Giovedi, 24 febbraio 2011 16: 51

Protezione anticaduta per la categoria dei trasporti Fabbricazione e manutenzione di aeromobili

Vota questo gioco
(0 voti )

Gli aeromobili della categoria trasporto sono utilizzati per il trasporto di passeggeri e merci nel settore delle compagnie aeree commerciali/trasporto aereo. Sia il processo di produzione che quello di manutenzione comportano operazioni che rimuovono, fabbricano, alterano e/o installano componenti in tutto l'aeromobile stesso. Questi velivoli variano in dimensioni, ma alcuni (ad esempio, Boeing 747, Airbus A340) sono tra i più grandi aerei del mondo. A causa delle dimensioni dell'aeromobile, alcune operazioni richiedono che il personale lavori sopra il pavimento o la superficie del suolo.

Ci sono molte potenziali situazioni di caduta all'interno delle operazioni di produzione e manutenzione degli aeromobili in tutto il settore del trasporto aereo. Mentre ogni situazione è unica e può richiedere una soluzione diversa per la protezione, il metodo preferito di protezione anticaduta è prevenzione cade attraverso un piano aggressivo per l'identificazione e il controllo dei pericoli.

Un'efficace protezione anticaduta implica un impegno istituzionale che affronti ogni aspetto dell'identificazione e del controllo dei pericoli. Ogni operatore deve valutare continuamente il proprio funzionamento per specifiche esposizioni di caduta e sviluppare un piano di protezione sufficientemente completo da affrontare ogni esposizione durante l'intera operazione. 

Pericoli di caduta

 Ogni volta che un individuo è elevato, ha il potenziale per scendere a un livello inferiore. Le cadute dall'alto spesso provocano lesioni gravi o mortali. Per questo motivo, sono stati sviluppati regolamenti, standard e politiche per assistere le aziende nell'affrontare i rischi di caduta durante le loro operazioni.

Un'esposizione al rischio di caduta consiste in qualsiasi situazione in cui un individuo sta lavorando da una superficie elevata in cui tale superficie si trova diversi piedi sopra il livello successivo. La valutazione dell'operazione per queste esposizioni comporta l'identificazione di tutte le aree o attività in cui è possibile che le persone siano esposte a superfici di lavoro elevate. Una buona fonte di informazioni sono i registri degli infortuni e delle malattie (statistiche sul lavoro, registri assicurativi, registri sulla sicurezza, cartelle cliniche e così via); tuttavia, è importante guardare oltre gli eventi storici. Ogni area di lavoro o processo deve essere valutato per determinare se ci sono casi in cui il processo o l'attività richiede all'individuo di lavorare da una superficie o un'area elevata di diversi piedi sopra la successiva superficie inferiore.

 Categorizzazione della situazione di caduta

 Praticamente qualsiasi attività di produzione o manutenzione eseguita su uno di questi velivoli può potenzialmente esporre il personale a rischi di caduta a causa delle dimensioni del velivolo. Questi velivoli sono così grandi che praticamente ogni area dell'intero velivolo si trova a diversi piedi dal livello del suolo. Sebbene ciò fornisca molte situazioni specifiche in cui il personale potrebbe essere esposto a rischi di caduta, tutte le situazioni possono essere classificate come entrambe lavorare dalle piattaforme or lavoro dalle superfici degli aerei. La divisione tra queste due categorie ha origine dai fattori coinvolti nell'affrontare le esposizioni stesse.

La categoria di lavoro da piattaforme coinvolge il personale che utilizza una piattaforma o un supporto per accedere all'aeromobile. Include qualsiasi lavoro eseguito da una superficie non aeronautica utilizzata specificamente per accedere all'aeromobile. I compiti svolti dai sistemi di attracco degli aerei, dalle piattaforme alari, dai supporti motore, dai carrelli elevatori e così via rientrerebbero tutti in questa categoria. Le potenziali esposizioni alle cadute da superfici in questa categoria possono essere affrontate con i tradizionali sistemi di protezione anticaduta o una varietà di linee guida attualmente esistenti.

La categoria lavori da superfici aeronautiche prevede che il personale utilizzi la superficie aeronautica stessa come piattaforma di accesso. Include qualsiasi lavoro eseguito da una superficie reale dell'aeromobile come ali, stabilizzatori orizzontali, fusoliere, motori e piloni dei motori. Le potenziali esposizioni alle cadute da superfici in questa categoria sono molto diverse a seconda dell'attività di manutenzione specifica e talvolta richiedono approcci non convenzionali per la protezione.

La ragione della distinzione tra queste due categorie diventa chiara quando si tenta di attuare misure di protezione. Le misure protettive sono quelle misure che vengono prese per eliminare o controllare ogni esposizione alla caduta. I metodi per controllare i rischi di caduta possono essere controlli tecnici, dispositivi di protezione individuale (DPI) o controlli procedurali.

 Controlli di ingegneria

 I controlli ingegneristici sono quelle misure che consistono in alterare l'impianto in modo tale da ridurre al minimo l'esposizione dell'individuo. Alcuni esempi di controlli tecnici sono ringhiere, muri o ricostruzioni di aree simili. I controlli tecnici sono il metodo preferito per proteggere il personale dalle esposizioni alle cadute.

I controlli ingegneristici sono la misura più comune impiegata per le piattaforme sia nella produzione che nella manutenzione. Di solito sono costituiti da ringhiere standard; tuttavia, qualsiasi barriera su tutti i lati aperti di una piattaforma protegge efficacemente il personale dall'esposizione alla caduta. Se la piattaforma fosse posizionata proprio accanto all'aeromobile, come è comune, il lato accanto all'aeromobile non avrebbe bisogno di binari, in quanto la protezione è fornita dall'aeromobile stesso. Le esposizioni da gestire sono quindi limitate ai gap tra la piattaforma e l'aeromobile.

I controlli tecnici di solito non si trovano nella manutenzione dalle superfici degli aeromobili, poiché qualsiasi controllo tecnico progettato nell'aereo aggiunge peso e diminuisce l'efficienza dell'aereo durante il volo. I controlli stessi si rivelano inefficienti quando progettati per proteggere il perimetro della superficie di un aeromobile, poiché devono essere specifici per il tipo, l'area e l'ubicazione dell'aeromobile e devono essere posizionati senza causare danni all'aeromobile.

La figura 1 mostra un sistema ferroviario portatile per l'ala di un aereo. I controlli ingegneristici sono ampiamente utilizzati durante i processi di produzione dalle superfici degli aeromobili. Sono efficaci durante la produzione perché i processi si verificano nella stessa posizione con la superficie dell'aeromobile nella stessa posizione ogni volta, quindi i controlli possono essere personalizzati in quella posizione e posizione.

Un'alternativa alle ringhiere per i controlli tecnici prevede la rete posizionata attorno alla piattaforma o alla superficie dell'aereo per catturare le persone quando cadono. Questi sono efficaci nell'arrestare la caduta di qualcuno ma non sono preferiti, poiché le persone potrebbero ferirsi durante l'impatto con la rete stessa. Questi sistemi richiedono anche una formale procedura di soccorso/recupero del personale una volta caduto nelle reti.

Figura 1. Sistema ferroviario portatile Boeing 747; un sistema di guardrail a due lati si attacca al lato del corpo dell'aeromobile, fornendo protezione anticaduta durante i lavori sulla porta sopra l'ala e sull'area del tetto dell'ala.

AIA030F5

Per gentile concessione di The Boeing Company

Equipaggiamento per la protezione personale

I DPI per le cadute sono costituiti da un'imbracatura completa con un cordino fissato a una linea di vita o ad altro ancoraggio idoneo. Questi sistemi sono tipicamente utilizzati per l'arresto della caduta; tuttavia, possono essere utilizzati anche in un sistema anticaduta.

Utilizzati in un sistema di arresto caduta personale (PFAS), i DPI possono essere un mezzo efficace per impedire a un individuo di urtare il livello immediatamente inferiore durante una caduta. Per essere efficace, la distanza di caduta prevista non deve superare la distanza dal livello inferiore. È importante notare che con un tale sistema l'individuo può ancora subire lesioni a seguito dell'arresto della caduta stesso. Questi sistemi richiedono anche una procedura formale per il salvataggio/recupero del personale una volta caduto e arrestato.

I PFAS vengono utilizzati con il lavoro dalle piattaforme più spesso quando i controlli tecnici non sono funzionali, solitamente a causa della limitazione del processo di lavoro. Sono anche utilizzati con il lavoro dalle superfici degli aerei a causa delle difficoltà logistiche associate ai controlli ingegneristici. Gli aspetti più impegnativi dei PFAS e del lavoro in superficie degli aeromobili sono la distanza di caduta rispetto alla mobilità del personale e il peso aggiunto alla struttura dell'aeromobile per supportare il sistema. Il problema del peso può essere eliminato progettando il sistema da collegare alla struttura attorno alla superficie dell'aeromobile, piuttosto che alla struttura dell'aeromobile; tuttavia, ciò limita anche la capacità di protezione anticaduta a quell'unica posizione della struttura. La Figura 2 mostra un portale portatile utilizzato per fornire un PFAS. I PFAS sono utilizzati più ampiamente nelle operazioni di manutenzione rispetto alla produzione, ma vengono utilizzati durante determinate situazioni di produzione.

Figura 2. Cavalletto del motore che fornisce protezione anticaduta per il lavoratore del motore dell'aeromobile.

AIA030F1

Per gentile concessione di The Boeing Company

Un sistema di ritenuta anticaduta (FRS) è un sistema progettato in modo tale da impedire all'individuo di cadere oltre il bordo. Gli FRS sono molto simili ai PFAS in quanto tutti i componenti sono gli stessi; tuttavia, gli FRS limitano il raggio di movimento dell'individuo in modo tale che l'individuo non possa avvicinarsi abbastanza al bordo della superficie per cadere. Gli FRS sono l'evoluzione preferita dei sistemi DPI sia per le operazioni di produzione che di manutenzione, perché prevengono qualsiasi lesione correlata alla caduta e eliminano la necessità di un processo di salvataggio. Non sono ampiamente utilizzati né nel lavoro dalle piattaforme né dalle superfici degli aeromobili, a causa delle sfide poste dalla progettazione del sistema in modo che il personale abbia la mobilità necessaria per eseguire il processo di lavoro, ma non sia in grado di raggiungere il bordo della superficie. Questi sistemi riducono il problema di peso/efficienza con il lavoro dalle superfici degli aeromobili, poiché gli FRS non richiedono la forza richiesta da un PFAS. Al momento della stampa, solo un tipo di aeromobile (il Boeing 747) disponeva di un FRS basato sulla cellula. Vedi figura 3 e figura 4.

 Figura 3. Sistema di cordino alare del Boeing 747.

AIA030F3

Per gentile concessione di The Boeing Company

Figura 4. Zone di protezione anticaduta del sistema di cordino alare del Boeing 747.

AIA030F4

 Per gentile concessione di The Boeing Company

Una linea di vita orizzontale si attacca ai raccordi permanenti sulla superficie dell'ala, creando sei zone di protezione anticaduta. I dipendenti collegano un cordino da 1.5 m agli anelli a D o alle estensioni della cinghia che scorrono lungo la linea di vita orizzontale nelle zone da i a iv e sono fissati nelle zone v e vi. Il sistema consente l'accesso solo al bordo dell'ala, prevenendo la possibilità di caduta dalla superficie dell'ala.

Controlli procedurali

 I controlli procedurali vengono utilizzati quando sia i controlli tecnici che i DPI sono inefficaci o poco pratici. Questo è il metodo di protezione meno preferito, ma è efficace se gestito correttamente. I controlli procedurali consistono nel designare la superficie di lavoro come un'area ristretta solo per le persone a cui è richiesto l'accesso durante quello specifico processo di manutenzione. La protezione anticaduta si ottiene attraverso procedure scritte molto aggressive che coprono l'identificazione dell'esposizione al pericolo, la comunicazione e le azioni individuali. Queste procedure mitigano l'esposizione nel miglior modo possibile in base alle circostanze della situazione. Devono essere specifici del sito e devono affrontare i rischi specifici di tale situazione. Questi sono usati molto raramente per lavori da piattaforme sia nella produzione che nella manutenzione, ma sono usati per lavori di manutenzione dalle superfici degli aerei.

 

Di ritorno

Leggi 7568 volte Ultima modifica sabato 18 giugno 2022 00:39

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti di produzione e manutenzione aerospaziale

Associazione delle industrie aerospaziali (AIA). 1995. Operazioni di produzione di materiali compositi avanzati, osservazioni e raccomandazioni sulle pratiche di sicurezza e salute, a cura di G. Rountree. Richmond, BC: AIA.

Donoghue, JA. 1994. Allarme smog. Mondo del trasporto aereo 31(9):18.

Dunphy, BE e WS George. 1983. Industria aeronautica e aerospaziale. In Encyclopaedia of Occupational Health and Safety, 3a edizione. Ginevra: OIL.

Organizzazione dell'aviazione civile internazionale (ICAO). 1981. Standard internazionali e pratiche raccomandate: protezione ambientale. Allegato 16 alla Convenzione sull'aviazione civile internazionale, volume II. Montréal: ICAO.