Martedì, 29 marzo 2011 20: 05

Effetti sulla salute e modelli di malattia

Vota questo gioco
(Voto 1)

Abbronzatura in pelle

Il principale gruppo di classificazione industriale standard internazionale (ISIC) per la lavorazione della pelle e delle pellicce è 323. Negli Stati Uniti, il gruppo di classificazione industriale standard (SIC) per l'industria della pelle e dei prodotti in pelle è SIC 311 (OMB 1987). Questo gruppo comprende gli stabilimenti che si occupano di concia, strigliatura e rifinitura del cuoio e delle pelli, nonché gli stabilimenti che producono cuoio finito e prodotti in cuoio artificiale e alcuni prodotti simili fatti di altri materiali. Anche i convertitori di pelle, le cinture e le pelli scamosciate sono inclusi nel SIC 311. Inoltre, parti del SIC 23 (vale a dire, SIC 2371 e 2386) comprendono stabilimenti coinvolti nella fabbricazione di cappotti, indumenti, accessori e passamanerie in pelliccia e stabilimenti coinvolti nella abbigliamento foderato di pecora.

Esistono molte varietà di pelle con caratteristiche diverse a seconda della specie animale e della specifica parte del corpo dell'animale da cui si ottiene la pelle. Le pelli sono realizzate con pelli di bovino o di cavallo; pelle fantasia dalla pelle del vitello, maiale, capra, pecora e così via; e pelle di rettile di coccodrillo, lucertola, camaleonte e così via.

L'occupazione nell'industria della pelle e dei prodotti in pelle è stata associata a varie malattie causate da agenti biologici, tossicologici e cancerogeni. La malattia specifica associata all'esposizione nell'industria della pelle dipende dalla misura in cui il lavoratore è esposto all'agente o agli agenti, che dipende dall'occupazione e dall'area di lavoro all'interno dell'industria.

Per il processo di concia, l'epidermide della pelle viene prima rimossa e solo il derma trasformato in pelle. Durante questo processo, l'infezione è un pericolo costante, poiché la pelle funge da mezzo per numerosi microrganismi. In particolare, possono svilupparsi colonie di funghi Aspergillus niger ed Penicillus glaucum (Martignone 1964). Per evitare lo sviluppo di funghi sono stati ampiamente utilizzati i fenoli clorurati, in particolare il pentaclorofenolo; sfortunatamente, tali sostanze chimiche sono risultate tossiche per il lavoratore. Lieviti di tre generi (Rhodotorula, Cladosporium ed Torulopsis) sono stati trovati anche (Kallenberger 1978). Tetano, carbonchio, leptospirosi, afta epizootica, febbre Q e brucellosi sono esempi di malattie che i lavoratori potrebbero contrarre durante il processo di concia a causa di pelli infette (Valsecchi e Fiorio 1978).

Disturbi della pelle come l'eczema e la dermatite da contatto (allergica) sono stati diagnosticati anche tra i conciatori di pelli esposti a conservanti applicati alle pelli (Abrams e Warr 1951). Il processo di concia e rifinizione della pelle ha dimostrato di avere la più alta incidenza di dermatosi di qualsiasi gruppo di lavoro negli Stati Uniti (Stevens 1979). Irritazioni delle mucose della gola e del naso e perforazioni del setto nasale possono verificarsi anche dopo l'inalazione dei fumi di acido cromico liberati durante il processo di concia al cromo.

I lavoratori delle concerie possono essere esposti a numerosi agenti cancerogeni professionali noti o sospetti, tra cui sali di cromo esavalente, coloranti azoici a base di benzidina, solventi organici (p. . Queste esposizioni possono provocare lo sviluppo di vari tumori sito-specifici. Un eccesso di cancro al polmone è stato osservato in studi condotti in Italia (Seniori, Merler e Saracci 1990; Bonassi et al. 1990) e in uno studio caso-controllo condotto negli Stati Uniti (Garabrant e Wegman 1984), ma questo il risultato non è sempre supportato da altri studi (Mikoczy, Schutz e Hagmar 1994; Stern et al. 1987; Pippard e Acheson 1985). Il cromo e gli arsenicali sono stati menzionati come possibili contributori all'eccesso di cancro ai polmoni. Un aumento significativo del rischio di sarcoma dei tessuti molli è stato osservato in almeno due distinti studi di conceria, uno in Italia e uno nel Regno Unito; i ricercatori di entrambi gli studi suggeriscono che i clorofenoli usati nelle concerie potrebbero aver prodotto queste neoplasie (Seniori et al. 1989; Mikoczy, Schutz e Hagmar 1994).

In uno studio caso-controllo svedese (Erdling et al. 1986) è stato osservato un triplice eccesso statisticamente significativo nella mortalità per cancro al pancreas; un aumento del 50% del cancro al pancreas è stato notato anche in un altro studio su tre concerie svedesi (Mikoczy, Schutz e Hagmar 1994) e in uno studio su una conceria italiana (Seniori et al. 1989). Nonostante l'eccesso di rischio di cancro al pancreas, non è stato identificato alcun agente ambientale specifico e i fattori dietetici sono stati considerati una possibilità. Un eccesso di rischio di cancro ai testicoli è stato osservato tra i conciatori del reparto rifinizione di una conceria; tutti e tre i lavoratori con cancro ai testicoli avevano lavorato durante lo stesso periodo di tempo ed erano stati esposti a dimetilformamide (Levin et al. 1987; Calvert et al. 1990). In uno studio caso-controllo in Italia è stato osservato un eccesso di rischio di cancro sinonasale tra i lavoratori delle concerie; cromo, polvere di cuoio e tannini sono stati indicati come possibili agenti eziologici (Comba et al. 1992; Battista et al. 1995). Tuttavia, la ricerca IARC nei primi anni '1980 non ha trovato alcuna prova di un'associazione tra la concia della pelle e il cancro nasale (IARC 1981). I risultati di uno studio sull'industria conciaria cinese hanno mostrato un eccesso di morbilità da cancro alla vescica statisticamente significativo tra i conciatori mai esposti a coloranti a base di benzidina, che aumentava con la durata dell'esposizione (Chen 1990).

Gli infortuni sono anche una delle principali cause di disabilità nei lavoratori delle concerie. Scivolate e cadute su pavimenti bagnati e unti sono comuni, così come i tagli di coltello dovuti alla rifilatura delle pelli. Inoltre le macchine utilizzate per la lavorazione delle pelli sono in grado di frantumare e infliggere contusioni, abrasioni e amputazioni. Ad esempio, i dati del Bureau of Labor Statistics (BLS) degli Stati Uniti per il 1994 hanno mostrato un tasso di incidenza nel SIC 311 per infortuni e malattie combinato di 19.1 per 100 lavoratori a tempo pieno e un tasso di incidenza per i soli infortuni di 16.4. Questi risultati sono superiori di oltre il 50% rispetto all'incidenza di tutte le attività manifatturiere per malattie e infortuni combinati, 12.2 per 100 lavoratori a tempo pieno, e all'incidenza di 10.4 per i soli infortuni (BLS 1995).

Calzature

La manipolazione e la lavorazione della pelle nella produzione di scarpe e stivali può comportare l'esposizione ad alcune delle stesse sostanze chimiche utilizzate nei processi di concia e rifinizione sopra citati, dando origine a malattie simili. Inoltre, le diverse sostanze chimiche utilizzate possono produrre anche altre malattie. Destano particolare preoccupazione le esposizioni ai solventi tossici utilizzati negli adesivi e nei detergenti e alle polveri di cuoio disperse nell'aria. Un solvente di particolare interesse è il benzene, che può produrre trombocitopenia; abbassamento della conta dei globuli rossi, delle piastrine e dei globuli bianchi; e pancitopenia. Il benzene è stato in gran parte eliminato dall'industria calzaturiera. La neuropatia periferica è stata riscontrata anche tra i lavoratori delle fabbriche di calzature a causa di n-esano negli adesivi. Anche questo è stato largamente sostituito da solventi meno tossici. Sono stati segnalati anche cambiamenti elettroencefalografici, danni al fegato e alterazioni comportamentali in relazione all'esposizione a solventi nei calzolai.

Il benzene è stato giudicato cancerogeno per l'uomo (IARC 1982) e vari ricercatori hanno osservato un eccesso di leucemie tra i lavoratori esposti al benzene nell'industria calzaturiera. Uno studio ha incluso il più grande impianto di produzione di scarpe a Firenze, in Italia, composto da oltre 2,000 dipendenti. I risultati dello studio hanno rivelato un eccesso di rischio quadruplicato di leucemia e il benzene è stato citato come l'esposizione più probabile (Paci et al. 1989). Un follow-up di questo studio ha mostrato un rischio di oltre cinque volte per quei lavoratori delle calzature impiegati in lavori in cui l'esposizione al benzene era sostanziale (Fu et al. 1996). Uno studio nel Regno Unito che ha esaminato la mortalità tra gli uomini impiegati nella produzione di scarpe ha riscontrato un elevato rischio di leucemia tra i lavoratori che maneggiano colle e solventi che contenevano benzene (Pippard e Acheson 1985). Vari studi sui lavoratori dell'industria calzaturiera a Istanbul, in Turchia, hanno riportato un eccesso di rischio di leucemia dovuto all'esposizione al benzene. Quando il benzene fu successivamente sostituito dalla benzina, il numero assoluto di casi e il rischio di leucemia diminuì considerevolmente (Aksoy, Erdem e DinCol 1974; 1976; Aksoy e Erdem 1978).

Vari tipi di cancro nasale (adenocarcinoma, carcinoma a cellule squamose e carcinoma a cellule transizionali) sono stati associati all'occupazione nella produzione e riparazione di scarpe. Rischi relativi superiori a dieci volte sono stati riportati da studi in Italia e nel Regno Unito (Fu et al. 1996; Comba et al. 1992; Merler et al. 1986; Pippard e Acheson 1985; Acheson 1972, 1976; Cecchi et al. 1980) ma non negli Stati Uniti (DeCoufle e Walrath 1987; Walker et al. 1993). Gli elevati rischi di cancro nasale sono stati quasi interamente imputati ai dipendenti esposti “pesantemente” alla polvere di cuoio nelle sale di preparazione e finissaggio. Il meccanismo attraverso il quale l'esposizione alla polvere di cuoio può aumentare il rischio di cancro nasale non è noto.

Eccesso di tumori del tratto digestivo e urinario, come vescica (Malker et al. 1984; Morrison et al. 1985), rene (Walker et al. 1993; Malker et al. 1984), stomaco (Walrath, DeCoufle e Thomas 1987) e rettale (DeCoufle e Walrath 1983; Walrath, DeCoufle e Thomas 1987), sono stati trovati in altri studi sui lavoratori delle calzature, ma non sono stati riportati in modo coerente e non sono stati collegati a particolari esposizioni nell'industria.

I rischi ergonomici che causano disturbi muscoloscheletrici legati al lavoro (WRMD) sono i principali problemi dell'industria calzaturiera. Questi rischi sono dovuti alle attrezzature specializzate utilizzate e al lavoro pratico che richiede movimenti ripetitivi, sforzi energici e posture scomode del corpo. I dati BLS mostrano che le calzature da uomo sono uno dei “settori con i più alti tassi di malattie non fatali associate a traumi ripetuti” (BLS 1995). Il tasso di incidenza per il totale dell'industria calzaturiera per malattie e infortuni combinati è risultato pari a 11.9 per 100 lavoratori, con 8.6 come tasso di incidenza per i soli infortuni. Questi tassi sono leggermente inferiori ai tassi di incidenza per tutta la produzione. I WRMD nell'industria calzaturiera includono condizioni come tendinite, sinovite, tenosinovite, borsite, cisti gangliari, stiramenti, sindrome del tunnel carpale, lombalgia e lesioni del rachide cervicale.

Lavoratori di pellicce

La lavorazione delle pellicce coinvolge le attività di tre categorie di lavoratori. Pellicceria carne e pelli abbronzate; i tintori di pellicce poi colorano o tingono le pelli con tinture naturali o sintetiche; e infine i lavoratori del servizio di pellicce classificano, abbinano e imballano pellicce vestite. Vestitori e tintori sono esposti a potenziali agenti cancerogeni tra cui tannini, coloranti ossidanti, cromo e formaldeide, mentre gli addetti ai servizi di pellicceria sono potenzialmente esposti a materiali concianti residui durante la manipolazione di pellicce precedentemente trattate. Sono stati condotti pochissimi studi epidemiologici sui lavoratori delle pellicce. L'unico studio completo tra questi lavoratori ha rivelato rischi statisticamente elevati di cancro al colon-retto e al fegato tra i tintori, cancro ai polmoni tra i camerieri e malattie cardiovascolari tra i lavoratori dei servizi rispetto ai tassi complessivi negli Stati Uniti (Sweeney, Walrath e Waxweiler 1985 ).

 

Di ritorno

Leggi 4331 volte Ultima modifica Mercoledì, Giugno 29 2011 07: 49

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti in pelle, pelliccia e calzature

Abrams, H e P Warr. 1951. Malattie professionali trasmesse attraverso il contatto con animali e prodotti di origine animale. Ind Med Chirurgia 20:341-351.

Acheson, E. 1972. Adenocarcinoma della cavità nasale e dei seni in Inghilterra e Galles. Br J Ind Med 29:21-30.

—. 1976. Cancro nasale nell'industria del mobile e della produzione di stivali e calzature. Prevenire Med 5:295-315.

Askoy, M e S Erdem. 1978. Studio di follow-up sulla mortalità e lo sviluppo della leucemia in 44 pazienti pancitopenici con esposizione cronica al benzene. Sangue 52:285-292.

Askoy, M, S Erdem e G DinCol. 1974. Leucemia in calzolai esposti cronicamente al benzene. Sangue 44:837-841.

—. 1976. Tipi di leucemia nell'avvelenamento cronico da benzene. Uno studio su trentaquattro pazienti. Acta Haematol 55:65-72.

Battista, G, P Comba, D Orsi, K Norpoth, A Maier. 1995. Cancro nasale nei lavoratori della pelle: una malattia professionale. J Cancer Res Clin Oncol 121:1-6.

Bonassi, S, F Merlo, R Puntoni, F Ferraris, G Bottura. 1990. Epidemie di tumori polmonari in una conceria biellese. Epidemiolo Ap 12:25-30.

Ufficio di statistica del lavoro (BLS). 1995. Indagine sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie, 1994. Washington, DC: BLS.

Calvert, G, J Fajen, B Hills e W Halperin. 1990. Cancro ai testicoli, dimetilformammide e concerie di cuoio. Lancetta 336:1253-1254.

Cecchi, F, E Buiatti, D Kriebel, L Nastasi, M Santucci. 1980. Adenocarcinoma del naso e dei seni paranasali in calzolai e falegnami della provincia di Firenze, Italia. Br J Ind Med 37:222-226.

Chen, J. 1990. Uno studio di coorte sull'esperienza del cancro tra i lavoratori esposti a coloranti derivati ​​dalla benzidina nell'industria conciaria di Shanghai (Cina). Chin J Prev Med 24:328-331.

Comba, P, G Battista, S Bell, B de Capus, E Merler, D Orsi, S Rodella, C Vindieni e O Axelson. 1992. Uno studio caso-controllo sul cancro del naso e dei seni paranasali e sulle esposizioni professionali. Am J Ind Med 22:511-520.

DeCoufle, P e J Walrath. 1983. Mortalità proporzionale tra i calzolai statunitensi, 1966-1972. Am J Ind Med 4:523-532.

—. 1987. Cancro nasale nell'industria calzaturiera statunitense: esiste? Am J Ind Med 12:605-613.

Erdling, C, H Kling, U Flodin, e O Axelson. 1986. Mortalità per cancro tra i conciatori di pelli. Br J Ind Med 43:484-496.

Fu, H, P Demers, A Costantini, P Winter, D Colin, M Kogevinas e P Boffetta. 1996. Mortalità per cancro tra i lavoratori della produzione di scarpe: un'analisi di due coorti. Occup Environ Med 53:394-398.

Garabrant, D e D Wegman. 1984. Mortalità per cancro tra i lavoratori di calzature e pelletteria nel Massachusetts. Am J Ind Med 5:303-314.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1981. Legno, pelle e alcune industrie associate. vol. 28. Lione: IARC.

—. 1982. Alcuni prodotti chimici industriali e coloranti. vol. 29. Lione: IARC.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1992. Occupazione e condizioni di lavoro e competitività nell'industria del cuoio e delle calzature, Rapporto II, Quarta riunione tecnica tripartita per l'industria del cuoio e delle calzature, Programma di attività settoriali. Ginevra: OIL.

Kallenberger, W. 1978. Uno studio sui lieviti nella concia e lavorazione al cromo. J Am Leather Chem Assoc 73:6-21.

Levin, S, D Baker, P Landrigan, S Monaghan, E Frumin, M Braithwaite e W Towne. 1987. Cancro ai testicoli in conciatori di pelle esposti a dimetilformamide. Lancetta 2:1153.

Malker, H, B Malker, J McLaughin e W Blot. 1984. Cancro al rene tra i lavoratori della pelle. Lancetta 1:50.

Martignone, G. 1964. Trattato di Pratica Conciaria. Torino: Levrotto e Bella.

Merler, E, A Baldesseroni, R Laria, P Faravelli, R Agostini, R Pisa, and F Berrino. 1986. Sull'associazione causale tra l'esposizione alla polvere di cuoio e il cancro nasale: ulteriori prove da uno studio caso-controllo. Br J Ind Med 43:91-95.

Mikoczy, Z, A Schutz e L Hagmar. 1994. Incidenza e mortalità per cancro tra i conciatori di pelli svedesi. Occup Environ Med 51:530-535.

Mikoczy, Z, A Schutz, U Stromberg e L Hagmar. 1996. Incidenza del cancro ed esposizioni professionali specifiche nell'industria conciaria svedese: uno studio caso-controllo basato su una coorte. Occup Environ Med 53:463-467.

Morrison, A, A Ahibom, W Verhock, K Aoli, I Leck, Y Ohno e K Obata. 1985. Cancro professionale e della vescica a Boston, USA, Manchester, Regno Unito e Nagoya, Giappone. Giornale giapponese di epidemiologia e salute comunitaria 39: 294-300.

Ufficio di gestione e bilancio (OMB). 1987. Manuale di classificazione industriale standard. Washington, DC: oggetto Criteri di gruppo degli Stati Uniti.

Paci, E, E Buiatti, A Costantini, L Miligi, N Puci, A Scarpelli, G Petrioli, L Simonato, R Winkelmann, and J Kaldor. 1989. Anemia aplastica, leucemia e altra mortalità per cancro in una coorte di calzaturieri esposti al benzene. Scand J Ambiente di lavoro Salute 15:313-318.

Pippard, E ed E Acheson. 1985. La mortalità di calzolai e calzolai, con particolare riferimento al cancro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:249-255.

Seniori, C, E Merler, R Saracci. 1990. Studi epidemiologici sul rischio di tumori occupazionali nei settori conciario, pellettiero e calzaturiero. Medicina del Lavaro 81:184-211.

Seniori, Do, Mi Paci, I Miligi, Mi Buiatti, Do Martelli, Do Lenzi. 1989. Mortalità per cancro tra i lavoratori dell'industria conciaria toscana. Br J Ind Med 46:384-388.

Stern, FB, JJ Beaumont, WE Halperin, LI Murphy, BW Hills e JM Fajen. 1987. Mortalità dei lavoratori delle concerie di pelle al cromo ed esposizioni chimiche nelle concerie. Scand J Ambiente di lavoro Salute 13:108-117.

Stevens, C. 1979. Valutazione dei problemi cutanei di origine professionale. Occupare Salute Sicurezza 48(18):39-43.

Sweeney, M, J Walrath e R Waxweiler. 1985. Mortalità tra i lavoratori di pellicce in pensione: tintori, vestiti (conciatori) e addetti ai servizi. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:257-264.

Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP). 1991. Concerie e ambiente. Una guida tecnica per ridurre l'impatto ambientale delle operazioni di conceria. Ufficio Industria e Ambiente. Rapporto tecnico serie n. 4. Parigi: UNEP.

Valsecchi, M e A Fiorio. 1978. Ciclo operativo dell'industria conciaria e relativi rischi. Titoli 63:132-144.

Walker, J, T Bloom, F Stern, A Okun, M Fingerhut e W Halperin. 1993. Mortalità dei lavoratori impiegati nella produzione di calzature. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:89-95.

Walrath, J, P DeCoufle, e T Thomas. 1987. Mortalità tra i lavoratori di un'azienda calzaturiera. Am J Ind Med 12:615-623.