Mercoledì, marzo 09 2011 19: 35

Rischi per la salute e la sicurezza nel settore edile

Vota questo gioco
(26 voti )

Gli operai edili costruiscono, riparano, mantengono, rinnovano, modificano e demoliscono case, edifici per uffici, templi, fabbriche, ospedali, strade, ponti, tunnel, stadi, moli, aeroporti e altro ancora. L'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) classifica l'industria delle costruzioni come imprese governative e del settore privato che erigono edifici per abitazioni o per scopi commerciali e lavori pubblici come strade, ponti, tunnel, dighe o aeroporti. Negli Stati Uniti e in alcuni altri paesi, i lavoratori edili puliscono anche i siti di rifiuti pericolosi.

L'edilizia in proporzione al prodotto interno lordo varia ampiamente nei paesi industrializzati. È circa il 4% del PIL negli Stati Uniti, il 6.5% in Germania e il 17% in Giappone. Nella maggior parte dei paesi, i datori di lavoro hanno relativamente pochi dipendenti a tempo pieno. Molte aziende sono specializzate in lavori qualificati, ad esempio elettricità, idraulica o posa di piastrelle, e lavorano come subappaltatori.

La forza lavoro edile

Gran parte dei lavoratori edili sono manovali non qualificati; altri sono classificati in uno qualsiasi dei numerosi mestieri qualificati (vedi tabella 1). I lavoratori edili comprendono circa il 5-10% della forza lavoro nei paesi industrializzati. In tutto il mondo, oltre il 90% dei lavoratori edili è di sesso maschile. In alcuni paesi in via di sviluppo, la percentuale di donne è più elevata e tendono a concentrarsi in occupazioni non qualificate. In alcuni paesi, il lavoro è lasciato ai lavoratori migranti e in altri l'industria fornisce un impiego relativamente ben retribuito e una via per la sicurezza finanziaria. Per molti, il lavoro di costruzione non qualificato è l'ingresso nella forza lavoro retribuita nell'edilizia o in altri settori.

 


Tabella 1. Professioni edilizie selezionate.
Boilermakers
Muratori, rifinitori di calcestruzzo e muratori
Falegnami
Elettricisti
Costruttori di ascensori
Vetrai
Addetti alla rimozione di materiali pericolosi (es. amianto, piombo, discariche tossiche).
Installatori di pavimenti (incluso terrazzo), moquette
Installatori di cartongesso e controsoffitti (compresi i controsoffitti)
Lavoratori dell'isolamento (meccanici e pavimenti, soffitti e pareti)
Lavoratori siderurgici (rinforzi e strutturali)
Lavoratori
Addetti alla manutenzione
Millwrights
Ingegneri operativi (autisti di gru e altri addetti alla manutenzione di attrezzature pesanti)
Imbianchini, stuccatori e tappezzieri
Idraulici e tubisti
Copritetti e tegole
Lavoratori della lamiera
Lavoratori in galleria

Organizzazione del lavoro e instabilità del lavoro

I progetti di costruzione, soprattutto quelli di grandi dimensioni, sono complessi e dinamici. Diversi datori di lavoro possono lavorare contemporaneamente su un sito, con il mix di appaltatori che cambia con le fasi del progetto; ad esempio, l'appaltatore generale è sempre presente, prima gli appaltatori di scavi, poi i falegnami, gli elettricisti e gli idraulici, seguiti dai finitori di pavimenti, imbianchini e paesaggisti. E man mano che il lavoro si sviluppa, ad esempio quando vengono eretti i muri di un edificio, quando il tempo cambia o quando avanza un tunnel, anche le condizioni ambientali come la ventilazione e la temperatura cambiano.

I lavoratori edili in genere vengono assunti da un progetto all'altro e possono trascorrere solo poche settimane o mesi in ciascun progetto. Ci sono conseguenze sia per i lavoratori che per i progetti di lavoro. I lavoratori devono instaurare e riallacciare rapporti di lavoro produttivi e sicuri con altri lavoratori che potrebbero non conoscere e ciò può influire sulla sicurezza sul luogo di lavoro. E nel corso dell'anno, i lavoratori edili possono avere diversi datori di lavoro e meno della piena occupazione. Potrebbero lavorare in media solo 1,500 ore all'anno, mentre i lavoratori nel settore manifatturiero, ad esempio, hanno maggiori probabilità di lavorare regolarmente 40 ore settimanali e 2,000 ore all'anno. Per compensare il tempo morto, molti lavoratori edili hanno altri lavori - e l'esposizione ad altri rischi per la salute o la sicurezza - al di fuori della costruzione.

Per un particolare progetto, vi è un frequente cambiamento nel numero di lavoratori e nella composizione della forza lavoro in ogni sito. Questo cambiamento deriva sia dalla necessità di diversi mestieri qualificati nelle diverse fasi di un progetto di lavoro sia dall'elevato turnover dei lavoratori edili, in particolare dei lavoratori non qualificati. In qualsiasi momento, un progetto può includere un'ampia percentuale di lavoratori inesperti, temporanei e transitori che potrebbero non parlare correntemente la lingua comune. Sebbene i lavori di costruzione spesso debbano essere svolti in team, è difficile sviluppare un lavoro di squadra efficace e sicuro in tali condizioni.

Come la forza lavoro, l'universo delle imprese edili è caratterizzato da un elevato turnover ed è costituito principalmente da piccole imprese. Degli 1.9 milioni di imprenditori edili negli Stati Uniti identificati dal censimento del 1990, solo il 28% aveva in qualsiasi dipendenti a tempo pieno. Solo 136,000 (7%) avevano 10 o più dipendenti. Il grado di partecipazione degli appaltatori alle organizzazioni commerciali varia a seconda del paese. Negli Stati Uniti partecipa solo il 10-15% circa degli appaltatori; in alcuni Paesi europei questa percentuale è più elevata ma coinvolge comunque meno della metà delle imprese appaltatrici. Ciò rende difficile identificare gli appaltatori e informarli dei loro diritti e responsabilità in materia di salute e sicurezza pertinenti o di qualsiasi altra legislazione o regolamento.

Come in alcuni altri settori, una percentuale crescente di appaltatori negli Stati Uniti e in Europa è costituita da singoli lavoratori assunti come appaltatori indipendenti da appaltatori principali o subappaltatori che impiegano lavoratori. Di norma, un appaltatore dipendente non fornisce ai subappaltatori prestazioni sanitarie, copertura degli indennizzi dei lavoratori, assicurazione contro la disoccupazione, prestazioni pensionistiche o altri benefici. Né gli appaltatori principali hanno alcun obbligo nei confronti dei subappaltatori ai sensi delle normative in materia di salute e sicurezza; questi regolamenti regolano i diritti e le responsabilità che si applicano ai propri dipendenti. Questa disposizione offre una certa indipendenza alle persone che stipulano un contratto per i loro servizi, ma a costo di rimuovere un'ampia gamma di vantaggi. Solleva inoltre gli appaltatori dall'obbligo di fornire benefici obbligatori alle persone che sono appaltatori. Questo accordo privato sovverte l'ordine pubblico ed è stato contestato con successo in tribunale, tuttavia persiste e può diventare un problema maggiore per la salute e la sicurezza dei lavoratori sul posto di lavoro, indipendentemente dal loro rapporto di lavoro. Il Bureau of Labor Statistics (BLS) degli Stati Uniti stima che il 9% della forza lavoro statunitense sia un lavoratore autonomo, ma nel settore edile ben il 25% dei lavoratori sono lavoratori autonomi indipendenti.

Rischi per la salute nei cantieri

I lavoratori edili sono esposti a un'ampia varietà di rischi per la salute durante il lavoro. L'esposizione varia da mestiere a mestiere, da lavoro a lavoro, di giorno in giorno, anche di ora in ora. L'esposizione a qualsiasi pericolo è tipicamente intermittente e di breve durata, ma è probabile che si ripeta. Un lavoratore può non solo incontrare il pericoli primari del proprio lavoro, ma può anche essere esposto come a spettatore ai pericoli prodotti da chi opera nelle vicinanze o controvento. Questo modello di esposizione è una conseguenza dell'avere molti datori di lavoro con lavori di durata relativamente breve e che lavorano a fianco di lavoratori in altri mestieri che generano altri pericoli. La gravità di ogni pericolo dipende dalla concentrazione e dalla durata dell'esposizione per quel particolare lavoro. Le esposizioni degli astanti possono essere approssimate se si conosce il mestiere dei lavoratori nelle vicinanze. I rischi presenti per i lavoratori in particolari mestieri sono elencati nella tabella 2.

 


Tabella 2. Pericoli primari incontrati nelle attività di costruzione qualificate. 

 

Ogni attività commerciale è elencata di seguito con l'indicazione dei principali rischi a cui potrebbe essere esposto un lavoratore in tale attività. L'esposizione può verificarsi nei confronti dei supervisori o dei salariati. I pericoli comuni a quasi tutte le costruzioni (calore, fattori di rischio per disturbi muscoloscheletrici e stress) non sono elencati.

Le classificazioni dei mestieri di costruzione utilizzate qui sono quelle utilizzate negli Stati Uniti. Include i mestieri di costruzione classificati nel sistema di classificazione occupazionale standard sviluppato dal Dipartimento del commercio degli Stati Uniti. Questo sistema classifica i mestieri in base alle principali competenze inerenti al mestiere.

Occupazioni

Pericoli

Muratori

Dermatite da cemento, posture scomode, carichi pesanti

scalpellini

Dermatite da cemento, posture scomode, carichi pesanti

Incastonatori di piastrelle dure

Vapore da agenti leganti, dermatiti, posture scorrette

Falegnami

Polvere di legno, carichi pesanti, movimento ripetitivo

Installatori di cartongesso

Polvere di gesso, trampoli, carichi pesanti, posture scomode

Elettricisti

Metalli pesanti nei fumi di saldatura, postura scomoda, carichi pesanti, polvere di amianto

Installatori e riparatori di energia elettrica

Metalli pesanti nei fumi di saldatura, carichi pesanti, polvere di amianto

Imbianchini

Vapori di solventi, metalli tossici nei pigmenti, additivi per vernici

Appendini

Vapori di colla, posture impacciate

intonacatori

Dermatiti, posture scomode

Idraulici

Fumi e particelle di piombo, fumi di saldatura

pipefitters

Fumi e particelle di piombo, fumi di saldatura, polvere di amianto

Montatori di vapore

Fumi di saldatura, polvere di amianto

Strati di moquette

Traumi al ginocchio, posture scomode, colla e vapori di colla

Installatori di piastrelle morbide

Agenti leganti

Finitori per cemento e terrazzo

Posture scomode

Vetrai

Posture scomode

Lavoratori dell'isolamento

Amianto, fibre sintetiche, posture scorrette

Operatori di attrezzature per pavimentazioni, pavimentazioni e rincalzature

Emissioni di asfalto, scarichi di motori a benzina e diesel, calore

Operatori di attrezzature per la posa di binari e binari

Polvere di silice, calore

Roofers

Catrame per tetti, calore, lavori in quota

Installatori di condotti in lamiera

Posture scomode, carichi pesanti, rumore

Installatori di carpenteria metallica

Posture scomode, carichi pesanti, lavoro in quota

Saldatori

Emissioni di saldatura

Saldatori

Fumi metallici, piombo, cadmio

Perforatori, terra, roccia

Polvere di silice, vibrazione del corpo intero, rumore

Operatori di martelli pneumatici

Rumore, vibrazioni trasmesse al corpo intero, polvere di silice

Operatori di battipalo

Rumore, vibrazione di tutto il corpo

Operatori di paranchi e verricelli

Rumore, olio lubrificante

Operatori di gru e torri

Stress, isolamento

Operatori di macchine di scavo e carico

Polvere di silice, istoplasmosi, vibrazione del corpo intero, stress da calore, rumore

Operatori di grader, dozer e scraper

Polvere di silice, vibrazione del corpo intero, rumore del calore

Lavoratori edili di autostrade e strade

Emissioni di asfalto, calore, gas di scarico del motore diesel

Operatori di attrezzature per autocarri e trattori

Vibrazione di tutto il corpo, scarico del motore diesel

Lavoratori della demolizione

Amianto, piombo, polvere, rumore

Lavoratori di rifiuti pericolosi

Calore, stress

 


 

Rischi di costruzione

Come in altri lavori, i rischi per i lavoratori edili sono tipicamente di quattro classi: chimico, fisico, biologico e sociale.

Rischi chimici

I pericoli chimici sono spesso dispersi nell'aria e possono apparire sotto forma di polveri, fumi, nebbie, vapori o gas; quindi, l'esposizione di solito avviene per inalazione, anche se alcuni pericoli presenti nell'aria possono depositarsi ed essere assorbiti attraverso la pelle intatta (p. es., pesticidi e alcuni solventi organici). I rischi chimici si verificano anche allo stato liquido o semiliquido (ad es. colle o adesivi, catrame) o in polvere (ad es. cemento secco). Il contatto della pelle con sostanze chimiche in questo stato può verificarsi oltre alla possibile inalazione del vapore con conseguente avvelenamento sistemico o dermatite da contatto. Le sostanze chimiche potrebbero anche essere ingerite con cibo o acqua o potrebbero essere inalate fumando.

Diverse malattie sono state collegate ai mestieri di costruzione, tra cui:

  • silicosi tra sabbiatrici, costruttori di gallerie e operatori di perforatrici
  • asbestosi (e altre malattie causate dall'amianto) tra i lavoratori dell'isolamento dell'amianto, gli installatori di tubi del vapore, i lavoratori della demolizione di edifici e altri
  • bronchite tra i saldatori
  • allergie cutanee tra muratori e altri che lavorano con il cemento
  • disturbi neurologici tra pittori e altri esposti a solventi organici e piombo.

 

Tassi di mortalità elevati per cancro del polmone e dell'albero respiratorio sono stati riscontrati tra i lavoratori dell'isolamento dell'amianto, i copritetti, i saldatori e alcuni falegnami. L'avvelenamento da piombo si verifica tra i lavoratori della riabilitazione dei ponti e i pittori, e lo stress da calore (dovuto all'indossare tute protettive per tutto il corpo) tra i lavoratori della pulizia dei rifiuti pericolosi e i conciatetti. Il dito bianco (sindrome di Raynaud) compare tra alcuni operatori di martelli pneumatici e altri lavoratori che usano trapani a vibrazione (p. es., trapani con stoper tra i tunneller).

L'alcolismo e altre malattie correlate all'alcol sono più frequenti del previsto tra i lavoratori edili. Non sono state identificate cause professionali specifiche, ma è possibile che sia correlato allo stress derivante dalla mancanza di controllo sulle prospettive occupazionali, richieste di lavoro pesanti o isolamento sociale dovuto a rapporti di lavoro instabili.

Rischi fisici

I pericoli fisici sono presenti in ogni progetto di costruzione. Questi pericoli includono rumore, caldo e freddo, radiazioni, vibrazioni e pressione barometrica. I lavori di costruzione spesso devono essere eseguiti in condizioni di caldo o freddo estremo, con tempo ventoso, piovoso, nevoso o nebbioso o di notte. Si incontrano radiazioni ionizzanti e non ionizzanti, così come gli estremi della pressione barometrica.

Le macchine che hanno trasformato l'edilizia in un'attività sempre più meccanizzata l'hanno resa anche sempre più rumorosa. Le fonti di rumore sono motori di ogni tipo (ad esempio, su veicoli, compressori d'aria e gru), argani, rivettatrici, pistole sparachiodi, pistole per verniciatura, martelli pneumatici, seghe elettriche, levigatrici, fresatrici, pialle, esplosivi e molti altri. Il rumore è presente nei progetti di demolizione a causa dell'attività stessa di demolizione. Colpisce non solo la persona che aziona una macchina che produce rumore, ma tutte le persone vicine e non solo causa la perdita dell'udito indotta dal rumore, ma maschera anche altri suoni importanti per la comunicazione e per la sicurezza.

Anche i martelli pneumatici, molti utensili manuali e macchine movimento terra e altre macchine mobili di grandi dimensioni sottopongono i lavoratori a vibrazioni segmentali e al corpo intero.

I pericoli del caldo e del freddo sorgono principalmente perché gran parte dei lavori di costruzione viene eseguita mentre si è esposti alle intemperie, la principale fonte di pericoli del caldo e del freddo. I roofer sono esposti al sole, spesso senza protezione, e spesso devono riscaldare pentole di catrame, ricevendo così carichi termici sia radianti che convettivi pesanti oltre al calore metabolico dovuto al lavoro fisico. Gli operatori di attrezzature pesanti possono sedersi accanto a un motore caldo e lavorare in una cabina chiusa con finestre e senza ventilazione. Chi lavora in una cabina aperta senza tetto non ha protezione dal sole. I lavoratori che indossano indumenti protettivi, come quelli necessari per la rimozione di rifiuti pericolosi, possono generare calore metabolico dal duro lavoro fisico e ottenere scarso sollievo poiché possono indossare una tuta ermetica. Anche la carenza di acqua potabile o di ombra contribuisce allo stress da caldo. Gli operai edili lavorano anche in condizioni particolarmente fredde durante l'inverno, con pericolo di congelamento e ipotermia e rischio di scivolare sul ghiaccio.

Le principali fonti di radiazioni ultraviolette (UV) non ionizzanti sono il sole e la saldatura ad arco elettrico. L'esposizione alle radiazioni ionizzanti è meno comune, ma può verificarsi con l'ispezione a raggi X delle saldature, ad esempio, o può verificarsi con strumenti come misuratori di portata che utilizzano isotopi radioattivi. I laser stanno diventando sempre più comuni e possono causare lesioni, soprattutto agli occhi, se il raggio viene intercettato.

Chi lavora sott'acqua o in gallerie pressurizzate, in cassoni o come sommozzatori è esposto ad alta pressione barometrica. Tali lavoratori sono a rischio di sviluppare una varietà di condizioni associate all'alta pressione: malattia da decompressione, narcosi da gas inerte, necrosi ossea asettica e altri disturbi.

Stiramenti e distorsioni sono tra le lesioni più comuni tra i lavoratori edili. Questi e molti disturbi muscoloscheletrici cronicamente invalidanti (come tendiniti, sindrome del tunnel carpale e dolore lombare) si verificano a seguito di lesioni traumatiche, movimenti ripetuti e forzati, posture scorrette o sforzi eccessivi (vedere figura 1). Le cadute dovute a appoggio instabile, buche non protette e scivolamenti da impalcature (vedi figura 2) e scale a pioli sono molto comuni. 

Figura 1. Trasporto senza indumenti da lavoro e dispositivi di protezione adeguati.

CCE010F2

Figura 2. Impalcature pericolose a Kathmandu, Nepal, 1974 

CCE010F1

 Jane Seegal

Rischi biologici

I pericoli biologici sono rappresentati dall'esposizione a microrganismi infettivi, a sostanze tossiche di origine biologica o da attacchi di animali. I lavoratori degli scavi, ad esempio, possono sviluppare l'istoplasmosi, un'infezione del polmone causata da un comune fungo del suolo. Poiché vi è un cambiamento costante nella composizione della forza lavoro in ogni progetto, i singoli lavoratori entrano in contatto con altri lavoratori e, di conseguenza, possono essere infettati da malattie contagiose, ad esempio l'influenza o la tubercolosi. I lavoratori possono anche essere a rischio di malaria, febbre gialla o malattia di Lyme se il lavoro viene svolto in aree in cui sono prevalenti questi organismi e i loro insetti vettori.

Le sostanze tossiche di origine vegetale provengono da edera velenosa, quercia velenosa, sommacco velenoso e ortiche, che possono causare eruzioni cutanee. Alcune polveri di legno sono cancerogene e altre (ad es. cedro rosso occidentale) sono allergeniche.

Gli attacchi da parte di animali sono rari ma possono verificarsi ogni volta che un progetto di costruzione li disturba o invade il loro habitat. Questo potrebbe includere vespe, calabroni, formiche di fuoco, serpenti e molti altri. I lavoratori subacquei possono essere a rischio di attacco di squali o altri pesci.

Rischi sociali

I rischi sociali derivano dall'organizzazione sociale del settore. L'occupazione è intermittente e in continua evoluzione e il controllo su molti aspetti dell'occupazione è limitato perché l'attività di costruzione dipende da molti fattori sui quali i lavoratori edili non hanno alcun controllo, come lo stato dell'economia o il tempo. A causa degli stessi fattori, può esserci un'intensa pressione per diventare più produttivi. Poiché la forza lavoro è in continua evoluzione, e con essa gli orari e il luogo di lavoro, e molti progetti richiedono di vivere in campi di lavoro lontani da casa e dalla famiglia, i lavoratori edili possono non disporre di reti stabili e affidabili di sostegno sociale. Le caratteristiche dei lavori di costruzione come il carico di lavoro pesante, il controllo limitato e il supporto sociale limitato sono gli stessi fattori associati all'aumento dello stress in altri settori. Questi pericoli non sono unici per nessun mestiere, ma sono comuni a tutti i lavoratori edili in un modo o nell'altro.

Valutazione dell'esposizione

La valutazione dell'esposizione primaria o degli astanti richiede la conoscenza delle attività svolte e della composizione degli ingredienti e dei sottoprodotti associati a ciascun lavoro o attività. Questa conoscenza di solito esiste da qualche parte (ad esempio, schede dati sulla sicurezza dei materiali, MSDS) ma potrebbe non essere disponibile sul posto di lavoro. Con la tecnologia informatica e delle comunicazioni in continua evoluzione, è relativamente facile ottenere tali informazioni e renderle disponibili.

Controllo dei rischi professionali

Misurare e valutare l'esposizione ai rischi professionali richiede la considerazione del nuovo modo in cui i lavoratori edili sono esposti. Le misure convenzionali di igiene industriale ei limiti di esposizione si basano su medie ponderate nel tempo di 8 ore. Ma poiché le esposizioni nell'edilizia sono generalmente brevi, intermittenti, varie ma suscettibili di essere ripetute, tali misure e limiti di esposizione non sono così utili come in altri lavori. La misurazione dell'esposizione può essere basata su attività piuttosto che su turni. Con questo approccio, è possibile identificare attività separate e caratterizzare i pericoli per ciascuna. Un'attività è un'attività limitata come la saldatura, la brasatura, la levigatura del muro a secco, la verniciatura, l'installazione di impianti idraulici e così via. Poiché le esposizioni sono caratterizzate per mansioni, dovrebbe essere possibile sviluppare un profilo di esposizione per un singolo lavoratore con conoscenza delle mansioni che ha svolto o a cui era abbastanza vicino per essere esposto. Con l'aumentare della conoscenza dell'esposizione basata sulle attività, è possibile sviluppare controlli basati sulle attività.

L'esposizione varia con la concentrazione del pericolo e la frequenza e la durata del compito. Come approccio generale al controllo dei rischi, è possibile ridurre l'esposizione riducendo la concentrazione o la durata o la frequenza del compito. Poiché l'esposizione nell'edilizia è già intermittente, i controlli amministrativi che si basano sulla riduzione della frequenza o della durata dell'esposizione sono meno pratici che in altri settori. Di conseguenza, il modo più efficace per ridurre l'esposizione è ridurre la concentrazione dei pericoli. Altri aspetti importanti del controllo dell'esposizione includono disposizioni per mangiare e strutture sanitarie e istruzione e formazione.

Diminuzione della concentrazione dell'esposizione

Per ridurre la concentrazione dell'esposizione, è utile considerare la fonte, l'ambiente in cui si verifica un pericolo ei lavoratori che sono esposti. Come regola generale, più i controlli sono vicini a una fonte, più sono efficienti ed efficaci. Tre tipi generali di controlli possono essere utilizzati per ridurre la concentrazione dei rischi professionali. Questi sono, dal più al meno efficaci:

  • controlli ingegneristici alla fonte
  • controlli ambientali che rimuovono il pericolo dall'ambiente
  • protezione personale fornita al lavoratore.

Controlli ingegneristici

I pericoli hanno origine da una fonte. Il modo più efficiente per proteggere i lavoratori dai rischi è cambiare la fonte primaria con una sorta di modifica tecnica. Ad esempio, una sostanza meno pericolosa può essere sostituita con una più pericolosa. Le fibre vetrose sintetiche non respirabili possono sostituire l'amianto e l'acqua può sostituire i solventi organici nelle vernici. Allo stesso modo, gli abrasivi non silicei possono sostituire la sabbia nella sabbiatura abrasiva (nota anche come sabbiatura). Oppure è possibile modificare radicalmente un processo, ad esempio sostituendo i martelli pneumatici con martelli a percussione che generano meno rumore e vibrazioni. Se il taglio o la perforazione generano polveri nocive, particolato o rumore, questi processi potrebbero essere eseguiti mediante taglio a cesoia o punzonatura. I miglioramenti tecnologici stanno riducendo i rischi di alcuni problemi muscoloscheletrici e di altra salute. Molte delle modifiche sono semplici: ad esempio, un cacciavite a due mani con un'impugnatura più lunga aumenta la coppia sull'oggetto e riduce lo stress sui polsi.

Controlli ambientali

I controlli ambientali vengono utilizzati per rimuovere una sostanza pericolosa dall'ambiente, se la sostanza è dispersa nell'aria, o per schermare la fonte, se si tratta di un pericolo fisico. La ventilazione di scarico locale (LEV) può essere utilizzata in un lavoro particolare con un condotto di ventilazione e una cappa per catturare fumi, vapori o polvere. Tuttavia, poiché l'ubicazione delle attività che emettono materiali tossici cambia e poiché la struttura stessa cambia, qualsiasi LEV dovrebbe essere mobile e flessibile per adattarsi a questi cambiamenti. Depolveratori mobili montati su camion con ventole e filtri, fonti di alimentazione indipendenti, condotti flessibili e forniture idriche mobili sono stati utilizzati in molti cantieri per fornire LEV per una varietà di processi pericolosi.

Il metodo semplice ed efficace per controllare l'esposizione a pericoli fisici radianti (rumore, radiazione ultravioletta (UV) da saldatura ad arco, calore radiante a infrarossi (IR) da oggetti caldi) è proteggerli con materiale appropriato. I fogli di compensato schermano le radiazioni IR e UV e il materiale che assorbe e riflette il suono fornirà una certa protezione dalle fonti di rumore.

Le principali fonti di stress da calore sono le condizioni meteorologiche e il duro lavoro fisico. Gli effetti negativi dello stress da caldo possono essere evitati attraverso la riduzione del carico di lavoro, la fornitura di acqua e adeguate pause all'ombra e, possibilmente, il lavoro notturno.

Protezione personale

Quando i controlli tecnici o le modifiche alle pratiche di lavoro non proteggono adeguatamente i lavoratori, i lavoratori potrebbero aver bisogno di utilizzare dispositivi di protezione individuale (DPI) (vedere figura 3). Affinché tale attrezzatura sia efficace, i lavoratori devono essere addestrati al suo utilizzo e l'attrezzatura deve adattarsi correttamente ed essere ispezionata e sottoposta a manutenzione. Inoltre, se altri che si trovano nelle vicinanze possono essere esposti al pericolo, dovrebbero essere protetti o impedire loro di entrare nell'area. 

Figura 3. Operaio edile a Nairobi, in Kenya, senza protezione per i piedi o elmetto

CCE010F3

L'utilizzo di alcuni controlli personali può creare problemi. Ad esempio, i lavoratori edili spesso si esibiscono in squadre e quindi devono comunicare tra loro, ma i respiratori interferiscono con la comunicazione. E l'equipaggiamento protettivo per tutto il corpo può contribuire allo stress da calore perché è pesante e perché il calore corporeo non può dissiparsi.

Avere dispositivi di protezione senza conoscerne i limiti può anche dare ai lavoratori o ai datori di lavoro l'illusione che i lavoratori siano protetti quando, con determinate condizioni di esposizione, non sono protetti. Ad esempio, attualmente non sono disponibili guanti che proteggano per più di 2 ore dal cloruro di metilene, un ingrediente comune negli svernicianti. E ci sono pochi dati sul fatto che i guanti proteggano da miscele di solventi come quelle contenenti sia acetone che toluene o sia metanolo che xilene. Il livello di protezione dipende da come viene utilizzato un guanto. Inoltre, i guanti vengono generalmente testati su una sostanza chimica alla volta e raramente per più di 8 ore.

Ristorazione e servizi igienici

Anche la mancanza di strutture alimentari e sanitarie può portare a un aumento delle esposizioni. Spesso i lavoratori non possono lavarsi prima dei pasti e devono mangiare nella zona di lavoro, il che significa che possono inavvertitamente ingerire sostanze tossiche trasferite dalle loro mani al cibo o alle sigarette. La mancanza di spogliatoi in un luogo di lavoro può comportare il trasporto di contaminanti dal luogo di lavoro all'abitazione del lavoratore.

Infortuni e malattie nell'edilizia

Ferite mortali

Poiché la costruzione coinvolge un'ampia percentuale della forza lavoro, gli incidenti mortali nella costruzione colpiscono anche una vasta popolazione. Ad esempio, negli Stati Uniti, l'edilizia rappresenta dal 5 al 6% della forza lavoro, ma rappresenta il 15% degli incidenti mortali sul lavoro, più di qualsiasi altro settore. Il settore delle costruzioni in Giappone rappresenta il 10% della forza lavoro ma registra il 42% dei decessi correlati al lavoro; in Svezia, i numeri sono rispettivamente del 6% e del 13%.

Gli infortuni mortali più comuni tra i lavoratori edili negli Stati Uniti sono le cadute (30%), gli incidenti di trasporto (26%), il contatto con oggetti o attrezzature (p. es., colpiti da un oggetto o impigliati in macchinari o materiali) (19%) e esposizione a sostanze nocive (18%), la maggior parte delle quali (75%) sono folgorazioni da contatto con cavi elettrici, linee elettriche aeree o macchinari alimentati elettricamente o utensili manuali. Questi quattro tipi di eventi rappresentano quasi tutti (93%) gli infortuni mortali tra i lavoratori edili negli Stati Uniti (Pollack et al. 1996).

Tra i mestieri negli Stati Uniti, il tasso di infortuni mortali è più alto tra i lavoratori dell'acciaio strutturale (118 decessi per 100,000 lavoratori equivalenti a tempo pieno per il periodo 1992-1993 rispetto a un tasso di 17 per 100,000 per altri mestieri messi insieme) e il 70% di lavoratori dell'acciaio strutturale le vittime dei lavoratori erano dovute a cadute. I lavoratori hanno subito il maggior numero di vittime, con un numero medio annuo di circa 200. Complessivamente, il tasso di vittime è stato più alto per i lavoratori di età pari o superiore a 55 anni.

La proporzione di incidenti mortali per evento differiva per ogni commercio. Per i supervisori, le cadute e gli incidenti di trasporto hanno rappresentato circa il 60% di tutti i decessi. Per falegnami, imbianchini, conciatetti e lavoratori delle strutture in acciaio, le cadute erano più comuni, rappresentando rispettivamente il 50, 55, 70 e 69% di tutti gli incidenti mortali per questi mestieri. Per gli ingegneri operativi e gli operatori di macchine da scavo, gli incidenti di trasporto sono stati le cause più comuni, rappresentando rispettivamente il 48 e il 65% dei decessi per tali operazioni. La maggior parte di questi erano associati ad autocarri con cassone ribaltabile. Gli incidenti mortali causati da trincee con inclinazione o puntellatura improprie continuano a essere una delle principali cause di incidenti mortali (McVittie 1995). I rischi principali nei mestieri specializzati sono elencati nella tabella 2.

Uno studio sui lavoratori edili svedesi non ha riscontrato un tasso di mortalità correlato al lavoro complessivo elevato, ma ha rilevato tassi di mortalità elevati per condizioni particolari (vedere tabella 3).

Tabella 3. Occupazioni nel settore edile con tassi di mortalità standardizzata (SMR) e tassi di incidenza standardizzati (SIR) in eccesso per cause selezionate.

Occupazione

SMR significativamente più alti

SIR significativamente più alti

Muratori

-

Tumore peritoneale

Operai concreti

Tutte le cause,* tutti i tumori,* il cancro allo stomaco, la morte violenta,* le cadute accidentali

Tumore al labbro, allo stomaco e alla laringe*a cancro ai polmonib 

Conducenti di gru

Morte violenta*

-

Guidatori

Tutte le cause,* cardiovascolari*

Cancro alle labbra

Isolatori

Tutte le cause,* cancro ai polmoni, pneumoconiosi, morte violenta*

Tumore peritoneale, cancro ai polmoni

Operatori di macchina

Cardiovascolare,* altri incidenti

-

Idraulici

Tutti i tumori,* cancro ai polmoni, pneumoconiosi

Tutti i tumori, tumore pleurico, cancro ai polmoni

Lavoratori della roccia

Tutte le cause,* cardiovascolari,*

-

Lavoratori della lamiera

Tutti i tumori,* cancro ai polmoni, cadute accidentali

Tutti i tumori, cancro ai polmoni

Falegnami/carpentieri

-

Cancro al naso e ai seni nasali

  * I tumori o le cause di morte sono significativamente più alti rispetto a tutti gli altri gruppi professionali messi insieme. La voce “Altri infortuni” include gli infortuni tipici sul lavoro.

a  Il rischio relativo di cancro alla laringe tra i lavoratori del calcestruzzo, rispetto ai carpentieri, è 3 volte superiore.

 b  Il rischio relativo di cancro ai polmoni tra i lavoratori del calcestruzzo, rispetto ai carpentieri, è quasi doppio.

  Fonte: Engholm e Englund 1995.

Lesioni invalidanti o a tempo perso

Negli Stati Uniti e in Canada, le cause più comuni di infortuni da tempo perso sono gli sforzi eccessivi; essere colpiti da un oggetto; scende a un livello inferiore; e scivola, inciampa e cade sullo stesso piano. La categoria più comune di lesioni è rappresentata da stiramenti e distorsioni, alcuni dei quali diventano fonti di dolore cronico e menomazione. Le attività più spesso associate agli infortuni da tempo perso sono la movimentazione e l'installazione manuale dei materiali (ad esempio, l'installazione di muri a secco, tubazioni o condotte di ventilazione). Sono comuni anche le lesioni che si verificano durante il trasporto (p. es., camminare, arrampicarsi, scendere). Alla base di molti di questi infortuni c'è il problema delle pulizie. Molti scivolamenti, inciampi e cadute sono causati dal camminare tra i detriti di costruzione.

Costi di infortuni e malattia

Gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali nell'edilizia sono molto costosi. Le stime per il costo degli infortuni nel settore edile negli Stati Uniti vanno da $ 10 miliardi a $ 40 miliardi all'anno (Meridian Research 1994); a $ 20 miliardi, il costo per operaio edile sarebbe di $ 3,500 all'anno. I premi di retribuzione dei lavoratori per tre mestieri - falegnami, muratori e lavoratori del ferro strutturale - erano in media il 28.6% del libro paga a livello nazionale a metà del 1994 (Powers 1994). Le tariffe premium variano enormemente, a seconda del commercio e della giurisdizione. Il costo medio del premio è parecchie volte superiore a quello della maggior parte dei paesi industrializzati, dove i premi assicurativi per la compensazione dei lavoratori vanno dal 3 al 6% della busta paga. Oltre al risarcimento dei lavoratori, ci sono premi assicurativi di responsabilità civile e altri costi indiretti, tra cui la riduzione dell'efficienza del personale di lavoro, la pulizia (da un crollo o un crollo, ad esempio) o gli straordinari resi necessari da un infortunio. Tali costi indiretti possono essere diverse volte l'indennizzo dei lavoratori.

Gestione per lavori di costruzione sicuri

I programmi di sicurezza efficaci hanno diverse caratteristiche in comune. Sono evidenti in tutte le organizzazioni, dalle più alte cariche di un appaltatore generale a project manager, supervisori, funzionari sindacali e lavoratori sul posto di lavoro. I codici di condotta sono attuati e valutati coscienziosamente. Vengono calcolati i costi di infortunio e malattia e misurata la performance; chi fa bene viene premiato, chi no viene penalizzato. La sicurezza è parte integrante degli appalti e dei subappalti. Tutti, dirigenti, supervisori e lavoratori, ricevono formazione e riqualificazione generali, specifiche per il sito e relative al sito. I lavoratori inesperti ricevono formazione sul posto di lavoro da lavoratori esperti. Nei progetti in cui vengono attuate tali misure, i tassi di infortunio sono notevolmente inferiori rispetto a siti altrimenti comparabili.

Prevenire incidenti e infortuni

Le entità del settore con tassi di infortunio più bassi condividono diverse caratteristiche comuni: hanno una chiara definizione dichiarazione politica che si applica a tutta l'organizzazione, dal top management al sito di progetto. Questa dichiarazione politica fa riferimento a un codice di condotta specifico che descrive, in dettaglio, i pericoli e il loro controllo per le occupazioni e le attività pertinenti in un sito. Le responsabilità sono chiaramente assegnate e gli standard di prestazione sono dichiarati. Il mancato rispetto di questi standard viene indagato e vengono imposte sanzioni appropriate. Il raggiungimento o il superamento degli standard viene premiato. Un sistema contabile viene utilizzato che mostra i costi di ogni infortunio o incidente e i benefici della prevenzione degli infortuni. I dipendenti oi loro rappresentanti sono coinvolti nello stabilire e amministrare un programma di prevenzione degli infortuni. Il coinvolgimento si verifica spesso nella formazione di a comitato misto di lavoro o di gestione dei lavoratori. Gli esami fisici vengono eseguiti per determinare l'idoneità dei lavoratori al dovere e all'assegnazione del lavoro. Questi esami vengono forniti al primo impiego e al ritorno da una disabilità o da un altro licenziamento.

I pericoli sono identificati, analizzati e controllati seguendo le classi di pericolo discusse in altri articoli di questo capitolo. L'intero cantiere viene ispezionato regolarmente ei risultati vengono registrati. L'attrezzatura viene ispezionata per garantirne il funzionamento sicuro (ad esempio, freni sui veicoli, allarmi, guardie e così via). I pericoli di infortunio includono quelli associati ai tipi più comuni di infortuni con perdita di tempo: cadute dall'alto o dallo stesso livello, sollevamento o altre forme di movimentazione manuale di materiali, rischio di folgorazione, rischio di infortunio associato a veicoli autostradali o fuoristrada , crolli di trincee e altri. I rischi per la salute includono particelle sospese nell'aria (come silice, amianto, fibre vetrose sintetiche, particolato diesel), gas e vapori (come monossido di carbonio, vapori di solventi, gas di scarico del motore), pericoli fisici (come rumore, calore, pressione iperbarica) e altri, come lo stress.

Vengono fatti i preparativi per le situazioni di emergenza e le esercitazioni di emergenza vengono condotte secondo necessità. I preparativi includerebbero l'assegnazione delle responsabilità, la fornitura di pronto soccorso e assistenza medica immediata presso il sito, la comunicazione presso il sito e con altri al di fuori del sito (come ambulanze, familiari, uffici domestici e sindacati), il trasporto, la designazione dell'assistenza sanitaria strutture, mettendo in sicurezza e stabilizzando l'ambiente in cui si è verificata l'emergenza, individuando testimoni e documentando gli eventi. Se necessario, la preparazione alle emergenze coprirebbe anche i mezzi di fuga da un pericolo incontrollato come un incendio o un'inondazione.

Incidenti e infortuni vengono indagati e registrati. Lo scopo delle segnalazioni è identificare le cause che avrebbero potuto essere controllate in modo che, in futuro, eventi simili possano essere prevenuti. I rapporti dovrebbero essere organizzati con un sistema di registrazione standardizzato per facilitare meglio l'analisi e la prevenzione. Per facilitare il confronto degli indici infortunistici da una situazione all'altra, è utile identificare la popolazione di riferimento dei lavoratori all'interno dei quali si è verificato un infortunio e le loro ore lavorate, al fine di calcolare un indice infortunistico (ovvero il numero di infortuni per ora lavorata o il numero di ore lavorate tra gli infortuni).

I lavoratori e i supervisori ricevono formazione e istruzione in materia di sicurezza. Questa formazione consiste nell'insegnamento dei principi generali di sicurezza e salute, è integrata nella formazione delle mansioni, è specifica per ogni luogo di lavoro e copre le procedure da seguire in caso di incidente o infortunio. L'istruzione e la formazione dei lavoratori e dei supervisori è una parte essenziale di qualsiasi sforzo per prevenire infortuni e malattie. La formazione sulle pratiche e procedure di lavoro sicure è stata fornita in molti paesi da alcune aziende e sindacati. Queste procedure includono il blocco e l'etichettatura delle fonti di energia elettrica durante le procedure di manutenzione, l'uso di cordini durante i lavori in quota, il puntellamento di trincee, la fornitura di superfici di calpestio sicure e così via. È anche importante fornire una formazione specifica per il sito, che copra le caratteristiche uniche del luogo di lavoro come i mezzi di entrata e uscita. La formazione dovrebbe includere istruzioni sulle sostanze pericolose. La performance o la formazione pratica, che dimostri di conoscere pratiche sicure, è molto meglio per instillare un comportamento sicuro rispetto all'istruzione in aula e all'esame scritto.

Negli Stati Uniti, la formazione su determinate sostanze pericolose è obbligatoria per legge federale. La stessa preoccupazione in Germania ha portato allo sviluppo del Gefahrstoff-Informationssystem der Berufsgenossenschaften der Bauwirtschaft, o GISBAU, programma. GISBAU collabora con i produttori per determinare il contenuto di tutte le sostanze utilizzate nei cantieri. Altrettanto importante, il programma fornisce le informazioni in una forma adatta alle diverse esigenze del personale sanitario, dei dirigenti e dei lavoratori. Le informazioni sono disponibili attraverso programmi di formazione, in formato cartaceo e sui terminali di computer nei luoghi di lavoro. GISBAU fornisce consigli su come sostituire alcune sostanze pericolose e spiega come maneggiarne altre in sicurezza. (Vedi il cap Uso, stoccaggio e trasporto di prodotti chimici.)

Informazioni sui rischi chimici, fisici e altri rischi per la salute è disponibile presso il luogo di lavoro nelle lingue utilizzate dai lavoratori. Se i lavoratori devono lavorare in modo intelligente sul posto di lavoro, dovrebbero disporre delle informazioni necessarie per decidere cosa fare in situazioni specifiche.

Ed infine, i contratti tra appaltatori e subappaltatori dovrebbero includere caratteristiche di sicurezza. Le disposizioni potrebbero includere la creazione di un'organizzazione unificata per la sicurezza nei luoghi di lavoro con più datori di lavoro, requisiti di prestazione e premi e sanzioni.

 

Di ritorno

Leggi 107061 volte Ultima modifica sabato 18 giugno 2022 01:10

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti di costruzione

Società americana di ingegneri meccanici (ASME). 1994. Gru mobili e locomotive: uno standard nazionale americano. ASME B30.5-1994. New York: ASME.

Arbetarskyddsstyrelsen (Consiglio nazionale svedese per la sicurezza e la salute sul lavoro). 1996. Comunicazione personale.

Burkhart, G, PA Schulte, C Robinson, WK Sieber, P Vossenas, and K Ringen. 1993. Attività lavorative, potenziali esposizioni e rischi per la salute dei lavoratori impiegati nel settore edile. Am J Ind Med 24:413-425.

Dipartimento dei servizi sanitari della California. 1987. Mortalità professionale della California, 1979-81. Sacramento, CA: Dipartimento dei servizi sanitari della California.

Commissione delle Comunità europee. 1993. Sicurezza e salute nel settore edile. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali dell'Unione europea.

Commissione sul futuro delle relazioni tra lavoratori e dirigenti. 1994. Rapporto di accertamento dei fatti. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

Associazione per la sicurezza delle costruzioni dell'Ontario. 1992. Manuale di sicurezza e salute nell'edilizia. Toronto: Associazione per la sicurezza delle costruzioni del Canada.

Consiglio delle Comunità europee. 1988. Direttiva del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle leggi, dei regolamenti e delle disposizioni amministrative degli Stati membri relative ai prodotti da costruzione (89/106/CEE). Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee.

Consiglio delle Comunità europee. 1989. Direttiva del Consiglio del 14 giugno 1989 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine (89/392/CEE). Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee.

El Batawi, MA. 1992. Lavoratori migranti. In Occupational Health in Developing Countries, a cura di J Jeyaratnam. Oxford: Pressa dell'Università di Oxford.
Engholm, G e A Englund. 1995. Morbilità e modelli di mortalità in Svezia. Occup Med: State Art Rev 10:261-268.

Comitato europeo di normalizzazione (CEN). 1994. EN 474-1. Macchine movimento terra - Sicurezza - Parte 1: Requisiti generali. Bruxelles: CEN.

Istituto finlandese di salute sul lavoro. 1987. Indagine sistematica sul posto di lavoro: salute e sicurezza nell'industria delle costruzioni. Helsinki: Istituto finlandese per la salute sul lavoro.

—. 1994. Programma amianto, 1987-1992. Helsinki: Istituto finlandese per la salute sul lavoro.

Fregert, S, B Gruvberger, e E Sandahl. 1979. Riduzione del cromato nel cemento mediante solfato di ferro. Contatta Dermat 5:39-42.

Hinze, J. 1991. Costi indiretti degli incidenti di costruzione. Austin, TX: Istituto per l'industria delle costruzioni.

Hoffman, B, M Butz, W Coenen e D Waldeck. 1996. Salute e sicurezza sul lavoro: sistema e statistiche. Saint Augustin, Germania: Hauptverband der gewerblichen berufsgenossenschaften.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1985. Composti aromatici polinucleari, parte 4: bitumi, catrami di carbone e prodotti derivati, oli di scisto e fuliggine. In monografie IARC sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo. vol. 35. Lione: IARC.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1995. Sicurezza, salute e benessere nei cantieri: un manuale di formazione. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1982. ISO 7096. Macchine movimento terra—Sedile operatore—Vibrazioni trasmesse. Ginevra: ISO.

—. 1985a. ISO 3450. Macchine movimento terra - Macchine gommate - Requisiti prestazionali e procedure di prova per i sistemi frenanti. Ginevra: ISO.

—. 1985b. ISO 6393. Acustica—Misurazione del rumore aereo emesso da macchine movimento terra—Posizione dell'operatore—Condizioni di prova stazionarie. Ginevra: ISO.

—. 1985 c. ISO 6394. Acustica—Misurazione del rumore aereo emesso da macchine movimento terra—Metodo per determinare la conformità ai limiti per il rumore esterno—Condizioni di prova stazionarie. Ginevra: ISO.

—. 1992. ISO 5010. Macchine movimento terra—Macchine gommate—Capacità di sterzata. Ginevra: ISO.

Jack, TA e MJ Zak. 1993. Risultati del primo censimento nazionale degli infortuni mortali sul lavoro, 1992. Washington, DC: Bureau of Labor Statistics.
Associazione giapponese per la sicurezza e la salute nelle costruzioni. 1996. Comunicazione personale.

Kisner, SM e DE Fosbroke. 1994. Rischi di lesioni nel settore edile. J Occup Med 36:137-143.

Levitt, RE e NM Samelson. 1993. Gestione della sicurezza nei cantieri. New York: Wiley & Figli.

Markowitz, S, S Fisher, M Fahs, J Shapiro e PJ Landrigan. 1989. Malattia professionale nello Stato di New York: un riesame completo. Am J Ind Med 16:417-436.

Marsh, B. 1994. La possibilità di farsi male è generalmente molto più alta nelle aziende più piccole. Wall Street J.

McVittie, DJ. 1995. Morti e feriti gravi. Occup Med: State Art Rev 10:285-293.

Ricerca sui meridiani. 1994. Programmi di protezione dei lavoratori nell'edilizia. Silver Spring, MD: Meridian Research.

Oxenburg, M. 1991. Aumentare la produttività e il profitto attraverso la salute e la sicurezza. Sydney: CCH internazionale.

Pollack, ES, M Griffin, K Ringen e JL Weeks. 1996. Vittime nel settore edile negli Stati Uniti, 1992 e 1993. Am J Ind Med 30:325-330.

Poteri, MB. 1994. La febbre dei costi si interrompe. Record di notizie di ingegneria 233: 40-41.
Ringen, K, A Englund e J Seegal. 1995. Operai edili. In Occupational Health: Recognizing and Preventing Work-related Disease, a cura di BS Levy e DH Wegman. Boston, MA: Little, Brown and Co.

Ringen, K, A Englund, L Welch, JL Weeks e JL Seegal. 1995. Sicurezza e salute nei cantieri. Occup Med: State Art Rev 10:363-384.

Roto, P, H Sainio, T Reunala, and P Laippala. 1996. Aggiunta di solfato ferroso al cemento e rischio di dermatite da cromo tra i lavoratori edili. Contatta Dermat 34:43-50.

Saari, J e M Nasanen. 1989. L'effetto del feedback positivo sulla pulizia industriale e sugli incidenti. Int J Ind Erg 4:201-211.

Schneider, S e P Susi. 1994. Ergonomia e costruzione: una revisione del potenziale nelle nuove costruzioni. Am Ind Hyg Assoc J 55:635-649.

Schneider, S, E Johanning, JL Bjlard e G Enghjolm. 1995. Rumore, vibrazioni, caldo e freddo. Occup Med: State Art Rev 10:363-383.
Statistiche Canada. 1993. Costruzione in Canada, 1991-1993. Rapporto n. 64-201. Ottawa: Statistiche Canada.

Strauss, M, R Gleason e J Sugarbaker. 1995. Lo screening a raggi X del torace migliora l'esito nel cancro del polmone: una rivalutazione degli studi randomizzati sullo screening del cancro del polmone. Petto 107:270-279.

Toscano, G e J Windau. 1994. Il carattere mutevole degli infortuni mortali sul lavoro. Revisione mensile del lavoro 117: 17-28.

Progetto di educazione ai rischi sul posto di lavoro e al tabacco. 1993. Guida dei lavoratori edili alle sostanze tossiche sul lavoro. Berkeley, CA: California Health Foundation.

Zachariae, C, T Agner, e JT Menn. 1996. Allergia al cromo in pazienti consecutivi in ​​un paese in cui il solfato ferroso è stato aggiunto al cemento dal 1991. Contattare Dermat 35:83-85.