzaturiera. La neuropatia periferica è stata riscontrata anche tra i lavoratori delle fabbriche di calzature a causa di n-esano negli adesivi. Anche questo è stato largamente sostituito da solventi meno tossici. Sono stati segnalati anche cambiamenti elettroencefalografici, danni al fegato e alterazioni comportamentali in relazione all'esposizione a solventi nei calzolai.

Il benzene è stato giudicato cancerogeno per l'uomo (IARC 1982) e vari ricercatori hanno osservato un eccesso di leucemie tra i lavoratori esposti al benzene nell'industria calzaturiera. Uno studio ha incluso il più grande impianto di produzione di scarpe a Firenze, in Italia, composto da oltre 2,000 dipendenti. I risultati dello studio hanno rivelato un eccesso di rischio quadruplicato di leucemia e il benzene è stato citato come l'esposizione più probabile (Paci et al. 1989). Un follow-up di questo studio ha mostrato un rischio di oltre cinque volte per quei lavoratori delle calzature impiegati in lavori in cui l'esposizione al benzene era sostanziale (Fu et al. 1996). Uno studio nel Regno Unito che ha esaminato la mortalità tra gli uomini impiegati nella produzione di scarpe ha riscontrato un elevato rischio di leucemia tra i lavoratori che maneggiano colle e solventi che contenevano benzene (Pippard e Acheson 1985). Vari studi sui lavoratori dell'industria calzaturiera a Istanbul, in Turchia, hanno riportato un eccesso di rischio di leucemia dovuto all'esposizione al benzene. Quando il benzene fu successivamente sostituito dalla benzina, il numero assoluto di casi e il rischio di leucemia diminuì considerevolmente (Aksoy, Erdem e DinCol 1974; 1976; Aksoy e Erdem 1978).

Vari tipi di cancro nasale (adenocarcinoma, carcinoma a cellule squamose e carcinoma a cellule transizionali) sono stati associati all'occupazione nella produzione e riparazione di scarpe. Rischi relativi superiori a dieci volte sono stati riportati da studi in Italia e nel Regno Unito (Fu et al. 1996; Comba et al. 1992; Merler et al. 1986; Pippard e Acheson 1985; Acheson 1972, 1976; Cecchi et al. 1980) ma non negli Stati Uniti (DeCoufle e Walrath 1987; Walker et al. 1993). Gli elevati rischi di cancro nasale sono stati quasi interamente imputati ai dipendenti esposti “pesantemente” alla polvere di cuoio nelle sale di preparazione e finissaggio. Il meccanismo attraverso il quale l'esposizione alla polvere di cuoio può aumentare il rischio di cancro nasale non è noto.

Eccesso di tumori del tratto digestivo e urinario, come vescica (Malker et al. 1984; Morrison et al. 1985), rene (Walker et al. 1993; Malker et al. 1984), stomaco (Walrath, DeCoufle e Thomas 1987) e rettale (DeCoufle e Walrath 1983; Walrath, DeCoufle e Thomas 1987), sono stati trovati in altri studi sui lavoratori delle calzature, ma non sono stati riportati in modo coerente e non sono stati collegati a particolari esposizioni nell'industria.

I rischi ergonomici che causano disturbi muscoloscheletrici legati al lavoro (WRMD) sono i principali problemi dell'industria calzaturiera. Questi rischi sono dovuti alle attrezzature specializzate utilizzate e al lavoro pratico che richiede movimenti ripetitivi, sforzi energici e posture scomode del corpo. I dati BLS mostrano che le calzature da uomo sono uno dei “settori con i più alti tassi di malattie non fatali associate a traumi ripetuti” (BLS 1995). Il tasso di incidenza per il totale dell'industria calzaturiera per malattie e infortuni combinati è risultato pari a 11.9 per 100 lavoratori, con 8.6 come tasso di incidenza per i soli infortuni. Questi tassi sono leggermente inferiori ai tassi di incidenza per tutta la produzione. I WRMD nell'industria calzaturiera includono condizioni come tendinite, sinovite, tenosinovite, borsite, cisti gangliari, stiramenti, sindrome del tunnel carpale, lombalgia e lesioni del rachide cervicale.

Lavoratori di pellicce

La lavorazione delle pellicce coinvolge le attività di tre categorie di lavoratori. Pellicceria carne e pelli abbronzate; i tintori di pellicce poi colorano o tingono le pelli con tinture naturali o sintetiche; e infine i lavoratori del servizio di pellicce classificano, abbinano e imballano pellicce vestite. Vestitori e tintori sono esposti a potenziali agenti cancerogeni tra cui tannini, coloranti ossidanti, cromo e formaldeide, mentre gli addetti ai servizi di pellicceria sono potenzialmente esposti a materiali concianti residui durante la manipolazione di pellicce precedentemente trattate. Sono stati condotti pochissimi studi epidemiologici sui lavoratori delle pellicce. L'unico studio completo tra questi lavoratori ha rivelato rischi statisticamente elevati di cancro al colon-retto e al fegato tra i tintori, cancro ai polmoni tra i camerieri e malattie cardiovascolari tra i lavoratori dei servizi rispetto ai tassi complessivi negli Stati Uniti (Sweeney, Walrath e Waxweiler 1985 ).

 

Di ritorno

Il trattamento e la lavorazione delle pelli e dei pellami animali può essere fonte di notevole impatto ambientale. Le acque reflue scaricate contengono inquinanti delle pelli, prodotti della loro decomposizione e sostanze chimiche e varie soluzioni esaurite utilizzate per la preparazione delle pelli e durante il processo di concia. Possono inoltre formarsi rifiuti solidi e alcune emissioni in atmosfera.

La principale preoccupazione pubblica per le concerie è stata tradizionalmente quella degli odori e dell'inquinamento delle acque dovuto agli scarichi non trattati. Altri problemi sono sorti più recentemente dal crescente utilizzo di prodotti chimici di sintesi come pesticidi, solventi, coloranti, agenti di finitura e nuovi prodotti chimici di lavorazione che introducono problemi di tossicità e persistenza.

Semplici misure intese a controllare l'inquinamento possono esse stesse creare impatti ambientali secondari trasversali come l'inquinamento delle acque sotterranee, la contaminazione del suolo, lo scarico di fanghi e l'avvelenamento da sostanze chimiche.

La tecnologia conciaria oggi disponibile, basata su un minor consumo di prodotti chimici e di acqua, ha un minore impatto sull'ambiente rispetto ai processi tradizionali. Tuttavia, rimangono molti ostacoli alla sua ampia applicazione.

La Figura 1 presenta i diversi rifiuti e gli impatti ambientali associati ai vari processi utilizzati nell'industria conciaria.

Figura 1. Impatti ambientali e attività della conceria

 LEA060F1

Controllo dell'inquinamento

Controllo dell'inquinamento idrico

I rifiuti di conceria non trattati nelle acque superficiali possono provocare un rapido deterioramento delle loro proprietà fisiche, chimiche e biologiche. Semplici processi di trattamento degli effluenti a fine tubo possono rimuovere oltre il 50% dei solidi sospesi e la domanda biochimica di ossigeno (BOD) degli effluenti. Misure più sofisticate sono capaci di livelli di trattamento più elevati.

Poiché gli effluenti della conceria contengono diversi costituenti chimici che devono essere trattati, è necessario utilizzare a loro volta una sequenza di processi di trattamento. La segregazione del flusso è utile per consentire il trattamento separato dei flussi di rifiuti concentrati.

La tabella 1 riassume le scelte tecnologiche disponibili per il trattamento degli effluenti di conceria.


Tabella 1. Scelte tecnologiche per il trattamento degli effluenti di conceria

Decantazione pre-trattamento

Vagliatura meccanica per rimuovere materiale grossolano

Equalizzazione del flusso (bilanciamento)

Trattamento primario

Rimozione del solfuro dagli effluenti della riviera

Rimozione del cromo dagli effluenti di concia

Trattamento fisico-chimico per la rimozione e neutralizzazione del BOD

Trattamento secondario

Trattamento biologico

Fango attivo (fosso di ossidazione)

Fango attivo (convenzionale)

Lagooning (aerato, facoltativo o anaerobico)

Trattamento terziario

Nitrificazione e denitrificazione

Sedimentazione e movimentazione fanghi

Diverse forme e dimensioni di vasche e bacini


Controllo dell'inquinamento atmosferico

Le emissioni atmosferiche si dividono in tre grandi gruppi: odori, vapori di solventi dalle operazioni di finitura ed emissioni di gas dall'incenerimento dei rifiuti.

La decomposizione biologica della materia organica e le emissioni di solfuro e ammoniaca dalle acque reflue sono responsabili dei caratteristici odori sgradevoli derivanti dalle concerie. L'ubicazione delle installazioni è stata un problema a causa degli odori che sono stati storicamente associati alle concerie. La riduzione di questi odori è più una questione di manutenzione operativa che di tecnologia.

Il solvente e altri vapori delle operazioni di finitura variano a seconda del tipo di sostanze chimiche utilizzate e dei metodi tecnici impiegati per ridurne la generazione e il rilascio. Fino al 30% del solvente utilizzato può essere sprecato attraverso le emissioni, mentre sono disponibili processi moderni per ridurlo a circa il 3% in molti casi.

La pratica da parte di molte concerie di incenerire rifiuti solidi e scarti aumenta l'importanza di adottare una buona progettazione dell'inceneritore e seguire attente pratiche operative.

Gestione dei rifiuti

Il trattamento dei fanghi costituisce il principale problema di smaltimento, a parte gli effluenti. I fanghi di composizione organica, se esenti da cromo o solfuri, hanno valenza come ammendante oltre che un piccolo effetto fertilizzante dei composti azotati in essi contenuti. Questi vantaggi si realizzano al meglio arando subito dopo l'applicazione. L'uso agricolo di suoli contenenti cromo è stato oggetto di controversia in varie giurisdizioni, dove le linee guida hanno determinato applicazioni accettabili.

Esistono vari mercati per la conversione di rifilature e scarni in sottoprodotti utilizzati per una varietà di scopi, inclusa la produzione di gelatina, colla, cartone di cuoio, grasso di sego e proteine ​​per l'alimentazione animale. Gli effluenti di processo, soggetti a un adeguato trattamento e controllo di qualità, sono talvolta utilizzati per l'irrigazione dove l'acqua scarseggia e/o lo smaltimento degli effluenti è severamente limitato.

Per evitare problemi di formazione di percolato e odore, nelle discariche devono essere smaltiti solo solidi e fanghi disidratati. È necessario prestare attenzione per garantire che i rifiuti di conceria non reagiscano con altri residui industriali, come i rifiuti acidi, che possono reagire per creare gas di idrogeno solforato tossico. L'incenerimento in condizioni non controllate può portare a emissioni inaccettabili e non è raccomandato.

Prevenzione dell'inquinamento

IMigliorare le tecnologie di produzione per aumentare le prestazioni ambientali può raggiungere una serie di obiettivi, quali:

  • aumentare l'efficienza dell'utilizzo chimico
  • ridurre il consumo di acqua o di energia
  • recuperare o riciclare materiali di scarto.

 

Il consumo di acqua può variare notevolmente, passando da meno di 25 l/kg di pelle grezza a più di 80 l/kg. L'efficienza dell'uso dell'acqua può essere migliorata attraverso l'applicazione di tecniche come un maggiore controllo del volume delle acque di lavorazione, lavaggi "batch" rispetto ad "acqua corrente", modifiche a basso galleggiante delle apparecchiature esistenti; tecniche a basso galleggiamento che utilizzano attrezzature aggiornate, riutilizzo delle acque reflue in processi meno critici e riciclaggio dei singoli liquidi di processo.

L'ammollo e la depilazione tradizionali rappresentano oltre il 50% del BOD e dei carichi di domanda chimica di ossigeno (COD) nei tipici effluenti di concia. Vari metodi possono essere impiegati per sostituire il solfuro, per riciclare i liquori di calce/solfuro e per incorporare tecniche per salvare i capelli.

La riduzione dell'inquinamento da cromo può essere ottenuta attraverso misure per aumentare i livelli di cromo che vengono fissati nel bagno di concia e ridurre le quantità che vengono "dissanguinate" nei processi successivi. Altri metodi per ridurre il rilascio di cromo sono attraverso il riciclaggio diretto dei liscivi di cromo usati (che riduce anche la salinità degli effluenti di scarto) e il trattamento dei liscivi contenenti cromo raccolti con alcali per far precipitare il cromo come idrossido, che può quindi essere riciclato. Un'illustrazione di un'operazione comune di recupero del cromo è mostrata in figura 2.

Figura 2. Diagramma di flusso di un impianto comunale per il recupero del cromo

LEA060F2

Dove viene impiegata la concia vegetale, il precondizionamento delle pelli può migliorare la penetrazione e la fissazione delle pelli e contribuire a diminuire le concentrazioni di tannino negli effluenti. Altri agenti concianti come il titanio sono stati usati come sostituti del cromo per produrre sali di tossicità generalmente inferiore e per generare fanghi inerti e più sicuri da maneggiare.

 

Di ritorno

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti in pelle, pelliccia e calzature

Abrams, H e P Warr. 1951. Malattie professionali trasmesse attraverso il contatto con animali e prodotti di origine animale. Ind Med Chirurgia 20:341-351.

Acheson, E. 1972. Adenocarcinoma della cavità nasale e dei seni in Inghilterra e Galles. Br J Ind Med 29:21-30.

—. 1976. Cancro nasale nell'industria del mobile e della produzione di stivali e calzature. Prevenire Med 5:295-315.

Askoy, M e S Erdem. 1978. Studio di follow-up sulla mortalità e lo sviluppo della leucemia in 44 pazienti pancitopenici con esposizione cronica al benzene. Sangue 52:285-292.

Askoy, M, S Erdem e G DinCol. 1974. Leucemia in calzolai esposti cronicamente al benzene. Sangue 44:837-841.

—. 1976. Tipi di leucemia nell'avvelenamento cronico da benzene. Uno studio su trentaquattro pazienti. Acta Haematol 55:65-72.

Battista, G, P Comba, D Orsi, K Norpoth, A Maier. 1995. Cancro nasale nei lavoratori della pelle: una malattia professionale. J Cancer Res Clin Oncol 121:1-6.

Bonassi, S, F Merlo, R Puntoni, F Ferraris, G Bottura. 1990. Epidemie di tumori polmonari in una conceria biellese. Epidemiolo Ap 12:25-30.

Ufficio di statistica del lavoro (BLS). 1995. Indagine sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie, 1994. Washington, DC: BLS.

Calvert, G, J Fajen, B Hills e W Halperin. 1990. Cancro ai testicoli, dimetilformammide e concerie di cuoio. Lancetta 336:1253-1254.

Cecchi, F, E Buiatti, D Kriebel, L Nastasi, M Santucci. 1980. Adenocarcinoma del naso e dei seni paranasali in calzolai e falegnami della provincia di Firenze, Italia. Br J Ind Med 37:222-226.

Chen, J. 1990. Uno studio di coorte sull'esperienza del cancro tra i lavoratori esposti a coloranti derivati ​​dalla benzidina nell'industria conciaria di Shanghai (Cina). Chin J Prev Med 24:328-331.

Comba, P, G Battista, S Bell, B de Capus, E Merler, D Orsi, S Rodella, C Vindieni e O Axelson. 1992. Uno studio caso-controllo sul cancro del naso e dei seni paranasali e sulle esposizioni professionali. Am J Ind Med 22:511-520.

DeCoufle, P e J Walrath. 1983. Mortalità proporzionale tra i calzolai statunitensi, 1966-1972. Am J Ind Med 4:523-532.

—. 1987. Cancro nasale nell'industria calzaturiera statunitense: esiste? Am J Ind Med 12:605-613.

Erdling, C, H Kling, U Flodin, e O Axelson. 1986. Mortalità per cancro tra i conciatori di pelli. Br J Ind Med 43:484-496.

Fu, H, P Demers, A Costantini, P Winter, D Colin, M Kogevinas e P Boffetta. 1996. Mortalità per cancro tra i lavoratori della produzione di scarpe: un'analisi di due coorti. Occup Environ Med 53:394-398.

Garabrant, D e D Wegman. 1984. Mortalità per cancro tra i lavoratori di calzature e pelletteria nel Massachusetts. Am J Ind Med 5:303-314.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1981. Legno, pelle e alcune industrie associate. vol. 28. Lione: IARC.

—. 1982. Alcuni prodotti chimici industriali e coloranti. vol. 29. Lione: IARC.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1992. Occupazione e condizioni di lavoro e competitività nell'industria del cuoio e delle calzature, Rapporto II, Quarta riunione tecnica tripartita per l'industria del cuoio e delle calzature, Programma di attività settoriali. Ginevra: OIL.

Kallenberger, W. 1978. Uno studio sui lieviti nella concia e lavorazione al cromo. J Am Leather Chem Assoc 73:6-21.

Levin, S, D Baker, P Landrigan, S Monaghan, E Frumin, M Braithwaite e W Towne. 1987. Cancro ai testicoli in conciatori di pelle esposti a dimetilformamide. Lancetta 2:1153.

Malker, H, B Malker, J McLaughin e W Blot. 1984. Cancro al rene tra i lavoratori della pelle. Lancetta 1:50.

Martignone, G. 1964. Trattato di Pratica Conciaria. Torino: Levrotto e Bella.

Merler, E, A Baldesseroni, R Laria, P Faravelli, R Agostini, R Pisa, and F Berrino. 1986. Sull'associazione causale tra l'esposizione alla polvere di cuoio e il cancro nasale: ulteriori prove da uno studio caso-controllo. Br J Ind Med 43:91-95.

Mikoczy, Z, A Schutz e L Hagmar. 1994. Incidenza e mortalità per cancro tra i conciatori di pelli svedesi. Occup Environ Med 51:530-535.

Mikoczy, Z, A Schutz, U Stromberg e L Hagmar. 1996. Incidenza del cancro ed esposizioni professionali specifiche nell'industria conciaria svedese: uno studio caso-controllo basato su una coorte. Occup Environ Med 53:463-467.

Morrison, A, A Ahibom, W Verhock, K Aoli, I Leck, Y Ohno e K Obata. 1985. Cancro professionale e della vescica a Boston, USA, Manchester, Regno Unito e Nagoya, Giappone. Giornale giapponese di epidemiologia e salute comunitaria 39: 294-300.

Ufficio di gestione e bilancio (OMB). 1987. Manuale di classificazione industriale standard. Washington, DC: oggetto Criteri di gruppo degli Stati Uniti.

Paci, E, E Buiatti, A Costantini, L Miligi, N Puci, A Scarpelli, G Petrioli, L Simonato, R Winkelmann, and J Kaldor. 1989. Anemia aplastica, leucemia e altra mortalità per cancro in una coorte di calzaturieri esposti al benzene. Scand J Ambiente di lavoro Salute 15:313-318.

Pippard, E ed E Acheson. 1985. La mortalità di calzolai e calzolai, con particolare riferimento al cancro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:249-255.

Seniori, C, E Merler, R Saracci. 1990. Studi epidemiologici sul rischio di tumori occupazionali nei settori conciario, pellettiero e calzaturiero. Medicina del Lavaro 81:184-211.

Seniori, Do, Mi Paci, I Miligi, Mi Buiatti, Do Martelli, Do Lenzi. 1989. Mortalità per cancro tra i lavoratori dell'industria conciaria toscana. Br J Ind Med 46:384-388.

Stern, FB, JJ Beaumont, WE Halperin, LI Murphy, BW Hills e JM Fajen. 1987. Mortalità dei lavoratori delle concerie di pelle al cromo ed esposizioni chimiche nelle concerie. Scand J Ambiente di lavoro Salute 13:108-117.

Stevens, C. 1979. Valutazione dei problemi cutanei di origine professionale. Occupare Salute Sicurezza 48(18):39-43.

Sweeney, M, J Walrath e R Waxweiler. 1985. Mortalità tra i lavoratori di pellicce in pensione: tintori, vestiti (conciatori) e addetti ai servizi. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:257-264.

Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP). 1991. Concerie e ambiente. Una guida tecnica per ridurre l'impatto ambientale delle operazioni di conceria. Ufficio Industria e Ambiente. Rapporto tecnico serie n. 4. Parigi: UNEP.

Valsecchi, M e A Fiorio. 1978. Ciclo operativo dell'industria conciaria e relativi rischi. Titoli 63:132-144.

Walker, J, T Bloom, F Stern, A Okun, M Fingerhut e W Halperin. 1993. Mortalità dei lavoratori impiegati nella produzione di calzature. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:89-95.

Walrath, J, P DeCoufle, e T Thomas. 1987. Mortalità tra i lavoratori di un'azienda calzaturiera. Am J Ind Med 12:615-623.