Qualsiasi organizzazione che cerchi di stabilire e mantenere il miglior stato di benessere mentale, fisico e sociale dei propri dipendenti deve disporre di politiche e procedure che si occupino in modo completo della salute e della sicurezza. Queste politiche includeranno una politica sulla salute mentale con procedure per gestire lo stress in base alle esigenze dell'organizzazione e dei suoi dipendenti. Questi saranno regolarmente rivisti e valutati.

Ci sono una serie di opzioni da considerare nell'esaminare la prevenzione dello stress, che possono essere definite come livelli di prevenzione primaria, secondaria e terziaria e affrontano le diverse fasi del processo di stress (Cooper e Cartwright 1994). Prevenzione primaria si occupa di agire per ridurre o eliminare i fattori di stress (cioè le fonti di stress) e promuovere positivamente un ambiente di lavoro salutare e favorevole. Prevenzione secondaria si occupa della tempestiva individuazione e gestione della depressione e dell'ansia aumentando la consapevolezza di sé e migliorando le capacità di gestione dello stress. Prevenzione terziaria si occupa del processo di riabilitazione e recupero di quegli individui che hanno sofferto o stanno soffrendo di gravi problemi di salute a causa dello stress.

Per sviluppare una politica organizzativa efficace e completa sullo stress, i datori di lavoro devono integrare questi tre approcci (Cooper, Liukkonen e Cartwright 1996).

Prevenzione primaria

Innanzitutto, il modo più efficace per affrontare lo stress è eliminarlo alla fonte. Ciò può comportare cambiamenti nelle politiche del personale, miglioramento dei sistemi di comunicazione, riprogettazione dei posti di lavoro o consentire maggiore processo decisionale e autonomia ai livelli inferiori. Ovviamente, poiché il tipo di azione richiesta da un'organizzazione varierà a seconda dei tipi di fattori di stress operanti, qualsiasi intervento deve essere guidato da alcuni diagnosi preventiva o stress revisione per identificare quali sono questi fattori di stress e chi stanno influenzando.

Gli audit sullo stress in genere assumono la forma di un questionario di autovalutazione somministrato ai dipendenti a livello di organizzazione, sito o dipartimento. Oltre a identificare le fonti di stress sul lavoro e gli individui più vulnerabili allo stress, il questionario di solito misura i livelli di soddisfazione sul lavoro dei dipendenti, il comportamento di coping e la salute fisica e psicologica rispetto a gruppi e settori professionali simili. Gli stress audit sono un modo estremamente efficace per indirizzare le risorse organizzative nelle aree in cui sono più necessarie. Gli audit forniscono anche un mezzo per monitorare regolarmente i livelli di stress e la salute dei dipendenti nel tempo e forniscono una linea di base in base alla quale è possibile valutare gli interventi successivi.

Strumenti diagnostici, come il Indicatore di stress occupazionale (Cooper, Sloan e Williams 1988) sono sempre più utilizzati dalle organizzazioni per questo scopo. Di solito sono somministrati attraverso i dipartimenti di salute sul lavoro e/o personale/risorse umane in consultazione con uno psicologo. Nelle aziende più piccole, potrebbe esserci l'opportunità di tenere gruppi di discussione tra i dipendenti o sviluppare liste di controllo che possono essere somministrate su base più informale. L'agenda di tali discussioni/liste di controllo dovrebbe affrontare i seguenti problemi:

  • contenuto del lavoro e pianificazione del lavoro
  • condizioni fisiche di lavoro
  • condizioni di impiego e aspettative dei diversi gruppi di dipendenti all'interno dell'organizzazione
  • relazioni sul lavoro
  • sistemi di comunicazione e modalità di segnalazione.

 

Un'altra alternativa è chiedere ai dipendenti di tenere un diario dello stress per alcune settimane in cui registrano gli eventi stressanti che incontrano durante il corso della giornata. Mettere in comune queste informazioni su base di gruppo/dipartimentale può essere utile per identificare fonti universali e persistenti di stress.

Creazione di reti/ambienti sani e di supporto

Un altro fattore chiave nella prevenzione primaria è lo sviluppo di quel tipo di clima organizzativo favorevole in cui lo stress è riconosciuto come una caratteristica della moderna vita industriale e non interpretato come un segno di debolezza o incompetenza. La malattia mentale è indiscriminata: può colpire chiunque indipendentemente dall'età, dallo stato sociale o dalla funzione lavorativa. Pertanto, i dipendenti non dovrebbero sentirsi a disagio nell'ammettere le difficoltà che incontrano.

Le organizzazioni devono adottare misure esplicite per rimuovere lo stigma spesso associato a coloro che hanno problemi emotivi e massimizzare il supporto disponibile per il personale (Cooper e Williams 1994). Alcuni dei modi formali in cui ciò può essere fatto includono:

  • informare i dipendenti delle fonti esistenti di supporto e consulenza all'interno dell'organizzazione, come la salute sul lavoro
  • incorporando specificamente questioni di autosviluppo all'interno dei sistemi di valutazione
  • estendere e migliorare le capacità "personali" di manager e supervisori in modo che trasmettano un atteggiamento di supporto e possano gestire più comodamente i problemi dei dipendenti.

 

Ancora più importante, deve esserci un impegno dimostrabile nei confronti della questione dello stress e della salute mentale sul lavoro sia da parte dell'alta dirigenza che dei sindacati. Ciò potrebbe richiedere il passaggio a una comunicazione più aperta e lo smantellamento delle norme culturali all'interno dell'organizzazione che promuovono intrinsecamente lo stress tra i dipendenti (ad esempio, norme culturali che incoraggiano i dipendenti a lavorare per orari eccessivamente lunghi ea sentirsi in colpa per essere usciti “in orario”). Le organizzazioni con un clima organizzativo favorevole saranno anche proattive nell'anticipare fattori di stress aggiuntivi o nuovi che potrebbero essere introdotti a seguito di modifiche proposte. Ad esempio, ristrutturazioni, nuove tecnologie e adottare misure per affrontare questo problema, magari attraverso iniziative di formazione o un maggiore coinvolgimento dei dipendenti. Una comunicazione regolare e un maggiore coinvolgimento e partecipazione dei dipendenti svolgono un ruolo chiave nella riduzione dello stress nel contesto del cambiamento organizzativo.

Prevenzione secondaria

Le iniziative che rientrano in questa categoria sono generalmente incentrate sulla formazione e l'istruzione e comportano attività di sensibilizzazione e programmi di formazione professionale.

I corsi di educazione allo stress e di gestione dello stress svolgono una funzione utile nell'aiutare le persone a riconoscere i sintomi dello stress in se stessi e negli altri e ad estendere e sviluppare le proprie capacità e abilità di coping e la resilienza allo stress.

La forma e il contenuto di questo tipo di formazione possono variare enormemente, ma spesso includono semplici tecniche di rilassamento, consigli e pianificazione dello stile di vita, formazione di base nella gestione del tempo, capacità di assertività e risoluzione dei problemi. Lo scopo di questi programmi è di aiutare i dipendenti a rivedere gli effetti psicologici dello stress ea sviluppare un piano personale di controllo dello stress (Cooper 1996).

Questo tipo di programma può essere vantaggioso per tutti i livelli del personale ed è particolarmente utile nella formazione dei manager per riconoscere lo stress nei propri subordinati ed essere consapevoli del proprio stile manageriale e del suo impatto su coloro che gestiscono. Questo può essere di grande beneficio se effettuato a seguito di uno stress audit.

Programmi di screening/miglioramento della salute

Le organizzazioni, con la collaborazione del personale di medicina del lavoro, possono anche introdurre iniziative che promuovano direttamente comportamenti positivi per la salute sul posto di lavoro. Ancora una volta, le attività di promozione della salute possono assumere una varietà di forme. Possono includere:

  • l'introduzione di regolari controlli medici e screening sanitari
  • la progettazione di menù mensa “sani”.
  • la fornitura di strutture per il fitness in loco e corsi di ginnastica
  • iscrizione aziendale o tariffe agevolate presso centri benessere e fitness locali
  • l'introduzione di programmi di fitness cardiovascolare
  • consigli su alcol e controllo dietetico (in particolare riduzione di colesterolo, sale e zucchero)
  • programmi per smettere di fumare
  • consigli sulla gestione dello stile di vita, più in generale.

 

Per le organizzazioni che non dispongono delle strutture di un dipartimento di salute sul lavoro, esistono agenzie esterne che possono fornire una serie di programmi di promozione della salute. Le prove dei programmi di promozione della salute consolidati negli Stati Uniti hanno prodotto alcuni risultati impressionanti (Karasek e Theorell 1990). Ad esempio, il programma benessere della New York Telephone Company, progettato per migliorare la forma cardiovascolare, ha consentito all'organizzazione di risparmiare 2.7 milioni di dollari in assenza e costi di trattamento in un solo anno.

I programmi di gestione dello stress/stile di vita possono essere particolarmente utili per aiutare le persone a far fronte a fattori di stress ambientale che possono essere stati identificati dall'organizzazione, ma che non possono essere modificati, ad esempio, la precarietà del lavoro.

Prevenzione terziaria

Una parte importante della promozione della salute sul posto di lavoro è l'individuazione dei problemi di salute mentale non appena si presentano e il tempestivo rinvio di questi problemi a un trattamento specialistico. La maggior parte di coloro che sviluppano malattie mentali guariscono completamente e possono tornare al lavoro. Di solito è molto più costoso mandare in pensione una persona in anticipo per motivi medici e reclutare nuovamente e formare un successore piuttosto che dedicare tempo a facilitare il ritorno al lavoro di una persona. Ci sono due aspetti della prevenzione terziaria che le organizzazioni possono prendere in considerazione:

counseling

Le organizzazioni possono fornire l'accesso a servizi di consulenza professionale riservati per i dipendenti che hanno problemi sul posto di lavoro o nell'ambiente personale (Swanson e Murphy 1991). Tali servizi possono essere forniti da consulenti interni o da agenzie esterne sotto forma di Programma di assistenza ai dipendenti (EAP).

Gli EAP forniscono consulenza, informazioni e/o indirizzano a trattamenti di consulenza appropriati e servizi di supporto. Tali servizi sono riservati e di solito forniscono una linea di contatto 24 ore su XNUMX. Gli addebiti sono normalmente effettuati su base pro capite calcolata sul numero totale dei dipendenti e sul numero di ore di consulenza erogate dal programma.

La consulenza è un'attività altamente qualificata e richiede una formazione approfondita. È importante garantire che i consulenti abbiano ricevuto una formazione riconosciuta sulle capacità di consulenza e abbiano accesso a un ambiente adatto che consenta loro di svolgere questa attività in modo etico e riservato.

Anche in questo caso, è probabile che la fornitura di servizi di consulenza sia particolarmente efficace nell'affrontare lo stress derivante da fattori di stress operanti all'interno dell'organizzazione che non possono essere modificati (ad esempio, la perdita del lavoro) o lo stress causato da problemi non correlati al lavoro (ad esempio, lutto, rottura coniugale), ma che tuttavia tendono a sconfinare nella vita lavorativa. È anche utile per indirizzare i dipendenti verso le fonti di aiuto più appropriate per i loro problemi.

Facilitare il rientro al lavoro

Per quei dipendenti che sono assenti dal lavoro a causa dello stress, si deve riconoscere che il ritorno al lavoro stesso rischia di essere un'esperienza “stressante”. È importante che le organizzazioni siano comprensive e comprensive in queste circostanze. Dovrebbe essere condotto un colloquio di "ritorno al lavoro" per stabilire se l'interessato è pronto e felice di tornare a tutti gli aspetti del proprio lavoro. I negoziati dovrebbero comportare un attento collegamento tra il dipendente, il responsabile di linea e il medico. Una volta che l'individuo ha fatto un ritorno parziale o totale alle sue mansioni, è probabile che una serie di colloqui di follow-up siano utili per monitorare i suoi progressi e la riabilitazione. Ancora una volta, il dipartimento di medicina del lavoro può svolgere un ruolo importante nel processo di riabilitazione.

Le opzioni sopra delineate non devono essere considerate come mutuamente esclusive, ma piuttosto come potenzialmente complementari. La formazione sulla gestione dello stress, le attività di promozione della salute e i servizi di consulenza sono utili per ampliare le risorse fisiche e psicologiche dell'individuo per aiutarlo a modificare la propria valutazione di una situazione stressante e ad affrontare meglio il disagio vissuto (Berridge, Cooper e Highley 1997). Tuttavia, ci sono molte fonti potenziali e persistenti di stress che l'individuo probabilmente percepirà se stesso come privo delle risorse o del potere posizionale per cambiare (ad esempio, la struttura, lo stile di gestione o la cultura dell'organizzazione). Tali fattori di stress richiedono un intervento a livello organizzativo se si vuole superare in modo soddisfacente il loro impatto disfunzionale a lungo termine sulla salute dei dipendenti. Possono essere identificati solo da uno stress audit.


Di ritorno

Venerdì, Gennaio 14 2011 19: 54

Burnout

Il burnout è un tipo di risposta prolungata a fattori di stress emotivi e interpersonali cronici sul lavoro. È stato concettualizzato come un'esperienza di stress individuale inserita in un contesto di relazioni sociali complesse e coinvolge la concezione che la persona ha di sé e degli altri. In quanto tale, è stata una questione di particolare interesse per le occupazioni dei servizi alla persona in cui: (a) il rapporto tra fornitori e destinatari è centrale per il lavoro; e (b) la fornitura di servizi, cure, trattamenti o istruzione può essere un'esperienza altamente emotiva. Esistono diversi tipi di occupazioni che soddisfano questi criteri, tra cui l'assistenza sanitaria, i servizi sociali, la salute mentale, la giustizia penale e l'istruzione. Anche se queste occupazioni variano nella natura del contatto tra fornitori e riceventi, sono simili nell'avere una relazione di cura strutturata centrata sui problemi attuali del ricevente (psicologici, sociali e/o fisici). Non solo è probabile che il lavoro del fornitore su questi problemi sia emotivamente carico, ma le soluzioni potrebbero non essere facilmente disponibili, aumentando così la frustrazione e l'ambiguità della situazione lavorativa. La persona che lavora continuamente con le persone in tali circostanze è maggiormente a rischio di burnout.

La definizione operativa (e la corrispondente misura di ricerca) più ampiamente utilizzata nella ricerca sul burnout è un modello a tre componenti in cui il burnout è concettualizzato in termini di esaurimento emotivo, spersonalizzazione ed ridotta realizzazione personale (Maslach 1993; Maslach e Jackson 1981/1986). L'esaurimento emotivo si riferisce alla sensazione di essere emotivamente sovraestesi e impoveriti delle proprie risorse emotive. La depersonalizzazione si riferisce a una risposta negativa, insensibile o eccessivamente distaccata alle persone che di solito sono i destinatari del proprio servizio o cura. La riduzione della realizzazione personale si riferisce a un declino dei propri sentimenti di competenza e di risultati positivi nel proprio lavoro.

Questo modello multidimensionale di burnout ha importanti implicazioni teoriche e pratiche. Fornisce una comprensione più completa di questa forma di stress lavorativo collocandola nel suo contesto sociale e identificando la varietà di reazioni psicologiche che i diversi lavoratori possono sperimentare. Tali risposte differenziali potrebbero non essere semplicemente una funzione di fattori individuali (come la personalità), ma potrebbero riflettere l'impatto differenziale dei fattori situazionali sulle tre dimensioni del burnout. Ad esempio, alcune caratteristiche del lavoro possono influenzare le fonti di stress emotivo (e quindi l'esaurimento emotivo), o le risorse disponibili per gestire con successo il lavoro (e quindi la realizzazione personale). Questo approccio multidimensionale implica anche che gli interventi per ridurre il burnout dovrebbero essere pianificati e progettati in termini della particolare componente del burnout che deve essere affrontata. Cioè, potrebbe essere più efficace considerare come ridurre la probabilità di esaurimento emotivo, o prevenire la tendenza alla spersonalizzazione, o migliorare il proprio senso di realizzazione, piuttosto che utilizzare un approccio più sfocato.

Coerentemente con questo quadro sociale, la ricerca empirica sul burnout si è concentrata principalmente sui fattori situazionali e lavorativi. Pertanto, gli studi hanno incluso variabili come le relazioni sul posto di lavoro (clienti, colleghi, supervisori) e a casa (famiglia), la soddisfazione sul lavoro, il conflitto di ruolo e l'ambiguità di ruolo, il ritiro dal lavoro (turnover, assenteismo), le aspettative, il carico di lavoro, il tipo di posizione e la durata del lavoro, la politica istituzionale e così via. I fattori personali che sono stati studiati sono spesso variabili demografiche (sesso, età, stato civile, ecc.). Inoltre, è stata prestata una certa attenzione alle variabili di personalità, alla salute personale, ai rapporti con la famiglia e gli amici (sostegno sociale a casa), ai valori e all'impegno personali. In generale, i fattori lavorativi sono più fortemente correlati al burnout rispetto ai fattori biografici o personali. In termini di antecedenti del burnout, i tre fattori di conflitto di ruolo, mancanza di controllo o autonomia e mancanza di supporto sociale sul lavoro sembrano essere i più importanti. Gli effetti del burnout si riscontrano in modo più consistente in varie forme di ritiro dal lavoro e insoddisfazione, con l'implicazione di un deterioramento della qualità dell'assistenza o del servizio fornito a clienti o pazienti. Il burnout sembra essere correlato con vari indici auto-riportati di disfunzione personale, inclusi problemi di salute, aumento dell'uso di alcol e droghe e conflitti coniugali e familiari. Il livello di burnout sembra abbastanza stabile nel tempo, sottolineando l'idea che la sua natura sia più cronica che acuta (vedi Kleiber e Enzmann 1990; Schaufeli, Maslach e Marek 1993 per le revisioni del campo).

Un problema per la ricerca futura riguarda i possibili criteri diagnostici per il burnout. Il burnout è stato spesso descritto in termini di sintomi disforici come esaurimento, affaticamento, perdita di autostima e depressione. Tuttavia, la depressione è considerata libera dal contesto e pervasiva in tutte le situazioni, mentre il burnout è considerato correlato al lavoro e specifico della situazione. Altri sintomi includono problemi di concentrazione, irritabilità e negativismo, nonché una significativa diminuzione delle prestazioni lavorative per un periodo di diversi mesi. Di solito si presume che i sintomi del burnout si manifestino in persone “normali” che non soffrono di una psicopatologia pregressa o di una malattia organica identificabile. L'implicazione di queste idee sui possibili sintomi distintivi del burnout è che il burnout potrebbe essere diagnosticato e trattato a livello individuale.

Tuttavia, data l'evidenza dell'eziologia situazionale del burnout, è stata prestata maggiore attenzione agli interventi sociali, piuttosto che personali. Il sostegno sociale, in particolare da parte dei propri coetanei, sembra essere efficace nel ridurre il rischio di burnout. Un'adeguata formazione professionale che includa la preparazione a situazioni lavorative difficili e stressanti aiuta a sviluppare il senso di autoefficacia e padronanza delle persone nei loro ruoli lavorativi. Il coinvolgimento in una comunità più ampia o in un gruppo orientato all'azione può anche contrastare l'impotenza e il pessimismo che sono comunemente evocati dall'assenza di soluzioni a lungo termine ai problemi con cui il lavoratore ha a che fare. Accentuare gli aspetti positivi del lavoro e trovare modi per rendere più significativi i compiti ordinari sono metodi aggiuntivi per ottenere maggiore autoefficacia e controllo.

C'è una crescente tendenza a vedere il burnout come un processo dinamico, piuttosto che uno stato statico, e questo ha importanti implicazioni per la proposta di modelli di sviluppo e misure di processo. I progressi della ricerca attesi da questa nuova prospettiva dovrebbero produrre conoscenze sempre più sofisticate sull'esperienza del burnout e consentiranno sia agli individui che alle istituzioni di affrontare questo problema sociale in modo più efficace.

Di ritorno

Venerdì, Gennaio 14 2011 19: 53

Malattia Mentale

Carles Muntaner e William W. Eaton

Introduzione

La malattia mentale è uno degli esiti cronici dello stress da lavoro che infligge un grave onere sociale ed economico alle comunità (Jenkins e Coney 1992; Miller e Kelman 1992). Due discipline, l'epidemiologia psichiatrica e la sociologia della salute mentale (Aneshensel, Rutter e Lachenbruch 1991), hanno studiato gli effetti dei fattori psicosociali e organizzativi del lavoro sulla malattia mentale. Questi studi possono essere classificati secondo quattro diversi approcci teorici e metodologici: (1) studi di una sola occupazione; (2) studi su ampie categorie occupazionali come indicatori della stratificazione sociale; (3) studi comparativi di categorie professionali; e (4) studi su specifici fattori di rischio psicosociali e organizzativi. Esaminiamo ciascuno di questi approcci e ne discutiamo le implicazioni per la ricerca e la prevenzione.

Studi di una singola professione

Ci sono numerosi studi in cui l'attenzione è stata una singola occupazione. La depressione è stata al centro dell'interesse di recenti studi su segretarie (Garrison e Eaton 1992), professionisti e manager (Phelan et al. 1991; Bromet et al. 1990), lavoratori informatici (Mino et al. 1993), vigili del fuoco ( Guidotti 1992), insegnanti (Schonfeld 1992) e “maquiladoras” (Guendelman e Silberg 1993). L'alcolismo, l'abuso di droghe e la dipendenza sono stati recentemente messi in relazione con la mortalità tra i conducenti di autobus (Michaels e Zoloth 1991) e con le occupazioni manageriali e professionali (Bromet et al. 1990). Sintomi di ansia e depressione che sono indicativi di disturbi psichiatrici sono stati riscontrati tra lavoratori tessili, infermieri, insegnanti, assistenti sociali, lavoratori dell'industria petrolifera offshore e giovani medici (Brisson, Vezina e Vinet 1992; Fith-Cozens 1987; Fletcher 1988; McGrath, Reid e Boore 1989; Parkes 1992). La mancanza di un gruppo di confronto rende difficile determinare il significato di questo tipo di studio.

Studi di ampie categorie occupazionali come indicatori di stratificazione sociale

L'uso delle occupazioni come indicatori della stratificazione sociale ha una lunga tradizione nella ricerca sulla salute mentale (Liberatos, Link e Kelsey 1988). I lavoratori con lavori manuali non qualificati ei dipendenti pubblici di grado inferiore hanno mostrato alti tassi di prevalenza di disturbi psichiatrici minori in Inghilterra (Rodgers 1991; Stansfeld e Marmot 1992). L'alcolismo è risultato prevalente tra i colletti blu in Svezia (Ojesjo 1980) e ancora più diffuso tra i dirigenti in Giappone (Kawakami et al. 1992). L'incapacità di differenziare concettualmente tra gli effetti delle occupazioni in sé dai fattori dello “stile di vita” associati agli strati occupazionali è una grave debolezza di questo tipo di studio. È anche vero che l'occupazione è un indicatore di stratificazione sociale in un senso diverso dalla classe sociale, cioè in quanto quest'ultima implica il controllo sui beni produttivi (Kohn et al. 1990; Muntaner et al. 1994). Tuttavia, non ci sono stati studi empirici sulla malattia mentale che utilizzano questa concettualizzazione.

Studi comparativi delle categorie professionali

Le categorie di censimento per le occupazioni costituiscono una fonte di informazioni prontamente disponibile che consente di esplorare le associazioni tra occupazioni e malattie mentali (Eaton et al. 1990). Le analisi dello studio Epidemiological Catchment Area (ECA) di categorie occupazionali complete hanno prodotto risultati di un'alta prevalenza di depressione per occupazioni professionali, di supporto amministrativo e di servizi domestici (Roberts e Lee 1993). In un altro importante studio epidemiologico, lo studio della contea di Alameda, sono stati riscontrati alti tassi di depressione tra i lavoratori con occupazioni operaie (Kaplan et al. 1991). Alti tassi di prevalenza su 12 mesi di dipendenza da alcol tra i lavoratori negli Stati Uniti sono stati riscontrati nelle occupazioni artigiane (15.6%) e negli operai (15.2%) tra gli uomini, e nelle occupazioni di agricoltura, silvicoltura e pesca (7.5%) e nelle occupazioni di servizi non qualificati (7.2%) tra le donne (Harford et al. 1992). I tassi ECA di abuso e dipendenza da alcol hanno prodotto un'alta prevalenza tra le occupazioni nel settore dei trasporti, dell'artigianato e dei lavoratori (Roberts e Lee 1993). I lavoratori nel settore dei servizi, gli autisti ei lavoratori non qualificati hanno mostrato alti tassi di alcolismo in uno studio sulla popolazione svedese (Agren e Romelsjo 1992). La prevalenza su dodici mesi di abuso o dipendenza da droghe nello studio ECA era più alta tra le occupazioni di agricoltura (6%), artigianato (4.7%) e operatore, trasporto e manodopera (3.3%) (Roberts e Lee 1993). L'analisi dell'ECA sulla prevalenza combinata per tutte le sindromi da abuso o dipendenza da sostanze psicoattive (Anthony et al. 1992) ha prodotto tassi di prevalenza più elevati per operai edili, carpentieri, imprese edili nel loro insieme, camerieri, cameriere e trasporti e occupazioni in movimento. In un'altra analisi dell'ECA (Muntaner et al. 1991), rispetto alle occupazioni manageriali, è stato riscontrato un rischio maggiore di schizofrenia tra i lavoratori domestici privati, mentre gli artisti e i lavoratori edili sono stati trovati a più alto rischio di schizofrenia (deliri e allucinazioni), secondo il criterio A del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-III) (APA 1980).

Diversi studi ECA sono stati condotti con categorie professionali più specifiche. Oltre a specificare più da vicino gli ambienti professionali, si adattano a fattori sociodemografici che potrebbero aver portato a risultati spuri in studi non controllati. Elevati tassi di prevalenza su 12 mesi di depressione maggiore (superiori al 3-5% riscontrati nella popolazione generale (Robins e Regier 1990), sono stati riportati per i manipolatori di data entry e gli operatori di apparecchiature informatiche (13%) e per dattilografi, avvocati, educatori speciali insegnanti e consulenti (10%) (Eaton et al. 1990).Dopo l'aggiustamento per i fattori sociodemografici, avvocati, insegnanti e consulenti avevano tassi significativamente più elevati rispetto alla popolazione occupata (Eaton et al. 1990).In un'analisi dettagliata di 104 occupazioni, lavoratori edili, artigiani edili specializzati, conducenti di autocarri pesanti e trasportatori di materiali hanno mostrato alti tassi di abuso o dipendenza da alcol (Mandell et al. 1992).

Gli studi comparativi sulle categorie occupazionali soffrono degli stessi difetti degli studi sulla stratificazione sociale. Pertanto, un problema con le categorie professionali è che fattori di rischio specifici sono destinati a non essere individuati. Inoltre, i fattori dello "stile di vita" associati alle categorie occupazionali rimangono una potente spiegazione dei risultati.

Studi di specifici fattori di rischio psicosociali e organizzativi

La maggior parte degli studi sullo stress da lavoro e sulla malattia mentale sono stati condotti con scale tratte dal modello Demand/Control di Karasek (Karasek e Theorell 1990) o con misure derivate dal modello Dizionario dei titoli professionali (DOT) (Caino e Treiman 1981). Nonostante le differenze metodologiche e teoriche alla base di questi sistemi, essi misurano dimensioni psicosociali simili (controllo, complessità sostanziale e richieste lavorative) (Muntaner et al. 1993). Le richieste di lavoro sono state associate al disturbo depressivo maggiore tra i lavoratori di sesso maschile nelle centrali elettriche (Bromet 1988). È stato dimostrato che le occupazioni che comportano mancanza di direzione, controllo o pianificazione mediano la relazione tra stato socioeconomico e depressione (Link et al. 1993). Tuttavia, in uno studio non è stata trovata la relazione tra basso controllo e depressione (Guendelman e Silberg 1993). Anche il numero di effetti negativi legati al lavoro, la mancanza di ricompense intrinseche del lavoro e fattori di stress organizzativi come il conflitto di ruolo e l'ambiguità sono stati associati alla depressione maggiore (Phelan et al. 1991). Il consumo eccessivo di alcol e i problemi correlati all'alcol sono stati collegati al lavoro straordinario e alla mancanza di remunerazione intrinseca del lavoro tra gli uomini e alla precarietà del lavoro tra le donne in Giappone (Kawakami et al. 1993), e alle elevate richieste e allo scarso controllo tra i maschi nel Stati Uniti (Bromet 1988). Anche tra i maschi statunitensi, elevate richieste psicologiche o fisiche e basso controllo erano predittivi di abuso o dipendenza da alcol (Crum et al. 1995). In un'altra analisi dell'ECA, le elevate esigenze fisiche e la scarsa discrezionalità delle competenze erano predittive della tossicodipendenza (Muntaner et al. 1995). In tre studi statunitensi (Muntaner et al. 1991; Link et al. 1986; Muntaner et al. 1993), le esigenze fisiche ei rischi del lavoro erano predittori di schizofrenia o deliri o allucinazioni. Le esigenze fisiche sono state anche associate a malattie psichiatriche nella popolazione svedese (Lundberg 1991). Queste indagini hanno il potenziale per la prevenzione perché fattori di rischio specifici e potenzialmente malleabili sono al centro dello studio.

Implicazioni per la ricerca e la prevenzione

Gli studi futuri potrebbero trarre vantaggio dallo studio delle caratteristiche demografiche e sociologiche dei lavoratori al fine di affinare la loro attenzione sulle occupazioni propriamente dette (Mandell et al. 1992). Quando l'occupazione è considerata un indicatore di stratificazione sociale, dovrebbe essere tentato un aggiustamento per i fattori di stress non lavorativi. Gli effetti dell'esposizione cronica alla mancanza di democrazia sul posto di lavoro devono essere studiati (Johnson e Johansson 1991). Un'importante iniziativa per la prevenzione dei disturbi psicologici legati al lavoro ha posto l'accento sul miglioramento delle condizioni di lavoro, dei servizi, della ricerca e della sorveglianza (Keita e Sauter 1992; Sauter, Murphy e Hurrell 1990).

Mentre alcuni ricercatori sostengono che la riprogettazione del lavoro può migliorare sia la produttività che la salute dei lavoratori (Karasek e Theorell 1990), altri hanno sostenuto che gli obiettivi di massimizzazione del profitto di un'impresa e la salute mentale dei lavoratori sono in conflitto (Phelan et al. 1991; Muntaner e O' Campo 1993; Ralph 1983).

 

Di ritorno

Venerdì, Gennaio 14 2011 19: 46

Disordini muscolo-scheletrici

Vi è una crescente evidenza nella letteratura sulla salute occupazionale che i fattori psicosociali del lavoro possono influenzare lo sviluppo di problemi muscoloscheletrici, inclusi sia i disturbi lombari che quelli degli arti superiori (Bongers et al. 1993). I fattori di lavoro psicosociali sono definiti come aspetti dell'ambiente di lavoro (come i ruoli lavorativi, la pressione lavorativa, le relazioni sul lavoro) che possono contribuire all'esperienza dello stress negli individui (Lim e Carayon 1994; ILO 1986). Questo documento fornisce una sintesi delle prove e dei meccanismi sottostanti che collegano i fattori di lavoro psicosociali e i problemi muscoloscheletrici con l'accento sugli studi sui disturbi degli arti superiori tra gli impiegati. Vengono inoltre discusse le indicazioni per la ricerca futura.

Un'impressionante serie di studi dal 1985 al 1995 aveva collegato i fattori psicosociali sul posto di lavoro ai problemi muscoloscheletrici degli arti superiori nell'ambiente di lavoro d'ufficio (vedi Moon e Sauter 1996 per un'ampia rassegna). Negli Stati Uniti, questa relazione è stata suggerita per la prima volta in una ricerca esplorativa del National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH) (Smith et al. 1981). I risultati di questa ricerca hanno indicato che gli operatori di videoterminali (VDU) che hanno riportato una minore autonomia e chiarezza del ruolo e una maggiore pressione sul lavoro e controllo gestionale sui loro processi di lavoro hanno anche riportato più problemi muscoloscheletrici rispetto alle loro controparti che non hanno lavorato con videoterminali (Smith et al. 1981).

Studi recenti che impiegano tecniche statistiche inferenziali più potenti indicano più fortemente un effetto dei fattori di lavoro psicosociali sui disturbi muscoloscheletrici degli arti superiori tra gli impiegati. Ad esempio, Lim e Carayon (1994) hanno utilizzato metodi di analisi strutturale per esaminare la relazione tra i fattori di lavoro psicosociali e il disagio muscoloscheletrico degli arti superiori in un campione di 129 impiegati. I risultati hanno mostrato che i fattori psicosociali come la pressione del lavoro, il controllo delle attività e le quote di produzione erano importanti predittori del disagio muscoloscheletrico degli arti superiori, specialmente nelle regioni del collo e delle spalle. I fattori demografici (età, sesso, permanenza presso il datore di lavoro, ore di utilizzo del computer al giorno) e altri fattori confondenti (auto-segnalazioni di condizioni mediche, hobby e uso della tastiera al di fuori del lavoro) sono stati controllati nello studio e non erano correlati a nessuno dei questi problemi.

Risultati di conferma sono stati riportati da Hales et al. (1994) in uno studio NIOSH sui disturbi muscoloscheletrici in 533 lavoratori delle telecomunicazioni di 3 diverse città metropolitane. Sono stati studiati due tipi di esiti muscoloscheletrici: (1) sintomi muscoloscheletrici degli arti superiori determinati dal solo questionario; e (2) potenziali disturbi muscoloscheletrici degli arti superiori correlati al lavoro che sono stati determinati dall'esame fisico in aggiunta al questionario. Utilizzando tecniche di regressione, lo studio ha rilevato che fattori come la pressione del lavoro e le scarse opportunità decisionali erano associati sia a sintomi muscoloscheletrici intensificati che a una maggiore evidenza fisica della malattia. Relazioni simili sono state osservate nell'ambiente industriale, ma principalmente per il mal di schiena (Bongers et al. 1993).

I ricercatori hanno suggerito una varietà di meccanismi alla base della relazione tra fattori psicosociali e problemi muscoloscheletrici (Sauter e Swanson 1996; Smith e Carayon 1996; Lim 1994; Bongers et al. 1993). Questi meccanismi possono essere classificati in quattro categorie:

  1. psicofisiologico
  2. comportamentale
  3. Fisico
  4. percettivo.

 

Meccanismi psicofisiologici

È stato dimostrato che gli individui soggetti a condizioni di lavoro psicosociali stressanti mostrano anche un aumento dell'eccitazione autonomica (ad esempio, aumento della secrezione di catecolomine, aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna, aumento della tensione muscolare, ecc.) (Frankenhaeuser e Gardell 1976). Questa è una risposta psicofisiologica normale e adattativa che prepara l'individuo all'azione. Tuttavia, l'esposizione prolungata allo stress può avere un effetto deleterio sulla funzione muscoloscheletrica e sulla salute in generale. Ad esempio, la tensione muscolare correlata allo stress può aumentare il carico statico dei muscoli, accelerando così l'affaticamento muscolare e il disagio associato (Westgaard e Bjorklund 1987; Grandjean 1986).

Meccanismi comportamentali

Gli individui che sono sotto stress possono alterare il loro comportamento lavorativo in un modo che aumenta lo sforzo muscoloscheletrico. Ad esempio, lo stress psicologico può comportare una maggiore applicazione della forza del necessario durante la digitazione o altre attività manuali, portando a una maggiore usura del sistema muscolo-scheletrico.

Meccanismi fisici

I fattori psicosociali possono influenzare direttamente le esigenze fisiche (ergonomiche) del lavoro. Ad esempio, è probabile che un aumento della pressione del tempo porti a un aumento del ritmo di lavoro (cioè, a un aumento delle ripetizioni) ea un aumento dello sforzo. In alternativa, i lavoratori a cui viene dato un maggiore controllo sui propri compiti possono essere in grado di adattare i propri compiti in modi che portano a una ridotta ripetitività (Lim e Carayon 1994).

Meccanismi percettivi

Sauter e Swanson (1996) suggeriscono che la relazione tra fattori di stress biomeccanici (ad esempio, fattori ergonomici) e lo sviluppo di problemi muscoloscheletrici è mediata da processi percettivi che sono influenzati da fattori psicosociali sul posto di lavoro. Ad esempio, i sintomi potrebbero diventare più evidenti in lavori noiosi e di routine che in compiti più avvincenti che occupano maggiormente l'attenzione del lavoratore (Pennebaker e Hall 1982).

Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare l'importanza relativa di ciascuno di questi meccanismi e le loro possibili interazioni. Inoltre, la nostra comprensione delle relazioni causali tra fattori di lavoro psicosociali e disturbi muscoloscheletrici trarrebbe vantaggio da: (1) un maggiore utilizzo di disegni di studio longitudinali; (2) metodi migliorati per valutare e districare le esposizioni psicosociali e fisiche; e (3) una migliore misurazione degli esiti muscoloscheletrici.

Tuttavia, le prove attuali che collegano fattori psicosociali e disturbi muscoloscheletrici sono impressionanti e suggeriscono che gli interventi psicosociali probabilmente svolgono un ruolo importante nella prevenzione dei problemi muscoloscheletrici sul posto di lavoro. A questo proposito, diverse pubblicazioni (NIOSH 1988; ILO 1986) forniscono indicazioni per ottimizzare l'ambiente psicosociale sul lavoro. Come suggerito da Bongers et al. (1993), si dovrebbe prestare particolare attenzione a fornire un ambiente di lavoro favorevole, carichi di lavoro gestibili e una maggiore autonomia dei lavoratori. Gli effetti positivi di tali variabili erano evidenti in un caso di studio di Westin (1990) della Federal Express Corporation. Secondo Westin, un programma di riorganizzazione del lavoro per fornire un ambiente di lavoro "di supporto ai dipendenti", migliorare le comunicazioni e ridurre le pressioni sul lavoro e sul tempo è stato associato a prove minime di problemi di salute muscoloscheletrici.

 

Di ritorno

Venerdì, Gennaio 14 2011 19: 43

Cancro

Lo stress, l'allontanamento fisico e/o psicologico dall'equilibrio stabile di una persona, può derivare da un gran numero di fattori di stress, quegli stimoli che producono stress. Per una buona visione generale dello stress e dei più comuni fattori di stress da lavoro, si raccomanda la discussione di Levi in ​​questo capitolo sulle teorie dello stress da lavoro.

Nell'affrontare la questione se lo stress da lavoro possa influenzare e influenzi l'epidemiologia del cancro, ci troviamo di fronte a dei limiti: una ricerca della letteratura ha individuato solo uno studio sullo stress da lavoro effettivo e sul cancro nei conducenti di autobus urbani (Michaels e Zoloth 1991) (e ci sono solo pochi studi in cui la questione è considerata più in generale). Non possiamo accettare i risultati di quello studio, perché gli autori non hanno tenuto conto né degli effetti dei fumi di scarico ad alta densità né del fumo. Inoltre, non è possibile trasferire i risultati di altre malattie al cancro perché i meccanismi della malattia sono molto diversi.

Tuttavia, è possibile descrivere ciò che si sa sulle connessioni tra i fattori di stress della vita più generali e il cancro e, inoltre, si potrebbero ragionevolmente applicare tali risultati alla situazione lavorativa. Differenziamo le relazioni di stress a due esiti: incidenza del cancro e prognosi del cancro. Il termine incidenza evidentemente significa l'insorgere del cancro. Tuttavia, l'incidenza è stabilita dalla diagnosi clinica del medico o dall'autopsia. Poiché la crescita del tumore è lenta, possono trascorrere da 1 a 20 anni dalla mutazione maligna di una cellula all'individuazione della massa tumorale, gli studi di incidenza includono sia l'inizio che la crescita. La seconda domanda, se lo stress può influenzare la prognosi, può essere risolta solo negli studi sui pazienti oncologici dopo la diagnosi.

Distinguiamo gli studi di coorte dagli studi caso-controllo. Questa discussione si concentra sugli studi di coorte, in cui un fattore di interesse, in questo caso lo stress, viene misurato su una coorte di persone sane e l'incidenza o la mortalità del cancro viene determinata dopo un certo numero di anni. Per diverse ragioni, viene data poca enfasi agli studi caso-controllo, quelli che confrontano le segnalazioni di stress, attuali o precedenti alla diagnosi, in pazienti oncologici (casi) e persone senza cancro (controlli). In primo luogo, non si può mai essere sicuri che il gruppo di controllo sia ben abbinato al gruppo caso rispetto ad altri fattori che possono influenzare il confronto. In secondo luogo, il cancro può produrre e produce cambiamenti fisici, psicologici e attitudinali, per lo più negativi, che possono falsare le conclusioni. In terzo luogo, è noto che questi cambiamenti comportano un aumento del numero di segnalazioni di eventi stressanti (o della loro gravità) rispetto alle segnalazioni dei controlli, portando così a conclusioni distorte secondo cui i pazienti hanno sperimentato più o più gravi eventi stressanti rispetto ai controlli (Watson e Pennebaker 1989).

Stress e incidenza del cancro

La maggior parte degli studi sullo stress e sull'incidenza del cancro sono stati del tipo caso-controllo, e troviamo un mix selvaggio di risultati. Poiché, in varia misura, questi studi non sono riusciti a controllare i fattori contaminanti, non sappiamo di quali fidarci e qui vengono ignorati. Tra gli studi di coorte, il numero di studi che mostrano che le persone sotto stress maggiore non hanno avuto più tumori rispetto a quelle sotto stress minore ha superato di gran lunga il numero che mostra il contrario (Fox 1995). Vengono forniti i risultati per diversi gruppi stressati.

  1. Coniugi in lutto. In uno studio finlandese su 95,647 persone vedove, il loro tasso di mortalità per cancro differiva solo del 3% dal tasso di una popolazione non vedova di pari età per un periodo di cinque anni. Uno studio sulle cause di morte durante i 12 anni successivi al lutto in 4,032 persone vedove nello stato del Maryland non ha mostrato più decessi per cancro tra i vedovi che tra quelli ancora sposati, anzi, ci sono stati un numero leggermente inferiore di morti rispetto agli sposati. In Inghilterra e Galles, l'Office of Population Censuses and Surveys ha mostrato poche prove di un aumento dell'incidenza del cancro dopo la morte di un coniuge e solo un lieve aumento non significativo della mortalità per cancro.
  2. Umore depresso. Uno studio ha mostrato, ma quattro studi no, un eccesso di mortalità per cancro negli anni successivi alla misurazione dell'umore depresso (Fox 1989). Questa deve essere distinta dalla depressione ospedalizzabile, sulla quale non sono stati condotti studi di coorte ben controllati su larga scala, e che comporta chiaramente una depressione patologica, non applicabile alla popolazione attiva sana. Anche tra questo gruppo di pazienti clinicamente depressi, tuttavia, gli studi più piccoli analizzati correttamente non mostrano alcun eccesso di cancro.
  3. Un gruppo di 2,020 uomini, di età compresa tra 35 e 55 anni, che lavoravano in una fabbrica di prodotti elettrici a Chicago, è stato seguito per 17 anni dopo essere stato testato. Coloro il cui punteggio più alto su una varietà di scale di personalità è stato riportato sulla scala dell'umore depresso hanno mostrato un tasso di mortalità per cancro 2.3 volte superiore a quello degli uomini il cui punteggio più alto non era riconducibile all'umore depresso. Il collega del ricercatore ha seguito la coorte superstite per altri tre anni; il tasso di mortalità per cancro nell'intero gruppo con umore depresso era sceso a 1.3 volte quello del gruppo di controllo. Un secondo studio su 6,801 adulti nella contea di Alameda, in California, non ha mostrato un eccesso di mortalità per cancro tra quelli con umore depresso se seguiti per 17 anni. In un terzo studio su 2,501 persone con umore depresso nella contea di Washington, nel Maryland, i non fumatori non hanno mostrato un eccesso di mortalità per cancro nell'arco di 13 anni rispetto ai controlli non fumatori, ma c'era un eccesso di mortalità tra i fumatori. I risultati per i fumatori si sono successivamente rivelati errati, l'errore derivante da un fattore contaminante trascurato dai ricercatori. Un quarto studio, condotto su 8,932 donne presso il Kaiser-Permanente Medical Center di Walnut Creek, in California, non ha mostrato alcun eccesso di decessi dovuti a cancro al seno tra gli 11 e i 14 anni tra le donne con umore depresso al momento della misurazione. Un quinto studio, condotto su un campione nazionale randomizzato di 2,586 persone nel National Health and Nutrition Examination Survey negli Stati Uniti, non ha mostrato alcun eccesso di mortalità per cancro tra coloro che mostrano umore depresso quando misurato su una delle due scale indipendenti dell'umore. I risultati combinati degli studi su 22,351 persone composte da gruppi disparati pesano pesantemente contro i risultati contrari di uno studio su 2,020 persone.
  4. Altri fattori di stress. Uno studio condotto su 4,581 uomini hawaiani di origine giapponese non ha riscontrato una maggiore incidenza di cancro per un periodo di 10 anni tra coloro che riportavano alti livelli di eventi di vita stressanti all'inizio dello studio rispetto a quelli che riportavano livelli più bassi. È stato condotto uno studio su 9,160 soldati dell'esercito americano che erano stati prigionieri di guerra nel Pacifico e nei teatri europei durante la seconda guerra mondiale e in Corea durante il conflitto coreano. Il tasso di mortalità per cancro dal 1946 al 1975 era inferiore o non diverso da quello riscontrato tra i soldati abbinati per zona di combattimento e attività di combattimento che non erano prigionieri di guerra. In uno studio su 9,813 membri del personale dell'esercito americano separato dall'esercito durante l'anno 1944 per "psiconeurosi", uno stato prima facie di stress cronico, il loro tasso di mortalità per cancro nel periodo dal 1946 al 1969 è stato confrontato con quello di un gruppo corrispondente non così diagnosticato . Il tasso di psiconevrotici non era superiore a quello dei controlli abbinati, ed era, infatti, leggermente inferiore, anche se non in modo significativo.
  5. Livelli di stress ridotti. Ci sono prove in alcuni studi, ma non in altri, che livelli più elevati di supporto sociale e connessioni sociali sono associati a un minor rischio di cancro in futuro. Ci sono così pochi studi su questo argomento e le differenze osservate così poco convincenti che il massimo che un revisore prudente possa ragionevolmente fare è suggerire la possibilità di una vera relazione. Abbiamo bisogno di prove più solide di quelle offerte dagli studi contraddittori che sono già stati effettuati.

 

Stress e prognosi del cancro

Questo argomento è di minore interesse perché così poche persone in età lavorativa si ammalano di cancro. Tuttavia, va detto che mentre in alcuni studi sono state riscontrate differenze di sopravvivenza rispetto allo stress pre-diagnosi riportato, altri studi non hanno mostrato differenze. Si dovrebbero, nel giudicare questi risultati, ricordare quelli paralleli che mostrano che non solo i malati di cancro, ma anche quelli con altre malattie, riportano più eventi stressanti del passato rispetto alle persone sane in misura sostanziale a causa dei cambiamenti psicologici causati dalla malattia stessa e , inoltre, dalla consapevolezza di avere la malattia. Per quanto riguarda la prognosi, diversi studi hanno mostrato una maggiore sopravvivenza tra quelli con un buon supporto sociale rispetto a quelli con meno supporto sociale. Forse più supporto sociale produce meno stress e viceversa. Per quanto riguarda sia l'incidenza che la prognosi, tuttavia, gli studi esistenti sono nel migliore dei casi solo indicativi (Fox 1995).

Studi sugli animali

Potrebbe essere istruttivo vedere quali effetti ha avuto lo stress negli esperimenti con gli animali. I risultati tra gli studi ben condotti sono molto più chiari, ma non decisivi. È stato riscontrato che gli animali stressati con tumori virali mostrano una crescita tumorale più rapida e muoiono prima degli animali non stressati. Ma è vero il contrario per i tumori non virali, cioè quelli prodotti in laboratorio da cancerogeni chimici. Per questi, gli animali stressati hanno meno tumori e una sopravvivenza più lunga dopo l'inizio del cancro rispetto agli animali non stressati (Justice 1985). Nelle nazioni industrializzate, tuttavia, solo il 3-4% delle neoplasie umane sono virali. Tutto il resto è dovuto a stimoli chimici o fisici: fumo, raggi X, prodotti chimici industriali, radiazioni nucleari (ad esempio, quella dovuta al radon), luce solare eccessiva e così via. Pertanto, se si dovesse estrapolare dai risultati per gli animali, si potrebbe concludere che lo stress è benefico sia per l'incidenza del cancro che per la sopravvivenza. Per una serie di ragioni non si dovrebbe trarre una tale inferenza (Justice 1985; Fox 1981). I risultati con gli animali possono essere utilizzati per generare ipotesi relative a dati che descrivono gli esseri umani, ma non possono essere la base per conclusioni su di essi.

Conclusione

In considerazione della varietà di fattori di stress che è stata esaminata in letteratura - a lungo termine, a breve termine, più gravi, meno gravi, di molti tipi - e la preponderanza di risultati che suggeriscono un effetto scarso o nullo sulla successiva incidenza del cancro, è ragionevole suggerire che gli stessi risultati si applicano alla situazione lavorativa. Per quanto riguarda la prognosi del cancro, sono stati condotti troppo pochi studi per trarre conclusioni, anche provvisorie, sui fattori di stress. È tuttavia possibile che un forte sostegno sociale possa ridurre un po' l'incidenza e forse aumentare la sopravvivenza.

Di ritorno

Venerdì, Gennaio 14 2011 19: 42

Problemi gastrointestinali

Per molti anni si è ritenuto che lo stress psicologico contribuisse allo sviluppo dell'ulcera peptica (che comporta lesioni ulcerative nello stomaco o nel duodeno). Ricercatori e operatori sanitari hanno proposto più recentemente che lo stress potrebbe anche essere correlato ad altri disturbi gastrointestinali come la dispepsia non ulcerosa (associata a sintomi di dolore addominale superiore, disagio e nausea persistenti in assenza di qualsiasi causa organica identificabile) e intestino irritabile sindrome (definita come abitudini intestinali alterate più dolore addominale in assenza di risultati fisici anormali). In questo articolo, viene esaminata la questione se vi sia una forte evidenza empirica che suggerisca che lo stress psicologico sia un fattore predisponente nell'eziologia o nell'esacerbazione di questi tre disturbi gastrointestinali.

Ulcera gastrica e duodenale

Esistono prove evidenti che gli esseri umani esposti a stress acuto nel contesto di gravi traumi fisici sono inclini allo sviluppo di ulcere. È meno ovvio, tuttavia, se i fattori di stress della vita di per sé (come la retrocessione dal lavoro o la morte di un parente stretto) precipitano o esacerbano le ulcere. Sia i profani che gli operatori sanitari associano comunemente ulcere e stress, forse come conseguenza della prima prospettiva psicoanalitica di Alexander (1950) sull'argomento. Alexander ha proposto che le persone inclini all'ulcera soffrano di conflitti di dipendenza nelle loro relazioni con gli altri; insieme a una tendenza costituzionale all'ipersecrezione cronica di acido gastrico, si riteneva che i conflitti di dipendenza portassero alla formazione di ulcere. La prospettiva psicoanalitica non ha ricevuto un forte sostegno empirico. I pazienti con ulcera non sembrano mostrare maggiori conflitti di dipendenza rispetto ai gruppi di confronto, sebbene i pazienti con ulcera mostrino livelli più elevati di ansia, sottomissione e depressione (Whitehead e Schuster 1985). Il livello di nevroticismo che caratterizza alcuni pazienti ulcerosi tende tuttavia ad essere lieve e pochi potrebbero essere considerati come esibitori di segni psicopatologici. In ogni caso, gli studi sui disturbi emotivi nei pazienti con ulcera hanno generalmente coinvolto quelle persone che si rivolgono al medico per il loro disturbo; questi individui potrebbero non essere rappresentativi di tutti i pazienti affetti da ulcera.

L'associazione tra stress e ulcere deriva dal presupposto che alcune persone siano geneticamente predisposte all'ipersecrezione di acido gastrico, specialmente durante episodi stressanti. Infatti, circa due terzi dei pazienti con ulcera duodenale mostrano livelli elevati di pepsinogeno; livelli elevati di pepsinogeno sono anche associati all'ulcera peptica. Gli studi di Brady e soci (1958) sulle scimmie "executive" hanno fornito un supporto iniziale all'idea che uno stile di vita o una vocazione stressanti possano contribuire alla patogenesi delle malattie gastrointestinali. Hanno scoperto che le scimmie a cui era richiesto di eseguire un compito di pressione della leva per evitare scosse elettriche dolorose (i presunti "dirigenti", che controllavano il fattore di stress) sviluppavano più ulcere gastriche rispetto alle scimmie di confronto che ricevevano passivamente lo stesso numero e intensità di shock. L'analogia con l'uomo d'affari dalla guida dura è stata molto convincente per un certo periodo. Sfortunatamente, i loro risultati furono confusi con l'ansia; le scimmie ansiose avevano maggiori probabilità di essere assegnate al ruolo di "esecutivo" nel laboratorio di Brady perché imparavano rapidamente il compito di premere la leva. Gli sforzi per replicare i loro risultati, utilizzando l'assegnazione casuale dei soggetti alle condizioni, sono falliti. Infatti, le prove dimostrano che gli animali che non hanno il controllo sui fattori di stress ambientali sviluppano ulcere (Weiss 1971). I malati di ulcera umana tendono anche ad essere timidi e inibiti, il che è in contrasto con lo stereotipo dell'uomo d'affari che guida duro incline all'ulcera. Infine, i modelli animali sono di utilità limitata perché si concentrano sullo sviluppo delle ulcere gastriche, mentre la maggior parte delle ulcere nell'uomo si verifica nel duodeno. Gli animali da laboratorio raramente sviluppano ulcere duodenali in risposta allo stress.

Gli studi sperimentali sulle reazioni fisiologiche dei pazienti con ulcera rispetto ai soggetti normali a fattori di stress di laboratorio non mostrano in modo uniforme reazioni eccessive nei pazienti. La premessa che lo stress porta ad un aumento della secrezione acida che, a sua volta, porta all'ulcerazione, è problematica quando ci si rende conto che lo stress psicologico di solito produce una risposta dal sistema nervoso simpatico. Il sistema nervoso simpatico inibisce, piuttosto che aumentare, la secrezione gastrica che è mediata dal nervo splancnico. Oltre all'ipersecrezione, sono stati proposti altri fattori nell'eziologia dell'ulcera, vale a dire il rapido svuotamento gastrico, l'inadeguata secrezione di bicarbonato e muco e l'infezione. Lo stress potrebbe potenzialmente influenzare questi processi sebbene manchino prove.

È stato riportato che le ulcere sono più comuni durante la guerra, ma i problemi metodologici in questi studi richiedono cautela. Uno studio sui controllori del traffico aereo è talvolta citato come prova a sostegno del ruolo dello stress psicologico per lo sviluppo delle ulcere (Cobb e Rose 1973). Sebbene i controllori del traffico aereo fossero significativamente più propensi rispetto a un gruppo di controllo di piloti a segnalare sintomi tipici dell'ulcera, l'incidenza di ulcera confermata tra i controllori del traffico aereo non era elevata al di sopra del tasso base di occorrenza dell'ulcera nella popolazione generale.

Anche gli studi sugli eventi acuti della vita presentano un quadro confuso della relazione tra stress e ulcera (Piper e Tennant 1993). Sono state condotte molte indagini, sebbene la maggior parte di questi studi utilizzasse piccoli campioni e fosse trasversale o retrospettiva nel disegno. La maggior parte degli studi non ha rilevato che i pazienti con ulcera hanno avuto eventi di vita più acuti rispetto ai controlli della comunità o ai pazienti con condizioni in cui lo stress non è implicato, come calcoli biliari o calcoli renali. Tuttavia, i pazienti con ulcera hanno riferito più fattori di stress cronici che comportano minacce personali o frustrazione dell'obiettivo prima dell'insorgenza o della recrudescenza dell'ulcera. In due studi prospettici, segnalazioni di soggetti sotto stress o con problemi familiari ai livelli basali hanno predetto il successivo sviluppo di ulcere. Sfortunatamente, entrambi gli studi prospettici hanno utilizzato scale a elemento singolo per misurare lo stress. Altre ricerche hanno dimostrato che la lenta guarigione delle ulcere o la ricaduta era associata a livelli di stress più elevati, ma gli indici di stress utilizzati in questi studi non erano convalidati e potrebbero essere stati confusi con fattori di personalità.

In sintesi, le prove del ruolo dello stress nella causazione e nella riacutizzazione dell'ulcera sono limitate. Sono necessari studi prospettici su larga scala basati sulla popolazione del verificarsi di eventi della vita che utilizzino misure convalidate di stress acuto e cronico e indicatori oggettivi di ulcera. A questo punto, le prove di un'associazione tra stress psicologico e ulcera sono deboli.

Sindrome dell'intestino irritabile

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è stata considerata un disturbo correlato allo stress in passato, in parte perché il meccanismo fisiologico della sindrome è sconosciuto e perché un'ampia percentuale di pazienti affetti da IBS riferisce che lo stress ha causato un cambiamento nelle loro abitudini intestinali. Come nella letteratura sull'ulcera, è difficile valutare il valore dei resoconti retrospettivi di fattori di stress e sintomi tra i pazienti con IBS. Nel tentativo di spiegare il loro disagio, le persone malate possono erroneamente associare i sintomi a eventi di vita stressanti. Due recenti studi prospettici hanno gettato più luce sull'argomento ed entrambi hanno trovato un ruolo limitato per gli eventi stressanti nell'insorgenza dei sintomi dell'IBS. Whitehead et al. (1992) hanno avuto un campione di residenti della comunità affetti da sintomi di IBS che riportavano eventi della vita e sintomi di IBS a intervalli di tre mesi. Solo circa il 10% della varianza dei sintomi intestinali tra questi residenti potrebbe essere attribuita allo stress. Suls, Wan e Blanchard (1994) hanno chiesto ai pazienti con IBS di tenere un diario di eventi stressanti e sintomi per 21 giorni consecutivi. Non hanno trovato prove coerenti che i fattori di stress giornalieri aumentassero l'incidenza o la gravità della sintomatologia dell'IBS. Lo stress della vita sembra avere scarso effetto sui cambiamenti acuti nell'IBS.

Dispepsia non ulcerosa

I sintomi della dispepsia non ulcerosa (NUD) includono gonfiore e pienezza, eruttazione, borborygmi, nausea e bruciore di stomaco. In uno studio retrospettivo, i pazienti NUD hanno riportato eventi di vita più acuti e difficoltà croniche più minacciose rispetto ai membri sani della comunità, ma altre indagini non sono riuscite a trovare una relazione tra lo stress della vita e la dispepsia funzionale. I casi NUD mostrano anche alti livelli di psicopatologia, in particolare disturbi d'ansia. In assenza di studi prospettici sullo stress della vita, si possono trarre poche conclusioni (Bass 1986; Whitehead 1992).

Conclusioni

Nonostante la notevole attenzione empirica, non è stato ancora raggiunto alcun verdetto sulla relazione tra stress e sviluppo di ulcere. I gastroenterologi contemporanei si sono concentrati principalmente sui livelli ereditari di pepsinogeno, sulla secrezione inadeguata di bicarbonato e muco e Helicobacter pylori infezione come causa di ulcera. Se lo stress della vita gioca un ruolo in questi processi, il suo contributo è probabilmente debole. Sebbene pochi studi affrontino il ruolo dello stress nell'IBS e nel NUD, anche qui le prove di una connessione con lo stress sono deboli. Per tutti e tre i disturbi, ci sono prove che l'ansia è più alta tra i pazienti rispetto alla popolazione generale, almeno tra quelle persone che si rivolgono alle cure mediche (Whitehead 1992). Se questo sia un precursore o una conseguenza della malattia gastrointestinale non è stato determinato in modo definitivo, anche se quest'ultima opinione sembra essere più probabile che sia vera. Nella pratica corrente, i pazienti con ulcera ricevono un trattamento farmacologico e la psicoterapia è raramente raccomandata. I farmaci anti-ansia sono comunemente prescritti ai pazienti con IBS e NUD, probabilmente perché le origini fisiologiche di questi disturbi sono ancora sconosciute. La gestione dello stress è stata impiegata con un certo successo con i pazienti affetti da IBS (Blanchard et al. 1992), sebbene questo gruppo di pazienti risponda abbastanza prontamente anche ai trattamenti con placebo. Infine, i pazienti che soffrono di ulcera, IBS o NUD possono essere frustrati dalle supposizioni di familiari, amici e professionisti che la loro condizione sia stata prodotta dallo stress.

 

Di ritorno

Venerdì, Gennaio 14 2011 19: 40

Malattia cardiovascolare

Töres Theorell e Jeffrey V. Johnson

Le prove scientifiche che suggeriscono che l'esposizione allo stress lavorativo aumenta il rischio di malattie cardiovascolari è aumentato sostanzialmente a partire dalla metà degli anni '1980 (Gardell 1981; Karasek e Theorell 1990; Johnson e Johansson 1991). Le malattie cardiovascolari (CVD) rimangono la prima causa di morte nelle società economicamente sviluppate e contribuiscono ad aumentare i costi delle cure mediche. Le malattie del sistema cardiovascolare comprendono la malattia coronarica (CHD), la malattia ipertensiva, la malattia cerebrovascolare e altri disturbi del cuore e del sistema circolatorio.

La maggior parte delle manifestazioni della malattia coronarica sono causate in parte dal restringimento delle arterie coronarie dovuto all'aterosclerosi. È noto che l'aterosclerosi coronarica è influenzata da una serie di fattori individuali tra cui: storia familiare, assunzione dietetica di grassi saturi, ipertensione, fumo di sigaretta ed esercizio fisico. Fatta eccezione per l'ereditarietà, tutti questi fattori potrebbero essere influenzati dall'ambiente di lavoro. Un ambiente di lavoro povero può diminuire la volontà di smettere di fumare e adottare uno stile di vita sano. Pertanto, un ambiente di lavoro sfavorevole potrebbe influenzare la malattia coronarica attraverso i suoi effetti sui classici fattori di rischio.

Ci sono anche effetti diretti di ambienti di lavoro stressanti sugli aumenti neuroormonali e sul metabolismo cardiaco. Una combinazione di meccanismi fisiologici, dimostrati essere correlati ad attività lavorative stressanti, può aumentare il rischio di infarto del miocardio. L'elevazione degli ormoni che mobilizzano l'energia, che aumentano durante i periodi di stress eccessivo, possono rendere il cuore più vulnerabile alla morte effettiva del tessuto muscolare. Al contrario, gli ormoni che ripristinano e riparano l'energia e proteggono il muscolo cardiaco dagli effetti negativi degli ormoni che mobilizzano l'energia, diminuiscono durante i periodi di stress. Durante lo stress emotivo (e fisico) il cuore batte più velocemente e più forte per un lungo periodo di tempo, portando a un consumo eccessivo di ossigeno nel muscolo cardiaco e alla maggiore possibilità di un attacco di cuore. Lo stress può anche disturbare il ritmo cardiaco del cuore. Un disturbo associato a un ritmo cardiaco accelerato è chiamato tachiaritmia. Quando la frequenza cardiaca è così veloce che il battito cardiaco diventa inefficiente, può verificarsi una fibrillazione ventricolare pericolosa per la vita.

I primi studi epidemiologici sulle condizioni di lavoro psicosociali associate a CVD hanno suggerito che alti livelli di richieste lavorative aumentavano il rischio di CHD. Ad esempio, uno studio prospettico sui dipendenti delle banche belghe ha rilevato che quelli di una banca privata avevano un'incidenza significativamente più alta di infarto del miocardio rispetto ai lavoratori delle banche pubbliche, anche dopo l'adeguamento per i fattori di rischio biomedico (Komitzer et al. 1982). Questo studio ha indicato una possibile relazione tra le richieste di lavoro (che erano più elevate nelle banche private) e il rischio di infarto del miocardio. I primi studi indicavano anche una maggiore incidenza di infarto del miocardio tra i dipendenti di livello inferiore nelle grandi aziende (Pell e d'Alonzo 1963). Ciò ha sollevato la possibilità che lo stress psicosociale possa non essere principalmente un problema per le persone con un alto grado di responsabilità, come si era ipotizzato in precedenza.

Dall'inizio degli anni '1980, molti studi epidemiologici hanno esaminato l'ipotesi specifica suggerita dal modello Domanda/Controllo sviluppato da Karasek e altri (Karasek e Theorell 1990; Johnson e Johansson 1991). Questo modello afferma che la tensione lavorativa è il risultato di organizzazioni del lavoro che combinano richieste di alte prestazioni con bassi livelli di controllo su come il lavoro deve essere svolto. Secondo il modello, il controllo del lavoro può essere inteso come "latitudine decisionale del lavoro", o l'autorità decisionale relativa al compito consentita da un determinato lavoro o organizzazione del lavoro. Questo modello prevede che i lavoratori che sono esposti a una domanda elevata e a un basso controllo per un periodo di tempo prolungato avranno un rischio più elevato di eccitazione neuroormonale che può provocare effetti patofisiologici avversi sul sistema CVD, che potrebbero eventualmente portare a un aumento del rischio di aterosclerotica malattie cardiache e infarto del miocardio.

Tra il 1981 e il 1993, la maggior parte dei 36 studi che hanno esaminato gli effetti di richieste elevate e basso controllo sulle malattie cardiovascolari hanno trovato associazioni significative e positive. Questi studi hanno impiegato una varietà di disegni di ricerca e sono stati condotti in Svezia, Giappone, Stati Uniti, Finlandia e Australia. È stata esaminata una varietà di esiti, tra cui morbilità e mortalità per CHD, nonché fattori di rischio per CHD tra cui pressione arteriosa, fumo di sigaretta, indice di massa ventricolare sinistra e sintomi di CHD. Diversi articoli di revisione recenti riassumono questi studi (Kristensen 1989; Baker et al. 1992; Schnall, Landsbergis e Baker 1994; Theorell e Karasek 1996). Questi revisori notano che la qualità epidemiologica di questi studi è elevata e, inoltre, che i disegni di studio più forti hanno generalmente trovato un maggiore supporto per i modelli di domanda/controllo. In generale, l'aggiustamento per i fattori di rischio standard per le malattie cardiovascolari non elimina né riduce significativamente l'entità dell'associazione tra la combinazione di alta domanda/basso controllo e il rischio di malattie cardiovascolari.

È importante notare, tuttavia, che la metodologia utilizzata in questi studi variava notevolmente. La distinzione più importante è che alcuni studi hanno utilizzato le descrizioni degli stessi intervistati delle loro situazioni lavorative, mentre altri hanno utilizzato un metodo del "punteggio medio" basato sull'aggregazione delle risposte di un campione rappresentativo a livello nazionale di lavoratori all'interno dei rispettivi gruppi di titoli di lavoro. Gli studi che utilizzano descrizioni del lavoro auto-riferite hanno mostrato rischi relativi più elevati (2.0–4.0 contro 1.3–2.0). È stato dimostrato che le richieste di lavoro psicologiche sono relativamente più importanti negli studi che utilizzano dati auto-riportati che negli studi che utilizzano dati aggregati. Le variabili di controllo del lavoro sono risultate più costantemente associate a un eccesso di rischio CVD indipendentemente dal metodo di esposizione utilizzato.

Recentemente, il sostegno sociale correlato al lavoro è stato aggiunto alla formulazione del controllo della domanda e i lavoratori con elevate esigenze, basso controllo e basso supporto, hanno dimostrato di avere un rischio doppio di morbilità e mortalità CVD rispetto a quelli con basse esigenze, alto controllo e supporto elevato (Johnson e Hall 1994). Attualmente si stanno compiendo sforzi per esaminare l'esposizione prolungata alle richieste, al controllo e al sostegno nel corso della "carriera lavorativa psicosociale". Le descrizioni di tutte le occupazioni durante l'intera carriera lavorativa vengono ottenute per i partecipanti e i punteggi occupazionali vengono utilizzati per un calcolo dell'esposizione totale nel corso della vita. È stata studiata l'"esposizione totale al controllo del lavoro" in relazione all'incidenza della mortalità cardiovascolare negli svedesi che lavorano e anche dopo aver effettuato aggiustamenti per età, abitudine al fumo, esercizio fisico, etnia, istruzione e classe sociale, la bassa esposizione totale al controllo del lavoro è stata associata a un rischio quasi doppio rischio di morte per cause cardiovascolari in un periodo di follow-up di 14 anni (Johnson et al. 1996).

Un modello simile al modello Demand/Control è stato sviluppato e testato da Siegrist e collaboratori 1990 che utilizza "sforzo" e "ricompensa sociale" come dimensioni cruciali, l'ipotesi è che uno sforzo elevato senza ricompensa sociale porta ad un aumento del rischio di malattia cardiovascolare. In uno studio sui lavoratori dell'industria è stato dimostrato che le combinazioni di sforzo elevato e mancanza di ricompensa sono predittive di un aumento del rischio di infarto miocardico indipendentemente dai fattori di rischio biomedico.

È stato dimostrato che anche altri aspetti dell'organizzazione del lavoro, come il lavoro a turni, sono associati al rischio di CVD. È stato riscontrato che la costante rotazione tra lavoro notturno e diurno è associata ad un aumentato rischio di sviluppare un infarto del miocardio (Kristensen 1989; Theorell 1992).

La ricerca futura in quest'area deve in particolare concentrarsi sulla specificazione della relazione tra l'esposizione allo stress da lavoro e il rischio CVD in diverse classi, generi ed etnie.

Di ritorno

Venerdì, Gennaio 14 2011 19: 37

Reazioni immunologiche

Quando un essere umano o un animale è sottoposto a una situazione di stress psicologico, c'è una risposta generale che coinvolge risposte psicologiche oltre che somatiche (corporee). Questa è una risposta di allarme generale, o attivazione generale o campanello d'allarme, che colpisce tutte le risposte fisiologiche, compreso il sistema muscolo-scheletrico, il sistema vegetativo (il sistema autonomo), gli ormoni e anche il sistema immunitario.

Dagli anni '1960, abbiamo imparato come il cervello, e attraverso di esso, i fattori psicologici, regolano e influenzano tutti i processi fisiologici, direttamente o indirettamente. In precedenza si riteneva che parti ampie ed essenziali della nostra fisiologia fossero regolate "inconsciamente" o non fossero affatto regolate da processi cerebrali. I nervi che regolano l'intestino, le ghiandole e il sistema cardiovascolare erano “autonomi”, ovvero indipendenti dal sistema nervoso centrale (SNC); allo stesso modo, gli ormoni e il sistema immunitario erano al di fuori del controllo del sistema nervoso centrale. Tuttavia, il sistema nervoso autonomo è regolato dalle strutture limbiche del cervello e può essere portato sotto il diretto controllo strumentale attraverso procedure di apprendimento classiche e strumentali. Anche il fatto che il sistema nervoso centrale controlli i processi endocrinologici è ben noto.

L'ultimo sviluppo che ha smentito l'idea che il sistema nervoso centrale fosse isolato da molti processi fisiologici è stata l'evoluzione della psicoimmunologia. È stato ora dimostrato che l'interazione del cervello (e dei processi psicologici) può influenzare i processi immunitari, sia attraverso il sistema endocrino che per diretta innervazione del tessuto linfoide. Gli stessi globuli bianchi possono anche essere influenzati direttamente dalle molecole segnale del tessuto nervoso. È stato dimostrato che la funzione linfocitaria depressa segue il lutto (Bartrop et al. 1977) e il condizionamento della risposta immunosoppressiva negli animali (Cohen et al. 1979) e i processi psicologici hanno dimostrato di avere effetti sulla sopravvivenza animale (Riley 1981) ; queste scoperte furono pietre miliari nello sviluppo della psicoimmunologia.

È ormai accertato che lo stress psicologico produce cambiamenti nel livello di anticorpi nel sangue e nel livello di molti dei globuli bianchi. Un breve periodo di stress di 30 minuti può produrre aumenti significativi dei linfociti e delle cellule natural killer (NK). A seguito di situazioni di stress più durature, si riscontrano cambiamenti anche negli altri componenti del sistema immunitario. Sono stati segnalati cambiamenti nei conteggi di quasi tutti i tipi di globuli bianchi e nei livelli delle immunoglobuline e dei loro complementi; i cambiamenti influenzano anche elementi importanti della risposta immunitaria totale e anche della "cascata immunitaria". Questi cambiamenti sono complessi e sembrano essere bidirezionali. Sono stati segnalati sia aumenti che diminuzioni. I cambiamenti sembrano dipendere non solo dalla situazione che induce lo stress, ma anche dal tipo di meccanismi di coping e di difesa che l'individuo sta usando per gestire questa situazione. Ciò è particolarmente evidente quando si studiano gli effetti di reali situazioni di stress di lunga durata, ad esempio quelle associate al lavoro oa situazioni di vita difficili (“life stressors”). Sono state descritte relazioni altamente specifiche tra gli stili di coping e di difesa e diversi sottoinsiemi di cellule immunitarie (numero di linfociti, leucociti e monociti; cellule T totali e cellule NK) (Olff et al. 1993).

La ricerca di parametri immunitari come marcatori di stress duraturo e sostenuto non ha avuto molto successo. Poiché è stato dimostrato che le relazioni tra immunoglobuline e fattori di stress sono così complesse, non è comprensibilmente disponibile un marcatore semplice. Le relazioni che sono state trovate sono a volte positive, a volte negative. Per quanto riguarda i profili psicologici, in una certa misura la matrice di correlazione con una stessa batteria psicologica mostra modelli diversi, che variano da un gruppo professionale all'altro (Endresen et al. 1991). All'interno di ciascun gruppo, i modelli sembrano stabili per lunghi periodi di tempo, fino a tre anni. Non è noto se esistano fattori genetici che influenzano le relazioni altamente specifiche tra stili di coping e risposte immunitarie; in tal caso, le manifestazioni di questi fattori devono essere fortemente dipendenti dall'interazione con i fattori di stress della vita. Inoltre, non è noto se sia possibile seguire il livello di stress di un individuo per un lungo periodo, dato che lo stile di coping, difesa e risposta immunitaria dell'individuo è noto. Questo tipo di ricerca viene portata avanti con personale altamente selezionato, ad esempio gli astronauti.

Potrebbe esserci un grosso difetto nell'argomentazione di base secondo cui le immunoglobuline possono essere utilizzate come validi marcatori di rischio per la salute. L'ipotesi originale era che bassi livelli di immunoglobuline circolanti potessero segnalare una bassa resistenza e una bassa competenza immunitaria. Tuttavia, valori bassi potrebbero non segnalare una bassa resistenza: potrebbero solo segnalare che questo particolare individuo non è stato sfidato da agenti infettivi per un po', anzi, possono segnalare uno straordinario grado di salute. I valori bassi a volte riportati dagli astronauti di ritorno e dal personale antartico potrebbero non essere un segnale di stress, ma solo dei bassi livelli di sfida batterica e virale nell'ambiente che hanno lasciato.

Ci sono molti aneddoti nella letteratura clinica che suggeriscono che lo stress psicologico o gli eventi critici della vita possono avere un impatto sul decorso di malattie gravi e non gravi. Secondo alcuni, il placebo e la “medicina alternativa” possono esercitare i loro effetti attraverso meccanismi psicoimmunologici. Ci sono affermazioni secondo cui la competenza immunitaria ridotta (e talvolta aumentata) dovrebbe portare a una maggiore suscettibilità alle infezioni negli animali e nell'uomo e anche a stati infiammatori come l'artrite reumatoide. È stato dimostrato in modo convincente che lo stress psicologico influisce sulla risposta immunitaria a vari tipi di inoculazioni. Gli studenti sottoposti a stress da esame riportano più sintomi di malattia infettiva in questo periodo, che coincide con un controllo immunitario cellulare più scarso (Glaser et al. 1992). Ci sono anche alcune affermazioni secondo cui la psicoterapia, in particolare l'allenamento cognitivo per la gestione dello stress, insieme all'allenamento fisico, può influenzare la risposta anticorpale all'infezione virale.

Ci sono anche alcuni risultati positivi per quanto riguarda lo sviluppo del cancro, ma solo pochi. La controversia sulla presunta relazione tra personalità e suscettibilità al cancro non è stata risolta. Le repliche dovrebbero essere estese per includere misure delle risposte immunitarie ad altri fattori, compresi i fattori dello stile di vita, che possono essere correlati alla psicologia, ma l'effetto del cancro può essere una conseguenza diretta dello stile di vita.

Vi sono ampie prove che lo stress acuto alteri le funzioni immunitarie nei soggetti umani e che anche lo stress cronico possa influenzare queste funzioni. Ma fino a che punto questi cambiamenti sono validi e utili indicatori di stress lavorativo? In che misura i cambiamenti immunitari, se si verificano, sono un vero fattore di rischio per la salute? Non c'è consenso nel campo al momento della stesura di questo documento (1995).

Per progredire in questo campo sono necessarie valide sperimentazioni cliniche e solide ricerche epidemiologiche. Ma questo tipo di ricerca richiede più fondi di quelli a disposizione dei ricercatori. Questo lavoro richiede anche una comprensione della psicologia dello stress, che non è sempre disponibile per gli immunologi, e una profonda comprensione di come funziona il sistema immunitario, che non è sempre disponibile per gli psicologi.

 

Di ritorno

Venerdì, Gennaio 14 2011 19: 33

Risultati di benessere

I posti di lavoro possono avere un impatto sostanziale sul benessere affettivo dei titolari di un posto di lavoro. A sua volta, la qualità del benessere dei lavoratori sul posto di lavoro influenza il loro comportamento, il processo decisionale e le interazioni con i colleghi, e si ripercuote anche sulla vita familiare e sociale.

La ricerca in molti paesi ha evidenziato la necessità di definire il concetto in termini di due dimensioni separate che possono essere viste come indipendenti l'una dall'altra (Watson, Clark e Tellegen 1988; Warr 1994). Queste dimensioni possono essere chiamate "piacere" e "eccitazione". Come illustrato nella figura 1, un particolare grado di piacere o dispiacere può essere accompagnato da livelli alti o bassi di eccitazione mentale, e l'eccitazione mentale può essere piacevole o spiacevole. Ciò è indicato in termini dei tre assi del benessere suggeriti per la misurazione: dispiacere-piacere, ansia-comfort e depressione-entusiasmo.

Figura 1. Tre assi principali per la misurazione del benessere affettivo

Il benessere legato al lavoro è stato spesso misurato semplicemente lungo l'asse orizzontale, che va dal “sentirsi male” al “sentirsi bene”. La misurazione viene solitamente effettuata con riferimento a una scala di soddisfazione sul lavoro e i dati sono ottenuti dai lavoratori che indicano il loro accordo o disaccordo con una serie di affermazioni che descrivono i loro sentimenti riguardo al lavoro. Tuttavia, le scale di soddisfazione sul lavoro non tengono conto delle differenze nell'eccitazione mentale e sono relativamente insensibili. Sono necessarie anche ulteriori forme di misurazione, in termini degli altri due assi nella figura.

Quando i punteggi bassi sull'asse orizzontale sono accompagnati da un aumento dell'eccitazione mentale (quadrante superiore sinistro), lo scarso benessere si evidenzia tipicamente nelle forme di ansia e tensione; tuttavia, basso piacere in associazione con bassa eccitazione mentale (in basso a sinistra) è osservabile come depressione e sentimenti associati. Al contrario, un elevato piacere legato al lavoro può essere accompagnato da sentimenti positivi caratterizzati da entusiasmo ed energia (3b) o dal rilassamento psicologico e dal conforto (2b). Quest'ultima distinzione è talvolta descritta in termini di soddisfazione lavorativa motivata (3b) rispetto alla soddisfazione lavorativa rassegnata e apatica (2b).

Nello studio dell'impatto dei fattori organizzativi e psicosociali sul benessere dei dipendenti, è auspicabile esaminare tutti e tre gli assi. I questionari sono ampiamente utilizzati per questo scopo. Soddisfazione lavorativa (da 1a a 1b) può essere esaminato in due forme, a volte denominate soddisfazione lavorativa "senza sfaccettature" e "specifica per sfaccettature". La soddisfazione lavorativa senza sfaccettature, o complessiva, è un insieme generale di sentimenti sul proprio lavoro nel suo insieme, mentre le soddisfazioni specifiche per sfaccettatura sono sentimenti su aspetti particolari di un lavoro. Gli aspetti principali includono la retribuzione, le condizioni di lavoro, il proprio supervisore e la natura del lavoro svolto.

Queste diverse forme di soddisfazione sul lavoro sono positivamente intercorrelate, ea volte è appropriato semplicemente misurare la soddisfazione complessiva, priva di sfaccettature, piuttosto che esaminare soddisfazioni separate e specifiche per sfaccettatura. Una domanda generale molto usata è “Nel complesso, quanto sei soddisfatto del lavoro che fai?”. Le risposte comunemente usate sono molto insoddisfatto, poco insoddisfatto, moderatamente soddisfatto, molto soddisfatto ed estremamente soddisfatto, e sono designati rispettivamente da punteggi da 1 a 5. Nelle indagini nazionali è normale rilevare che circa il 90% dei dipendenti si dichiara soddisfatto in una certa misura e spesso è auspicabile uno strumento di misurazione più sensibile per ottenere punteggi più differenziati.

Di solito viene adottato un approccio multi-item, forse coprendo una gamma di sfaccettature diverse. Ad esempio, diversi questionari sulla soddisfazione lavorativa chiedono informazioni sulla soddisfazione di una persona rispetto ad aspetti dei seguenti tipi: le condizioni fisiche di lavoro; la libertà di scegliere il proprio metodo di lavoro; i tuoi compagni di lavoro; il riconoscimento che ottieni per un buon lavoro; il tuo capo immediato; la quantità di responsabilità che ti viene data; la tua tariffa salariale; la tua opportunità di usare le tue capacità; rapporti tra dirigenti e lavoratori; il tuo carico di lavoro; la tua possibilità di promozione; l'attrezzatura che usi; il modo in cui viene gestita la tua azienda; le tue ore di lavoro; la quantità di varietà nel tuo lavoro; e la sicurezza del tuo lavoro. Un punteggio medio di soddisfazione può essere calcolato su tutti gli elementi, ad esempio le risposte a ciascun elemento possono essere valutate da 1 a 5 (vedere il paragrafo precedente). In alternativa, è possibile calcolare valori separati per gli elementi di "soddisfazione intrinseca" (quelli che riguardano il contenuto del lavoro stesso) e gli elementi di "soddisfazione estrinseca" (quelli che si riferiscono al contesto del lavoro, come i colleghi e le condizioni di lavoro).

Le scale self-report che misurano gli assi due e tre hanno spesso coperto solo un'estremità della possibile distribuzione. Ad esempio, alcune scale di ansia legata al lavoro riguardano i sentimenti di tensione e preoccupazione di un lavoratore durante il lavoro (2a), ma non testare inoltre forme più positive di affetto su questo asse (2b). Sulla base di studi in diversi contesti (Watson, Clark e Tellegen 1988; Warr 1990), un possibile approccio è il seguente.

Gli Assi 2 e 3 possono essere esaminati ponendo ai lavoratori questa domanda: “Pensando alle ultime settimane, per quanto tempo il tuo lavoro ti ha fatto sentire ciascuno dei seguenti?”, con opzioni di risposta di mai, occasionalmente, alcune volte, la maggior parte delle volte, la maggior parte delle volte, ed sempre (punteggio rispettivamente da 1 a 6). L'ansia di conforto varia attraverso questi stati: teso, ansioso, preoccupato, calmo, a suo agio e rilassato. La depressione all'entusiasmo copre questi stati: depresso, cupo, miserabile, motivato, entusiasta e ottimista. In ogni caso, i primi tre elementi dovrebbero essere valutati in modo inverso, in modo che un punteggio elevato rifletta sempre un elevato benessere e gli elementi dovrebbero essere mescolati in modo casuale nel questionario. Per ciascun asse è possibile calcolare un punteggio totale o medio.

Più in generale, va notato che il benessere affettivo non è determinato esclusivamente dall'ambiente attuale di una persona. Sebbene le caratteristiche del lavoro possano avere un effetto sostanziale, il benessere è anche funzione di alcuni aspetti della personalità; le persone differiscono nel loro benessere di base così come nelle loro reazioni a particolari caratteristiche del lavoro.

Le differenze di personalità rilevanti sono generalmente descritte in termini di disposizioni affettive continue degli individui. Il tratto di personalità di affettività positiva (corrispondente al quadrante superiore destro) è caratterizzato da visioni generalmente ottimistiche del futuro, emozioni tendenzialmente positive e comportamenti relativamente estroversi. Al contrario, l'affettività negativa (corrispondente al quadrante in alto a sinistra) è una disposizione a sperimentare stati emotivi negativi. Gli individui con un'elevata affettività negativa tendono in molte situazioni a sentirsi nervosi, ansiosi o turbati; questo tratto è talvolta misurato per mezzo di scale di personalità del nevroticismo. Le affettività positive e negative sono considerate tratti, cioè sono relativamente costanti da una situazione all'altra, mentre il benessere di una persona è visto come uno stato emotivo che varia in risposta alle attività correnti e alle influenze ambientali.

Le misure del benessere identificano necessariamente sia il tratto (la disposizione affettiva) che lo stato (l'affetto attuale). Questo fatto dovrebbe essere tenuto presente nell'esaminare il punteggio di benessere delle persone su base individuale, ma non è un problema sostanziale negli studi sui risultati medi per un gruppo di dipendenti. Nelle indagini longitudinali sui punteggi di gruppo, i cambiamenti osservati nel benessere possono essere attribuiti direttamente ai cambiamenti nell'ambiente, poiché il benessere di base di ogni persona è mantenuto costante nelle occasioni di misurazione; e negli studi di gruppo trasversali una disposizione affettiva media è registrata come influenza di fondo in tutti i casi.

Si noti inoltre che il benessere affettivo può essere visto a due livelli. La prospettiva più mirata si riferisce a un dominio specifico, come un contesto lavorativo: può trattarsi di una questione di benessere "correlato al lavoro" (come discusso qui) ed è misurata attraverso scale che riguardano direttamente i sentimenti quando una persona è al lavoro . Tuttavia, il benessere più ampio, "senza contesto" o "generale" a volte è interessante e la misurazione di quel costrutto più ampio richiede un focus meno specifico. Gli stessi tre assi dovrebbero essere esaminati in entrambi i casi e sono disponibili scale più generali per la soddisfazione di vita o il disagio generale (asse 1), ansia senza contesto (asse 2) e depressione senza contesto (asse 3).


Di ritorno

Venerdì, Gennaio 14 2011 19: 29

Risultati comportamentali

I ricercatori potrebbero non essere d'accordo sul significato del termine stress. Tuttavia, vi è un accordo di base sul fatto che lo stress percepito correlato al lavoro possa essere implicato in esiti comportamentali come l'assenteismo, l'abuso di sostanze, i disturbi del sonno, il fumo e l'uso di caffeina (Kahn e Byosiere 1992). Prove recenti a sostegno di queste relazioni sono esaminate in questo capitolo. L'accento è posto sul ruolo eziologico dello stress correlato al lavoro in ciascuno di questi esiti. Ci sono differenze qualitative, lungo diverse dimensioni, tra questi risultati. Per illustrare, a differenza degli altri esiti comportamentali, che sono tutti considerati problematici per la salute di coloro che vi si dedicano in modo eccessivo, l'assenteismo, sebbene dannoso per l'organizzazione, non è necessariamente dannoso per quei dipendenti che sono assenti dal lavoro. Ci sono, tuttavia, problemi comuni nella ricerca su questi risultati, come discusso in questa sezione.

Le diverse definizioni di stress lavoro-correlato sono già state menzionate in precedenza. A titolo illustrativo, si considerino le diverse concettualizzazioni dello stress da un lato come eventi e dall'altro come esigenze croniche sul posto di lavoro. Questi due approcci alla misurazione dello stress sono stati raramente combinati in un unico studio progettato per prevedere i tipi di risultati comportamentali considerati qui. La stessa generalizzazione è rilevante per l'uso combinato, nello stesso studio, dello stress correlato alla famiglia e al lavoro per prevedere uno qualsiasi di questi risultati. La maggior parte degli studi a cui si fa riferimento in questo capitolo si basava su un disegno trasversale e sulle autovalutazioni dei dipendenti sull'esito comportamentale in questione. Nella maggior parte delle ricerche che riguardavano gli esiti comportamentali dello stress correlato al lavoro, i ruoli di moderazione o mediazione congiunta delle variabili di personalità predisponenti, come il modello di comportamento di tipo A o la robustezza, e le variabili situazionali come il supporto e il controllo sociale, sono stati poco studiati. Raramente le variabili antecedenti, come lo stress da lavoro misurato oggettivamente, sono state incluse nei disegni di ricerca degli studi qui recensiti. Infine, la ricerca trattata in questo articolo ha utilizzato metodologie divergenti. A causa di queste limitazioni, una conclusione frequente è che l'evidenza dello stress lavoro-correlato come precursore di un risultato comportamentale è inconcludente.

Beehr (1995) ha preso in considerazione la questione del perché così pochi studi abbiano esaminato sistematicamente le associazioni tra stress da lavoro e abuso di sostanze. Ha sostenuto che tale negligenza potrebbe essere dovuta in parte all'incapacità dei ricercatori di trovare queste associazioni. A questo fallimento si deve aggiungere il noto pregiudizio dei periodici contro la ricerca editoriale che riporta risultati nulli. Per illustrare l'inconcludenza delle prove che collegano lo stress e l'abuso di sostanze, si considerino due campioni nazionali su larga scala di dipendenti negli Stati Uniti. Il primo, di French, Caplan e Van Harrison (1982), non è riuscito a trovare correlazioni significative tra i tipi di stress da lavoro e il fumo, l'uso di droghe o l'ingestione di caffeina sul posto di lavoro. Il secondo, un precedente studio di ricerca di Mangione e Quinn (1975), riportava tali associazioni.

Lo studio degli esiti comportamentali dello stress è ulteriormente complicato perché spesso compaiono in coppie o triadi. Diverse combinazioni di risultati sono la regola piuttosto che l'eccezione. L'associazione molto stretta di stress, fumo e caffeina è accennata di seguito. Ancora un altro esempio riguarda la comorbilità del disturbo da stress post-traumatico (PTSD), l'alcolismo e l'abuso di droghe (Kofoed, Friedman e Peck 1993). Questa è una caratteristica di base di diversi esiti comportamentali considerati in questo articolo. Ha portato alla costruzione di schemi di "doppia diagnosi" e "tripla diagnosi" e allo sviluppo di approcci terapeutici completi e sfaccettati. Un esempio di tale approccio è quello in cui il PTSD e l'abuso di sostanze vengono trattati simultaneamente (Kofoed, Friedman e Peck 1993).

Lo schema rappresentato dalla comparsa di più esiti in un singolo individuo può variare, a seconda delle caratteristiche di fondo e di fattori genetici e ambientali. La letteratura sugli esiti dello stress sta solo iniziando ad affrontare le complesse questioni coinvolte nell'identificazione degli specifici modelli di malattia fisiopatologica e neurobiologica che portano a diverse combinazioni di entità di esito.

Comportamento al fumo

Un ampio numero di studi epidemiologici, clinici e patologici mette in relazione il fumo di sigaretta con lo sviluppo di cardiopatie cardiovascolari e altre malattie croniche. Di conseguenza, vi è un crescente interesse per il percorso che porta dallo stress, compreso lo stress sul lavoro, al comportamento del fumo. È noto che lo stress e le risposte emotive ad esso associate, ansia e irritabilità, vengono attenuate dal fumo. Tuttavia, è stato dimostrato che questi effetti sono di breve durata (Parrott 1995). I disturbi dell'umore e degli stati affettivi tendono a verificarsi in un ciclo ripetitivo tra ogni sigaretta fumata. Questo ciclo fornisce un chiaro percorso che porta all'uso di sigarette che crea dipendenza (Parrott 1995). I fumatori, quindi, ottengono solo un sollievo di breve durata dagli stati avversi di ansia e irritabilità che seguono l'esperienza dello stress.

L'eziologia del fumo è multifattoriale (come la maggior parte degli altri esiti comportamentali considerati qui). Per illustrare, si consideri una recente revisione del fumo tra gli infermieri. Gli infermieri, il più grande gruppo professionale nell'assistenza sanitaria, fumano eccessivamente rispetto alla popolazione adulta (Adriaanse et al. 1991). Secondo il loro studio, questo vale sia per gli infermieri che per le infermiere, e si spiega con lo stress lavorativo, la mancanza di supporto sociale e le aspettative non soddisfatte che caratterizzano la socializzazione professionale degli infermieri. Il fumo degli infermieri è considerato un particolare problema di salute pubblica poiché gli infermieri spesso fungono da modello per i pazienti e le loro famiglie.

I fumatori che esprimono un'elevata motivazione al fumo hanno riportato, in diversi studi, uno stress superiore alla media che avevano sperimentato prima di fumare, piuttosto che uno stress inferiore alla media dopo aver fumato (Parrott 1995). Di conseguenza, i programmi di gestione dello stress e di riduzione dell'ansia sul posto di lavoro hanno il potenziale di influenzare la motivazione al fumo. Tuttavia, i programmi per smettere di fumare sul posto di lavoro mettono in primo piano il conflitto tra salute e prestazioni. Tra gli aviatori, ad esempio, il fumo è un pericolo per la salute nella cabina di pilotaggio. Tuttavia, i piloti a cui è richiesto di astenersi dal fumare durante e prima del volo possono subire un decremento delle prestazioni della cabina di pilotaggio (Sommese e Patterson 1995).

Abuso di droghe e alcol

Un problema ricorrente è che spesso i ricercatori non distinguono tra comportamento alcolico e comportamento problematico (Sadava 1987). Il problema dell'alcol è associato a conseguenze negative per la salute o le prestazioni. È stato dimostrato che la sua eziologia è associata a diversi fattori. Tra questi, la letteratura fa riferimento a precedenti episodi di depressione, mancanza di un ambiente familiare di supporto, impulsività, essere donne, altri concomitanti abuso di sostanze e stress (Sadava 1987). La distinzione tra il semplice atto di bere alcolici e il consumo problematico è importante a causa dell'attuale controversia sugli effetti benefici riportati dell'alcol sul colesterolo delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) e sull'incidenza delle malattie cardiache. Diversi studi hanno mostrato una relazione a forma di J o di U tra l'ingestione di alcol e l'incidenza di cardiopatie cardiovascolari (Pohorecky 1991).

L'ipotesi che le persone ingeriscono alcol anche in uno schema incipiente abuso per ridurre lo stress e l'ansia non è più accettata come adeguata. Gli approcci contemporanei all'abuso di alcol lo vedono come determinato da processi stabiliti in uno o più modelli multifattoriali (Gorman 1994). Tra i fattori di rischio per l'abuso di alcol, revisioni recenti fanno riferimento ai seguenti fattori: socioculturali (ovvero se l'alcol è prontamente disponibile e se il suo consumo è tollerato, condonato o addirittura promosso), socio-economici (ovvero il prezzo dell'alcol), ambientali (l'alcol le leggi sulla pubblicità e sulle licenze influenzano la motivazione dei consumatori a bere), le influenze interpersonali (come le abitudini di consumo in famiglia) ei fattori legati all'occupazione, incluso lo stress sul lavoro (Gorman 1994). Ne consegue che lo stress è solo uno dei numerosi fattori in un modello multidimensionale che spiega l'abuso di alcol.

La conseguenza pratica della visione del modello multifattoriale dell'alcolismo è la diminuzione dell'enfasi sul ruolo dello stress nella diagnosi, prevenzione e trattamento dell'abuso di sostanze sul posto di lavoro. Come notato da una recente revisione di questa letteratura (Peyser 1992), in situazioni lavorative specifiche, come quelle illustrate di seguito, l'attenzione allo stress lavoro-correlato è importante nella formulazione di politiche preventive dirette all'abuso di sostanze.

Nonostante le considerevoli ricerche sullo stress e l'alcol, i meccanismi che li collegano non sono del tutto chiari. L'ipotesi più ampiamente accettata è che l'alcol interrompa la valutazione iniziale del soggetto delle informazioni stressanti limitando la diffusione dell'attivazione delle informazioni associate precedentemente immagazzinate nella memoria a lungo termine (Petraitis, Flay e Miller 1995).

Le organizzazioni lavorative contribuiscono e possono indurre comportamenti legati al consumo di alcol, compreso il consumo problematico, mediante tre processi fondamentali documentati nella letteratura scientifica. In primo luogo, il consumo di alcol, abusivo o meno, può essere influenzato dallo sviluppo di norme organizzative relative al consumo di alcol sul posto di lavoro, inclusa la definizione "ufficiale" locale di consumo problematico di alcol ei meccanismi per il suo controllo stabiliti dalla direzione. In secondo luogo, alcune condizioni di lavoro stressanti, come un sovraccarico prolungato o lavori a ritmo di macchina o la mancanza di controllo, possono produrre abuso di alcol come strategia di coping per alleviare lo stress. In terzo luogo, le organizzazioni del lavoro possono incoraggiare esplicitamente o implicitamente lo sviluppo di sottoculture legate al consumo di alcol, come quelle che spesso emergono tra i conducenti professionisti di veicoli pesanti (James e Ames 1993).

In generale, lo stress gioca un ruolo diverso nel provocare comportamenti alcolici in diverse occupazioni, gruppi di età, categorie etniche e altri raggruppamenti sociali. Quindi lo stress gioca probabilmente un ruolo predisponente rispetto al consumo di alcol tra gli adolescenti, ma molto meno tra le donne, gli anziani ei bevitori sociali in età universitaria (Pohorecky 1991).

Il modello di stress sociale dell'abuso di sostanze (Lindenberg, Reiskin e Gendrop 1994) suggerisce che la probabilità dell'abuso di droghe da parte dei dipendenti è influenzata dal livello di stress ambientale, dal supporto sociale relativo allo stress sperimentato e dalle risorse individuali, in particolare dalla competenza sociale. Ci sono indicazioni che l'abuso di droga tra alcuni gruppi minoritari (come i giovani nativi americani che vivono nelle riserve: vedi Oetting, Edwards e Beauvais 1988) è influenzato dalla prevalenza dello stress di acculturazione tra di loro. Tuttavia, gli stessi gruppi sociali sono anche esposti a condizioni sociali avverse come la povertà, i pregiudizi e le opportunità impoverite di opportunità economiche, sociali ed educative.

Ingestione di caffeina

La caffeina è la sostanza farmacologicamente attiva più consumata al mondo. Le prove relative alle sue possibili implicazioni per la salute umana, cioè se ha effetti fisiologici cronici sui consumatori abituali, sono ancora inconcludenti (Benowitz 1990). È stato a lungo sospettato che l'esposizione ripetuta alla caffeina possa produrre tolleranza ai suoi effetti fisiologici (James 1994). È noto che il consumo di caffeina migliora le prestazioni fisiche e la resistenza durante l'attività prolungata ad intensità submassimale (Nehlig e Debry 1994). Gli effetti fisiologici della caffeina sono legati all'antagonismo dei recettori dell'adenosina e all'aumentata produzione di catecolamine plasmatiche (Nehlig e Debry 1994).

Lo studio della relazione tra stress lavoro-correlato e ingestione di caffeina è complicato a causa della significativa interdipendenza tra consumo di caffè e fumo (Conway et al. 1981). Una meta-analisi di sei studi epidemiologici (Swanson, Lee e Hopp 1994) ha mostrato che circa l'86% dei fumatori consumava caffè mentre solo il 77% dei non fumatori lo faceva. Sono stati suggeriti tre meccanismi principali per spiegare questa stretta associazione: (1) un effetto condizionante; (2) l'interazione reciproca, cioè l'assunzione di caffeina aumenta l'eccitazione mentre l'assunzione di nicotina la diminuisce e (3) l'effetto congiunto di una terza variabile su entrambi. Lo stress, e in particolare lo stress legato al lavoro, è una possibile terza variabile che influenza sia l'assunzione di caffeina che di nicotina (Swanson, Lee e Hopp 1994).

Disturbi del sonno

L'era moderna della ricerca sul sonno è iniziata negli anni '1950, con la scoperta che il sonno è uno stato altamente attivo piuttosto che una condizione passiva di non reattività. Il tipo più diffuso di disturbi del sonno, l'insonnia, può manifestarsi in forma transitoria a breve termine o in forma cronica. Lo stress è probabilmente la causa più frequente di insonnia transitoria (Gillin e Byerley 1990). L'insonnia cronica di solito deriva da un disturbo medico o psichiatrico sottostante. Tra un terzo e due terzi dei pazienti con insonnia cronica hanno una malattia psichiatrica riconoscibile (Gillin e Byerley 1990).

Uno dei meccanismi suggeriti è che l'effetto dello stress sui disturbi del sonno è mediato da alcuni cambiamenti nel sistema cerebrale a diversi livelli e cambiamenti nelle funzioni biochimiche del corpo che disturbano i ritmi di 24 ore (Gillin e Byerley 1990). Ci sono alcune prove che i collegamenti di cui sopra sono moderati dalle caratteristiche della personalità, come il modello di comportamento di tipo A (Koulack e Nesca 1992). Stress e disturbi del sonno possono influenzarsi reciprocamente: lo stress può favorire un'insonnia transitoria, che a sua volta provoca stress e aumenta il rischio di episodi di depressione e ansia (Partinen 1994).

Lo stress cronico associato a lavori monotoni, a ritmo di macchina, insieme alla necessità di vigilanza - lavori che si trovano spesso nelle industrie manifatturiere a lavorazione continua - possono portare a disturbi del sonno, causando successivamente decrementi nelle prestazioni (Krueger 1989). Ci sono alcune prove che ci sono effetti sinergici tra stress da lavoro, ritmi circadiani e prestazioni ridotte (Krueger 1989). Gli effetti negativi della perdita di sonno, che interagiscono con il sovraccarico e un alto livello di eccitazione, su alcuni aspetti importanti della prestazione lavorativa sono stati documentati in diversi studi sulla privazione del sonno tra i medici ospedalieri a livello junior (Spurgeon e Harrington 1989).

Lo studio di Mattiason et al. (1990) fornisce prove intriganti che collegano lo stress da lavoro cronico, i disturbi del sonno e gli aumenti del colesterolo plasmatico. In questo studio, 715 dipendenti maschi dei cantieri navali esposti allo stress della disoccupazione sono stati sistematicamente confrontati con 261 controlli prima e dopo che lo stress da instabilità economica si fosse manifestato. È stato riscontrato che tra i dipendenti dei cantieri esposti alla precarietà del lavoro, ma non tra i controlli, i disturbi del sonno erano positivamente correlati con l'aumento del colesterolo totale. Si tratta di uno studio naturalistico sul campo in cui il periodo di incertezza che precede i licenziamenti effettivi è stato lasciato trascorrere per circa un anno dopo che alcuni dipendenti hanno ricevuto avvisi riguardanti i licenziamenti imminenti. Quindi lo stress studiato era reale, grave e poteva essere considerato cronico.

Assenteismo

Il comportamento di assenza può essere visto come un comportamento di coping da parte del dipendente che riflette l'interazione tra le richieste lavorative percepite e il controllo, da un lato, e le condizioni di salute e familiari autovalutate, dall'altro. L'assenteismo ha diverse dimensioni principali, tra cui la durata, gli incantesimi e le ragioni dell'assenza. È stato dimostrato in un campione europeo che circa il 60% delle ore perse per assenteismo era dovuto a malattia (Ilgen 1990). Nella misura in cui lo stress da lavoro era implicato in queste malattie, allora dovrebbe esserci una qualche relazione tra lo stress sul lavoro e quella parte dell'assenteismo classificata come giorni di malattia. La letteratura sull'assenteismo riguarda principalmente i colletti blu e pochi studi hanno incluso lo stress in modo sistematico. (McKee, Markham e Scott 1992). La meta-analisi di Jackson e Schuler (1985) sulle conseguenze dello stress di ruolo ha riportato una correlazione media di 0.09 tra ambiguità di ruolo e assenza e -0.01 tra conflitto di ruolo e assenza. Come mostrano diversi studi meta-analitici della letteratura sull'assenteismo, lo stress è solo una delle molte variabili che spiegano questi fenomeni, quindi non dovremmo aspettarci che lo stress e l'assenteismo legati al lavoro siano fortemente correlati (Beehr 1995).

La letteratura sull'assenteismo suggerisce che la relazione tra stress da lavoro e assenteismo può essere mediata da caratteristiche specifiche del dipendente. Ad esempio, la letteratura fa riferimento alla propensione a utilizzare l'evitamento per far fronte allo stress sul lavoro e all'essere emotivamente esausti o fisicamente affaticati (Saxton, Phillips e Blakeney 1991). Per illustrare, lo studio di Kristensen (1991) su diverse migliaia di dipendenti dei mattatoi danesi per un periodo di un anno ha dimostrato che coloro che hanno riportato un elevato stress lavorativo avevano tassi di assenza significativamente più elevati e che la salute percepita era strettamente associata all'assenteismo dovuto a malattia.

Diversi studi sulle relazioni tra stress e assenteismo forniscono prove a sostegno della conclusione che possono essere determinate dal punto di vista occupazionale (Baba e Harris 1989). Per illustrare, lo stress da lavoro tra i dirigenti tende ad essere associato con l'incidenza dell'assenteismo ma non con i giorni persi attribuiti alla malattia, mentre questo non è così per i dipendenti di officina (Cooper e Bramwell 1992). La specificità occupazionale degli stress che predispongono i dipendenti all'assenza è stata considerata come una delle principali spiegazioni della scarsa quantità di varianza dell'assenza spiegata dallo stress correlato al lavoro in molti studi (Baba e Harris 1989). Diversi studi hanno rilevato che tra gli operai che svolgono lavori considerati stressanti, cioè quelli che possiedono una combinazione delle caratteristiche del tipo di lavoro da catena di montaggio (vale a dire un ciclo di operazioni molto breve e un sistema di salario a cottimo ) — lo stress da lavoro è un forte predittore di assenze ingiustificate. (Per una revisione recente di questi studi, vedi McKee, Markham e Scott 1992; nota che Baba e Harris 1989 non supportano la loro conclusione che lo stress da lavoro è un forte predittore di assenza ingiustificata).

La letteratura sullo stress e l'assenteismo fornisce un esempio convincente di una limitazione rilevata nell'introduzione. Il riferimento è al fallimento della maggior parte delle ricerche sulle relazioni tra stress e risultati comportamentali nel coprire sistematicamente, nella progettazione di questa ricerca, sia lo stress lavorativo che quello non lavorativo. È stato notato che nella ricerca sull'assenteismo lo stress non lavorativo ha contribuito più dello stress correlato al lavoro alla previsione dell'assenza, avvalorando l'opinione che l'assenza può essere un comportamento non lavorativo più che un comportamento correlato al lavoro (Baba e Harris 1989) .

 

Di ritorno

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti di costruzione

Società americana di ingegneri meccanici (ASME). 1994. Gru mobili e locomotive: uno standard nazionale americano. ASME B30.5-1994. New York: ASME.

Arbetarskyddsstyrelsen (Consiglio nazionale svedese per la sicurezza e la salute sul lavoro). 1996. Comunicazione personale.

Burkhart, G, PA Schulte, C Robinson, WK Sieber, P Vossenas, and K Ringen. 1993. Attività lavorative, potenziali esposizioni e rischi per la salute dei lavoratori impiegati nel settore edile. Am J Ind Med 24:413-425.

Dipartimento dei servizi sanitari della California. 1987. Mortalità professionale della California, 1979-81. Sacramento, CA: Dipartimento dei servizi sanitari della California.

Commissione delle Comunità europee. 1993. Sicurezza e salute nel settore edile. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali dell'Unione europea.

Commissione sul futuro delle relazioni tra lavoratori e dirigenti. 1994. Rapporto di accertamento dei fatti. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

Associazione per la sicurezza delle costruzioni dell'Ontario. 1992. Manuale di sicurezza e salute nell'edilizia. Toronto: Associazione per la sicurezza delle costruzioni del Canada.

Consiglio delle Comunità europee. 1988. Direttiva del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle leggi, dei regolamenti e delle disposizioni amministrative degli Stati membri relative ai prodotti da costruzione (89/106/CEE). Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee.

Consiglio delle Comunità europee. 1989. Direttiva del Consiglio del 14 giugno 1989 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine (89/392/CEE). Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee.

El Batawi, MA. 1992. Lavoratori migranti. In Occupational Health in Developing Countries, a cura di J Jeyaratnam. Oxford: Pressa dell'Università di Oxford.
Engholm, G e A Englund. 1995. Morbilità e modelli di mortalità in Svezia. Occup Med: State Art Rev 10:261-268.

Comitato europeo di normalizzazione (CEN). 1994. EN 474-1. Macchine movimento terra - Sicurezza - Parte 1: Requisiti generali. Bruxelles: CEN.

Istituto finlandese di salute sul lavoro. 1987. Indagine sistematica sul posto di lavoro: salute e sicurezza nell'industria delle costruzioni. Helsinki: Istituto finlandese per la salute sul lavoro.

—. 1994. Programma amianto, 1987-1992. Helsinki: Istituto finlandese per la salute sul lavoro.

Fregert, S, B Gruvberger, e E Sandahl. 1979. Riduzione del cromato nel cemento mediante solfato di ferro. Contatta Dermat 5:39-42.

Hinze, J. 1991. Costi indiretti degli incidenti di costruzione. Austin, TX: Istituto per l'industria delle costruzioni.

Hoffman, B, M Butz, W Coenen e D Waldeck. 1996. Salute e sicurezza sul lavoro: sistema e statistiche. Saint Augustin, Germania: Hauptverband der gewerblichen berufsgenossenschaften.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1985. Composti aromatici polinucleari, parte 4: bitumi, catrami di carbone e prodotti derivati, oli di scisto e fuliggine. In monografie IARC sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo. vol. 35. Lione: IARC.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1995. Sicurezza, salute e benessere nei cantieri: un manuale di formazione. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1982. ISO 7096. Macchine movimento terra—Sedile operatore—Vibrazioni trasmesse. Ginevra: ISO.

—. 1985a. ISO 3450. Macchine movimento terra - Macchine gommate - Requisiti prestazionali e procedure di prova per i sistemi frenanti. Ginevra: ISO.

—. 1985b. ISO 6393. Acustica—Misurazione del rumore aereo emesso da macchine movimento terra—Posizione dell'operatore—Condizioni di prova stazionarie. Ginevra: ISO.

—. 1985 c. ISO 6394. Acustica—Misurazione del rumore aereo emesso da macchine movimento terra—Metodo per determinare la conformità ai limiti per il rumore esterno—Condizioni di prova stazionarie. Ginevra: ISO.

—. 1992. ISO 5010. Macchine movimento terra—Macchine gommate—Capacità di sterzata. Ginevra: ISO.

Jack, TA e MJ Zak. 1993. Risultati del primo censimento nazionale degli infortuni mortali sul lavoro, 1992. Washington, DC: Bureau of Labor Statistics.
Associazione giapponese per la sicurezza e la salute nelle costruzioni. 1996. Comunicazione personale.

Kisner, SM e DE Fosbroke. 1994. Rischi di lesioni nel settore edile. J Occup Med 36:137-143.

Levitt, RE e NM Samelson. 1993. Gestione della sicurezza nei cantieri. New York: Wiley & Figli.

Markowitz, S, S Fisher, M Fahs, J Shapiro e PJ Landrigan. 1989. Malattia professionale nello Stato di New York: un riesame completo. Am J Ind Med 16:417-436.

Marsh, B. 1994. La possibilità di farsi male è generalmente molto più alta nelle aziende più piccole. Wall Street J.

McVittie, DJ. 1995. Morti e feriti gravi. Occup Med: State Art Rev 10:285-293.

Ricerca sui meridiani. 1994. Programmi di protezione dei lavoratori nell'edilizia. Silver Spring, MD: Meridian Research.

Oxenburg, M. 1991. Aumentare la produttività e il profitto attraverso la salute e la sicurezza. Sydney: CCH internazionale.

Pollack, ES, M Griffin, K Ringen e JL Weeks. 1996. Vittime nel settore edile negli Stati Uniti, 1992 e 1993. Am J Ind Med 30:325-330.

Poteri, MB. 1994. La febbre dei costi si interrompe. Record di notizie di ingegneria 233: 40-41.
Ringen, K, A Englund e J Seegal. 1995. Operai edili. In Occupational Health: Recognizing and Preventing Work-related Disease, a cura di BS Levy e DH Wegman. Boston, MA: Little, Brown and Co.

Ringen, K, A Englund, L Welch, JL Weeks e JL Seegal. 1995. Sicurezza e salute nei cantieri. Occup Med: State Art Rev 10:363-384.

Roto, P, H Sainio, T Reunala, and P Laippala. 1996. Aggiunta di solfato ferroso al cemento e rischio di dermatite da cromo tra i lavoratori edili. Contatta Dermat 34:43-50.

Saari, J e M Nasanen. 1989. L'effetto del feedback positivo sulla pulizia industriale e sugli incidenti. Int J Ind Erg 4:201-211.

Schneider, S e P Susi. 1994. Ergonomia e costruzione: una revisione del potenziale nelle nuove costruzioni. Am Ind Hyg Assoc J 55:635-649.

Schneider, S, E Johanning, JL Bjlard e G Enghjolm. 1995. Rumore, vibrazioni, caldo e freddo. Occup Med: State Art Rev 10:363-383.
Statistiche Canada. 1993. Costruzione in Canada, 1991-1993. Rapporto n. 64-201. Ottawa: Statistiche Canada.

Strauss, M, R Gleason e J Sugarbaker. 1995. Lo screening a raggi X del torace migliora l'esito nel cancro del polmone: una rivalutazione degli studi randomizzati sullo screening del cancro del polmone. Petto 107:270-279.

Toscano, G e J Windau. 1994. Il carattere mutevole degli infortuni mortali sul lavoro. Revisione mensile del lavoro 117: 17-28.

Progetto di educazione ai rischi sul posto di lavoro e al tabacco. 1993. Guida dei lavoratori edili alle sostanze tossiche sul lavoro. Berkeley, CA: California Health Foundation.

Zachariae, C, T Agner, e JT Menn. 1996. Allergia al cromo in pazienti consecutivi in ​​un paese in cui il solfato ferroso è stato aggiunto al cemento dal 1991. Contattare Dermat 35:83-85.