Venerdì, Gennaio 14 2011 15: 52

tranciatura

Vota questo gioco
(3 voti )

Le trincee sono spazi confinati solitamente scavati per seppellire le utenze o per posizionare i basamenti. Le trincee sono normalmente più profonde che larghe, misurate sul fondo, e di solito sono profonde meno di 6 m; sono anche conosciuti come scavi poco profondi. Uno spazio confinato è definito come uno spazio sufficientemente ampio da consentire a un lavoratore di entrare ed eseguire il lavoro, ha mezzi limitati di entrata e uscita e non è progettato per un'occupazione continua. Dovrebbero essere fornite diverse scale per consentire ai lavoratori di sfuggire alla trincea.

In genere le trincee sono aperte solo per minuti o ore. Le pareti di qualsiasi trincea alla fine crolleranno; è solo una questione di tempo. L'apparente stabilità a breve termine è una tentazione per un appaltatore di mandare i lavoratori in una trincea pericolosa nella speranza di rapidi progressi e guadagni finanziari. Ne possono derivare la morte o lesioni gravi e mutilazioni.

Oltre ad essere esposti alla possibilità di crollare le pareti delle trincee, i lavoratori nelle trincee possono essere feriti o uccisi dall'inghiottimento in acqua o liquami, esposizione a gas pericolosi o ossigeno ridotto, cadute, caduta di attrezzature o materiali, contatto con cavi elettrici tagliati e soccorso improprio.

Ad esempio, i crolli rappresentano almeno il 2.5% dei decessi annuali correlati al lavoro negli Stati Uniti. L'età media dei lavoratori uccisi nelle trincee negli Stati Uniti è di 33 anni. Spesso un giovane è intrappolato da un crollo e altri lavoratori tentano di salvarlo. Con tentativi di salvataggio falliti, la maggior parte dei morti sono aspiranti soccorritori. Le squadre di emergenza addestrate al soccorso in trincea devono essere contattate immediatamente in caso di crollo.

Le ispezioni di routine delle pareti della trincea e dei sistemi di protezione dei lavoratori sono essenziali. Le ispezioni devono essere effettuate giornalmente prima dell'inizio dei lavori e dopo qualsiasi evento, come temporali, vibrazioni o rotture di tubi, che possono aumentare i rischi. Di seguito sono riportate le descrizioni dei pericoli e come prevenirli.

Crollo del muro della trincea

La principale causa di decessi legati allo scavo di trincee è il crollo dei muri delle trincee, che possono schiacciare o soffocare i lavoratori.

Le pareti della trincea possono essere indebolite da attività all'esterno ma vicino a una trincea. I carichi pesanti non devono essere posizionati sul bordo del muro. Le trincee non devono essere scavate vicino a strutture, come edifici o ferrovie, perché lo scavo può minare le strutture e indebolire le fondamenta, provocando il crollo delle strutture e delle pareti della trincea. Nelle fasi di progettazione si dovrebbe ricercare un'assistenza ingegneristica competente. Non deve essere consentito ai veicoli di avvicinarsi troppo vicino ai lati di una trincea; dovrebbero essere presenti tronchi di arresto o terrapieni per impedire ai veicoli di farlo.

Tipi di suolo e ambiente

La corretta selezione di un sistema di protezione dei lavoratori dipende dal suolo e dalle condizioni ambientali. La resistenza del suolo, la presenza di acqua e vibrazioni provenienti da attrezzature o fonti vicine influenzano la stabilità delle pareti della trincea. I terreni precedentemente scavati non riacquistano mai la loro forza. L'accumulo di acqua in una trincea, indipendentemente dalla profondità, segnala la situazione più pericolosa.

Il terreno deve essere classificato e la scena della costruzione valutata prima di selezionare un adeguato sistema di protezione dei lavoratori. Un piano di sicurezza e salute del progetto dovrebbe affrontare condizioni e pericoli unici legati al progetto.

I suoli possono essere suddivisi in due gruppi principali: coesivi e granulari. I terreni coesivi contengono un minimo del 35% di argilla e non si rompono se arrotolati in fili lunghi 50 mm e di 3 mm di diametro e tenuti da un'estremità. Con terreni coesivi, le pareti delle trincee rimarranno verticali per brevi periodi di tempo. Questi suoli sono responsabili di tante morti per crollo come qualsiasi altro suolo, perché il suolo sembra stabile e spesso non vengono prese precauzioni.

I terreni granulari sono costituiti da limo, sabbia, ghiaia o materiale più grosso. Questi suoli mostrano un'apparente coesione quando sono bagnati (effetto castello di sabbia); più fine è la particella, maggiore è la coesione apparente. Quando sono sommersi o asciutti, tuttavia, i terreni granulari più grossolani collasseranno immediatamente ad un angolo stabile, da 30 a 45°, a seconda della loro angolarità o rotondità delle particelle.

Tutela del lavoratore

pendenza previene il cedimento della trincea rimuovendo il peso (del terreno) che può portare all'instabilità della trincea. La pendenza, compresa la panca (inclinazione eseguita in una serie di gradini), richiede un'ampia apertura nella parte superiore di una trincea. L'angolo di una pendenza dipende dal suolo e dall'ambiente, ma le pendenze vanno da 0.75 orizzontale: 1 verticale a 1.5 orizzontale: 1 verticale. La pendenza di 1.5 orizzontale: 1 verticale è arretrata di 1.5 m per lato in alto per ogni metro di profondità. Anche la minima pendenza è vantaggiosa. Tuttavia, i requisiti di larghezza dei pendii spesso rendono impraticabile questo approccio nei cantieri.

puntellamento può essere utilizzato per tutte le condizioni. Una sponda è costituita da un montante su ciascun lato di una trincea, con controventi in mezzo (vedi figura 1). Le sponde aiutano a prevenire il crollo del muro della trincea esercitando forze verso l'esterno su un muro della trincea. Salta le coste sono costituiti da montanti verticali e controventi trasversali con inarcamento del terreno tra; si usano nelle argille, i terreni più coesivi. Le sponde non devono distare più di 2 m l'una dall'altra. Distanze maggiori tra i controventi possono essere raggiunte utilizzando balze (o correnti) per tenere in posizione i montanti (vedi figura 2). Chiudi lenzuolo è utilizzato in terreni granulari e coesivi più deboli; le pareti della trincea sono interamente ricoperte da teli (vedi figura 3). Le lamiere possono essere in legno, metallo o fibra di vetro; i fogli di trincea in acciaio sono comuni. Lenzuola strette viene utilizzato quando si incontra acqua corrente o infiltrante. I teli stretti impediscono all'acqua di erodere e portare particelle di terreno in una trincea. Un sistema di puntellazione deve essere sempre mantenuto aderente al terreno per evitare il collasso. I controventi possono essere in legno oa vite, martinetti idraulici o pneumatici. Il Galles può essere di legno o di metallo. 

Immagine 1. Le sponde sono costituite da montanti su ciascun lato di una trincea con controventi trasversali in mezzo

CCE075F1

Immagine 2. Il Galles mantiene i montanti in posizione, consentendo una maggiore distanza tra le traverse 

CCE075F2

Immagine 3. Il rivestimento chiuso viene utilizzato nei terreni granulari 

CCE075F3

Scudi, o trench box, sono dispositivi di protezione individuale di grandi dimensioni; non impediscono il crollo del muro della trincea ma proteggono i lavoratori che si trovano all'interno. Gli scudi sono generalmente realizzati in acciaio o alluminio e la loro dimensione varia comunemente da circa 1 m a 3 m di altezza e da 2 a 7 m di lunghezza; molte altre dimensioni sono disponibili. Gli scudi possono essere impilati uno sopra l'altro (figura 4). I sistemi di protezione devono essere in atto contro i movimenti pericolosi degli scudi in caso di crollo del muro della trincea. Un modo è riempire su entrambi i lati di uno scudo. 

Figura 4. Gli scudi proteggono i lavoratori dal crollo del muro della trincea 

CCE075F4

Sono disponibili nuovi prodotti che uniscono le qualità di una sponda e di uno scudo; alcuni dispositivi sono utilizzabili in terreni particolarmente pericolosi. Le unità scudo-banchina possono essere utilizzate come scudi statici o possono fungere da puntello esercitando forze idrauliche o meccaniche sulla parete della trincea. Le unità più piccole sono particolarmente utili quando si riparano rotture nelle condutture delle utenze nelle strade cittadine. Le unità massicce con pannelli di schermatura possono essere forzate nel terreno con mezzi meccanici o idraulici. Il terreno viene quindi scavato dall'interno dello scudo.

Annegamento

Si consigliano diversi passaggi per evitare l'inghiottimento da parte di acqua o liquami in una trincea. In primo luogo, i servizi noti dovrebbero essere contattati prima di scavare per sapere dove si trovano i tubi dell'acqua (e altri). In secondo luogo, le valvole dell'acqua che alimentano i tubi nella trincea dovrebbero essere chiuse. Vanno evitati crolli che rompono le condutture idriche o provocano accumuli di acqua o liquami. Tutti i tubi di servizio e le altre apparecchiature di servizio devono essere supportati.

Gas e fumi mortali e ossigeno insufficiente

Le atmosfere nocive possono portare alla morte o lesioni dei lavoratori derivanti da mancanza di ossigeno, incendio o esplosione o esposizioni tossiche. Tutte le atmosfere di trincea in cui sono presenti o sospette condizioni anomale devono essere testate. Ciò è particolarmente vero intorno a immondizia sepolta, caveau, serbatoi di carburante, tombini, paludi, processori chimici e altre strutture che possono rilasciare gas o fumi mortali o esaurire l'ossigeno nell'aria. Gli scarichi delle macchine edili devono essere dispersi.

La qualità dell'aria dovrebbe essere determinata con strumenti esterni alla trincea. Questo può essere fatto abbassando un metro o la sua sonda nella trincea. L'aria nelle trincee dovrebbe essere testata nel seguente ordine. Innanzitutto, l'ossigeno deve essere compreso tra il 19.5 e il 23.5%. In secondo luogo, l'infiammabilità o l'esplosività non devono essere superiori al 10% dei limiti inferiori di infiammabilità o esplosività (LFL o LEL). In terzo luogo, i livelli di sostanze potenzialmente tossiche, come l'idrogeno solforato, dovrebbero essere confrontati con le informazioni pubblicate. (Negli Stati Uniti, una fonte è il National Institute for Occupational Safety and Health Guida tascabile ai rischi chimici, che fornisce i limiti di esposizione ammissibili (PEL)). Se l'atmosfera è normale, i lavoratori possono entrare. La ventilazione può correggere un'atmosfera anomala, ma il monitoraggio deve continuare. Le fognature e spazi simili in cui l'aria cambia costantemente di solito richiedono (o dovrebbero richiedere) una procedura di autorizzazione all'ingresso. Le procedure di autorizzazione all'ingresso richiedono attrezzature complete e un team di tre persone: un supervisore, un assistente e un concorrente.

Cadute e altri pericoli

Le cadute dentro e all'interno delle trincee possono essere prevenute fornendo mezzi sicuri e frequenti per entrare e uscire da una trincea, passerelle o ponti sicuri dove i lavoratori o le attrezzature sono autorizzati o obbligati ad attraversare trincee e barriere adeguate per impedire ad altri lavoratori o astanti o alle attrezzature di avvicinarsi una trincea.

La caduta di attrezzature o materiali può causare morte o lesioni per colpi alla testa e al corpo, schiacciamento e soffocamento. Il cumulo di detriti deve essere mantenuto ad almeno 0.6 m dal bordo di una trincea, deve essere prevista una barriera che impedisca al terreno e al materiale roccioso di rotolare nella trincea. Anche tutti gli altri materiali, come i tubi, devono essere impediti di cadere o rotolare in una trincea. Ai lavoratori non deve essere consentito di lavorare sotto carichi sospesi o carichi movimentati da attrezzature di scavo.

Tutte le utenze devono essere contrassegnate prima dello scavo per evitare folgorazione o gravi ustioni causate dal contatto con linee elettriche sotto tensione. I bracci dell'attrezzatura non devono essere azionati vicino a linee elettriche aeree; se necessario, le linee aeree devono essere messe a terra o rimosse.

Spesso, un decesso o un grave infortunio in una trincea è aggravato da un tentativo di salvataggio mal concepito. La vittima ei soccorritori possono rimanere intrappolati e sopraffatti da gas mortali, fumi o mancanza di ossigeno; affogato; o mutilati da macchine o funi di salvataggio. Queste tragedie composte possono essere prevenute seguendo un piano di sicurezza e salute. Attrezzature come misuratori di aria, pompe dell'acqua e ventilatori devono essere ben mantenuti, correttamente assemblati e disponibili sul posto di lavoro. La direzione dovrebbe formare e richiedere ai lavoratori di seguire pratiche di lavoro sicure e di indossare tutti i dispositivi di protezione individuale necessari.

 

Di ritorno

Leggi 8098 volte Ultima modifica sabato 18 giugno 2022 01:12
Altro in questa categoria: « Tipi di progetti e rischi associati

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti di costruzione

Società americana di ingegneri meccanici (ASME). 1994. Gru mobili e locomotive: uno standard nazionale americano. ASME B30.5-1994. New York: ASME.

Arbetarskyddsstyrelsen (Consiglio nazionale svedese per la sicurezza e la salute sul lavoro). 1996. Comunicazione personale.

Burkhart, G, PA Schulte, C Robinson, WK Sieber, P Vossenas, and K Ringen. 1993. Attività lavorative, potenziali esposizioni e rischi per la salute dei lavoratori impiegati nel settore edile. Am J Ind Med 24:413-425.

Dipartimento dei servizi sanitari della California. 1987. Mortalità professionale della California, 1979-81. Sacramento, CA: Dipartimento dei servizi sanitari della California.

Commissione delle Comunità europee. 1993. Sicurezza e salute nel settore edile. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali dell'Unione europea.

Commissione sul futuro delle relazioni tra lavoratori e dirigenti. 1994. Rapporto di accertamento dei fatti. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

Associazione per la sicurezza delle costruzioni dell'Ontario. 1992. Manuale di sicurezza e salute nell'edilizia. Toronto: Associazione per la sicurezza delle costruzioni del Canada.

Consiglio delle Comunità europee. 1988. Direttiva del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle leggi, dei regolamenti e delle disposizioni amministrative degli Stati membri relative ai prodotti da costruzione (89/106/CEE). Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee.

Consiglio delle Comunità europee. 1989. Direttiva del Consiglio del 14 giugno 1989 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine (89/392/CEE). Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee.

El Batawi, MA. 1992. Lavoratori migranti. In Occupational Health in Developing Countries, a cura di J Jeyaratnam. Oxford: Pressa dell'Università di Oxford.
Engholm, G e A Englund. 1995. Morbilità e modelli di mortalità in Svezia. Occup Med: State Art Rev 10:261-268.

Comitato europeo di normalizzazione (CEN). 1994. EN 474-1. Macchine movimento terra - Sicurezza - Parte 1: Requisiti generali. Bruxelles: CEN.

Istituto finlandese di salute sul lavoro. 1987. Indagine sistematica sul posto di lavoro: salute e sicurezza nell'industria delle costruzioni. Helsinki: Istituto finlandese per la salute sul lavoro.

—. 1994. Programma amianto, 1987-1992. Helsinki: Istituto finlandese per la salute sul lavoro.

Fregert, S, B Gruvberger, e E Sandahl. 1979. Riduzione del cromato nel cemento mediante solfato di ferro. Contatta Dermat 5:39-42.

Hinze, J. 1991. Costi indiretti degli incidenti di costruzione. Austin, TX: Istituto per l'industria delle costruzioni.

Hoffman, B, M Butz, W Coenen e D Waldeck. 1996. Salute e sicurezza sul lavoro: sistema e statistiche. Saint Augustin, Germania: Hauptverband der gewerblichen berufsgenossenschaften.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1985. Composti aromatici polinucleari, parte 4: bitumi, catrami di carbone e prodotti derivati, oli di scisto e fuliggine. In monografie IARC sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo. vol. 35. Lione: IARC.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1995. Sicurezza, salute e benessere nei cantieri: un manuale di formazione. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1982. ISO 7096. Macchine movimento terra—Sedile operatore—Vibrazioni trasmesse. Ginevra: ISO.

—. 1985a. ISO 3450. Macchine movimento terra - Macchine gommate - Requisiti prestazionali e procedure di prova per i sistemi frenanti. Ginevra: ISO.

—. 1985b. ISO 6393. Acustica—Misurazione del rumore aereo emesso da macchine movimento terra—Posizione dell'operatore—Condizioni di prova stazionarie. Ginevra: ISO.

—. 1985 c. ISO 6394. Acustica—Misurazione del rumore aereo emesso da macchine movimento terra—Metodo per determinare la conformità ai limiti per il rumore esterno—Condizioni di prova stazionarie. Ginevra: ISO.

—. 1992. ISO 5010. Macchine movimento terra—Macchine gommate—Capacità di sterzata. Ginevra: ISO.

Jack, TA e MJ Zak. 1993. Risultati del primo censimento nazionale degli infortuni mortali sul lavoro, 1992. Washington, DC: Bureau of Labor Statistics.
Associazione giapponese per la sicurezza e la salute nelle costruzioni. 1996. Comunicazione personale.

Kisner, SM e DE Fosbroke. 1994. Rischi di lesioni nel settore edile. J Occup Med 36:137-143.

Levitt, RE e NM Samelson. 1993. Gestione della sicurezza nei cantieri. New York: Wiley & Figli.

Markowitz, S, S Fisher, M Fahs, J Shapiro e PJ Landrigan. 1989. Malattia professionale nello Stato di New York: un riesame completo. Am J Ind Med 16:417-436.

Marsh, B. 1994. La possibilità di farsi male è generalmente molto più alta nelle aziende più piccole. Wall Street J.

McVittie, DJ. 1995. Morti e feriti gravi. Occup Med: State Art Rev 10:285-293.

Ricerca sui meridiani. 1994. Programmi di protezione dei lavoratori nell'edilizia. Silver Spring, MD: Meridian Research.

Oxenburg, M. 1991. Aumentare la produttività e il profitto attraverso la salute e la sicurezza. Sydney: CCH internazionale.

Pollack, ES, M Griffin, K Ringen e JL Weeks. 1996. Vittime nel settore edile negli Stati Uniti, 1992 e 1993. Am J Ind Med 30:325-330.

Poteri, MB. 1994. La febbre dei costi si interrompe. Record di notizie di ingegneria 233: 40-41.
Ringen, K, A Englund e J Seegal. 1995. Operai edili. In Occupational Health: Recognizing and Preventing Work-related Disease, a cura di BS Levy e DH Wegman. Boston, MA: Little, Brown and Co.

Ringen, K, A Englund, L Welch, JL Weeks e JL Seegal. 1995. Sicurezza e salute nei cantieri. Occup Med: State Art Rev 10:363-384.

Roto, P, H Sainio, T Reunala, and P Laippala. 1996. Aggiunta di solfato ferroso al cemento e rischio di dermatite da cromo tra i lavoratori edili. Contatta Dermat 34:43-50.

Saari, J e M Nasanen. 1989. L'effetto del feedback positivo sulla pulizia industriale e sugli incidenti. Int J Ind Erg 4:201-211.

Schneider, S e P Susi. 1994. Ergonomia e costruzione: una revisione del potenziale nelle nuove costruzioni. Am Ind Hyg Assoc J 55:635-649.

Schneider, S, E Johanning, JL Bjlard e G Enghjolm. 1995. Rumore, vibrazioni, caldo e freddo. Occup Med: State Art Rev 10:363-383.
Statistiche Canada. 1993. Costruzione in Canada, 1991-1993. Rapporto n. 64-201. Ottawa: Statistiche Canada.

Strauss, M, R Gleason e J Sugarbaker. 1995. Lo screening a raggi X del torace migliora l'esito nel cancro del polmone: una rivalutazione degli studi randomizzati sullo screening del cancro del polmone. Petto 107:270-279.

Toscano, G e J Windau. 1994. Il carattere mutevole degli infortuni mortali sul lavoro. Revisione mensile del lavoro 117: 17-28.

Progetto di educazione ai rischi sul posto di lavoro e al tabacco. 1993. Guida dei lavoratori edili alle sostanze tossiche sul lavoro. Berkeley, CA: California Health Foundation.

Zachariae, C, T Agner, e JT Menn. 1996. Allergia al cromo in pazienti consecutivi in ​​un paese in cui il solfato ferroso è stato aggiunto al cemento dal 1991. Contattare Dermat 35:83-85.