Mercoledì, marzo 09 2011 20: 58

Tipi di progetti e rischi associati

Vota questo gioco
(Voto 1)

Tutti i nuovi edifici e le strutture di ingegneria civile passano attraverso lo stesso ciclo di ideazione o progettazione, lavori di fondazione, costruzione o erezione (incluso il tetto di un edificio), finitura e fornitura di servizi e messa in servizio finale prima di essere messi in uso. Nel corso degli anni, quegli edifici o strutture una volta nuovi richiedono manutenzione, compresa la riverniciatura e la pulizia; è suscettibile di essere rinnovato mediante aggiornamento, modifica o riparazione per correggere danni causati da condizioni meteorologiche o incidenti; e infine dovranno essere demoliti per far posto a una struttura più moderna o perché il loro utilizzo non è più necessario. Questo è vero per le case; è vero anche per strutture grandi e complesse come centrali elettriche e ponti. Ogni fase della vita di un edificio o di una struttura di ingegneria civile presenta pericoli, alcuni dei quali comuni a tutte le opere di costruzione (come il rischio di caduta) o peculiari alla particolare tipologia di intervento (come il rischio di crollo degli scavi durante preparazione di fondazioni in edilizia o ingegneria civile).

Per ogni tipologia di progetto (e, appunto, per ogni fase all'interno di un progetto) è possibile prevedere quali saranno i principali rischi per la sicurezza dei lavoratori edili. Il rischio di caduta è comune a tutti i cantieri, anche a livello del suolo. Ciò è supportato dall'evidenza dei dati sugli incidenti che mostrano che fino alla metà degli incidenti mortali ai lavoratori edili comportano cadute.

Nuove strutture

Concezione (progettazione)

I rischi fisici per coloro che sono impegnati nella progettazione di nuove strutture derivano normalmente dalle visite di personale professionale per effettuare sopralluoghi. Le visite del personale non accompagnato a siti sconosciuti o abbandonati possono esporlo a rischi di accessi pericolosi, aperture e scavi non custoditi e, in un edificio, a cablaggi e apparecchiature elettriche in condizioni pericolose. Se il rilievo richiede l'ingresso in locali o scavi chiusi da tempo, si corre il rischio di essere sopraffatti dall'anidride carbonica o da ridotti livelli di ossigeno. Tutti i pericoli aumentano se le visite vengono effettuate in un sito non illuminato dopo il tramonto o se il visitatore solitario non ha mezzi per comunicare con gli altri e chiedere aiuto. Come regola generale, al personale professionale non dovrebbe essere richiesto di visitare i siti in cui si troverà da solo. Non dovrebbero visitare dopo il tramonto a meno che il sito non sia ben illuminato. Non dovrebbero entrare in spazi chiusi a meno che questi non siano stati testati e dimostrati sicuri. Infine, dovrebbero essere in comunicazione con la loro base o avere un mezzo efficace per ottenere aiuto.

La concezione o la progettazione vera e propria dovrebbero svolgere un ruolo importante nell'influenzare la sicurezza quando gli appaltatori stanno effettivamente lavorando in loco. I progettisti, siano essi architetti o ingegneri civili, dovrebbero essere più che semplici produttori di disegni. Nel creare il loro progetto, dovrebbero, in ragione della loro formazione ed esperienza, avere un'idea di come gli appaltatori dovranno probabilmente lavorare per attuare il progetto. La loro competenza dovrebbe essere tale da essere in grado di identificare agli appaltatori i pericoli che deriveranno da tali metodi di lavoro. I progettisti dovrebbero cercare di “eliminare” i pericoli derivanti dalla loro progettazione, rendendo la struttura più “edificabile” dal punto di vista della salute e della sicurezza e, ove possibile, sostituendo nelle specifiche materiali più sicuri. Dovrebbero migliorare l'accesso per la manutenzione in fase di progettazione e ridurre la necessità per gli addetti alla manutenzione di essere messi a rischio incorporando caratteristiche o materiali che richiederanno un'attenzione meno frequente durante la vita dell'edificio.

In generale, i progettisti sono in grado di progettare i pericoli solo in misura limitata; di solito ci saranno rischi residui significativi di cui gli appaltatori dovranno tenere conto quando progettano i propri sistemi di lavoro sicuri. I progettisti dovrebbero fornire agli appaltatori informazioni su questi pericoli in modo che questi ultimi siano in grado di prendere in considerazione sia i pericoli che le necessarie procedure di sicurezza, in primo luogo quando fanno un appalto per il lavoro e in secondo luogo quando sviluppano i loro sistemi di lavoro per svolgere il lavoro in sicurezza.

L'importanza di specificare materiali con migliori proprietà di salute e sicurezza tende a essere sottovalutata quando si considera la sicurezza per progettazione. I progettisti e gli specificatori dovrebbero considerare se sono disponibili materiali con migliori proprietà tossiche o strutturali o che possono essere utilizzati o mantenuti in modo più sicuro. Ciò richiede ai progettisti di pensare ai materiali che verranno utilizzati e di decidere se seguire le pratiche precedenti proteggerà adeguatamente i lavoratori edili. Spesso il costo è il fattore determinante nella scelta dei materiali. Tuttavia, clienti e progettisti dovrebbero rendersi conto che mentre i materiali con migliori proprietà tossiche o strutturali possono avere un costo iniziale più elevato, spesso producono risparmi molto maggiori nel corso della vita dell'edificio perché gli addetti alla costruzione e alla manutenzione richiedono un accesso o dispositivi di protezione meno costosi.

Scavo

Di solito il primo lavoro da eseguire sul sito dopo i sopralluoghi e la sistemazione del sito una volta che l'appalto è stato aggiudicato (supponendo che non sia necessaria la demolizione o lo sgombero del sito) è lo scavo delle fondazioni. Nel caso di abitazioni domestiche, è improbabile che i basamenti richiedano scavi superiori a mezzo metro e possono essere scavati a mano. Per i condomini, gli edifici commerciali e industriali e alcune opere di ingegneria civile, potrebbe essere necessario che le fondazioni si trovino diversi metri sotto il livello del suolo. Ciò richiederà lo scavo di trincee in cui dovranno essere eseguiti lavori di posa o erezione delle fondamenta. È probabile che le trincee più profonde di 1 m vengano scavate utilizzando macchine come gli escavatori. Vengono inoltre eseguiti scavi per consentire la posa di cavi e tubi. Gli appaltatori utilizzano spesso escavatori speciali in grado di scavare scavi profondi ma stretti. Se i lavoratori devono entrare in questi scavi, i pericoli sono essenzialmente gli stessi che si incontrano negli scavi per le fondazioni. Tuttavia, di solito c'è più spazio negli scavi o nelle trincee di cavi e tubi per adottare metodi di lavoro che non richiedono l'ingresso di lavoratori nello scavo.

I lavori in scavi più profondi di 1 m richiedono una pianificazione e una supervisione particolarmente attente. Il pericolo è il rischio di essere colpiti da terra e detriti mentre il terreno crolla lungo il lato dello scavo. Il terreno è notoriamente imprevedibile; ciò che sembra solido può essere fatto scivolare dalla pioggia, dal gelo o dalle vibrazioni di altre attività di costruzione nelle vicinanze. Ciò che sembra argilla solida e rigida si secca e si crepa se esposto all'aria o si ammorbidisce e scivola dopo la pioggia. Un metro cubo di terra pesa più di 1 tonnellata; un operaio colpito anche da una piccola caduta di terra rischia la frattura degli arti, lo schiacciamento degli organi interni e il soffocamento. Data l'importanza vitale per la sicurezza di scegliere un metodo di supporto adeguato per i lati dello scavo, prima dell'inizio dei lavori, il terreno dovrebbe essere esaminato da una persona esperta in lavori di scavo sicuri per stabilire il tipo e le condizioni del terreno, in particolare il presenza di acqua.

Supporto per i lati della trincea

Supporto bifacciale. Non è sicuro fare affidamento sul taglio o sulla "battuta" dei lati dello scavo ad un angolo sicuro. Se il terreno è sabbioso o limo bagnato, l'angolo di sicurezza della pastella dovrebbe essere compreso tra 5 e 10 sopra l'orizzontale e generalmente non c'è abbastanza spazio in loco per uno scavo così ampio. Il metodo più comune per fornire sicurezza per il lavoro negli scavi è sostenere entrambi i lati della trincea puntellamento. Con il supporto bifacciale, i carichi da terra su un lato sono contrastati da carichi simili che agiscono attraverso puntoni tra i lati opposti. Il legname di buona qualità deve essere utilizzato per fornire elementi verticali del sistema di supporto, noto come tavole da palo. Le assi di pali vengono conficcate nel terreno non appena inizia lo scavo; le assi sono da bordo a bordo e quindi forniscono un muro di legno. Questo viene fatto su ciascun lato dello scavo. Man mano che lo scavo viene scavato più in profondità, le assi del palo vengono conficcate nel terreno prima dello scavo. Quando lo scavo è profondo un metro, una fila di tavole orizzontali (dette camminamenti or Galles) è posto contro le assi di pali e quindi tenuto in posizione da montanti in legno o metallo incuneati tra i correnti opposti a intervalli regolari. Man mano che lo scavo procede, le tavole di palo vengono conficcate ulteriormente nel terreno con i loro correnti e puntoni, e sarà necessario creare una seconda fila di correnti e puntoni se lo scavo è più profondo di 1.2 m. Infatti, uno scavo di 6 m potrebbe richiedere fino a quattro file di correnti.

I metodi standard di supporto in legno non sono adatti se lo scavo è più profondo di 6 m o se il terreno è portante d'acqua. In queste situazioni sono richiesti altri tipi di sostegno per i lati degli scavi, come lamiere di trincea verticali in acciaio, ravvicinate con correnti orizzontali in legno e puntoni regolabili in metallo, o palancole in acciaio a grandezza naturale. Entrambi i metodi hanno il vantaggio che i fogli di trincea o le palancole possono essere guidati dalla macchina prima che inizi lo scavo vero e proprio. Inoltre, le lamiere e le palancole possono essere ritirate a fine lavoro e riutilizzate. I sistemi di supporto per scavi più profondi di 6 m o in terreni acquiferi devono essere progettati su misura; le soluzioni standard non saranno adeguate.

Supporto unilaterale. Uno scavo di forma rettangolare e troppo ampio perché i metodi di supporto sopra descritti siano praticabili può avere uno o più dei suoi lati supportati da una fila di assi di palificazione o fogli di trincea. Questi sono essi stessi supportati dapprima da una o più file di correnti orizzontali che sono a loro volta tenuti in posizione da rastrelliere angolate fino a un forte ancoraggio o punto di supporto.

Altri sistemi. È possibile utilizzare cassoni in acciaio fabbricato di larghezza regolabile che possono essere calati negli scavi e all'interno dei quali è possibile eseguire il lavoro in sicurezza. È anche possibile utilizzare sistemi di telai di corrente proprietari, per cui un telaio orizzontale viene abbassato nello scavo tra i pannelli di palo o le lastre di trincea; l'intelaiatura del corrente viene allontanata e applica una pressione per mantenere in posizione verticale le tavole di palo mediante l'azione di puntoni idraulici attraverso l'intelaiatura che possono essere pompati da una posizione di sicurezza all'esterno dello scavo.

Formazione e supervisione. Qualunque sia il metodo di supporto adottato, il lavoro dovrebbe essere svolto da lavoratori addestrati sotto la supervisione di una persona esperta. Lo scavo ei suoi supporti dovrebbero essere ispezionati ogni giorno e dopo ogni occasione in cui sono stati danneggiati o spostati (ad esempio, dopo una forte pioggia). L'unico presupposto che si ha il diritto di fare riguardo alla sicurezza e al lavoro negli scavi è che tutto il terreno è soggetto a cedimenti e quindi nessun lavoro dovrebbe mai essere eseguito con lavoratori in uno scavo non supportato più profondo di 1 m. Vedi anche l'articolo "Trenching" in questo capitolo.

Sovrastruttura

Costruzione della parte principale dell'edificio o della struttura di ingegneria civile (il sovrastruttura) avviene dopo il completamento della fondazione. Questa parte del progetto di solito richiede lavori ad altezze sopra terra. La principale causa singola di incidenti mortali e con lesioni gravi è rappresentata dalle cadute dall'alto o dallo stesso livello.

Lavoro in scala

Anche se si tratta semplicemente di costruire una casa, il numero di lavoratori coinvolti, la quantità di materiali da costruzione da movimentare e, nelle fasi successive, le altezze a cui si dovrà lavorare richiedono qualcosa di più delle semplici scale di accesso e luoghi di lavoro sicuri.

Ci sono limitazioni sul tipo di lavoro che può essere svolto in sicurezza dalle scale. Il lavoro a più di 10 m dal suolo è solitamente al di fuori della portata sicura delle scale; le lunghe scale stesse diventano pericolose da maneggiare. Esistono limitazioni sulla portata dei lavoratori sulle scale e sulla quantità di attrezzature e materiali che possono trasportare in sicurezza; lo sforzo fisico di stare in piedi sui pioli della scala limita il tempo che possono dedicare a tale lavoro. Le scale sono utili per eseguire lavori leggeri e di breve durata a portata di sicurezza della scala; tipicamente, ispezione e riparazione e verniciatura di piccole aree della superficie dell'edificio. Le scale consentono anche l'accesso a impalcature, scavi e strutture in cui non è stato ancora fornito un accesso più permanente.

Sarà necessario utilizzare piattaforme di lavoro temporanee, la più comune delle quali è il ponteggio. Se il lavoro è un blocco di appartamenti a più piani, un edificio per uffici o una struttura come un ponte, saranno necessarie impalcature di vari gradi di complessità, a seconda delle dimensioni del lavoro.

ponteggi

Le impalcature sono costituite da strutture di acciaio o legno facilmente assemblabili su cui possono essere posizionate piattaforme di lavoro. I ponteggi possono essere fissi o mobili. Le impalcature fisse, cioè quelle erette accanto a un edificio o struttura, sono indipendenti o putlog. L'impalcatura indipendente ha montanti o standard lungo entrambi i lati delle sue piattaforme ed è in grado di rimanere in posizione verticale senza il supporto dell'edificio. L'impalcatura putlog ha standard lungo i bordi esterni delle sue piattaforme di lavoro, ma il lato interno è sostenuto dall'edificio stesso, con parti del telaio dell'impalcatura, i putlog, con estremità appiattite che vengono poste tra i corsi di muratura per ottenere supporto. Anche il ponteggio indipendente necessita di essere rigidamente “legato” o assicurato alla struttura ad intervalli regolari se ci sono piattaforme di lavoro superiori a 6 m o se il ponteggio è coperto per la protezione dagli agenti atmosferici, aumentando così i carichi del vento.

Le piattaforme di lavoro sulle impalcature sono costituite da assi di legno di buona qualità posate in modo che siano a livello e che entrambe le estremità siano adeguatamente sostenute; saranno necessari supporti intermedi se il legno è soggetto a cedimenti dovuti al carico di persone o materiali. Le piattaforme non devono mai essere inferiori a 600 mm di larghezza se utilizzate per accesso e lavoro o 800 mm se utilizzate anche per materiali. Dove c'è un rischio di caduta superiore a 2 m, il bordo esterno e le estremità di una piattaforma di lavoro dovrebbero essere protetti da un parapetto rigido, fissato agli standard ad un'altezza compresa tra 0.91 e 1.15 m sopra la piattaforma. Per evitare che i materiali cadano dalla piattaforma, lungo il suo bordo esterno dovrebbe essere previsto un fermapiede che si alzi di almeno 150 mm sopra la piattaforma, sempre fissato agli standard. Se occorre rimuovere parapetti e fermapiedi per consentire il passaggio di materiali, sostituirli il prima possibile.

Gli standard dell'impalcatura dovrebbero essere verticali e adeguatamente supportati alle loro basi su piastre di base e, se necessario, su travi di legno. L'accesso all'interno delle impalcature fisse da un livello all'altro della piattaforma di lavoro avviene solitamente mediante scale a pioli. Questi dovrebbero essere adeguatamente mantenuti, fissati in alto e in basso ed estendersi per almeno 1.05 m sopra la piattaforma.

I principali pericoli nell'uso delle impalcature - cadute di persone o materiali - di solito derivano da carenze nel modo in cui l'impalcatura viene montata per la prima volta (ad esempio, manca un pezzo come un parapetto) o nel modo in cui viene utilizzata in modo improprio (ad esempio , per essere sovraccaricato) o adattato durante lo svolgimento del lavoro per uno scopo inadatto (ad esempio, vengono aggiunti teli per la protezione dagli agenti atmosferici senza adeguati legami con l'edificio). Le assi di legno per piattaforme di impalcature si spostano o si rompono; le scale non sono fissate in alto e in basso. L'elenco delle cose che possono andare storte se le impalcature non vengono erette da persone esperte sotto un'adeguata supervisione è quasi illimitato. Gli stessi ponteggi sono particolarmente a rischio di cadute durante il montaggio e lo smontaggio dei ponteggi, perché spesso sono costretti a lavorare in quota, in posizioni esposte senza adeguate piattaforme di lavoro (vedi figura 1).

Figura 1. Montaggio di un'impalcatura in un cantiere di Ginevra, Svizzera, senza protezione adeguata. 

CCE060F1

Impalcature a torre. I ponteggi della torre sono fissi o mobili, con una piattaforma di lavoro in cima e una scala di accesso all'interno del telaio della torre. Il ponteggio a torre mobile è su ruote. Tali torri diventano facilmente instabili e dovrebbero essere soggette a limiti di altezza; per il ponteggio a torre fissa l'altezza non deve essere superiore a 3.5 volte la dimensione minima della base; per il mobile il rapporto si riduce a 3 volte. La stabilità delle impalcature delle torri dovrebbe essere aumentata mediante l'uso di stabilizzatori. Ai lavoratori non dovrebbe essere consentito salire sulla sommità delle impalcature a torre mobile mentre l'impalcatura viene spostata o senza che le ruote siano bloccate.

Il pericolo principale con le impalcature delle torri è il ribaltamento, che fa cadere le persone dalla piattaforma; ciò può essere dovuto all'eccessiva altezza della torre rispetto alla sua base, al mancato utilizzo di stabilizzatori o ruote bloccabili o ad un uso inadeguato del ponteggio, magari per sovraccarico.

Ponteggi sospesi e sospesi. L'altra categoria principale di impalcature è quella sospesa o sospesa. L'impalcatura sospesa è essenzialmente una piattaforma di lavoro appesa tramite funi metalliche o tubi dell'impalcatura a una struttura sopraelevata come un ponte. L'impalcatura sospesa è ancora una piattaforma o culla di lavoro, sospesa da funi metalliche, ma in questo caso è suscettibile di essere sollevata e abbassata. Viene spesso fornito agli appaltatori di manutenzione e verniciatura, a volte come parte dell'attrezzatura dell'edificio finito.

In entrambi i casi, l'edificio o la struttura deve essere in grado di sostenere la piattaforma sospesa o sospesa, le sospensioni devono essere sufficientemente robuste e la piattaforma stessa deve essere sufficientemente robusta per sostenere il carico previsto di persone e materiali con sponde o rotaie di protezione per impedire loro di cadere. Per la piattaforma sospesa, dovrebbero esserci almeno tre giri di fune sui tamburi del verricello nella posizione più bassa della piattaforma. Laddove non vi siano disposizioni per impedire la caduta della piattaforma sospesa in caso di rottura di una fune, i lavoratori che utilizzano la piattaforma devono indossare un'imbracatura di sicurezza e una fune fissata a un punto di ancoraggio sicuro sull'edificio. Le persone che utilizzano tali piattaforme dovrebbero essere addestrate ed esperte nel loro utilizzo.

Il pericolo principale con le impalcature sospese o sospese è il cedimento delle disposizioni di supporto, sia della struttura stessa che delle funi o dei tubi a cui è sospesa la piattaforma. Ciò può derivare da una errata erezione o installazione dell'impalcatura appesa o sospesa o da sovraccarico o altro uso improprio. Il fallimento delle impalcature sospese ha provocato più vittime e può mettere in pericolo il pubblico.

Tutti i ponteggi e le scale devono essere ispezionati da una persona competente almeno settimanalmente e prima di essere riutilizzati dopo condizioni atmosferiche che potrebbero averli danneggiati. Le scale con stili incrinati o pioli rotti non devono essere utilizzate. I ponteggi che erigono e smantellano i ponteggi dovrebbero ricevere una formazione ed esperienza specifica per garantire la propria sicurezza e quella di altri che potrebbero utilizzare i ponteggi. Le impalcature sono spesso fornite da uno, forse il principale, appaltatore per l'uso da parte di tutti gli appaltatori. In questa situazione, gli artigiani possono modificare o spostare parti delle impalcature per facilitare il proprio lavoro, senza ripristinare successivamente l'impalcatura o rendersi conto del pericolo che hanno creato. È importante che le disposizioni per il coordinamento della salute e della sicurezza in tutto il sito affrontino efficacemente l'azione di un settore sulla sicurezza di un altro.

Apparecchiature di accesso aereo

In alcuni lavori, sia durante la costruzione che durante la manutenzione, può essere più praticabile l'utilizzo di attrezzature di accesso aereo rispetto al ponteggio nelle sue varie forme. Fornire l'accesso alla parte inferiore del tetto di una fabbrica in fase di ristrutturazione o l'accesso all'esterno di alcune finestre di un edificio può essere più sicuro ed economico rispetto all'impalcatura dell'intera struttura. Le attrezzature di accesso motorizzate sono disponibili in una varietà di forme dai produttori, ad esempio, piattaforme che possono essere sollevate e abbassate verticalmente mediante azione idraulica o l'apertura e la chiusura di martinetti a forbice e bracci articolati azionati idraulicamente con una piattaforma di lavoro o una gabbia all'estremità di il braccio, comunemente chiamato raccoglitori di ciliegie. Tali apparecchiature sono generalmente mobili e possono essere spostate nel luogo richiesto e messe in funzione in pochi istanti. L'uso sicuro dell'attrezzatura di accesso aereo richiede che il lavoro rientri nelle specifiche della macchina come descritto dal produttore (ovvero, l'attrezzatura non deve sporgere o essere sovraccaricata).

Le apparecchiature di accesso aereo richiedono un pavimento solido e piano su cui operare; potrebbe essere necessario estrarre gli stabilizzatori per garantire che la macchina non si ribalti. I lavoratori sulla piattaforma di lavoro dovrebbero avere accesso ai controlli operativi. I lavoratori dovrebbero essere addestrati all'uso sicuro di tali apparecchiature. Le apparecchiature di accesso motorizzato correttamente gestite e sottoposte a manutenzione possono fornire un accesso sicuro laddove potrebbe essere praticamente impossibile fornire impalcature, ad esempio durante le prime fasi di montaggio di un telaio in acciaio o per fornire l'accesso per i montatori in acciaio ai punti di collegamento tra colonne e travi .

Erezione d'acciaio

La sovrastruttura sia degli edifici che delle strutture di ingegneria civile comporta spesso l'erezione di robusti telai in acciaio, a volte di grande altezza. Mentre la responsabilità di garantire un accesso sicuro per i montatori dell'acciaio che assemblano questi telai spetta principalmente alla direzione degli appaltatori del montaggio dell'acciaio, il loro difficile lavoro può essere facilitato dai progettisti dell'opera in acciaio. I progettisti dovrebbero garantire che i modelli dei fori dei bulloni siano semplici e facilitino il facile inserimento dei bulloni; lo schema dei giunti e dei fori dei bulloni dovrebbe essere il più uniforme possibile su tutto il telaio; sostegni o posatoi dovrebbero essere forniti su colonne in corrispondenza dei giunti con travi, in modo che le estremità delle travi possano rimanere ferme mentre i montanti in acciaio inseriscono i bulloni. Per quanto possibile, il progetto dovrebbe garantire che le scale di accesso facciano parte del primo telaio in modo che i montatori di acciaio debbano fare meno affidamento su scale e travi per l'accesso.

Inoltre, il progetto dovrebbe prevedere fori da praticare in punti idonei nelle colonne durante la fabbricazione e prima che l'acciaio venga consegnato al sito, il che consentirà il fissaggio di funi metalliche tese, alle quali i montatori di acciaio che indossano imbracature di sicurezza possono fissare le loro linee di corsa. L'obiettivo dovrebbe essere quello di posizionare le piastre del pavimento nei telai in acciaio il prima possibile, per ridurre la quantità di tempo in cui i montatori dell'acciaio devono fare affidamento su linee di sicurezza, imbracature o scale. Se il telaio in acciaio deve rimanere aperto e senza pavimenti mentre l'erezione continua a livelli più alti, allora le reti di sicurezza dovrebbero essere tese al di sotto dei vari livelli di lavoro. Per quanto possibile, la progettazione del telaio in acciaio e le pratiche di lavoro dei montatori dell'acciaio dovrebbero ridurre al minimo la misura in cui i lavoratori devono "camminare sull'acciaio".

Lavori sul tetto

Mentre l'innalzamento dei muri è una fase importante e pericolosa nella costruzione di un edificio, la messa in opera del tetto è altrettanto importante e presenta pericoli speciali. I tetti sono piani o inclinati. Con i tetti piani il pericolo principale è la caduta di persone o materiali oltre il bordo o attraverso le aperture del tetto. I tetti piani sono generalmente costruiti in legno o calcestruzzo gettato o lastre. I tetti piani devono essere sigillati contro l'ingresso di acqua e vengono utilizzati vari materiali, tra cui bitume e feltro. Tutti i materiali necessari per il tetto devono essere sollevati al livello richiesto, il che potrebbe richiedere montacarichi o gru se l'edificio è alto o le quantità di copertura e sigillante sono notevoli. Potrebbe essere necessario riscaldare il bitume per facilitare la diffusione e la sigillatura; ciò può comportare il trasporto sul tetto di una bombola di gas e di un crogiolo. I lavoratori del tetto e le persone sottostanti possono essere ustionati dal bitume riscaldato e possono essere avviati incendi che coinvolgono la struttura del tetto.

Il pericolo di cadute può essere prevenuto sui tetti piani erigendo una protezione temporanea dei bordi sotto forma di parapetti di dimensioni simili ai parapetti delle impalcature. Se l'edificio è ancora circondato da un'impalcatura esterna, questa può essere estesa fino al livello del tetto, per fornire una protezione del bordo ai lavoratori del tetto. Le aperture di caduta nei tetti piani possono essere prevenute coprendole o, se devono rimanere aperte, erigendo parapetti attorno ad esse.

I tetti spioventi si trovano più comunemente su case ed edifici più piccoli. La falda del tetto si ottiene erigendo un'intelaiatura in legno a cui è fissata la copertura esterna del tetto, solitamente in coppi di argilla o cemento. L'inclinazione del tetto può superare i 45° sopra l'orizzontale, ma anche una pendenza inferiore presenta dei pericoli quando è bagnata. Per evitare che i lavoratori del tetto cadano durante il fissaggio di listelli, feltro e tegole, è necessario utilizzare scale per tetti. Se la scala del tetto non può essere fissata o sostenuta alla sua estremità inferiore, dovrebbe avere un ferro di colmo progettato in modo appropriato che si aggrapperà alle tegole del colmo. In caso di dubbi sulla resistenza delle tegole di colmo, la scala deve essere assicurata per mezzo di una fune dal suo piolo superiore, sopra le tegole di colmo e fino a un punto di ancoraggio robusto.

I materiali di copertura fragili sono utilizzati sia su tetti inclinati che curvi oa botte. Alcuni lucernari sono realizzati con materiali fragili. I materiali tipici includono lastre di cemento-amianto, plastica, truciolato trattato e lana di legno. Poiché i lavoratori del tetto passano spesso attraverso le lastre che hanno appena posato, è necessario un accesso sicuro al punto in cui devono essere posate le lastre e una posizione sicura da cui eseguire l'operazione. Questo di solito è sotto forma di una serie di scale sul tetto. I materiali di copertura fragili rappresentano un rischio ancora maggiore per gli addetti alla manutenzione, che potrebbero non essere consapevoli della loro natura fragile. Progettisti e architetti possono migliorare la sicurezza dei lavoratori sui tetti non specificando in primo luogo materiali fragili.

La posa di tetti, anche piani, può essere pericolosa in caso di forte vento o pioggia battente. Materiali come le lamiere, normalmente maneggiabili con sicurezza, diventano pericolosi in tali condizioni atmosferiche. I lavori sul tetto non sicuri non solo mettono in pericolo i lavoratori del tetto, ma presentano anche pericoli per il pubblico sottostante. La costruzione di nuovi tetti è rischiosa, ma, semmai, la manutenzione dei tetti è ancora più pericolosa.

Ristrutturazione

Il rinnovamento comprende sia la manutenzione della struttura che le modifiche apportate durante la sua vita. La manutenzione (compresa la pulizia e la riverniciatura delle parti in legno o di altre superfici esterne, il rifacimento del cemento e le riparazioni alle pareti e al tetto) presenta rischi di caduta simili a quelli di erezione della struttura a causa della necessità di accedere alle parti alte della struttura. In effetti, i rischi possono essere maggiori perché durante i lavori di manutenzione più piccoli e di breve durata, c'è la tentazione di tagliare i costi sulla fornitura di attrezzature di accesso sicuro, ad esempio, cercando di fare da una scala ciò che può essere fatto in sicurezza solo da un'impalcatura . Ciò è particolarmente vero per i lavori sui tetti, dove la sostituzione di una tegola può richiedere solo pochi minuti, ma c'è ancora la possibilità che un lavoratore cada e muoia.

Manutenzione e pulizia

I progettisti, in particolare gli architetti, possono migliorare la sicurezza degli addetti alla manutenzione e alla pulizia tenendo conto, nei progetti e nelle specifiche, della necessità di un accesso sicuro ai tetti, ai locali tecnici, alle finestre e ad altre posizioni esposte all'esterno della struttura. Evitare del tutto la necessità di accesso è la soluzione migliore, seguita poi da un accesso sicuro permanente come parte della struttura, magari scale o una passerella con parapetti o una piattaforma di accesso motorizzata fissata in modo permanente al tetto. La situazione meno soddisfacente per il personale addetto alla manutenzione è quando un'impalcatura simile a quella utilizzata per erigere l'edificio è l'unico modo per fornire un accesso sicuro. Questo sarà un problema minore per lavori di ristrutturazione importanti e di lunga durata, ma per lavori di breve durata, il costo di un'impalcatura completa è tale che c'è la tentazione di tagliare gli angoli e utilizzare attrezzature mobili di accesso motorizzato o impalcature a torre dove non sono adatte o inadeguato.

Se la ristrutturazione comporta un importante rifacimento del rivestimento dell'edificio o una pulizia all'ingrosso con getti d'acqua ad alta pressione o prodotti chimici, l'impalcatura totale può essere l'unica risposta che non solo proteggerà i lavoratori, ma consentirà anche di appendere teli per proteggere il pubblico nelle vicinanze. La protezione dei lavoratori coinvolti nella pulizia con getti d'acqua ad alta pressione comprende indumenti, stivali e guanti impermeabili e uno schermo facciale o occhiali per proteggere gli occhi. La pulizia che coinvolge sostanze chimiche come gli acidi richiederà indumenti protettivi simili ma resistenti agli acidi. Se vengono utilizzati abrasivi per pulire la struttura, è necessario utilizzare una sostanza priva di silice. Poiché l'uso di abrasivi può generare polvere che può essere dannosa, i lavoratori devono indossare dispositivi respiratori approvati. La riverniciatura delle finestre in un edificio per uffici alto o in un condominio non può essere eseguita in sicurezza dalle scale, sebbene ciò sia solitamente possibile nelle abitazioni domestiche. Sarà necessario fornire impalcature o appendere impalcature sospese come le culle dal tetto, assicurandosi che i punti di sospensione siano adeguati.

La manutenzione e la pulizia di strutture di ingegneria civile, come ponti, alti camini o alberi, può comportare il lavoro a tali altezze o in tali posizioni (ad esempio, sopra l'acqua) che vietano l'erezione di una normale impalcatura. Per quanto possibile, il lavoro dovrebbe essere svolto da un'impalcatura fissa sospesa o a sbalzo dalla struttura. Dove ciò non è possibile, il lavoro dovrebbe essere svolto da una culla adeguatamente sospesa. I ponti moderni hanno spesso le proprie culle come parti della struttura permanente; questi dovrebbero essere controllati completamente prima di essere utilizzati per un lavoro di manutenzione. Le strutture di ingegneria civile sono spesso esposte alle intemperie e il lavoro non dovrebbe essere consentito in presenza di forti venti o forti piogge.

Pulizia dei vetri

La pulizia delle finestre presenta i propri rischi, soprattutto se effettuata da terra su scale o con accorgimenti improvvisati per l'accesso su edifici più alti. La pulizia delle finestre non è solitamente considerata parte del processo di costruzione, eppure è un'operazione diffusa che può mettere in pericolo sia i lavavetri che il pubblico. La sicurezza nella pulizia delle finestre è, tuttavia, influenzata da una parte del processo di costruzione: la progettazione. Se gli architetti non prendono in considerazione la necessità di un accesso sicuro, o in alternativa specificano finestre di un design che possono essere pulite dall'interno, allora il lavoro dell'appaltatore della pulizia delle finestre sarà molto più pericoloso. Mentre la progettazione della necessità di pulire le finestre esterne o l'installazione di adeguate attrezzature di accesso come parte del progetto originale può inizialmente costare di più, ci dovrebbero essere notevoli risparmi nel corso della vita dell'edificio nei costi di manutenzione e una riduzione dei rischi.

ristrutturazione

La ristrutturazione è un aspetto importante e rischioso della ristrutturazione. Si verifica quando, ad esempio, la struttura essenziale dell'edificio o del ponte viene lasciata al suo posto ma altre parti vengono riparate o sostituite. Tipicamente nelle abitazioni domestiche, la ristrutturazione comporta la rimozione di finestre, possibilmente pavimenti e scale, insieme a cavi e impianti idraulici, e la loro sostituzione con elementi nuovi e solitamente aggiornati. In un edificio commerciale per uffici, la ristrutturazione coinvolge le finestre e possibilmente i pavimenti, ma è probabile che riguardi anche lo smantellamento e la sostituzione del rivestimento di un edificio intelaiato, l'installazione di nuovi impianti di riscaldamento e ventilazione e ascensori o il ricablaggio totale.

Nelle strutture di ingegneria civile come i ponti, la ristrutturazione può comportare la rimozione della struttura dal suo telaio di base, il suo rafforzamento, il rinnovo di parti e la sostituzione della carreggiata e dell'eventuale rivestimento.

La ristrutturazione presenta i soliti pericoli per i lavoratori edili: caduta e caduta di materiali. Il rischio è reso più difficile da controllare dove i locali rimangono occupati durante la ristrutturazione, come spesso accade nei locali domestici come i condomini, quando semplicemente non sono disponibili alloggi alternativi per gli occupanti della casa. In tale situazione gli occupanti, in particolare i bambini, affrontano gli stessi pericoli dei lavoratori edili. Potrebbero esserci pericoli dai cavi di alimentazione agli strumenti portatili come seghe e trapani necessari durante la ristrutturazione. È importante che il lavoro sia attentamente pianificato per ridurre al minimo i rischi sia per i lavoratori che per il pubblico; questi ultimi devono sapere cosa accadrà e quando. Deve essere impedito l'accesso ai locali, alle scale o ai balconi dove devono essere eseguiti i lavori. Gli ingressi ai condomini potrebbero dover essere protetti da ventilatori per proteggere le persone dalla caduta di materiali. Al termine del turno di lavoro, le scale e le impalcature devono essere rimosse o chiuse in modo tale da non consentire ai bambini di salirvi sopra mettendosi in pericolo. Allo stesso modo, vernici, bombole di gas e utensili elettrici devono essere rimossi o conservati in modo sicuro.

Negli edifici commerciali occupati in cui i servizi sono in fase di ristrutturazione, non dovrebbe essere possibile aprire le porte degli ascensori. Se la ristrutturazione interferisce con le attrezzature antincendio e di emergenza, è necessario prendere disposizioni speciali per avvertire sia gli occupanti che i lavoratori in caso di incendio. La ristrutturazione di locali domestici e commerciali può richiedere la rimozione di materiali contenenti amianto. Ciò presenta gravi rischi per la salute dei lavoratori e degli occupanti al loro ritorno. Tale rimozione dell'amianto dovrebbe essere effettuata solo da appaltatori appositamente addestrati e attrezzati. L'area in cui viene rimosso l'amianto dovrà essere isolata dalle altre parti dell'edificio. Prima che gli occupanti ritornino nelle aree da cui è stato rimosso l'amianto, l'atmosfera in quelle stanze dovrebbe essere monitorata ei risultati valutati per garantire che i livelli di fibre di amianto nell'aria siano inferiori ai livelli consentiti.

Di solito il modo più sicuro per eseguire la ristrutturazione è escludere totalmente gli occupanti e i membri del pubblico; tuttavia, questo a volte semplicemente non è praticabile.

Utilità

La fornitura di utenze negli edifici, come elettricità, gas, acqua e telecomunicazioni, è solitamente effettuata da subappaltatori specializzati. I rischi principali sono le cadute dovute a difficoltà di accesso, polvere e fumi da perforazione e taglio e scosse elettriche o incendi da servizi elettrici e del gas. I pericoli sono gli stessi nelle case, solo su scala minore. Il lavoro è più facile per gli appaltatori se l'architetto ha tenuto conto del dovuto nella progettazione della struttura per accogliere i servizi. Richiedono spazio per condotti e canali nelle pareti e nei pavimenti, oltre a spazio aggiuntivo sufficiente per consentire agli installatori di operare in modo efficace e sicuro. Considerazioni analoghe valgono per la manutenzione delle utenze dopo che l'edificio è entrato in funzione. Un'adeguata attenzione ai dettagli di condotti, canali e aperture nella progettazione iniziale della struttura dovrebbe significare che questi siano o gettati o incorporati nella struttura. Non sarà quindi necessario per gli operai edili scovare canali e condotti o aprire buche con utensili elettrici, che creano grandi quantità di polveri nocive. Se viene fornito uno spazio adeguato per i condotti e le apparecchiature di riscaldamento e condizionamento, il lavoro degli installatori è sia più facile che più sicuro perché è quindi possibile lavorare da posizioni sicure piuttosto che, ad esempio, in piedi su assi incuneate all'interno dei condotti verticali . Se l'illuminazione e il cablaggio devono essere installati sopra la testa in stanze con soffitti alti, gli appaltatori potrebbero aver bisogno di impalcature o impalcature a torre oltre alle scale.

L'installazione dei servizi di pubblica utilità deve essere conforme agli standard locali riconosciuti. Questi dovrebbero, ad esempio, coprire tutti gli aspetti di sicurezza degli impianti elettrici e del gas in modo che gli appaltatori non abbiano dubbi sugli standard richiesti per il cablaggio, l'isolamento, la messa a terra (messa a terra), i fusibili, l'isolamento e, per il gas, la protezione delle tubazioni, l'isolamento, adeguata ventilazione e predisposizione di dispositivi di sicurezza contro la mancanza di fiamma e la perdita di pressione. La mancata gestione da parte degli appaltatori di tali questioni di dettaglio nell'installazione o nella manutenzione delle utenze creerà pericoli sia per i propri lavoratori che per gli occupanti dell'edificio.

Finitura interna

Se la struttura è in mattoni o cemento, la finitura interna può richiedere un'intonacatura iniziale per fornire una superficie che possa essere verniciata. L'intonacatura è un mestiere artigianale tradizionale. I pericoli principali sono rappresentati da forti sollecitazioni alla schiena e alle braccia derivanti dalla manipolazione di materiale in sacchi e pannelli di gesso e quindi dall'effettivo processo di intonacatura, soprattutto quando l'intonacatore lavora sopra la testa. Dopo l'intonacatura, le superfici possono essere verniciate. Il pericolo qui è dovuto ai vapori emessi da diluenti o solventi e talvolta dalla vernice stessa. Se possibile, dovrebbero essere utilizzate vernici a base d'acqua. Nel caso si debbano utilizzare vernici a solvente, i locali devono essere ben aerati, eventualmente mediante l'utilizzo di ventilatori. Se i materiali utilizzati sono tossici e non è possibile ottenere un'adeguata ventilazione, è necessario indossare protezioni respiratorie e altre protezioni personali.

A volte la finitura interna può richiedere il fissaggio di rivestimenti o rivestimenti alle pareti. Se ciò comporta l'uso di pistole a cartuccia per fissare i pannelli ai montanti in legno, il pericolo deriverà principalmente dal modo in cui viene azionata la pistola. I chiodi a cartuccia possono essere facilmente sparati attraverso muri e tramezzi o possono rimbalzare colpendo qualcosa di duro. Gli appaltatori devono pianificare attentamente questo lavoro, se necessario escludendo altre persone nelle vicinanze.

La finitura può richiedere il fissaggio a parete e pavimento di piastrelle o lastre di vario materiale. Il taglio di grandi quantità di piastrelle ceramiche o lastre di pietra con mototroncatrici genera grandi quantità di polvere e deve essere eseguito a umido o in un luogo chiuso. Il pericolo principale con le piastrelle, comprese le quadrotte per moquette, deriva dalla necessità di incollarle in posizione. Gli adesivi utilizzati sono a base di solventi ed emettono vapori nocivi e in uno spazio chiuso possono essere infiammabili. Sfortunatamente, coloro che posano le piastrelle si inginocchiano in basso sul punto in cui si sprigionano i vapori. Devono essere utilizzati adesivi a base d'acqua. Dove devono essere utilizzati adesivi a base di solventi, i locali devono essere ben ventilati (ventola assistita), la quantità di adesivi introdotti nel locale di lavoro deve essere ridotta al minimo e i fusti devono essere travasati in barattoli più piccoli utilizzati dai piastrellisti fuori dal locale di lavoro.

Se la finitura richiede l'installazione di materiali fonoisolanti o termici, come spesso accade nei condomini e negli edifici commerciali, questi possono essere sotto forma di lastre o lastre tagliate, blocchi posati e fissati insieme o ad un superficie da un cemento o in una forma bagnata che viene spruzzata. I pericoli includono l'esposizione alla polvere che può sia irritare che essere dannosa. Non devono essere utilizzati materiali contenenti amianto. Se si utilizzano fibre minerali artificiali, indossare una protezione respiratoria e indumenti protettivi per prevenire l'irritazione della pelle.

Rischi di incendio nelle finiture interne

Molte delle operazioni di finitura in un edificio comportano l'uso di materiali che aumentano notevolmente il rischio di incendio. La struttura di base può essere in acciaio, cemento e mattoni relativamente non infiammabili. Tuttavia, i commerci di finitura introducono legno, possibilmente carta, vernici e solventi.

Nello stesso momento in cui vengono eseguite le finiture interne, potrebbero essere in corso lavori nelle vicinanze utilizzando utensili elettrici o potrebbero essere installati i servizi elettrici. Quasi sempre c'è una fonte di ignizione per vapori infiammabili e materiali usati nella finitura. Molti incendi molto costosi sono stati accesi durante la finitura, mettendo a rischio i lavoratori e di solito danneggiando non solo la finitura dell'edificio ma anche la sua struttura principale. Un edificio in fase di finitura è un recinto in cui forse centinaia di lavoratori utilizzano materiali infiammabili. L'appaltatore principale dovrebbe garantire che siano presi accordi adeguati per fornire e proteggere i mezzi di fuga, mantenere le vie di accesso sgombre da ostruzioni, ridurre la quantità di materiali infiammabili immagazzinati e in uso all'interno dell'edificio, avvertire gli appaltatori dell'incendio e, se necessario, evacuare l'edificio edificio.

Finitura esterna

Alcuni dei materiali utilizzati nella finitura interna possono essere utilizzati anche all'esterno, ma la finitura esterna riguarda generalmente il rivestimento, l'impermeabilizzazione e la verniciatura. I corsi di cemento nelle opere in mattoni e blocchi sono generalmente "appuntiti" o finiti man mano che i mattoni oi blocchi vengono posati e non richiedono ulteriore attenzione. L'esterno delle pareti può essere in cemento da tinteggiare o avere un'applicazione di uno strato di pietre piccole, come in stucco o intonaco. La finitura esterna, come i lavori di costruzione in generale, viene eseguita all'aperto ed è soggetta agli effetti degli agenti atmosferici. Il pericolo di gran lunga maggiore è il rischio di caduta, spesso accentuato dalle difficoltà nel maneggiare componenti e materiali. L'uso di vernici, sigillanti e adesivi contenenti solventi è un problema minore rispetto alla finitura interna perché la ventilazione naturale impedisce l'accumulo di concentrazioni di vapore nocive o infiammabili.

Ancora una volta, i progettisti possono influenzare la sicurezza delle rifiniture esterne specificando pannelli di rivestimento che possono essere maneggiati in sicurezza (vale a dire, non troppo pesanti o grandi) e prendendo accordi in modo che il rivestimento possa essere eseguito da posizioni sicure. I telai oi solai dell'edificio dovrebbero essere progettati per incorporare caratteristiche come alette o incavi che consentano un facile atterraggio dei pannelli di rivestimento, specialmente se posti in posizione mediante gru o paranchi. La specifica di materiali come la plastica per i telai delle finestre e le fasce elimina la necessità di verniciatura e riverniciatura e riduce la successiva manutenzione. Ciò va a vantaggio della sicurezza sia dei lavoratori edili che degli occupanti della casa o dell'appartamento.

Cura dei giardini

L'abbellimento del paesaggio su larga scala può comportare movimenti di terra simili a quelli coinvolti nelle opere autostradali e dei canali. Potrebbero essere necessari scavi profondi per installare gli scarichi; vaste aree possono dover essere lastricate o cementate; potrebbe essere necessario spostare le rocce. Infine, il cliente potrebbe desiderare di creare l'impressione di uno sviluppo maturo e consolidato, in modo che vengano piantati alberi completamente cresciuti. Tutto ciò richiede scavo, scavo e carico. Spesso richiede anche una notevole capacità di sollevamento.

Gli appaltatori del paesaggio sono generalmente specialisti che non trascorrono molto del loro tempo lavorando come parte di contratti di costruzione. L'appaltatore principale dovrebbe garantire che gli appaltatori del paesaggio siano portati sul sito in un momento opportuno (non necessariamente verso la fine del contratto). Gli scavi importanti e la posa dei tubi possono essere eseguiti al meglio all'inizio della vita del progetto, quando un lavoro simile viene svolto per le fondamenta dell'edificio. L'abbellimento del paesaggio non deve indebolire o mettere in pericolo l'edificio o sovraccaricare la struttura accumulando terra sopra o contro di esso e i suoi annessi in modo pericoloso. Se il terriccio deve essere rimosso e successivamente rimesso in posizione, dovrà essere fornito uno spazio sufficiente per ammucchiarlo in modo sicuro.

L'abbellimento del paesaggio può essere richiesto anche presso stabilimenti industriali e servizi pubblici per motivi di sicurezza e ambientali. Attorno ad un impianto petrolchimico può essere necessario livellare il terreno o prevedere una particolare direzione di pendenza, eventualmente ricoprendo il terreno con pietrisco o cemento per impedire la crescita della vegetazione. D'altra parte, se l'abbellimento del paesaggio attorno a locali industriali è finalizzato a migliorare l'aspetto o motivi ambientali (ad esempio, per ridurre il rumore o nascondere una pianta antiestetica), può richiedere argini e l'erezione di schermi o la piantumazione di alberi. Autostrade e ferrovie oggi devono includere caratteristiche che riducano il rumore se si trovano vicino ad aree urbane o nascondano le operazioni se si trovano in aree sensibili dal punto di vista ambientale. L'abbellimento del paesaggio non è solo un ripensamento, perché oltre a migliorare l'aspetto dell'edificio o dell'impianto, può, a seconda della natura dello sviluppo, preservare l'ambiente e migliorare la sicurezza in generale. Pertanto, deve essere progettato e pianificato come parte integrante del progetto.

Demolizione

La demolizione è forse l'operazione di costruzione più pericolosa. Ha tutti i rischi di lavorare in quota e di essere colpito da materiali in caduta, ma viene eseguito in una struttura che è stata indebolita sia come parte della demolizione, sia a seguito di tempeste, danni prodotti da inondazioni, incendi, esplosioni o semplice usura. I pericoli durante la demolizione sono cadute, essere colpiti o seppelliti da materiale in caduta o dal crollo involontario della struttura, rumore e polvere. Uno dei problemi pratici nel garantire la salute e la sicurezza durante la demolizione è che può procedere molto rapidamente; con attrezzature moderne si può demolire moltissimo in un paio di giorni.

Ci sono tre modi principali per demolire una struttura: abbatterla a pezzi; abbatterlo o spingerlo verso il basso; o abbatterlo usando esplosivi. La scelta del metodo è dettata dalle condizioni della struttura, dall'ambiente circostante, dai motivi della demolizione e dal costo. L'uso di esplosivi di solito non è possibile quando altri edifici sono nelle vicinanze. La demolizione deve essere pianificata con la stessa cura di qualsiasi altro processo di costruzione. La struttura da demolire deve essere esaminata a fondo e devono essere ottenuti tutti i disegni, in modo che l'appaltatore della demolizione abbia a disposizione quante più informazioni possibili sulla natura della struttura, sul metodo di costruzione e sui materiali. L'amianto si trova comunemente negli edifici e in altre strutture che devono essere demolite e richiede appaltatori specializzati nella sua gestione.

La pianificazione del processo di demolizione dovrebbe garantire che la struttura non sia sovraccaricata o caricata in modo irregolare con detriti e che vi siano aperture adeguate per lo scarico dei detriti per una rimozione sicura. Se la struttura deve essere indebolita tagliando parti del telaio (soprattutto cemento armato o altri tipi di struttura altamente sollecitati) o asportando parti di un edificio come pavimenti o pareti interne, questo non deve indebolire la struttura in modo tale da poterla crollare inaspettatamente. Detriti e materiali di scarto dovrebbero essere pianificati in modo tale da poter essere rimossi o conservati in modo sicuro e appropriato; a volte il costo di un lavoro di demolizione dipende dal recupero di rottami o componenti preziosi.

Se la struttura deve essere demolita pezzo per pezzo (ovvero, smontata pezzo per pezzo), senza l'utilizzo di picconi e cesoie azionati a distanza, i lavoratori dovranno inevitabilmente eseguire il lavoro utilizzando utensili manuali o utensili elettrici portatili. Ciò significa che potrebbero dover lavorare in quota su pareti esposte o al di sopra di aperture create per consentire la caduta di detriti. Di conseguenza, saranno necessarie piattaforme di lavoro temporanee per impalcature. La stabilità di tali impalcature non deve essere compromessa dalla rimozione di parti della struttura o dalla caduta di detriti. Se le scale non sono più disponibili per l'uso da parte dei lavoratori perché l'apertura della tromba delle scale viene utilizzata per far scivolare i detriti, saranno necessarie scale esterne o impalcature.

La rimozione di punti, guglie o altri elementi alti sulla sommità degli edifici a volte viene eseguita in modo più sicuro dai lavoratori che operano da secchi appositamente progettati appesi al gancio di sicurezza di una gru.

Nella demolizione frammentaria, il metodo più sicuro è smontare l'edificio in una sequenza opposta a quella in cui è stato montato. I detriti devono essere rimossi regolarmente in modo che i luoghi di lavoro e l'accesso non vengano ostruiti.

Se la struttura deve essere spinta, trascinata o abbattuta, di solito viene pre-indebolita, con i rischi che ne derivano. L'abbattimento a volte viene eseguito rimuovendo pavimenti e pareti interne, fissando funi metalliche a punti forti sulle parti superiori dell'edificio e utilizzando un escavatore o un'altra macchina pesante per tirare la fune metallica. C'è un vero pericolo per le funi metalliche volanti se si rompono a causa del sovraccarico o del cedimento del punto di ancoraggio sull'edificio. Questa tecnica non è adatta per edifici molto alti. La spinta oltre, sempre dopo il pre-indebolimento, comporta l'uso di attrezzature pesanti come benne cingolate o spintori. Le cabine di tali apparecchiature dovrebbero essere schermate per evitare che i conducenti vengano feriti dalla caduta di detriti. Il sito non dovrebbe essere ostruito a tal punto da detriti caduti da creare instabilità per la macchina utilizzata per tirare o spingere l'edificio verso il basso.

balling

La forma più comune di demolizione (e se eseguita correttamente, per molti versi la più sicura) è l'"appallottolamento", utilizzando una sfera d'acciaio o di cemento sospesa a un gancio su una gru con un braccio sufficientemente robusto da resistere alle speciali sollecitazioni imposte dall'appallottolamento . Il braccio viene spostato lateralmente e la palla viene fatta oscillare contro il muro da demolire. Il pericolo principale è intrappolare la palla nella struttura o nei detriti, quindi tentare di districarla sollevando il gancio della gru. Ciò sovraccarica gravemente la gru e il cavo della gru o il braccio potrebbero guastarsi. Potrebbe essere necessario che un lavoratore si arrampichi fino al punto in cui la palla è incuneata e la liberi. Tuttavia, questo non dovrebbe essere fatto se c'è il rischio che quella parte dell'edificio crolli sul lavoratore. Un altro pericolo associato agli operatori di gru meno esperti è l'impalcatura eccessiva, in modo che parti indesiderate dell'edificio vengano accidentalmente abbattute.

Esplosivi

La demolizione con esplosivi può essere eseguita in sicurezza, ma deve essere attentamente pianificata ed eseguita solo da lavoratori esperti sotto la supervisione competente. A differenza degli esplosivi militari, lo scopo dell'esplosione per demolire un edificio non è quello di ridurre totalmente l'edificio a un cumulo di macerie. Il modo sicuro per farlo è, dopo il pre-indebolimento, non utilizzare più esplosivo di quello che abbatterà in sicurezza la struttura in modo che i detriti possano essere rimossi in sicurezza e recuperati. Gli appaltatori che eseguono il brillamento dovrebbero ispezionare la struttura, ottenere disegni e quante più informazioni possibili sul metodo di costruzione e sui materiali. Solo con queste informazioni è possibile determinare in primo luogo se l'esplosione è appropriata, dove devono essere collocate le cariche, quanto esplosivo deve essere utilizzato, quali misure possono essere necessarie per impedire l'espulsione di detriti e che tipo di zone di separazione saranno necessarie intorno al sito per proteggere i lavoratori e il pubblico. Se sono presenti numerose cariche esplosive, lo sparo elettrico con i detonatori sarà solitamente più pratico, ma i sistemi elettrici possono sviluppare guasti e per lavori più semplici l'uso del cavo del detonatore può essere più pratico e più sicuro. Gli aspetti dell'esplosione che richiedono un'attenta pianificazione preliminare sono ciò che deve essere fatto in caso di mancata accensione o se la struttura non cade come previsto e viene lasciata sospesa in un pericoloso stato di instabilità. Se il lavoro è vicino ad abitazioni, autostrade o sviluppi industriali, le persone nell'area dovrebbero essere avvertite; la polizia locale è solitamente coinvolta nello sgombero dell'area e nell'arresto del traffico pedonale e veicolare.

Strutture alte come torri televisive o torri di raffreddamento possono essere abbattute utilizzando esplosivi, a condizione che siano state pre-indebolite in modo da poter cadere in sicurezza.

I lavoratori della demolizione sono esposti a livelli di rumore elevati a causa di macchinari e strumenti rumorosi, detriti che cadono o esplosioni di esplosivi. Di solito è richiesta la protezione dell'udito. La polvere viene prodotta in grandi quantità mentre gli edifici vengono demoliti. Un'indagine preliminare dovrebbe accertare se e dove sono presenti piombo o amianto; se possibile, questi dovrebbero essere rimossi prima dell'inizio della demolizione. Anche in assenza di tali rischi notevoli, la polvere da demolizione è spesso irritante se non addirittura dannosa, e una maschera antipolvere approvata dovrebbe essere indossata se l'area di lavoro non può essere mantenuta bagnata per controllare la polvere.

La demolizione è sia sporca che faticosa, e dovrebbe essere fornito un alto livello di strutture assistenziali, inclusi servizi igienici, lavatoi, guardaroba sia per indumenti normali che per abiti da lavoro e un luogo dove ripararsi e consumare i pasti.

smontaggio

Lo smantellamento differisce dalla demolizione in quella parte della struttura o, più comunemente, un grande pezzo di macchinario o attrezzatura viene smontato e rimosso dal sito. Ad esempio, la rimozione di una parte o dell'intera caldaia da una centrale elettrica per sostituirla o la sostituzione di una campata di un ponte di travi in ​​acciaio è uno smantellamento piuttosto che una demolizione. I lavoratori coinvolti nello smantellamento tendono a fare una grande quantità di taglio ossiacetilenico o gas di lavori in acciaio, sia per rimuovere parti della struttura che per indebolirla. Possono usare esplosivi per rovesciare un oggetto dell'equipaggiamento. Usano macchinari per il sollevamento di carichi pesanti per rimuovere grandi travi o pezzi di macchinari.

In generale, i lavoratori impegnati in tali attività affrontano tutti gli stessi pericoli di caduta, caduta di cose su di loro, rumore, polvere e sostanze nocive che si incontrano nella demolizione vera e propria. Gli appaltatori che eseguono lo smantellamento richiedono una solida conoscenza delle strutture per garantire che vengano smontate in una sequenza che non provochi un crollo improvviso e inaspettato della struttura principale.

Lavoro sull'acqua

I lavori sopra e lungo l'acqua come nella costruzione e manutenzione di ponti, nei bacini e nei lavori di difesa marittima e fluviale presentano rischi speciali. Il pericolo può essere aumentato se l'acqua scorre o è soggetta a marea, anziché ferma; il rapido movimento dell'acqua rende più difficile il salvataggio di coloro che vi cadono dentro. Cadere in acqua presenta il rischio di annegamento (anche in acque poco profonde se la persona è ferita nella caduta così come l'ipotermia se l'acqua è fredda e l'infezione se è inquinato).

La prima precauzione consiste nell'impedire la caduta dei lavoratori, assicurandosi che vi siano passerelle adeguate e postazioni di lavoro con parapetti. Questi non dovrebbero essere bagnati e scivolosi. Se le passerelle non sono possibili, come forse nelle prime fasi di montaggio dell'acciaio, i lavoratori dovrebbero indossare imbracature e funi fissate a punti di ancoraggio sicuri. Questi dovrebbero essere integrati con reti di sicurezza appese sotto la postazione di lavoro. Dovrebbero essere fornite scale e funi di presa per aiutare i lavoratori caduti a risalire fuori dall'acqua, come, ad esempio, ai bordi delle banchine e delle difese marittime. Mentre i lavoratori non si trovano su una piattaforma adeguatamente sbarrata con parapetti o stanno viaggiando da e verso il loro posto di lavoro, dovrebbero indossare aiuti al galleggiamento. I salvagenti anulari e le cime di salvataggio devono essere posizionati a intervalli regolari lungo il bordo dell'acqua.

Il lavoro nelle banchine, la manutenzione dei fiumi e le difese marittime comportano spesso l'uso di chiatte per trasportare impianti di palificazione ed escavatori per rimuovere il materiale dragato. Tali chiatte sono equivalenti a piattaforme di lavoro e dovrebbero avere parapetti di protezione, salvagenti anulari e funi di salvataggio e afferraggio adeguati. L'accesso sicuro dalla riva, dal molo o dal lato del fiume dovrebbe essere fornito sotto forma di passerelle o passerelle con parapetti. Questo dovrebbe essere organizzato in modo da adattarsi in modo sicuro con i mutevoli livelli dell'acqua di marea.

Dovrebbero essere disponibili imbarcazioni di salvataggio, dotate di funi di presa e con salvagenti anulari e funi di salvataggio a bordo. Se l'acqua è fredda o corrente, le barche dovrebbero essere costantemente equipaggiate, dovrebbero essere motorizzate e pronte a svolgere immediatamente una missione di soccorso. Se l'acqua è inquinata da effluenti industriali o fognature, dovrebbero essere presi accordi per trasportare coloro che cadono in tali acque in un centro medico o in ospedale per cure immediate. L'acqua nelle aree urbane può essere contaminata dall'urina dei ratti, che può infettare le abrasioni cutanee aperte, causando la malattia di Weil.

I lavori sull'acqua vengono spesso eseguiti in luoghi soggetti a forti venti, pioggia battente o condizioni di ghiaccio. Questi aumentano il rischio di cadute e perdita di calore. Il maltempo può rendere necessario interrompere il lavoro, anche nel bel mezzo di un turno; per evitare un'eccessiva perdita di calore può essere necessario integrare i normali indumenti protettivi per il tempo umido o freddo con biancheria intima termica.

Lavoro subacqueo

immersione

L'immersione è una forma specializzata di lavoro sott'acqua. I pericoli affrontati dai subacquei sono annegamento, malattia da decompressione (o "curve"), ipotermia dal freddo e rimanere intrappolati sott'acqua. Le immersioni possono essere necessarie durante la costruzione o la manutenzione di moli, difese marittime e fluviali e su moli e spalle di ponti. È spesso richiesto in acque dove la visibilità è scarsa o in luoghi dove c'è il rischio di impigliamento per il subacqueo e la sua attrezzatura. Le immersioni possono essere effettuate dalla terraferma o da una barca. Se il lavoro richiede un solo subacqueo, sarà necessaria almeno una squadra di tre persone per motivi di sicurezza. Il team è composto dal subacqueo in acqua, da un subacqueo di riserva completamente attrezzato pronto a entrare immediatamente in acqua in caso di emergenza e da un supervisore subacqueo responsabile. Il supervisore dell'immersione dovrebbe trovarsi in una posizione sicura a terra o nell'imbarcazione da cui deve avvenire l'immersione.

L'immersione a profondità inferiori a 50 m viene solitamente effettuata da subacquei che indossano mute umide (cioè mute che non escludono l'acqua) e indossano un autorespiratore subacqueo con maschera facciale aperta (es. attrezzatura da immersione SCUBA). A profondità superiori a 50 m o in acque molto fredde, sarà necessario che i subacquei indossino mute riscaldate da una fornitura di acqua calda pompata e maschere subacquee chiuse e attrezzatura per respirare non aria compressa ma aria più una miscela di gas (vale a dire, immersioni con miscele di gas). I subacquei devono indossare un'idonea linea di sicurezza ed essere in grado di comunicare con la superficie ed in particolare con il proprio supervisore subacqueo. I servizi di emergenza locali devono essere avvisati dall'appaltatore che l'immersione deve aver luogo.

Sia i subacquei che le attrezzature richiedono esami e test. I subacquei dovrebbero essere addestrati secondo uno standard nazionale o internazionale riconosciuto, in primo luogo e sempre per le immersioni con aria e in secondo luogo per le immersioni con miscele di gas se ciò deve avvenire. Dovrebbero essere tenuti a fornire prove scritte del completamento con successo di un corso di addestramento subacqueo. I subacquei dovrebbero sottoporsi a una visita medica annuale con un medico esperto in medicina iperbarica. Ogni subacqueo dovrebbe avere un diario di bordo personale in cui è tenuta una registrazione dei dati fisici e delle sue immersioni. Se un subacqueo è stato sospeso dall'immersione a causa di problemi fisici, anche questo dovrebbe essere registrato nel registro. Un subacqueo in sospensione non dovrebbe essere autorizzato a immergersi o agire come subacqueo di riserva. Ai subacquei dovrebbe essere chiesto dal loro supervisore subacqueo se stanno bene, specialmente se hanno qualche malattia respiratoria, prima di potersi immergere. L'attrezzatura subacquea, le mute, le cinture, le corde, le maschere, le bombole e le valvole devono essere controllate ogni giorno prima dell'uso.

Il funzionamento soddisfacente della bombola e delle valvole a domanda dovrebbe essere dimostrato dai subacquei per il loro supervisore subacqueo.

In caso di incidente o altri motivi per l'improvvisa ascesa di un subacqueo in superficie, lui o lei potrebbe sperimentare le curve o essere a rischio di esse e richiedere di essere ricompresso. Per questo motivo è auspicabile che prima dell'inizio dell'immersione si trovi il luogo in cui si trova una camera di decompressione medica o di altro tipo adatta ai subacquei. I responsabili della camera dovrebbero essere avvisati del fatto che sono in corso le immersioni. Dovrebbero essere disponibili disposizioni per il trasporto rapido di subacquei che necessitano di decompressione.

A causa della loro formazione e attrezzatura, oltre a tutto il supporto necessario per la sicurezza, l'uso dei subacquei è molto costoso, eppure la quantità di tempo in cui lavorano effettivamente sul letto del fiume può essere limitata. Per questi motivi ci sono tentazioni da parte degli appaltatori di immersioni di utilizzare subacquei non addestrati o dilettanti o una squadra di sommozzatori carente di numeri e attrezzature. Per le immersioni nelle costruzioni dovrebbero essere utilizzati solo appaltatori subacquei affidabili e particolare attenzione deve essere prestata alla selezione di subacquei che affermano di essere stati addestrati in altri paesi in cui gli standard potrebbero essere inferiori.

cassoni

I cassoni sono piuttosto come grandi casseruole capovolte i cui bordi poggiano sul letto del porto o del fiume. A volte vengono utilizzati cassoni aperti che, come suggerisce il nome, hanno una parte superiore aperta. Sono usati a terra per affondare un pozzo in un terreno soffice. Il bordo inferiore del cassone viene affilato, gli operai scavano all'interno del cassone e affonda nel terreno man mano che il terreno viene rimosso, creando così il pozzo. Cassoni aperti simili vengono utilizzati in acque poco profonde, ma la loro profondità può essere estesa aggiungendo sezioni in cima mentre il cassone affonda nel fiume o nel letto del porto. I cassoni aperti si basano sul pompaggio per controllare l'ingresso di acqua e terra nella base del cassone. Per un lavoro ancora più profondo, dovrà essere utilizzato un cassone chiuso. L'aria compressa viene pompata al suo interno per spostare l'acqua e gli operai possono entrare attraverso una camera di equilibrio, solitamente in cima, e scendere a lavorare in aria su quel letto. I lavoratori sono in grado di lavorare sott'acqua ma sono liberati dai vincoli di indossare attrezzature subacquee e la visibilità è molto migliore. I pericoli nel lavoro a cassone “pneumatico” sono le pieghe e, come in tutti i tipi di cassone compreso il più semplice cassone aperto, annegamento se l'acqua entra nel cassone a causa di cedimenti strutturali o perdita di pressione dell'aria. A causa del rischio di ingresso di acqua, i mezzi di fuga come le scale fino al punto di ingresso dovrebbero essere sempre disponibili sia nei cassoni aperti che in quelli pneumatici.

I cassoni devono essere ispezionati quotidianamente prima di essere utilizzati da qualcuno competente ed esperto nel lavoro dei cassoni. I cassoni possono essere sollevati e abbassati come unità singole mediante attrezzature di sollevamento pesanti, oppure possono essere costruiti con componenti nell'acqua. La costruzione dei cassoni dovrebbe essere sotto la supervisione di una persona altrettanto competente.

Tunnel sott'acqua

Lo scavo di gallerie, se eseguito in terreni porosi sott'acqua, potrebbe dover essere eseguito sotto aria compressa. L'infissione di tunnel per i sistemi di trasporto pubblico nei centri urbani sotto i fiumi è una pratica diffusa, a causa della mancanza di spazio fuori terra e di considerazioni ambientali. Il funzionamento dell'aria compressa sarà il più limitato possibile a causa della sua pericolosità e inefficienza.

I tunnel sott'acqua in terreno poroso saranno rivestiti con anelli di cemento o ghisa e stuccati. Ma nella direzione effettiva in cui viene scavato il tunnel e nel breve tratto in cui vengono posizionati gli anelli del tunnel, non ci sarà una superficie sufficientemente impermeabile perché il lavoro proceda senza qualche mezzo per tenere fuori l'acqua. Il lavoro ad aria compressa può ancora essere utilizzato per la testata del tunnel e l'anello o il segmento che posiziona parte del processo di guida e rivestimento del tunnel. I lavoratori coinvolti nell'azionamento della testata (ovvero su una TBM che aziona la testa di taglio rotante) o che utilizzano utensili manuali, e quelli che azionano l'attrezzatura per il posizionamento di anelli e segmenti, dovranno passare attraverso una camera di equilibrio. Il resto del tunnel ora rivestito non richiederà di essere compresso, e quindi ci sarà un più facile transito di personale e materiali.

I tunneller che devono lavorare in aria compressa affrontano lo stesso rischio delle curve dei subacquei e dei lavoratori dei cassoni. La camera d'equilibrio che dà accesso ai meccanismi dell'aria compressa dovrebbe essere completata da una seconda camera d'aria attraverso la quale passano i lavoratori alla fine del turno per essere decompressi. Se c'è una sola camera di equilibrio, questo può creare colli di bottiglia ed essere anche pericoloso. I pericoli sorgono se i lavoratori non vengono decompressi sufficientemente lentamente alla fine del loro turno o se la mancanza di capacità della camera di equilibrio ostacola l'ingresso di attrezzature vitali nelle lavorazioni sotto pressione. Le camere di decompressione e le camere di decompressione dovrebbero essere sotto la supervisione di una persona competente esperta nel tunneling ad aria compressa e nella corretta decompressione.

 

Di ritorno

Leggi 7961 volte Ultima modifica sabato 30 luglio 2022 22:03
Altro in questa categoria: « Settori maggiori Trincee »

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti di costruzione

Società americana di ingegneri meccanici (ASME). 1994. Gru mobili e locomotive: uno standard nazionale americano. ASME B30.5-1994. New York: ASME.

Arbetarskyddsstyrelsen (Consiglio nazionale svedese per la sicurezza e la salute sul lavoro). 1996. Comunicazione personale.

Burkhart, G, PA Schulte, C Robinson, WK Sieber, P Vossenas, and K Ringen. 1993. Attività lavorative, potenziali esposizioni e rischi per la salute dei lavoratori impiegati nel settore edile. Am J Ind Med 24:413-425.

Dipartimento dei servizi sanitari della California. 1987. Mortalità professionale della California, 1979-81. Sacramento, CA: Dipartimento dei servizi sanitari della California.

Commissione delle Comunità europee. 1993. Sicurezza e salute nel settore edile. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali dell'Unione europea.

Commissione sul futuro delle relazioni tra lavoratori e dirigenti. 1994. Rapporto di accertamento dei fatti. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

Associazione per la sicurezza delle costruzioni dell'Ontario. 1992. Manuale di sicurezza e salute nell'edilizia. Toronto: Associazione per la sicurezza delle costruzioni del Canada.

Consiglio delle Comunità europee. 1988. Direttiva del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle leggi, dei regolamenti e delle disposizioni amministrative degli Stati membri relative ai prodotti da costruzione (89/106/CEE). Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee.

Consiglio delle Comunità europee. 1989. Direttiva del Consiglio del 14 giugno 1989 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine (89/392/CEE). Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee.

El Batawi, MA. 1992. Lavoratori migranti. In Occupational Health in Developing Countries, a cura di J Jeyaratnam. Oxford: Pressa dell'Università di Oxford.
Engholm, G e A Englund. 1995. Morbilità e modelli di mortalità in Svezia. Occup Med: State Art Rev 10:261-268.

Comitato europeo di normalizzazione (CEN). 1994. EN 474-1. Macchine movimento terra - Sicurezza - Parte 1: Requisiti generali. Bruxelles: CEN.

Istituto finlandese di salute sul lavoro. 1987. Indagine sistematica sul posto di lavoro: salute e sicurezza nell'industria delle costruzioni. Helsinki: Istituto finlandese per la salute sul lavoro.

—. 1994. Programma amianto, 1987-1992. Helsinki: Istituto finlandese per la salute sul lavoro.

Fregert, S, B Gruvberger, e E Sandahl. 1979. Riduzione del cromato nel cemento mediante solfato di ferro. Contatta Dermat 5:39-42.

Hinze, J. 1991. Costi indiretti degli incidenti di costruzione. Austin, TX: Istituto per l'industria delle costruzioni.

Hoffman, B, M Butz, W Coenen e D Waldeck. 1996. Salute e sicurezza sul lavoro: sistema e statistiche. Saint Augustin, Germania: Hauptverband der gewerblichen berufsgenossenschaften.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1985. Composti aromatici polinucleari, parte 4: bitumi, catrami di carbone e prodotti derivati, oli di scisto e fuliggine. In monografie IARC sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo. vol. 35. Lione: IARC.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1995. Sicurezza, salute e benessere nei cantieri: un manuale di formazione. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1982. ISO 7096. Macchine movimento terra—Sedile operatore—Vibrazioni trasmesse. Ginevra: ISO.

—. 1985a. ISO 3450. Macchine movimento terra - Macchine gommate - Requisiti prestazionali e procedure di prova per i sistemi frenanti. Ginevra: ISO.

—. 1985b. ISO 6393. Acustica—Misurazione del rumore aereo emesso da macchine movimento terra—Posizione dell'operatore—Condizioni di prova stazionarie. Ginevra: ISO.

—. 1985 c. ISO 6394. Acustica—Misurazione del rumore aereo emesso da macchine movimento terra—Metodo per determinare la conformità ai limiti per il rumore esterno—Condizioni di prova stazionarie. Ginevra: ISO.

—. 1992. ISO 5010. Macchine movimento terra—Macchine gommate—Capacità di sterzata. Ginevra: ISO.

Jack, TA e MJ Zak. 1993. Risultati del primo censimento nazionale degli infortuni mortali sul lavoro, 1992. Washington, DC: Bureau of Labor Statistics.
Associazione giapponese per la sicurezza e la salute nelle costruzioni. 1996. Comunicazione personale.

Kisner, SM e DE Fosbroke. 1994. Rischi di lesioni nel settore edile. J Occup Med 36:137-143.

Levitt, RE e NM Samelson. 1993. Gestione della sicurezza nei cantieri. New York: Wiley & Figli.

Markowitz, S, S Fisher, M Fahs, J Shapiro e PJ Landrigan. 1989. Malattia professionale nello Stato di New York: un riesame completo. Am J Ind Med 16:417-436.

Marsh, B. 1994. La possibilità di farsi male è generalmente molto più alta nelle aziende più piccole. Wall Street J.

McVittie, DJ. 1995. Morti e feriti gravi. Occup Med: State Art Rev 10:285-293.

Ricerca sui meridiani. 1994. Programmi di protezione dei lavoratori nell'edilizia. Silver Spring, MD: Meridian Research.

Oxenburg, M. 1991. Aumentare la produttività e il profitto attraverso la salute e la sicurezza. Sydney: CCH internazionale.

Pollack, ES, M Griffin, K Ringen e JL Weeks. 1996. Vittime nel settore edile negli Stati Uniti, 1992 e 1993. Am J Ind Med 30:325-330.

Poteri, MB. 1994. La febbre dei costi si interrompe. Record di notizie di ingegneria 233: 40-41.
Ringen, K, A Englund e J Seegal. 1995. Operai edili. In Occupational Health: Recognizing and Preventing Work-related Disease, a cura di BS Levy e DH Wegman. Boston, MA: Little, Brown and Co.

Ringen, K, A Englund, L Welch, JL Weeks e JL Seegal. 1995. Sicurezza e salute nei cantieri. Occup Med: State Art Rev 10:363-384.

Roto, P, H Sainio, T Reunala, and P Laippala. 1996. Aggiunta di solfato ferroso al cemento e rischio di dermatite da cromo tra i lavoratori edili. Contatta Dermat 34:43-50.

Saari, J e M Nasanen. 1989. L'effetto del feedback positivo sulla pulizia industriale e sugli incidenti. Int J Ind Erg 4:201-211.

Schneider, S e P Susi. 1994. Ergonomia e costruzione: una revisione del potenziale nelle nuove costruzioni. Am Ind Hyg Assoc J 55:635-649.

Schneider, S, E Johanning, JL Bjlard e G Enghjolm. 1995. Rumore, vibrazioni, caldo e freddo. Occup Med: State Art Rev 10:363-383.
Statistiche Canada. 1993. Costruzione in Canada, 1991-1993. Rapporto n. 64-201. Ottawa: Statistiche Canada.

Strauss, M, R Gleason e J Sugarbaker. 1995. Lo screening a raggi X del torace migliora l'esito nel cancro del polmone: una rivalutazione degli studi randomizzati sullo screening del cancro del polmone. Petto 107:270-279.

Toscano, G e J Windau. 1994. Il carattere mutevole degli infortuni mortali sul lavoro. Revisione mensile del lavoro 117: 17-28.

Progetto di educazione ai rischi sul posto di lavoro e al tabacco. 1993. Guida dei lavoratori edili alle sostanze tossiche sul lavoro. Berkeley, CA: California Health Foundation.

Zachariae, C, T Agner, e JT Menn. 1996. Allergia al cromo in pazienti consecutivi in ​​un paese in cui il solfato ferroso è stato aggiunto al cemento dal 1991. Contattare Dermat 35:83-85.