Martedì, 29 marzo 2011 19: 54

Profilo generale

Vota questo gioco
(0 voti )

Le pellicce e le pelli di animali conciate sono state utilizzate per realizzare vestiti per migliaia di anni. La pelliccia e la pelle rimangono industrie importanti oggi. La pelliccia viene utilizzata per produrre una varietà di indumenti esterni, come cappotti, giacche, cappelli, guanti e stivali, e fornisce rifiniture anche per altri tipi di indumenti. La pelle viene utilizzata per realizzare indumenti e può essere impiegata nella fabbricazione di altri prodotti, tra cui rivestimenti in pelle per automobili e mobili e un'ampia varietà di articoli in pelle, come cinturini per orologi, borse e valigie. Le calzature sono un altro prodotto tradizionale in pelle.

Gli animali da pelliccia includono specie acquatiche come castori, lontre, topi muschiati e foche; specie terrestri settentrionali come volpe, lupo, visone, donnola, orso, martora e procione; e specie tropicali come leopardi, ocelot e ghepardi. Inoltre, i giovani di alcuni animali come bovini, equini, suini e caprini possono essere lavorati per produrre pellicce. Sebbene la maggior parte degli animali da pelliccia sia intrappolata, il visone in particolare viene prodotto negli allevamenti da pelliccia.

Produzione

Le principali fonti di pelle sono bovini, suini, agnelli e pecore. A partire dal 1990, gli Stati Uniti erano il più grande produttore di pelli bovine. Altri produttori significativi includono Argentina, Australia, Brasile, Cina, Francia, Germania (ex Repubblica Federale) e India. Australia, Cina, India, Repubblica islamica dell'Iran, Nuova Zelanda, Federazione Russa, Turchia e Regno Unito sono i principali produttori di pelli di pecora. Le pelli di capra sono in gran parte prodotte in Cina, India e Pakistan. I maggiori produttori di cotenne sono la Cina, l'Europa dell'Est e l'ex Unione Sovietica.

Un'analisi preparata da Landell Mills Commodities Studies (LMC) per l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) mostra che il mercato internazionale delle pelli è sempre più dominato da pochi grandi paesi produttori in Nord America, Europa occidentale e Oceania, che consentono la libera esportazione delle pelli in qualsiasi forma. L'industria conciaria negli Stati Uniti è in costante contrazione dal 1981, mentre la maggior parte delle concerie sopravvissute nel nord Europa si sono diversificate per ridurre la dipendenza dal mercato delle calzature e della pelle. La produzione mondiale di calzature ha continuato a spostarsi principalmente verso il sud-est asiatico (ILO 1992).

Diversi fattori influenzano la domanda complessiva di pelle nel mondo: il livello, il tasso di crescita e la distribuzione del reddito; il prezzo della pelle rispetto a materiali alternativi; e cambiamenti nella preferenza dei consumatori per la pelle rispetto a materiali alternativi per una varietà di prodotti.

Il settore di utilizzo finale in più rapida crescita nell'industria della pelle è stato quello dei rivestimenti in pelle, che rappresentava circa un terzo della produzione mondiale di pelli bovine di alta qualità nel 1990. Oltre un terzo di tutta la pelle per rivestimenti è destinato all'industria automobilistica e , secondo le previsioni di LMC, le prospettive per questo sottosettore sono piuttosto rosee. La percentuale di auto con rivestimenti in pelle è aumentata notevolmente negli anni '1990.

La domanda di capi in pelle è determinata principalmente dal reddito e dalla moda, mentre la moda influenza in modo particolare il cambiamento della domanda di specifici tipi di pelle. Ad esempio, una forte domanda per la pelle di montone più morbida ed elastica nei capi di abbigliamento alla moda ha motivato la produzione della nappa per indumenti alla moda da pelli di pecora e bovini.

I maggiori produttori di pelli di visone nel 1996 erano il Canada, la Federazione Russa, i paesi scandinavi e gli Stati Uniti.

Tra il 1980 e il 1989, l'occupazione della pelle è aumentata in Cina, Ungheria, India, Indonesia, Repubblica di Corea, Uruguay e Venezuela ed è diminuita in Australia, Colombia, Kenya, Filippine, Polonia e Stati Uniti. L'occupazione nel settore della pelle è diminuita anche in Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia. In Botswana l'occupazione della pelle è diminuita drasticamente nel 1984, poi ha registrato un forte aumento, raddoppiando il livello del 1980 entro il 1988.

Ci sono diversi problemi che influenzeranno la produzione futura e l'occupazione nelle industrie del cuoio, delle calzature e delle pellicce. Le nuove tecnologie, il trasferimento della produzione di calzature nei paesi in via di sviluppo e le normative ambientali nel settore conciario continueranno a influenzare le competenze, la salute e la sicurezza dei lavoratori di queste industrie.

 

Di ritorno

Leggi 2641 volte Ultima modifica sabato 30 luglio 2022 23:57
Altro in questa categoria: Concia e Finissaggio Pelle »

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti in pelle, pelliccia e calzature

Abrams, H e P Warr. 1951. Malattie professionali trasmesse attraverso il contatto con animali e prodotti di origine animale. Ind Med Chirurgia 20:341-351.

Acheson, E. 1972. Adenocarcinoma della cavità nasale e dei seni in Inghilterra e Galles. Br J Ind Med 29:21-30.

—. 1976. Cancro nasale nell'industria del mobile e della produzione di stivali e calzature. Prevenire Med 5:295-315.

Askoy, M e S Erdem. 1978. Studio di follow-up sulla mortalità e lo sviluppo della leucemia in 44 pazienti pancitopenici con esposizione cronica al benzene. Sangue 52:285-292.

Askoy, M, S Erdem e G DinCol. 1974. Leucemia in calzolai esposti cronicamente al benzene. Sangue 44:837-841.

—. 1976. Tipi di leucemia nell'avvelenamento cronico da benzene. Uno studio su trentaquattro pazienti. Acta Haematol 55:65-72.

Battista, G, P Comba, D Orsi, K Norpoth, A Maier. 1995. Cancro nasale nei lavoratori della pelle: una malattia professionale. J Cancer Res Clin Oncol 121:1-6.

Bonassi, S, F Merlo, R Puntoni, F Ferraris, G Bottura. 1990. Epidemie di tumori polmonari in una conceria biellese. Epidemiolo Ap 12:25-30.

Ufficio di statistica del lavoro (BLS). 1995. Indagine sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie, 1994. Washington, DC: BLS.

Calvert, G, J Fajen, B Hills e W Halperin. 1990. Cancro ai testicoli, dimetilformammide e concerie di cuoio. Lancetta 336:1253-1254.

Cecchi, F, E Buiatti, D Kriebel, L Nastasi, M Santucci. 1980. Adenocarcinoma del naso e dei seni paranasali in calzolai e falegnami della provincia di Firenze, Italia. Br J Ind Med 37:222-226.

Chen, J. 1990. Uno studio di coorte sull'esperienza del cancro tra i lavoratori esposti a coloranti derivati ​​dalla benzidina nell'industria conciaria di Shanghai (Cina). Chin J Prev Med 24:328-331.

Comba, P, G Battista, S Bell, B de Capus, E Merler, D Orsi, S Rodella, C Vindieni e O Axelson. 1992. Uno studio caso-controllo sul cancro del naso e dei seni paranasali e sulle esposizioni professionali. Am J Ind Med 22:511-520.

DeCoufle, P e J Walrath. 1983. Mortalità proporzionale tra i calzolai statunitensi, 1966-1972. Am J Ind Med 4:523-532.

—. 1987. Cancro nasale nell'industria calzaturiera statunitense: esiste? Am J Ind Med 12:605-613.

Erdling, C, H Kling, U Flodin, e O Axelson. 1986. Mortalità per cancro tra i conciatori di pelli. Br J Ind Med 43:484-496.

Fu, H, P Demers, A Costantini, P Winter, D Colin, M Kogevinas e P Boffetta. 1996. Mortalità per cancro tra i lavoratori della produzione di scarpe: un'analisi di due coorti. Occup Environ Med 53:394-398.

Garabrant, D e D Wegman. 1984. Mortalità per cancro tra i lavoratori di calzature e pelletteria nel Massachusetts. Am J Ind Med 5:303-314.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1981. Legno, pelle e alcune industrie associate. vol. 28. Lione: IARC.

—. 1982. Alcuni prodotti chimici industriali e coloranti. vol. 29. Lione: IARC.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1992. Occupazione e condizioni di lavoro e competitività nell'industria del cuoio e delle calzature, Rapporto II, Quarta riunione tecnica tripartita per l'industria del cuoio e delle calzature, Programma di attività settoriali. Ginevra: OIL.

Kallenberger, W. 1978. Uno studio sui lieviti nella concia e lavorazione al cromo. J Am Leather Chem Assoc 73:6-21.

Levin, S, D Baker, P Landrigan, S Monaghan, E Frumin, M Braithwaite e W Towne. 1987. Cancro ai testicoli in conciatori di pelle esposti a dimetilformamide. Lancetta 2:1153.

Malker, H, B Malker, J McLaughin e W Blot. 1984. Cancro al rene tra i lavoratori della pelle. Lancetta 1:50.

Martignone, G. 1964. Trattato di Pratica Conciaria. Torino: Levrotto e Bella.

Merler, E, A Baldesseroni, R Laria, P Faravelli, R Agostini, R Pisa, and F Berrino. 1986. Sull'associazione causale tra l'esposizione alla polvere di cuoio e il cancro nasale: ulteriori prove da uno studio caso-controllo. Br J Ind Med 43:91-95.

Mikoczy, Z, A Schutz e L Hagmar. 1994. Incidenza e mortalità per cancro tra i conciatori di pelli svedesi. Occup Environ Med 51:530-535.

Mikoczy, Z, A Schutz, U Stromberg e L Hagmar. 1996. Incidenza del cancro ed esposizioni professionali specifiche nell'industria conciaria svedese: uno studio caso-controllo basato su una coorte. Occup Environ Med 53:463-467.

Morrison, A, A Ahibom, W Verhock, K Aoli, I Leck, Y Ohno e K Obata. 1985. Cancro professionale e della vescica a Boston, USA, Manchester, Regno Unito e Nagoya, Giappone. Giornale giapponese di epidemiologia e salute comunitaria 39: 294-300.

Ufficio di gestione e bilancio (OMB). 1987. Manuale di classificazione industriale standard. Washington, DC: oggetto Criteri di gruppo degli Stati Uniti.

Paci, E, E Buiatti, A Costantini, L Miligi, N Puci, A Scarpelli, G Petrioli, L Simonato, R Winkelmann, and J Kaldor. 1989. Anemia aplastica, leucemia e altra mortalità per cancro in una coorte di calzaturieri esposti al benzene. Scand J Ambiente di lavoro Salute 15:313-318.

Pippard, E ed E Acheson. 1985. La mortalità di calzolai e calzolai, con particolare riferimento al cancro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:249-255.

Seniori, C, E Merler, R Saracci. 1990. Studi epidemiologici sul rischio di tumori occupazionali nei settori conciario, pellettiero e calzaturiero. Medicina del Lavaro 81:184-211.

Seniori, Do, Mi Paci, I Miligi, Mi Buiatti, Do Martelli, Do Lenzi. 1989. Mortalità per cancro tra i lavoratori dell'industria conciaria toscana. Br J Ind Med 46:384-388.

Stern, FB, JJ Beaumont, WE Halperin, LI Murphy, BW Hills e JM Fajen. 1987. Mortalità dei lavoratori delle concerie di pelle al cromo ed esposizioni chimiche nelle concerie. Scand J Ambiente di lavoro Salute 13:108-117.

Stevens, C. 1979. Valutazione dei problemi cutanei di origine professionale. Occupare Salute Sicurezza 48(18):39-43.

Sweeney, M, J Walrath e R Waxweiler. 1985. Mortalità tra i lavoratori di pellicce in pensione: tintori, vestiti (conciatori) e addetti ai servizi. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:257-264.

Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP). 1991. Concerie e ambiente. Una guida tecnica per ridurre l'impatto ambientale delle operazioni di conceria. Ufficio Industria e Ambiente. Rapporto tecnico serie n. 4. Parigi: UNEP.

Valsecchi, M e A Fiorio. 1978. Ciclo operativo dell'industria conciaria e relativi rischi. Titoli 63:132-144.

Walker, J, T Bloom, F Stern, A Okun, M Fingerhut e W Halperin. 1993. Mortalità dei lavoratori impiegati nella produzione di calzature. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:89-95.

Walrath, J, P DeCoufle, e T Thomas. 1987. Mortalità tra i lavoratori di un'azienda calzaturiera. Am J Ind Med 12:615-623.