Martedì, 29 marzo 2011 20: 06

Tutela dell'ambiente e problemi di salute pubblica

Vota questo gioco
(0 voti )

Il trattamento e la lavorazione delle pelli e dei pellami animali può essere fonte di notevole impatto ambientale. Le acque reflue scaricate contengono inquinanti delle pelli, prodotti della loro decomposizione e sostanze chimiche e varie soluzioni esaurite utilizzate per la preparazione delle pelli e durante il processo di concia. Possono inoltre formarsi rifiuti solidi e alcune emissioni in atmosfera.

La principale preoccupazione pubblica per le concerie è stata tradizionalmente quella degli odori e dell'inquinamento delle acque dovuto agli scarichi non trattati. Altri problemi sono sorti più recentemente dal crescente utilizzo di prodotti chimici di sintesi come pesticidi, solventi, coloranti, agenti di finitura e nuovi prodotti chimici di lavorazione che introducono problemi di tossicità e persistenza.

Semplici misure intese a controllare l'inquinamento possono esse stesse creare impatti ambientali secondari trasversali come l'inquinamento delle acque sotterranee, la contaminazione del suolo, lo scarico di fanghi e l'avvelenamento da sostanze chimiche.

La tecnologia conciaria oggi disponibile, basata su un minor consumo di prodotti chimici e di acqua, ha un minore impatto sull'ambiente rispetto ai processi tradizionali. Tuttavia, rimangono molti ostacoli alla sua ampia applicazione.

La Figura 1 presenta i diversi rifiuti e gli impatti ambientali associati ai vari processi utilizzati nell'industria conciaria.

Figura 1. Impatti ambientali e attività della conceria

 LEA060F1

Controllo dell'inquinamento

Controllo dell'inquinamento idrico

I rifiuti di conceria non trattati nelle acque superficiali possono provocare un rapido deterioramento delle loro proprietà fisiche, chimiche e biologiche. Semplici processi di trattamento degli effluenti a fine tubo possono rimuovere oltre il 50% dei solidi sospesi e la domanda biochimica di ossigeno (BOD) degli effluenti. Misure più sofisticate sono capaci di livelli di trattamento più elevati.

Poiché gli effluenti della conceria contengono diversi costituenti chimici che devono essere trattati, è necessario utilizzare a loro volta una sequenza di processi di trattamento. La segregazione del flusso è utile per consentire il trattamento separato dei flussi di rifiuti concentrati.

La tabella 1 riassume le scelte tecnologiche disponibili per il trattamento degli effluenti di conceria.


Tabella 1. Scelte tecnologiche per il trattamento degli effluenti di conceria

Decantazione pre-trattamento

Vagliatura meccanica per rimuovere materiale grossolano

Equalizzazione del flusso (bilanciamento)

Trattamento primario

Rimozione del solfuro dagli effluenti della riviera

Rimozione del cromo dagli effluenti di concia

Trattamento fisico-chimico per la rimozione e neutralizzazione del BOD

Trattamento secondario

Trattamento biologico

Fango attivo (fosso di ossidazione)

Fango attivo (convenzionale)

Lagooning (aerato, facoltativo o anaerobico)

Trattamento terziario

Nitrificazione e denitrificazione

Sedimentazione e movimentazione fanghi

Diverse forme e dimensioni di vasche e bacini


Controllo dell'inquinamento atmosferico

Le emissioni atmosferiche si dividono in tre grandi gruppi: odori, vapori di solventi dalle operazioni di finitura ed emissioni di gas dall'incenerimento dei rifiuti.

La decomposizione biologica della materia organica e le emissioni di solfuro e ammoniaca dalle acque reflue sono responsabili dei caratteristici odori sgradevoli derivanti dalle concerie. L'ubicazione delle installazioni è stata un problema a causa degli odori che sono stati storicamente associati alle concerie. La riduzione di questi odori è più una questione di manutenzione operativa che di tecnologia.

Il solvente e altri vapori delle operazioni di finitura variano a seconda del tipo di sostanze chimiche utilizzate e dei metodi tecnici impiegati per ridurne la generazione e il rilascio. Fino al 30% del solvente utilizzato può essere sprecato attraverso le emissioni, mentre sono disponibili processi moderni per ridurlo a circa il 3% in molti casi.

La pratica da parte di molte concerie di incenerire rifiuti solidi e scarti aumenta l'importanza di adottare una buona progettazione dell'inceneritore e seguire attente pratiche operative.

Gestione dei rifiuti

Il trattamento dei fanghi costituisce il principale problema di smaltimento, a parte gli effluenti. I fanghi di composizione organica, se esenti da cromo o solfuri, hanno valenza come ammendante oltre che un piccolo effetto fertilizzante dei composti azotati in essi contenuti. Questi vantaggi si realizzano al meglio arando subito dopo l'applicazione. L'uso agricolo di suoli contenenti cromo è stato oggetto di controversia in varie giurisdizioni, dove le linee guida hanno determinato applicazioni accettabili.

Esistono vari mercati per la conversione di rifilature e scarni in sottoprodotti utilizzati per una varietà di scopi, inclusa la produzione di gelatina, colla, cartone di cuoio, grasso di sego e proteine ​​per l'alimentazione animale. Gli effluenti di processo, soggetti a un adeguato trattamento e controllo di qualità, sono talvolta utilizzati per l'irrigazione dove l'acqua scarseggia e/o lo smaltimento degli effluenti è severamente limitato.

Per evitare problemi di formazione di percolato e odore, nelle discariche devono essere smaltiti solo solidi e fanghi disidratati. È necessario prestare attenzione per garantire che i rifiuti di conceria non reagiscano con altri residui industriali, come i rifiuti acidi, che possono reagire per creare gas di idrogeno solforato tossico. L'incenerimento in condizioni non controllate può portare a emissioni inaccettabili e non è raccomandato.

Prevenzione dell'inquinamento

IMigliorare le tecnologie di produzione per aumentare le prestazioni ambientali può raggiungere una serie di obiettivi, quali:

  • aumentare l'efficienza dell'utilizzo chimico
  • ridurre il consumo di acqua o di energia
  • recuperare o riciclare materiali di scarto.

 

Il consumo di acqua può variare notevolmente, passando da meno di 25 l/kg di pelle grezza a più di 80 l/kg. L'efficienza dell'uso dell'acqua può essere migliorata attraverso l'applicazione di tecniche come un maggiore controllo del volume delle acque di lavorazione, lavaggi "batch" rispetto ad "acqua corrente", modifiche a basso galleggiante delle apparecchiature esistenti; tecniche a basso galleggiamento che utilizzano attrezzature aggiornate, riutilizzo delle acque reflue in processi meno critici e riciclaggio dei singoli liquidi di processo.

L'ammollo e la depilazione tradizionali rappresentano oltre il 50% del BOD e dei carichi di domanda chimica di ossigeno (COD) nei tipici effluenti di concia. Vari metodi possono essere impiegati per sostituire il solfuro, per riciclare i liquori di calce/solfuro e per incorporare tecniche per salvare i capelli.

La riduzione dell'inquinamento da cromo può essere ottenuta attraverso misure per aumentare i livelli di cromo che vengono fissati nel bagno di concia e ridurre le quantità che vengono "dissanguinate" nei processi successivi. Altri metodi per ridurre il rilascio di cromo sono attraverso il riciclaggio diretto dei liscivi di cromo usati (che riduce anche la salinità degli effluenti di scarto) e il trattamento dei liscivi contenenti cromo raccolti con alcali per far precipitare il cromo come idrossido, che può quindi essere riciclato. Un'illustrazione di un'operazione comune di recupero del cromo è mostrata in figura 2.

Figura 2. Diagramma di flusso di un impianto comunale per il recupero del cromo

LEA060F2

Dove viene impiegata la concia vegetale, il precondizionamento delle pelli può migliorare la penetrazione e la fissazione delle pelli e contribuire a diminuire le concentrazioni di tannino negli effluenti. Altri agenti concianti come il titanio sono stati usati come sostituti del cromo per produrre sali di tossicità generalmente inferiore e per generare fanghi inerti e più sicuri da maneggiare.

 

Di ritorno

Leggi 6823 volte Ultima modifica Lunedì 05 Settembre 2011 23:05

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti in pelle, pelliccia e calzature

Abrams, H e P Warr. 1951. Malattie professionali trasmesse attraverso il contatto con animali e prodotti di origine animale. Ind Med Chirurgia 20:341-351.

Acheson, E. 1972. Adenocarcinoma della cavità nasale e dei seni in Inghilterra e Galles. Br J Ind Med 29:21-30.

—. 1976. Cancro nasale nell'industria del mobile e della produzione di stivali e calzature. Prevenire Med 5:295-315.

Askoy, M e S Erdem. 1978. Studio di follow-up sulla mortalità e lo sviluppo della leucemia in 44 pazienti pancitopenici con esposizione cronica al benzene. Sangue 52:285-292.

Askoy, M, S Erdem e G DinCol. 1974. Leucemia in calzolai esposti cronicamente al benzene. Sangue 44:837-841.

—. 1976. Tipi di leucemia nell'avvelenamento cronico da benzene. Uno studio su trentaquattro pazienti. Acta Haematol 55:65-72.

Battista, G, P Comba, D Orsi, K Norpoth, A Maier. 1995. Cancro nasale nei lavoratori della pelle: una malattia professionale. J Cancer Res Clin Oncol 121:1-6.

Bonassi, S, F Merlo, R Puntoni, F Ferraris, G Bottura. 1990. Epidemie di tumori polmonari in una conceria biellese. Epidemiolo Ap 12:25-30.

Ufficio di statistica del lavoro (BLS). 1995. Indagine sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie, 1994. Washington, DC: BLS.

Calvert, G, J Fajen, B Hills e W Halperin. 1990. Cancro ai testicoli, dimetilformammide e concerie di cuoio. Lancetta 336:1253-1254.

Cecchi, F, E Buiatti, D Kriebel, L Nastasi, M Santucci. 1980. Adenocarcinoma del naso e dei seni paranasali in calzolai e falegnami della provincia di Firenze, Italia. Br J Ind Med 37:222-226.

Chen, J. 1990. Uno studio di coorte sull'esperienza del cancro tra i lavoratori esposti a coloranti derivati ​​dalla benzidina nell'industria conciaria di Shanghai (Cina). Chin J Prev Med 24:328-331.

Comba, P, G Battista, S Bell, B de Capus, E Merler, D Orsi, S Rodella, C Vindieni e O Axelson. 1992. Uno studio caso-controllo sul cancro del naso e dei seni paranasali e sulle esposizioni professionali. Am J Ind Med 22:511-520.

DeCoufle, P e J Walrath. 1983. Mortalità proporzionale tra i calzolai statunitensi, 1966-1972. Am J Ind Med 4:523-532.

—. 1987. Cancro nasale nell'industria calzaturiera statunitense: esiste? Am J Ind Med 12:605-613.

Erdling, C, H Kling, U Flodin, e O Axelson. 1986. Mortalità per cancro tra i conciatori di pelli. Br J Ind Med 43:484-496.

Fu, H, P Demers, A Costantini, P Winter, D Colin, M Kogevinas e P Boffetta. 1996. Mortalità per cancro tra i lavoratori della produzione di scarpe: un'analisi di due coorti. Occup Environ Med 53:394-398.

Garabrant, D e D Wegman. 1984. Mortalità per cancro tra i lavoratori di calzature e pelletteria nel Massachusetts. Am J Ind Med 5:303-314.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1981. Legno, pelle e alcune industrie associate. vol. 28. Lione: IARC.

—. 1982. Alcuni prodotti chimici industriali e coloranti. vol. 29. Lione: IARC.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1992. Occupazione e condizioni di lavoro e competitività nell'industria del cuoio e delle calzature, Rapporto II, Quarta riunione tecnica tripartita per l'industria del cuoio e delle calzature, Programma di attività settoriali. Ginevra: OIL.

Kallenberger, W. 1978. Uno studio sui lieviti nella concia e lavorazione al cromo. J Am Leather Chem Assoc 73:6-21.

Levin, S, D Baker, P Landrigan, S Monaghan, E Frumin, M Braithwaite e W Towne. 1987. Cancro ai testicoli in conciatori di pelle esposti a dimetilformamide. Lancetta 2:1153.

Malker, H, B Malker, J McLaughin e W Blot. 1984. Cancro al rene tra i lavoratori della pelle. Lancetta 1:50.

Martignone, G. 1964. Trattato di Pratica Conciaria. Torino: Levrotto e Bella.

Merler, E, A Baldesseroni, R Laria, P Faravelli, R Agostini, R Pisa, and F Berrino. 1986. Sull'associazione causale tra l'esposizione alla polvere di cuoio e il cancro nasale: ulteriori prove da uno studio caso-controllo. Br J Ind Med 43:91-95.

Mikoczy, Z, A Schutz e L Hagmar. 1994. Incidenza e mortalità per cancro tra i conciatori di pelli svedesi. Occup Environ Med 51:530-535.

Mikoczy, Z, A Schutz, U Stromberg e L Hagmar. 1996. Incidenza del cancro ed esposizioni professionali specifiche nell'industria conciaria svedese: uno studio caso-controllo basato su una coorte. Occup Environ Med 53:463-467.

Morrison, A, A Ahibom, W Verhock, K Aoli, I Leck, Y Ohno e K Obata. 1985. Cancro professionale e della vescica a Boston, USA, Manchester, Regno Unito e Nagoya, Giappone. Giornale giapponese di epidemiologia e salute comunitaria 39: 294-300.

Ufficio di gestione e bilancio (OMB). 1987. Manuale di classificazione industriale standard. Washington, DC: oggetto Criteri di gruppo degli Stati Uniti.

Paci, E, E Buiatti, A Costantini, L Miligi, N Puci, A Scarpelli, G Petrioli, L Simonato, R Winkelmann, and J Kaldor. 1989. Anemia aplastica, leucemia e altra mortalità per cancro in una coorte di calzaturieri esposti al benzene. Scand J Ambiente di lavoro Salute 15:313-318.

Pippard, E ed E Acheson. 1985. La mortalità di calzolai e calzolai, con particolare riferimento al cancro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:249-255.

Seniori, C, E Merler, R Saracci. 1990. Studi epidemiologici sul rischio di tumori occupazionali nei settori conciario, pellettiero e calzaturiero. Medicina del Lavaro 81:184-211.

Seniori, Do, Mi Paci, I Miligi, Mi Buiatti, Do Martelli, Do Lenzi. 1989. Mortalità per cancro tra i lavoratori dell'industria conciaria toscana. Br J Ind Med 46:384-388.

Stern, FB, JJ Beaumont, WE Halperin, LI Murphy, BW Hills e JM Fajen. 1987. Mortalità dei lavoratori delle concerie di pelle al cromo ed esposizioni chimiche nelle concerie. Scand J Ambiente di lavoro Salute 13:108-117.

Stevens, C. 1979. Valutazione dei problemi cutanei di origine professionale. Occupare Salute Sicurezza 48(18):39-43.

Sweeney, M, J Walrath e R Waxweiler. 1985. Mortalità tra i lavoratori di pellicce in pensione: tintori, vestiti (conciatori) e addetti ai servizi. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:257-264.

Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP). 1991. Concerie e ambiente. Una guida tecnica per ridurre l'impatto ambientale delle operazioni di conceria. Ufficio Industria e Ambiente. Rapporto tecnico serie n. 4. Parigi: UNEP.

Valsecchi, M e A Fiorio. 1978. Ciclo operativo dell'industria conciaria e relativi rischi. Titoli 63:132-144.

Walker, J, T Bloom, F Stern, A Okun, M Fingerhut e W Halperin. 1993. Mortalità dei lavoratori impiegati nella produzione di calzature. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:89-95.

Walrath, J, P DeCoufle, e T Thomas. 1987. Mortalità tra i lavoratori di un'azienda calzaturiera. Am J Ind Med 12:615-623.