Banner 17

 

94. Servizi di istruzione e formazione

Editor del capitolo: Michael McCann


Sommario

Tabelle e figure

E.Gelpi
 
Michael McCann
 
Gary Gibson
 
Susan Magor
 
Ted Rickard
 
Steven D. Stellman e Joshua E. Muscat
 
Susan Magor

tavoli 

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Malattie che colpiscono i lavoratori diurni e gli insegnanti
2. Pericoli e precauzioni per classi particolari
3. Riepilogo dei pericoli nei college e nelle università

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

EDS025F1EDS025F2

Lunedi, 21 marzo 2011 14: 50

Profilo generale

Adattato dalla 3a edizione, "Encyclopaedia of Occupational Health and Safety".

L'ambito della professione docente si estende dalla scuola materna all'istituto di specializzazione. L'insegnamento comporta non solo l'istruzione accademica, ma anche la formazione scientifica, artistica e tecnica, in laboratori, studi artistici e officine, e la preparazione fisica sui campi sportivi e nelle palestre e nelle piscine. Nella maggior parte dei paesi, quasi tutti vengono prima o poi sotto l'influenza della professione e gli insegnanti stessi hanno esperienze tanto diverse quanto le materie insegnate. Molti membri anziani della professione hanno anche funzioni amministrative e manageriali.

Inoltre, lo sviluppo di politiche e attività per promuovere l'educazione permanente richiede una rivalutazione del concetto convenzionale di insegnanti all'interno delle istituzioni tradizionali (scuole, università). I membri della professione di insegnante svolgono i loro compiti con metodi educativi formali e informali, nella formazione di base e continua, negli istituti e nelle istituzioni educative e al di fuori di essi.

Oltre agli alunni in età scolare e agli studenti universitari, nuove tipologie di studenti e tirocinanti si stanno facendo avanti in numero sempre crescente in moltissimi paesi: giovani in cerca di lavoro, donne che desiderano rientrare nel mercato del lavoro, pensionati, lavoratori migranti, portatori di handicap , gruppi di comunità e così via. In particolare, troviamo categorie di persone precedentemente escluse dai normali istituti scolastici: analfabeti e portatori di handicap.

Non c'è nulla di nuovo nella varietà delle strutture di apprendistato disponibili e l'autoformazione privata è sempre esistita; l'educazione permanente è sempre esistita in una forma o nell'altra. C'è, però, un fattore nuovo: il crescente sviluppo di strutture educative formali permanenti in luoghi non originariamente intesi come luoghi di educazione e attraverso nuovi mezzi - ad esempio, nelle fabbriche, negli uffici e nelle strutture per il tempo libero e attraverso associazioni, mezzi di comunicazione di massa e l'autoeducazione assistita. Questa crescita e diffusione delle attività educative ha portato a un numero crescente di persone impegnate nell'insegnamento su base professionale o volontaria.

Molti tipi di attività che rientrano nel campo dell'istruzione possono sovrapporsi: insegnanti, istruttori, docenti, promotori e organizzatori di progetti educativi, operatori dell'orientamento scolastico e professionale, consulenti del lavoro, specialisti dell'educazione degli adulti e amministratori.

Per quanto riguarda l'appartenenza della professione docente come rappresentata nei mercati del lavoro, si scopre che nella maggior parte dei paesi essa costituisce una delle categorie più significative della forza lavoro dipendente.

Recentemente, l'importanza dei sindacati degli insegnanti è aumentata costantemente, di pari passo con il numero sempre crescente di insegnanti. La flessibilità del loro orario di lavoro ha consentito agli insegnanti di svolgere un ruolo significativo nella vita politica di molti paesi.

Un nuovo tipo di educatore - coloro che non sono esattamente insegnanti nella concezione precedentemente sostenuta del termine - si trova ormai in molti sistemi, dove la scuola è diventata un centro di strutture educative permanenti o permanenti. Si tratta di professionisti di vari settori, compresi esperti di artigianato, artisti e così via, che contribuiscono stabilmente o saltuariamente a queste attività educative.

Gli istituti scolastici stanno aprendo le loro porte a diversi gruppi e categorie, rivolgendosi sempre più ad attività esterne ed extramurali. A questo proposito si possono osservare due grandi tendenze: da un lato, si sono instaurati rapporti con la forza lavoro industriale, con impianti e processi industriali; e dall'altro, si è instaurato un crescente rapporto con lo sviluppo della comunità, e c'è una crescente interazione tra l'istruzione istituzionale ei progetti di educazione della comunità.

Le università ei college si adoperano per rinnovare la formazione iniziale degli insegnanti attraverso corsi di aggiornamento. Oltre agli aspetti e alle discipline specificamente pedagogiche, prevedono la sociologia educativa, l'economia e l'antropologia. Una tendenza che incontra ancora molti ostacoli è quella di far acquisire esperienza ai futuri insegnanti facendo periodi di formazione in contesti comunitari, nei luoghi di lavoro o in vari istituti educativi e culturali. Il servizio nazionale, divenuto generale in alcuni paesi, è un'utile esperienza sul campo per i futuri insegnanti.

Gli ingenti investimenti in comunicazione e informazione sono di buon auspicio per diversi tipi di autodidattica individuale o collettiva. Il rapporto tra autoapprendimento e insegnamento è un problema emergente. Il passaggio dalla formazione autodidatta di chi non aveva frequentato la scuola all'autodidatta permanente di giovani e adulti non sempre è stato correttamente apprezzato dalle istituzioni educative.

Queste nuove politiche e attività educative danno origine a vari problemi come i pericoli e la loro prevenzione. L'educazione permanente, che non si limita all'esperienza scolastica, trasforma diversi luoghi, come la comunità, il luogo di lavoro, il laboratorio e l'ambiente, in luoghi di formazione. Gli insegnanti dovrebbero essere assistiti in queste attività e dovrebbe essere fornita una copertura assicurativa. Al fine di prevenire i pericoli, si dovrebbe adoperarsi per adattare i vari locali alle attività educative. Sono diversi i casi in cui le scuole si sono adattate per diventare centri aperti a tutta la popolazione e sono state attrezzate per essere non solo istituzioni educative ma anche luoghi di attività creative e produttive e di incontro.

Anche il rapporto di docenti e formatori con questi diversi momenti della vita di tirocinanti e studenti, come il tempo libero, il tempo di lavoro, la vita familiare e la durata dell'apprendistato, richiede un notevole sforzo di informazione, ricerca e adattamento.

In aumento anche i rapporti tra docenti e famiglie degli studenti; a volte i membri delle famiglie frequentano occasionalmente lezioni o lezioni a scuola. Le differenze tra modelli familiari e modelli educativi richiedono un grande sforzo da parte degli insegnanti per raggiungere una comprensione reciproca dal punto di vista psicologico, sociologico e antropologico. I modelli familiari influenzano il modello comportamentale di alcuni studenti, che possono sperimentare forti contraddizioni tra la formazione familiare ei modelli e le norme comportamentali prevalenti nella scuola.

Per quanto grande sia la varietà, tutto l'insegnamento ha alcune caratteristiche comuni: l'insegnante non solo istruisce in conoscenze o abilità specifiche, ma cerca anche di trasmettere un modo di pensare; lui o lei deve preparare l'alunno per la successiva fase di sviluppo e stimolare l'interesse e la partecipazione dell'alunno nel processo di apprendimento.

 

Di ritorno

Lunedi, 21 marzo 2011 14: 59

Scuole elementari e medie

Le scuole elementari e secondarie impiegano molti diversi tipi di personale, inclusi insegnanti, aiutanti degli insegnanti, amministratori, impiegati, personale di manutenzione, personale della mensa, infermieri e molti altri necessari per mantenere una scuola funzionante. In generale, il personale scolastico deve affrontare tutti i potenziali pericoli riscontrabili nei normali ambienti interni e d'ufficio, tra cui inquinamento dell'aria interna, scarsa illuminazione, riscaldamento o raffreddamento inadeguati, uso di macchine per ufficio, scivolamenti e cadute, problemi di ergonomia dovuti a mobili per ufficio mal progettati e rischi di incendio . Le precauzioni sono quelle standard sviluppate per questo tipo di ambiente interno, anche se i regolamenti edilizi e antincendio di solito hanno requisiti specifici per le scuole a causa dell'elevato numero di bambini presenti. Altre preoccupazioni generali riscontrate nelle scuole includono l'amianto (soprattutto tra gli addetti alla custodia e alla manutenzione), la vernice al piombo scheggiata, i pesticidi e gli erbicidi, il radon e i campi elettromagnetici (soprattutto per le scuole costruite vicino a linee elettriche di trasmissione ad alta tensione). Un altro problema comune sono i disturbi oculari e respiratori legati alla tinteggiatura delle stanze e all'ingranaggio dei tetti delle scuole mentre l'edificio è occupato. Tinteggiatura e catramatura devono essere eseguite quando l'edificio non è occupato.

I compiti accademici di base richiesti a tutti gli insegnanti includono: la preparazione delle lezioni, che può includere lo sviluppo di strategie di apprendimento, la copia degli appunti delle lezioni e la realizzazione di ausili visivi come illustrazioni, grafici e simili; lezioni frontali, che richiedono di presentare le informazioni in modo organizzato che susciti l'attenzione e la concentrazione degli studenti e possono comportare l'uso di lavagne, videoproiettori, lavagne luminose e computer; scrivere, dare e valutare esami; e consulenza individuale degli studenti. La maggior parte di questa istruzione si svolge nelle aule. Inoltre, gli insegnanti con specialità in scienze, arti, istruzione professionale, educazione fisica e altre aree svolgeranno gran parte del loro insegnamento in strutture come laboratori, studi d'arte, teatri, palestre e simili. Gli insegnanti possono anche portare gli studenti in gite scolastiche fuori dalla scuola in luoghi come musei e zoo.

Gli insegnanti hanno anche compiti speciali, che possono includere la supervisione degli studenti nei corridoi e nella mensa; partecipare a riunioni con amministratori, genitori e altri; organizzazione e supervisione del tempo libero e di altre attività doposcuola; e altri compiti amministrativi. Inoltre, gli insegnanti partecipano a conferenze e altri eventi educativi per tenersi aggiornati nel loro campo e far progredire la loro carriera.

Ci sono pericoli specifici che devono affrontare tutti gli insegnanti. Malattie infettive come la tubercolosi, il morbillo e la varicella possono facilmente diffondersi in una scuola. Le vaccinazioni (sia degli studenti che degli insegnanti), i test per la tubercolosi e altre misure standard di sanità pubblica sono essenziali (vedi tabella 1). Aule sovraffollate, rumore in classe, orari sovraccarichi, strutture inadeguate, problemi di avanzamento di carriera, sicurezza del lavoro e generale mancanza di controllo sulle condizioni di lavoro contribuiscono a gravi problemi di stress, assenteismo e burnout negli insegnanti. Le soluzioni includono sia modifiche istituzionali per migliorare le condizioni di lavoro sia programmi di riduzione dello stress ove possibile. Un problema crescente, soprattutto negli ambienti urbani, è la violenza contro gli insegnanti da parte degli studenti e, talvolta, degli intrusi. Negli Stati Uniti, molti studenti di livello secondario, soprattutto nelle scuole urbane, portano armi, comprese le pistole. Nelle scuole dove la violenza è un problema, i programmi organizzati di prevenzione della violenza sono essenziali. Gli aiutanti degli insegnanti affrontano molti degli stessi pericoli.

Tabella 1Malattie infettive che colpiscono gli operatori diurni e gli insegnanti.

 Malattia

 Dove trovato

 Modo di trasmissione

 Commenti

 Amebiasi

 Soprattutto tropici e subtropicali

 Acqua e cibo contaminati da feci infette

 Utilizzare un buon cibo e servizi igienico-sanitari.

 Varicella

  www.era.com

 Generalmente contatto diretto da persona a persona, ma possibile anche tramite goccioline respiratorie trasportate dall'aria

 La varicella è più grave negli adulti rispetto ai bambini; rischio di malformazioni congenite; malattia segnalabile nella maggior parte dei paesi.

 Citomegalovirus (CMV)

  www.era.com

 Goccioline respiratorie trasportate dall'aria; contatto con urina, saliva o sangue

 Altamente contagioso; rischio di malformazioni congenite.

 Eritema infettivo (Parvovirus-B-19)

  www.era.com

 Contatto diretto da persona a persona o goccioline respiratorie trasportate dall'aria

 Leggermente contagioso; rischio per il feto durante la gravidanza.

 Gastroenterite batterica (Salmonella, Shigella, Campylobacter)

  www.era.com

 Trasmissione da persona a persona, cibo o acqua per via oro-fecale

 Utilizzare un buon cibo e servizi igienico-sanitari; richiedono rigorose procedure di lavaggio delle mani; malattia segnalabile nella maggior parte dei paesi.

 Gastroenterite virale (Rotavirus)

  www.era.com

 Trasmissione da persona a persona, cibo o acqua per via oro-fecale; anche per inalazione di polvere contenente virus

 Utilizzare un buon cibo e servizi igienico-sanitari.

 morbillo tedesco (rosolia)

  www.era.com

 Goccioline respiratorie trasportate dall'aria; contatto diretto con persone infette

 Rischio di malformazioni congenite; tutti i bambini e i dipendenti dovrebbero essere vaccinati; malattia segnalabile nella maggior parte dei paesi.

 Giardiasi (parassita intestinale)

 In tutto il mondo, ma soprattutto tropici e subtropicali

 Cibo e acqua contaminati; possibile anche per trasmissione interumana

 Utilizzare un buon cibo e servizi igienico-sanitari; malattia segnalabile nella maggior parte dei paesi.

 Virus dell'epatite A

 In tutto il mondo, ma soprattutto

 Aree mediterranee e paesi in via di sviluppo

 Trasmissione fecale-orale, in particolare cibo e acqua contaminati; possibile anche tramite contatto diretto da persona a persona

 Rischio di aborti spontanei e nati morti; utilizzare una buona igiene alimentare e dell'acqua; malattia segnalabile nella maggior parte dei paesi.

 Virus dell'epatite B.

 In tutto il mondo, in particolare in Asia e Africa

 Contatto sessuale, contatto di pelle rotta o membrane mucose con sangue o altri fluidi corporei

 Maggiore incidenza nei bambini istituzionalizzati (p. es., disabili dello sviluppo); vaccinazione raccomandata in situazioni ad alto rischio; utilizzare precauzioni universali per tutte le esposizioni al sangue e ad altri fluidi corporei; malattia segnalabile nella maggior parte dei paesi.

 Herpes simplex di tipo I e II

  www.era.com

 Contatto con le mucose

 estremamente contagioso; comune negli adulti e nella fascia di età da 10 a 20 anni.

 Infezione da virus dell'immunodeficienza umana (HIV).

  www.era.com

 Contatto sessuale, contatto di pelle rotta o membrane mucose con sangue o altri fluidi corporei

 Porta alla sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS); utilizzare precauzioni universali per tutte le esposizioni a sangue e fluidi corporei (ad esempio sangue dal naso); segnalazione anonima della malattia richiesta nella maggior parte dei paesi.

 Mononucleosi infettiva virus Epstein-Barr)

  www.era.com

 Goccioline respiratorie trasportate dall'aria; contatto diretto con la saliva

 Particolarmente comune nella fascia di età da 10 a 20 anni.

 Influenza

  www.era.com

 Goccioline respiratorie trasportate dall'aria

 Altamente contagioso; le persone ad alto rischio dovrebbero sottoporsi a vaccinazioni.

 Morbillo

  www.era.com

 Goccioline respiratorie trasportate dall'aria

 Altamente contagioso, ma per gli adulti rappresenta principalmente un rischio per le persone non vaccinate che lavorano con bambini non vaccinati; malattia segnalabile nella maggior parte dei paesi.

 Meningococco meningite batterica)

 Prevalentemente Africa tropicale e Brasile

 Goccioline respiratorie trasportate dall'aria, specialmente a contatto ravvicinato

 Malattia segnalabile nella maggior parte dei paesi.

 Parotite

  www.era.com

 Goccioline respiratorie trasportate dall'aria e contatto con la saliva

 Altamente contagioso; escludere i bambini infetti; può causare infertilità negli adulti; focolai segnalabili in alcuni paesi.

 Infezioni da micoplasma

  www.era.com

 Trasmissione aerea dopo contatto ravvicinato

 Una delle principali cause di polmonite atipica primaria; colpisce principalmente i bambini dai 5 ai 15 anni.

 Pertosse (pertosse)

  www.era.com

 Goccioline respiratorie trasportate dall'aria

 Non così grave negli adulti; tutti i bambini sotto i 7 anni dovrebbero essere vaccinati.

 Scabbia

  www.era.com

 Contatto diretto pelle a pelle

 Malattia infettiva della pelle causata da acari

 Infezioni da streptococco

  www.era.com

 Contatto diretto da persona a persona

 Mal di gola, scarlattina e polmonite acquisita in comunità sono esempi di infezioni.

 Tubercolosi (respiratoria)

  www.era.com

 Goccioline respiratorie trasportate dall'aria

 Altamente contagioso; lo screening della tubercolosi dovrebbe essere condotto per tutti gli operatori diurni; una malattia segnalabile nella maggior parte dei paesi.

 

Gli insegnanti delle classi specializzate possono avere ulteriori rischi professionali, tra cui esposizioni chimiche, rischi legati ai macchinari, incidenti, rischi elettrici, livelli di rumore eccessivi, radiazioni e incendi, a seconda della particolare classe. La figura 1 mostra un negozio di metalli per arti industriali in una scuola superiore e la figura 2 mostra un laboratorio scientifico di una scuola superiore con cappe aspiranti e una doccia di emergenza. La tabella 2 riassume le precauzioni speciali, in particolare la sostituzione di materiali più sicuri, per l'uso nelle scuole. Le informazioni sulle precauzioni standard possono essere trovate nei capitoli relativi al processo (ad es. Spettacolo e arte e Manipolazione sicura dei prodotti chimici).

Figura 1. Negozio di metalli industriali in una scuola superiore.

EDS025F1

Michael McCann

Figura 2. Laboratorio di scienze della scuola superiore con cappe aspiranti e doccia di emergenza.

EDS025F2

Michael McCann

Tabella 2. Pericoli e precauzioni per classi particolari.

 Classe

 Attività/Soggetto

 Pericoli

 Precauzioni

 Classi Elementari

  Scienze

 Manipolazione degli animali

 

 

 piante

 

 Sostanze chimiche

 

 

 Materiale

 

 Morsi e graffi, zoonosi, parassiti

 

 Allergie, piante velenose

 

 Problemi alla pelle e agli occhi, reazioni tossiche, allergie

 

Rischi elettrici, rischi per la sicurezza

Consenti solo animali vivi e sani. Maneggiare gli animali con guanti pesanti. Evita gli animali che possono trasportare insetti e parassiti che trasmettono malattie.

Evita le piante note per essere velenose o che causano reazioni allergiche.

Evitare l'uso di sostanze chimiche tossiche con i bambini. Indossare dispositivi di protezione individuale adeguati durante le dimostrazioni degli insegnanti con sostanze chimiche tossiche.

Seguire le procedure standard di sicurezza elettrica. Assicurarsi che tutte le apparecchiature siano adeguatamente protette. Conservare correttamente tutte le attrezzature, gli strumenti, ecc.

 Arte

 Pittura e disegno

 

 Fotografia

 

 Arti tessili e fibre

 

 incisione

 

 

 

 Lavorazione del legno

 

 

 

 Ceramici

 

Pigmenti, solventi

 

Fotochimici

 

 

coloranti

 

Acidi, solventi

 

Utensili da taglio

 

Strumenti

 

colle

 

Silice, metalli tossici, calore,

fumi del forno

Utilizzare solo materiali artistici non tossici. Evitare solventi, acidi, alcali, bombolette spray, coloranti chimici, ecc.

Usa solo vernici per bambini. Non usare pastelli, pigmenti secchi.

Non eseguire l'elaborazione delle foto. Invia pellicola per lo sviluppo o utilizza fotocamere Polaroid o carta per progetti e luce solare.

Evita i coloranti sintetici; utilizzare coloranti naturali come bucce di cipolla, tè, spinaci, ecc.

Utilizzare inchiostri da stampa a blocchi a base d'acqua.

Usa tagli di linoleum invece di xilografie.

Utilizzare solo legni teneri e utensili manuali.

Usa colle a base d'acqua.

Usa solo argilla bagnata e straccio bagnato.

Dipingi la ceramica piuttosto che usare smalti ceramici. Non accendere il forno all'interno dell'aula.

 

Classi secondarie

Chimica

 Generale

 

 

 

 

 

 Chimica organica

 

 

 

 

 

 

 Chimica inorganica

 

 Chimica analitica

 

 Archiviazione

 

 

 

 

 

 

 

solventi

 

 

 

Perossidi ed esplosivi

 

 

Acidi e basi

 

Solfuro d'idrogeno

 

incompatibilità

 

 

infiammabilità

Tutti i laboratori scolastici dovrebbero avere quanto segue: cappa da laboratorio se vengono utilizzate sostanze chimiche tossiche e volatili; fontane lavaocchi; docce di emergenza (in presenza di acidi concentrati, basi o altri prodotti chimici corrosivi); kit di primo soccorso; estintori adeguati; occhiali protettivi, guanti e camici da laboratorio; recipienti e procedure di smaltimento adeguati; kit per il controllo delle fuoriuscite. Evitare agenti cancerogeni, mutageni e sostanze chimiche altamente tossiche come mercurio, piombo, cadmio, gas di cloro, ecc.

 

Utilizzare solo in cappa da laboratorio.

Utilizzare solventi meno tossici.

Fai esperimenti in semi-micro o microscala.

 

Non utilizzare esplosivi o sostanze chimiche come l'etere, che possono formare perossidi esplosivi.

 

Evitare acidi e basi concentrati quando possibile.

 

Non utilizzare idrogeno solforato. Usa dei sostituti.

 

Evitare l'archiviazione in ordine alfabetico, che può collocare sostanze chimiche incompatibili nelle immediate vicinanze. Conservare i prodotti chimici per gruppi compatibili.

 

Conservare i liquidi infiammabili e combustibili in armadi di stoccaggio per sostanze infiammabili approvati.

 Biologia

 Dissezione

 

 

 Insetti anestetizzanti

 

 Prelievo di sangue

 

 Microscopia

 

 Batteri in coltura

Formaldehyde

 

 

Etere, cianuro

 

HIV, epatite B

 

macchie

 

Gli agenti patogeni

Non sezionare campioni conservati in formaldeide. Utilizzare animali più piccoli, liofilizzati, filmati di addestramento e videocassette, ecc.

 

Utilizzare alcol etilico per anestetizzare gli insetti. Refrigerare gli insetti per il conteggio.

 

Evitare se possibile. Utilizzare lancette sterili per la tipizzazione del sangue sotto stretta supervisione.

 

Evitare il contatto della pelle con iodio e violetta di genziana.

 

Utilizzare una tecnica sterile con tutti i batteri, supponendo che possa esserci contaminazione da parte di batteri patogeni.

 Scienze fisiche

 Radioisotopi

 

 

 Elettricità e magnetismo

 

 Laser

Radiazione ionizzante

 

 

Rischi elettrici

 

 

Danni agli occhi e alla pelle,

rischi elettrici

Utilizzare radioisotopi solo in quantità "esente" che non richiedono una licenza. Solo gli insegnanti qualificati dovrebbero usarli. Sviluppare un programma di sicurezza dalle radiazioni.

 

Seguire le procedure standard di sicurezza elettrica.

 

 

Utilizzare solo laser a bassa potenza (Classe I). Non guardare mai direttamente un raggio laser né passare il raggio sul viso o sul corpo. I laser dovrebbero avere una serratura a chiave.

 Scienze della Terra

 Geologia

 

 Inquinamento dell'acqua

 

 

 Atmosfera

 

 

 Vulcani

 

 Osservazione solare

Chip volanti

 

Infezione, sostanze chimiche tossiche

 

 

Manometri a mercurio

 

 

Bicromato di ammonio

 

Radiazione infrarossa

Schiaccia le rocce in un sacchetto di tela per evitare che i trucioli volino. Indossare occhiali protettivi.

 

Non prelevare campioni di liquami a causa del rischio di infezione. Evitare sostanze chimiche pericolose nei test sul campo dell'inquinamento idrico.

 

Utilizzare manometri per olio o acqua. Se i manometri al mercurio vengono utilizzati per la dimostrazione, disporre di un kit di controllo delle fuoriuscite di mercurio.

 

Non utilizzare bicromato di ammonio e magnesio per simulare i vulcani.

 

Non guardare mai il sole direttamente con gli occhi o attraverso le lenti.

 Arte e arti industriali

 Tutto

 

 

 Pittura e disegno

 

 

 Fotografia

 

 

 Arti tessili e fibre

Generale

 

 

Pigmenti, solventi

 

 

Fotochimici, acidi,

diossido di zolfo

 

Coloranti, assistenti di tintura,

fumi di cera

Evita i prodotti chimici e i processi più pericolosi. Avere una ventilazione adeguata. Vedere anche le precauzioni in Chimica

 

Evitare i pigmenti di piombo e cadmio. Evita i colori ad olio a meno che la pulizia non venga eseguita con olio vegetale. Utilizzare fissativi spray all'esterno.

 

Evita l'elaborazione e il viraggio del colore. Avere ventilazione di diluizione per camera oscura. Avere una fontana per il lavaggio degli occhi. Usa l'acqua invece dell'acido acetico per il bagno d'arresto.

 

Utilizzare coloranti liquidi acquosi o mescolare i coloranti nel vano portaoggetti. Evita i mordenti bicromati.

Non utilizzare solventi per rimuovere la cera nel batik. Avere ventilazione se si stira la cera.

 

 La fabbricazione della carta

 

 

 

 incisione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Lavorazione del legno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Ceramici

 

 

 

 scultura

 

 

 

 

 Gioielli, accessori moda

 

Alcali, battitori

 

 

 

solventi

 

 

 

Acidi, clorato di potassio

 

 

 

Dicromati

 

 

Legni e polvere di legno

 

 

 

Macchinari e strumenti

 

Rumore

 

colle

 

 

Vernici e finiture

 

 

Piombo, silice, metalli tossici, fumi di fornace

 

 

Silice, resine plastiche, polvere

 

 

 

 

Fumi di saldatura, acidi

Non far bollire la liscivia. Utilizzare materiali vegetali marci o pacciamati o riciclare carta e cartone. Usa un frullatore grande invece di fruste industriali più pericolose per preparare la polpa di carta.

Utilizzare inchiostri serigrafici a base d'acqua anziché a base di solvente. Pulire i letti delle presse calcografiche e le lastre di inchiostrazione con olio vegetale e detersivo per piatti anziché solventi.

Usa stencil di carta tagliata invece di stencil di lacca per la stampa serigrafica.

 

Usa cloruro ferrico per incidere lastre di rame invece di mordente olandese o acido nitrico su lastre di zinco. Se si utilizza la mordenzatura con acido nitrico, disporre di una doccia di emergenza, di una fontanella per il lavaggio degli occhi e di un sistema di ventilazione locale.

 

Usa diazo invece di fotoemulsioni bicromate. Utilizzare soluzioni di fontana di acido citrico nella litografia per sostituire i dicromati.

 

Avere un sistema di raccolta della polvere per le macchine per la lavorazione del legno. Evitare legni duri irritanti e allergenici, legni conservati (ad esempio trattati con arseniato di rame cromato). Pulire la polvere di legno per eliminare i rischi di incendio.

 

Avere guardie della macchina. Hanno serrature a chiave e pulsante antipanico.

 

Ridurre i livelli di rumore o indossare protezioni acustiche.

 

Utilizzare colle a base d'acqua quando possibile. Evitare colle formaldeide/resorcina, colle a base solvente.

 

Utilizzare vernici e finiture a base d'acqua. Usa la gommalacca a base di alcol etilico anziché alcol metilico.

 

Acquista argilla bagnata. Non utilizzare smalti al piombo. Acquista smalti preparati piuttosto che mescolare smalti secchi. Smalti a spruzzo solo in cabina di verniciatura. Fornire fuoco all'esterno o disporre di ventilazione di scarico locale. Indossare occhiali a infrarossi quando si guarda nel forno caldo.

 

Utilizzare solo utensili manuali per la scultura in pietra per ridurre i livelli di polvere. Non utilizzare arenaria, granito o pietra ollare, che potrebbero contenere silice o amianto. Non utilizzare resine poliestere, epossidiche o poliuretaniche altamente tossiche. Avere ventilazione se si riscalda la plastica per rimuovere i prodotti di decomposizione. Mop umido o polveri aspiranti.

Evitare le saldature all'argento di cadmio e i flussi di fluoruro. Utilizzare sodio idrogeno solfato anziché acido solforico per il decapaggio. Avere una ventilazione di scarico locale.

 

 smaltatura

 

 

 Fusione a cera persa

 

 

 

 Vetrate

 

 

 Saldatura

 

 

 

 Arte commerciale

Piombo, ustioni, infrarossi

radiazione

 

Fumi metallici, silice,

radiazione infrarossa, calore

 

 

Piombo, fondenti acidi

 

 

Fumi metallici, ozono, azoto

anidride carbonica, elettrica e antincendio

pericoli

 

Solventi, fotochimici,

videoterminali

Utilizzare solo smalti senza piombo. Forno di smaltatura ventilato. Avere guanti e indumenti protettivi contro il calore e occhiali a raggi infrarossi.

 

Utilizzare sabbia/gesso 50/50 30 mesh invece di rivestimenti in cristobalite. Avere una ventilazione di scarico locale per il forno di combustione della cera e l'operazione di fusione. Indossare indumenti e guanti protettivi dal calore.

 

Usa la tecnica del foglio di rame piuttosto che il piombo. Utilizzare saldature prive di piombo e antimonio. Evita le vernici al vetro al piombo. Utilizzare flussanti per saldatura privi di acidi e colofonia.

 

Non saldare metalli rivestiti di zinco, vernici al piombo o leghe con metalli pericolosi (nichel, cromo, ecc.). Saldare solo metalli di composizione nota.

 

 

Usa il nastro biadesivo invece del mastice. Utilizzare cementi in gomma a base di eptano, non esano. Avere cabine di verniciatura per la spazzolatura ad aria. Utilizzare pennarelli permanenti a base d'acqua o alcol invece di tipi di xilene.

Vedere la sezione Fotografia per i fotoprocessi.

Avere sedie ergonomiche adeguate, illuminazione, ecc., per i computer.

 Arti dello spettacolo

 Teatro

 

 

 

 

 Danza

 

 

 

 Musica

Solventi, vernici, saldatura

fumi, isocianati, sicurezza,

fuoco

 

 

Lesioni acute

Lesioni da sforzo ripetitivo

 

 

Lesioni muscoloscheletriche

(p. es., sindrome del tunnel carpale)

 

Rumore

 

 

 

Sforzo vocale

Utilizzare vernici e coloranti a base d'acqua. Non utilizzare schiume poliuretaniche spray.

Saldatura separata dalle altre aree. Avere procedure di rigging sicure. Evita fuochi d'artificio, armi da fuoco, nebbia e fumo e altri effetti speciali pericolosi.

Tutti gli scenari ignifughi. Segna tutte le botole, i pozzi e i prospetti.

 

Avere una pista da ballo adeguata. Evitare orari pieni dopo un periodo di inattività. Assicurare un adeguato riscaldamento prima e defaticamento dopo l'attività di danza. Consentire un tempo di recupero sufficiente dopo gli infortuni.

 

Utilizzare strumenti di dimensioni adeguate. Avere supporti adeguati per gli strumenti. Consentire un tempo di recupero sufficiente dopo gli infortuni.

 

Mantenere i livelli sonori a livelli accettabili. Indossa i tappi per le orecchie del musicista, se necessario.

Posizionare gli altoparlanti in modo da ridurre al minimo i livelli di rumore. Utilizzare materiali fonoassorbenti sulle pareti.

Assicurare un adeguato riscaldamento. Fornire un adeguato allenamento vocale e condizionamento.

 Meccanica automobilistica

 Tamburi dei freni

 

 sgrassante

 

 Motori per auto

 

 Saldatura

 

 La pittura

Amianto

 

solventi

 

Monossido di carbonio

 

 

 

Solventi, pigmenti

Non pulire i tamburi dei freni a meno che non si utilizzino attrezzature approvate.

 

Utilizzare detergenti a base d'acqua. Usa un detergente per parti

 

Avere lo scarico del tubo di scappamento.

 

Vedi sopra.

 

Spruzzare la vernice solo in cabina di verniciatura o all'aperto con protezione respiratoria.

 

 Economia domestica

 Cibo e nutrizione

Rischi elettrici

 

Coltelli e altri utensili affilati

 

Fuoco e ustioni

 

 

Prodotti per la pulizia

Seguire le regole standard di sicurezza elettrica.

 

Tagliare sempre lontano dal corpo. Mantieni i coltelli affilati.

 

 

Avere cappe per stufe con filtri antigrasso che scaricano all'esterno. Indossare guanti protettivi con oggetti caldi.

 

Indossare occhiali, guanti e grembiule con prodotti per la pulizia acidi o basici.

 

Gli insegnanti in programmi di educazione speciale a volte possono essere maggiormente a rischio. Esempi di pericoli includono la violenza da parte di studenti emotivamente disturbati e la trasmissione di infezioni come l'epatite A, B e C da parte di studenti istituzionalizzati con disabilità dello sviluppo (Clemens et al. 1992).

 


Programmi prescolari 

L'assistenza all'infanzia, che comprende la cura fisica e spesso l'educazione dei bambini piccoli, assume molte forme in diverse parti del mondo. In molti paesi in cui le famiglie allargate sono comuni, i nonni e altre parenti si prendono cura dei bambini piccoli quando la madre deve lavorare. Nei paesi in cui predominano il nucleo familiare e/oi genitori soli e la madre lavora, l'assistenza ai bambini sani al di sotto dell'età scolare avviene spesso in asili nido o asili nido privati ​​o pubblici fuori casa. In molti paesi, ad esempio in Svezia, queste strutture per l'infanzia sono gestite dai comuni. Negli Stati Uniti, la maggior parte delle strutture per l'infanzia sono private, sebbene di solito siano regolate dai dipartimenti sanitari locali. Un'eccezione è il programma Head Start per bambini in età prescolare, che è finanziato dal governo. 

Il personale delle strutture per l'infanzia di solito dipende dal numero di bambini coinvolti e dalla natura della struttura. Per un piccolo numero di bambini (di solito meno di 12), la struttura per l'infanzia potrebbe essere una casa in cui i bambini includono i bambini in età prescolare dell'affidatario. Il personale può includere uno o più assistenti adulti qualificati per soddisfare i requisiti del rapporto personale/bambini. Strutture per l'infanzia più grandi e formali includono asili nido e scuole materne. I membri del personale per questi sono generalmente tenuti ad avere una maggiore istruzione e possono includere un direttore qualificato, insegnanti qualificati, personale infermieristico sotto la supervisione di un medico, personale di cucina (specialisti della nutrizione, responsabili del servizio di ristorazione e cuochi) e altro personale, come il trasporto personale e addetti alla manutenzione. I locali dell'asilo nido dovrebbero disporre di servizi quali un'area giochi all'aperto, guardaroba, reception, aule interne e area giochi, cucina, servizi igienici, sale amministrative, lavanderia e così via.

Le mansioni del personale includono la supervisione dei bambini in tutte le loro attività, il cambio dei pannolini dei neonati, la cura emotiva dei bambini, l'insegnamento, la preparazione e il servizio del cibo, il riconoscimento di segni di malattia e/o rischi per la sicurezza e molte altre funzioni. 

I lavoratori degli asili nido affrontano molti degli stessi pericoli riscontrati nei normali ambienti interni, tra cui inquinamento dell'aria interna, scarsa illuminazione, controllo inadeguato della temperatura, scivolamenti e cadute e rischi di incendio. (Vedi l'articolo “Scuole elementari e secondarie”.) Lo stress (spesso sfociato in burnout) e le infezioni, tuttavia, sono i rischi maggiori per i lavoratori diurni. Il sollevamento e il trasporto di bambini e l'esposizione a materiali artistici potenzialmente pericolosi sono altri rischi.

Stress

Le cause di stress negli asili nido includono: elevata responsabilità per il benessere dei bambini senza una retribuzione e un riconoscimento adeguati; una percezione di non essere qualificati anche se molti lavoratori diurni hanno un'istruzione superiore alla media; problemi di immagine dovuti a incidenti altamente pubblicizzati di lavoratori diurni che maltrattano e abusano di bambini, che hanno portato a prendere le impronte digitali di lavoratori innocenti e trattarli come potenziali criminali; e cattive condizioni di lavoro. Questi ultimi includono un basso rapporto personale-bambino, rumore continuo, mancanza di tempo e strutture adeguate per i pasti e pause separate dai bambini e meccanismi inadeguati per l'interazione genitore-lavoratore, che possono tradursi in pressioni e critiche non necessarie e forse ingiuste da parte dei genitori . 

Le misure preventive per ridurre lo stress nei lavoratori diurni includono: salari più alti e benefici migliori; rapporti dipendenti/bambini più elevati per consentire rotazione del lavoro, pause di riposo, assenze per malattia e migliori prestazioni, con conseguente aumento della soddisfazione sul lavoro; stabilire meccanismi formali per la comunicazione e la cooperazione genitori-lavoratori (possibilmente includendo un comitato per la salute e la sicurezza genitori-lavoratori); e migliori condizioni di lavoro, come sedie per adulti, periodi regolari di "tranquillità", un'area separata per le pause dei lavoratori e così via.

infezioni

Le malattie infettive, come le malattie diarroiche, le infezioni streptococciche e meningococciche, la rosolia, il citomegalovirus e le infezioni respiratorie, sono i principali rischi professionali dei lavoratori diurni (vedi tabella 1). Uno studio sui lavoratori diurni in Belgio ha rilevato un aumento del rischio di epatite A (Abdo e Chriske 1990). Fino al 30% dei 25,000 casi di epatite A segnalati ogni anno negli Stati Uniti sono stati collegati ai centri diurni. Alcuni microrganismi che causano malattie diarroiche, come la Giardia lamblia, che causa la giardiasi, sono estremamente contagiosi. Le epidemie possono verificarsi negli asili nido che servono le popolazioni benestanti così come in quelli che servono le aree povere (Polis et al. 1986). Alcune infezioni, ad esempio il morbillo tedesco e il citomegalovirus, possono essere particolarmente pericolose per le donne in gravidanza o per le donne che intendono avere figli, a causa del rischio di malformazioni congenite causate dal virus.

I bambini malati possono diffondere malattie, così come i bambini che non hanno sintomi evidenti ma sono portatori di una malattia. Le vie di esposizione più comuni sono fecale-orale e respiratoria. I bambini piccoli di solito hanno cattive abitudini di igiene personale. Il contatto mano-bocca e giocattolo-bocca è comune. La manipolazione di giocattoli e alimenti contaminati è un tipo di via di ingresso. Alcuni organismi possono vivere su oggetti inanimati per lunghi periodi che vanno da ore a settimane. Il cibo può anche essere un vettore se chi lo manipola ha le mani contaminate o è malato. L'inalazione di goccioline respiratorie trasportate dall'aria dovute a starnuti e tosse senza protezione come i tessuti può provocare la trasmissione di infezioni. Tali aerosol trasportati dall'aria possono rimanere sospesi nell'aria per ore.

I dipendenti degli asili nido che lavorano con bambini di età inferiore ai tre anni, soprattutto se i bambini non sono addestrati all'uso del bagno, sono maggiormente a rischio, in particolare quando cambiano e maneggiano pannolini sporchi che sono contaminati da organismi portatori di malattie.

Le precauzioni includono: comode strutture per il lavaggio delle mani; lavaggio regolare delle mani da parte di bambini e membri del personale; cambiare i pannolini in aree designate che vengono regolarmente disinfettate; smaltimento dei pannolini sporchi in recipienti chiusi e rivestiti di plastica che vengono svuotati frequentemente; separare le aree di preparazione del cibo da altre aree; lavaggio frequente di giocattoli, aree giochi, coperte e altri oggetti che potrebbero essere contaminati; buona ventilazione; adeguati rapporti tra personale e bambini per consentire la corretta attuazione di un programma di igiene; una politica di esclusione, isolamento o limitazione dei bambini malati, a seconda della malattia; e adeguate politiche di congedo per malattia per consentire ai lavoratori diurni malati di rimanere a casa.

Adattato dal Women's Occupational Health Resource Center 1987


 

Di ritorno

Lunedi, 21 marzo 2011 15: 19

Formazione professionale e apprendistato

L'insegnamento dei mestieri attraverso il sistema dell'apprendistato risale almeno all'Impero Romano, e continua ancora oggi nei mestieri classici come calzolaio, falegname, scalpellino e così via. Gli apprendistati possono essere informali, in cui una persona che desidera imparare un mestiere trova un datore di lavoro qualificato disposto a insegnargli in cambio di lavoro. Tuttavia, la maggior parte degli apprendistati sono più formali e comportano un contratto scritto tra il datore di lavoro e l'apprendista, che è tenuto a prestare servizio presso il datore di lavoro per un determinato periodo di tempo in cambio della formazione. Questi programmi di apprendistato formali di solito hanno regole standard relative alle qualifiche per il completamento dell'apprendistato che sono stabilite da un'istituzione come un sindacato, una corporazione o un'organizzazione di datori di lavoro. In alcuni paesi, i sindacati e le organizzazioni dei datori di lavoro gestiscono direttamente il programma di apprendistato; questi programmi di solito comportano una combinazione di formazione strutturata sul posto di lavoro e istruzione in aula.

Nel mondo tecnologico di oggi, tuttavia, c'è un crescente bisogno di manodopera qualificata in molti settori, come tecnici di laboratorio, meccanici, macchinisti, cosmetologi, cuochi, commercianti di servizi e molti altri. L'apprendimento di questi mestieri qualificati avviene solitamente in programmi professionali nelle scuole, istituti professionali, politecnici, collegi con programmi biennali e istituzioni simili. Questi a volte includono stage in contesti di lavoro effettivi.

Sia gli insegnanti che gli studenti in questi programmi professionali affrontano rischi professionali dovuti a sostanze chimiche, macchinari, agenti fisici e altri rischi associati a un particolare commercio o industria. In molti programmi professionali, gli studenti imparano le proprie competenze utilizzando vecchi macchinari donati dall'industria. Queste macchine spesso non sono dotate di moderne caratteristiche di sicurezza come adeguate protezioni della macchina, freni ad azione rapida, misure di controllo del rumore e così via. Gli stessi insegnanti spesso non hanno ricevuto una formazione adeguata sui rischi del mestiere e le dovute precauzioni. Spesso le scuole non hanno un'adeguata ventilazione e altre precauzioni.

Gli apprendisti affrontano spesso situazioni ad alto rischio perché vengono assegnati i compiti più sporchi e pericolosi. Spesso sono usati come fonte di manodopera a basso costo. In queste situazioni, è ancora più probabile che i datori di lavoro dell'apprendista non abbiano ricevuto una formazione adeguata sui rischi e le precauzioni del loro mestiere. Gli apprendistati informali di solito non sono regolamentati e spesso non c'è ricorso per gli apprendisti che affrontano tale sfruttamento o pericoli.

Un altro problema comune sia con i programmi di apprendistato che con la formazione professionale è l'età. L'età di accesso all'apprendistato è generalmente compresa tra i 16 ei 18 anni. La formazione professionale può iniziare dalla scuola elementare. Gli studi hanno dimostrato che i giovani lavoratori (di età compresa tra 15 e 19 anni) rappresentano una percentuale sproporzionata di richieste di risarcimento per infortuni sul lavoro. In Ontario, Canada, per l'anno 1994, la maggior parte dei giovani lavoratori infortunati era impiegata nel settore dei servizi.

Queste statistiche indicano che gli studenti che accedono a questi programmi potrebbero non comprendere l'importanza della formazione in materia di salute e sicurezza. Gli studenti possono anche avere capacità di attenzione e livelli di comprensione diversi rispetto agli adulti, e questo dovrebbe riflettersi nella loro formazione. Infine, è necessaria un'attenzione particolare in settori come l'industria dei servizi, dove la salute e la sicurezza generalmente non hanno ricevuto l'attenzione riscontrata in altri settori.

In qualsiasi apprendistato o programma professionale, dovrebbero essere integrati programmi di formazione sulla sicurezza e sulla salute, inclusa la comunicazione dei pericoli. Gli insegnanti oi datori di lavoro dovrebbero essere adeguatamente formati sui pericoli e le precauzioni, sia per proteggersi sia per insegnare adeguatamente agli studenti. L'ambiente di lavoro o di formazione dovrebbe avere adeguate precauzioni.

 

Di ritorno

Il gran numero e l'ampia varietà di operazioni e materiali pericolosi coinvolti nelle attività di insegnamento, ricerca e servizi di supporto rappresentano una sfida per la gestione della salute e della sicurezza nei college e nelle università. La natura stessa della ricerca implica il rischio: sfidare i limiti delle attuali conoscenze e tecnologie. Molte attività di ricerca nel campo della scienza, dell'ingegneria e della medicina richiedono strutture, tecnologie e attrezzature sofisticate e costose che potrebbero non essere prontamente disponibili o devono ancora essere sviluppate. Le attività di ricerca all'interno delle strutture esistenti possono anche evolversi e cambiare senza che le strutture vengano modificate per contenerle in sicurezza. Molte delle attività più pericolose vengono eseguite raramente, periodicamente o su base sperimentale. I materiali pericolosi utilizzati nell'insegnamento e nella ricerca spesso includono alcune delle sostanze e dei pericoli più pericolosi con dati sulla sicurezza e sulla tossicità non disponibili o scarsamente documentati. Questi sono comunemente usati in quantità relativamente piccole in condizioni tutt'altro che ideali da parte di personale scarsamente addestrato. I rischi per la salute e la sicurezza non sono sempre facilmente riconosciuti o prontamente riconosciuti da accademici altamente istruiti con campi di competenza specializzati che possono avere una scarsa considerazione per i controlli legislativi o amministrativi quando questi sono percepiti come limiti della libertà accademica.

La libertà accademica è un principio sacro, ferocemente custodito dagli accademici, alcuni dei quali possono essere esperti nelle loro discipline. Qualsiasi vincolo legislativo o istituzionale percepito come lesivo di questo principio sarà combattuto e potrà anche essere ignorato. I metodi per l'identificazione e il controllo dei rischi per la salute e la sicurezza associati alle attività di insegnamento e di ricerca non possono essere facilmente imposti. Gli accademici devono essere persuasi che le politiche per la salute e la sicurezza supportano e migliorano la missione primaria piuttosto che confinarla. Le politiche, laddove esistono, tendono a proteggere la missione accademica ei diritti degli individui, piuttosto che conformarsi a regolamenti e standard esterni. I problemi di responsabilità e responsabilità che interessano direttamente insegnanti e ricercatori possono avere più effetto delle regole.

La maggior parte della legislazione, degli standard e dei criteri di orientamento in materia di salute e sicurezza sono sviluppati per l'industria con grandi quantità di sostanze chimiche relativamente poche, pericoli ben documentati, procedure stabilite e una forza lavoro stabile all'interno di un sistema di gestione ben definito. L'ambiente accademico differisce dall'industria in quasi ogni aspetto. In alcune giurisdizioni le istituzioni accademiche possono persino essere esentate dalla legislazione in materia di salute e sicurezza.

Le istituzioni accademiche sono generalmente gerarchiche nei loro sistemi di gestione, con gli accademici al vertice seguiti da professionisti, tecnici e personale di supporto non accademici. Gli studenti laureati sono spesso impiegati a tempo parziale per svolgere una varietà di funzioni di insegnamento e ricerca. Gli accademici sono nominati a posizioni dirigenziali senior per periodi specifici con poca esperienza o formazione manageriale. Il frequente turn-over può comportare una mancanza di continuità. All'interno di questo sistema, ai ricercatori senior, anche all'interno di grandi istituzioni, viene concessa una relativa autonomia per gestire i propri affari. Di solito hanno il controllo dei propri budget, della progettazione delle strutture, degli acquisti, dell'organizzazione del lavoro e dell'assunzione del personale. I pericoli possono essere trascurati o non riconosciuti.

È pratica comune per i ricercatori nelle istituzioni accademiche assumere studenti laureati come assistenti di ricerca in un rapporto master/apprendista. Queste persone non sono sempre protette dalle leggi sulla salute e sulla sicurezza. Anche se coperti dalla legislazione, sono spesso riluttanti a esercitare i propri diritti oa esprimere preoccupazioni in materia di sicurezza ai loro supervisori, che potrebbero anche essere responsabili della valutazione del loro rendimento scolastico. Lunghe ore sotto grande pressione, il lavoro notturno e nei fine settimana con una supervisione minima e servizi di supporto scheletrici sono routine. Gli sforzi di risparmio sui costi e di risparmio energetico possono persino ridurre i servizi essenziali come la sicurezza e la ventilazione durante le ore notturne e nei fine settimana. Sebbene gli studenti non siano generalmente protetti dalla legislazione in materia di salute e sicurezza, la dovuta diligenza richiede che siano trattati con lo stesso livello di attenzione riservato ai dipendenti.

Potenziali pericoli

La gamma di rischi può essere estremamente ampia a seconda delle dimensioni e della natura dell'istituto, del tipo di programmi accademici offerti e della natura delle attività di ricerca (vedi tabella 1). I piccoli college che offrono solo programmi di arti liberali possono avere relativamente pochi rischi, mentre le università complete con scuole di medicina, ingegneria e belle arti e programmi di ricerca estesi possono avere una gamma completa, inclusi alcuni pericoli molto gravi, come sostanze chimiche tossiche, rischi biologici, rischi riproduttivi, radiazioni ionizzanti e non ionizzanti e vari altri agenti fisici.

Tabella 1. Riepilogo dei pericoli nei college e nelle università.

Tipo di pericolo

fonti

Località/attività

Sostanze chimiche tossiche

(agenti cancerogeni, teratogeni, caustici, metalli pesanti, amianto, silice)

Prodotti chimici di laboratorio, solventi, sgrassanti, colle, materiale artistico, manometri, termometri, prodotti fotochimici, coloranti, rifiuti pericolosi

Laboratori, studi artistici, officine, strutture sanitarie, operazioni di manutenzione, officine meccaniche, teatri, camere oscure, ingegneria, arene di hockey

Infiammabili ed esplosivi

Prodotti chimici di laboratorio, detergenti, solventi, combustibili

Laboratori, manutenzioni, officine, atelier d'arte, cantieri

Pesticidi

Fumigazione, derattizzazione e disinfestazione, disinfettanti

Pulizie, giardinaggio, serre, agricoltura

agenti biologici

Manipolazione di animali, colture di cellule e tessuti, sangue e fluidi corporei, campioni diagnostici, taglienti contaminati, rifiuti solidi

Strutture per la cura degli animali, assistenza sanitaria, pulizie, laboratori

Radiazioni non ionizzanti

Laser, microonde, magneti, elettronica, luce ultravioletta

Laboratori, operazioni elettriche, strutture sanitarie, officine, operazioni tecniche

Radiazione ionizzante

Radioisotopi, gascromatografia, raggi X, calibrazione, reattori, generatori di neutroni, gestione dei rifiuti

Laboratori, strutture mediche, ingegneria

Ergonomia

Movimentazione materiali, lavoro d'ufficio, computer

Biblioteche, uffici, operazioni di manutenzione, traslochi, camionisti, servizi di ristorazione

Caldo/freddo

Lavoro all'aperto, sforzi eccessivi

Manutenzione del verde, pubblica sicurezza, manutenzione, lavoro nei campi, agricoltura e silvicoltura

Rumore

Macchinari, caldaie e recipienti a pressione, computer, costruzione e manutenzione, sistemi di ventilazione

Locali caldaia, tipografie, manutenzioni e terreni, operazioni di costruzione, sale computer, laboratori, officine meccaniche, studi artistici

Violenza

Comunità interna, comunità esterna, liti domestiche, disobbedienza civile

Aule, luoghi di riunione, contabilità, negozi, servizi di ristorazione, dipartimento del personale, operazioni di sicurezza

Electrical

Apparecchiature elettriche, operazioni di costruzione e manutenzione, cablaggi amatoriali, eventi speciali

Laboratori, officine, officine di manutenzione, cantieri, negozi di elettronica, residenze, teatro, eventi speciali

Gas compressi

Attrezzature e operazioni di laboratorio, operazioni di saldatura, refrigeranti, attrezzature per la produzione di ghiaccio, costruzioni

Laboratori, metalmeccaniche, cantieri, officine meccaniche, arene di hockey

Pericoli della macchina

Movimentazione materiali, robot, lavori di manutenzione e costruzione

Tipografie, manutenzioni e operazioni sul terreno, ingegneria, laboratori scientifici e tecnici, officine meccaniche

Oggetti appuntiti

Vetri rotti, strumenti taglienti, aghi, recipienti da laboratorio, provette

Pulizie, laboratori, assistenza sanitaria, studi d'arte, officine

 

La manutenzione e la cura del terreno, la movimentazione di materiali pericolosi, il funzionamento di macchine e veicoli a motore e il lavoro d'ufficio sono comuni alla maggior parte delle istituzioni e comprendono pericoli che sono trattati altrove in questo Enciclopedia.

La violenza sul posto di lavoro è un problema emergente di particolare interesse per il personale docente, il personale di prima linea, i gestori di denaro e il personale di sicurezza.

Le grandi istituzioni possono essere paragonate a piccole città dove vive e lavora una popolazione. Le questioni relative alla sicurezza personale e della comunità si interfacciano con le preoccupazioni per la salute e la sicurezza sul lavoro.

Controllo dei pericoli

L'identificazione dei pericoli attraverso i consueti processi di ispezione e indagine su incidenti e lesioni deve essere preceduta da un'attenta revisione dei programmi e delle strutture proposte prima dell'avvio delle attività. Gli aspetti di rischio occupazionale e ambientale di nuovi progetti di ricerca e programmi accademici dovrebbero essere presi in considerazione nelle prime fasi del processo di pianificazione. I ricercatori potrebbero non essere a conoscenza dei requisiti legislativi o degli standard di sicurezza applicabili alle loro operazioni. Per molti progetti, ricercatori e professionisti della sicurezza devono lavorare insieme per sviluppare le procedure di sicurezza man mano che la ricerca procede e emergono nuovi pericoli.

Idealmente la cultura della sicurezza è incorporata nella missione accademica, ad esempio attraverso l'inclusione di informazioni pertinenti sulla salute e la sicurezza nei curricula dei corsi e nei manuali di laboratorio e delle procedure per gli studenti, nonché informazioni e formazione specifiche sulla salute e sulla sicurezza per i dipendenti. La comunicazione, la formazione e la supervisione dei rischi sono fondamentali.

Nei laboratori, negli studi artistici e nelle officine, il controllo della ventilazione generale deve essere integrato dalla ventilazione di scarico locale. In alcuni casi sono necessari il contenimento dei rischi biologici e l'isolamento o la schermatura dei radioisotopi. I dispositivi di protezione individuale, pur non essendo un metodo di prevenzione primaria nella maggior parte delle situazioni, possono essere l'opzione di scelta per allestimenti temporanei e alcune condizioni sperimentali.

Di solito sono richiesti materiali pericolosi e programmi di gestione dei rifiuti. L'acquisto e la distribuzione centralizzati di sostanze chimiche di uso comune e gli esperimenti su microscala nell'insegnamento impediscono lo stoccaggio di grandi volumi nei singoli laboratori, studi e officine.

Il mantenimento di un piano di risposta alle emergenze e di ripristino in caso di disastro in previsione di eventi importanti che superino le normali capacità di risposta attenuerà gli effetti sulla salute e sulla sicurezza di un incidente grave.

 

Di ritorno

Lunedi, 21 marzo 2011 15: 24

Insegnamento artistico

I problemi di salute e sicurezza nei programmi artistici possono essere simili nelle istituzioni educative che vanno dalle scuole medie alle università. I programmi artistici sono un problema particolare perché i loro rischi non sono spesso riconosciuti e, soprattutto a livello universitario, possono essere di dimensioni semi-industriali. I pericoli possono includere l'inalazione di contaminanti presenti nell'aria; ingestione o assorbimento cutaneo di tossine; lesioni da macchinari e strumenti; scivola, inciampa e cade; e sforzi ripetitivi e altre lesioni muscoloscheletriche. Le precauzioni includono la fornitura di un'adeguata ventilazione (sia di diluizione che di scarico locale), la manipolazione e lo stoccaggio sicuri di prodotti chimici, la protezione della macchina e la manutenzione competente dei macchinari, una pulizia efficiente, una buona pulizia e postazioni di lavoro regolabili. Una precauzione fondamentale per evitare problemi di salute e sicurezza sul lavoro di ogni tipo è una formazione adeguata e obbligatoria.

Insegnanti di scuola elementare e media

I pericoli a livello di scuola elementare e secondaria includono pratiche come la spruzzatura e l'uso non sicuro di solventi e altri prodotti chimici e scarsa ventilazione dei processi. Spesso mancano attrezzature adeguate e una conoscenza sufficiente dei materiali per garantire un luogo di lavoro sicuro. Le precauzioni includono controlli ingegneristici efficienti, una migliore conoscenza dei materiali, l'eliminazione di forniture artistiche pericolose dalle scuole e la sostituzione con altre più sicure (vedi tabella 1). Ciò contribuirà a proteggere non solo insegnanti, tecnici, addetti alla manutenzione e amministratori, ma anche studenti.

Tabella 1. Pericoli e precauzioni per classi particolari.

Classe

Attività/Soggetto

Pericoli

Precauzioni

Classi Elementari

Scienze

Maneggio degli animali

 

 

piante

 

Sostanze chimiche

 

 

Materiale

 

Morsi e graffi,

zoonosi, parassiti

 

Allergie, piante velenose

 

Problemi della pelle e degli occhi,

reazioni tossiche, allergie

 

Rischi elettrici,

pericoli per la sicurezza

Consenti solo animali vivi e sani. Maneggiare gli animali con guanti pesanti. Evitare

animali che possono trasportare insetti e parassiti che trasmettono malattie.

 

Evita le piante note per essere velenose o che causano reazioni allergiche.

 

Evitare l'uso di sostanze chimiche tossiche con i bambini. Indossare una protezione personale adeguata

attrezzature durante le dimostrazioni degli insegnanti con sostanze chimiche tossiche.

 

Seguire le procedure standard di sicurezza elettrica. Assicurarsi che tutte le attrezzature siano correttamente

custodito. Conservare correttamente tutte le attrezzature, gli strumenti, ecc.

 

Arte

 

 

 

Pittura e disegno

 

Fotografia

 

 

Arti tessili e fibre

 

incisione

 

 

 

Lavorazione del legno

 

 

 

Ceramici

 

 

 

Pigmenti, solventi

 

Fotochimici

 

 

coloranti

 

Acidi, solventi

 

Utensili da taglio

 

Strumenti

 

colle

 

Silice, metalli tossici, calore,

fumi del forno

Utilizzare solo materiali artistici non tossici. Evitare solventi, acidi, alcali, bombolette spray, coloranti chimici, ecc.

 

Usa solo vernici per bambini. Non usare pastelli, pigmenti secchi.

 

Non eseguire fotoelaborazioni. Invia pellicola per lo sviluppo o utilizza fotocamere Polaroid

o carta per progetti e luce solare.

 

Evita i coloranti sintetici; utilizzare coloranti naturali come bucce di cipolla, tè, spinaci, ecc.

 

Utilizzare inchiostri da stampa a blocchi a base d'acqua.

 

Usa tagli di linoleum invece di xilografie.

 

Utilizzare solo legni teneri e utensili manuali.

 

Usa colle a base d'acqua.

 

Usa solo argilla bagnata e straccio bagnato.

Dipingi la ceramica piuttosto che usare smalti ceramici. Non accendere il forno all'interno dell'aula.

 

 

Classi secondarie

 

Chimica

Generale

 

 

 

 

 

 

Chimica organica

 

 

 

 

 

 

Chimica inorganica

 

Chimica analitica

 

Archiviazione

 

 

 

 

 

 

 

solventi

 

 

 

Perossidi ed esplosivi

 

 

Acidi e basi

 

Solfuro d'idrogeno

 

incompatibilità

 

 

infiammabilità

Tutti i laboratori scolastici dovrebbero avere quanto segue: cappa da laboratorio se tossica, volatile

vengono utilizzati prodotti chimici; fontane lavaocchi; docce di emergenza (se concentrate

sono presenti acidi, basi o altri prodotti chimici corrosivi); kit di primo soccorso; fuoco adeguato

estintori; occhiali protettivi, guanti e camici da laboratorio; corretto smaltimento

recipienti e procedure; kit per il controllo delle fuoriuscite. Evitare agenti cancerogeni, mutageni e

sostanze chimiche altamente tossiche come mercurio, piombo, cadmio, cloro gassoso, ecc.

 

Utilizzare solo in cappa da laboratorio.

Utilizzare solventi meno tossici.

Fai esperimenti in semi-micro o microscala.

 

Non utilizzare esplosivi o prodotti chimici come l'etere, che possono formare esplosivi

perossidi.

 

Evitare acidi e basi concentrati quando possibile.

 

Non utilizzare idrogeno solforato. Usa dei sostituti.

 

Evitare l'archiviazione in ordine alfabetico, che può avvicinare sostanze chimiche incompatibili

prossimità. Conservare i prodotti chimici per gruppi compatibili.

 

Conservare i liquidi infiammabili e combustibili in depositi per sostanze infiammabili approvati

armadietti.

 

Biologia

Dissezione

 

 

Insetti anestetizzanti

 

Prelievo di sangue

 

Microscopia

 

Batteri in coltura

Formaldehyde

 

 

Etere, cianuro

 

HIV, epatite B

 

macchie

 

Gli agenti patogeni

Non sezionare campioni conservati in formaldeide. Utilizzare più piccoli, liofilizzati

animali, filmati di addestramento e videocassette, ecc.

 

Utilizzare alcol etilico per anestetizzare gli insetti. Refrigerare gli insetti per il conteggio.

 

Evitare se possibile. Utilizzare lancette sterili per la tipizzazione del sangue sotto stretta supervisione.

 

Evitare il contatto della pelle con iodio e violetta di genziana.

 

Utilizzare una tecnica sterile con tutti i batteri, supponendo che possa esserci contaminazione da parte di

batteri patogeni.

 

Scienze fisiche

Radioisotopi

 

 

Elettricità e magnetismo

 

Laser

Radiazione ionizzante

 

 

Rischi elettrici

 

 

Danni agli occhi e alla pelle,

rischi elettrici

Utilizzare radioisotopi solo in quantità "esente" che non richiedono una licenza. Solo addestrato

gli insegnanti dovrebbero usarli. Sviluppare un programma di sicurezza dalle radiazioni.

 

Seguire le procedure standard di sicurezza elettrica.

 

 

Utilizzare solo laser a bassa potenza (Classe I). Non guardare mai direttamente un raggio laser o passarlo

il raggio attraverso il viso o il corpo. I laser dovrebbero avere una serratura a chiave.

 

Scienze della Terra

Geologia

 

Inquinamento dell'acqua

 

 

Atmosfera

 

 

Vulcani

 

Osservazione solare

Chip volanti

 

Infezione, sostanze chimiche tossiche

 

 

Manometri a mercurio

 

 

Bicromato di ammonio

 

Radiazione infrarossa

Schiaccia le rocce in un sacchetto di tela per evitare che i trucioli volino. Indossare occhiali protettivi.

 

Non prelevare campioni di liquami a causa del rischio di infezione. Evitare pericolosi

sostanze chimiche nei test sul campo dell'inquinamento delle acque.

 

Utilizzare manometri per olio o acqua. Se i manometri a mercurio vengono utilizzati per la dimostrazione,

avere un kit di controllo delle fuoriuscite di mercurio.

 

Non utilizzare bicromato di ammonio e magnesio per simulare i vulcani.

 

Non guardare mai il sole direttamente con gli occhi o attraverso le lenti.

 

Arte e arti industriali

Tutto

 

 

Pittura e disegno

 

 

Fotografia

 

 

Arti tessili e fibre

Generale

 

 

Pigmenti, solventi

 

 

Fotochimici, acidi,

diossido di zolfo

 

Coloranti, assistenti di tintura,

fumi di cera

Evita i prodotti chimici e i processi più pericolosi. Avere una ventilazione adeguata. Vedere

anche precauzioni sotto Chimica

 

Evitare i pigmenti di piombo e cadmio. Evita i colori ad olio a meno che la pulizia non sia terminata

olio vegetale. Utilizzare fissativi spray all'esterno.

 

Evita l'elaborazione e il viraggio del colore. Avere ventilazione di diluizione per camera oscura. Avere

fontana lavaocchi. Usa l'acqua invece dell'acido acetico per il bagno d'arresto.

 

Utilizzare coloranti liquidi acquosi o mescolare i coloranti nel vano portaoggetti. Evita i mordenti bicromati.

Non utilizzare solventi per rimuovere la cera nel batik. Avere ventilazione se si stira la cera.

 

 

La fabbricazione della carta

 

 

 

incisione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavorazione del legno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ceramici

 

 

 

scultura

 

 

 

 

Gioielli, accessori moda

 

Alcali, battitori

 

 

 

solventi

 

 

 

Acidi, clorato di potassio

 

 

 

Dicromati

 

 

Legni e polvere di legno

 

 

 

Macchinari e strumenti

 

Rumore

 

colle

 

 

Vernici e finiture

 

 

Piombo, silice, metalli tossici, fumi di fornace

 

 

Silice, resine plastiche, polvere

 

 

 

 

Fumi di saldatura, acidi

Non far bollire la liscivia. Utilizzare materiali vegetali marci o pacciamati o riciclare carta e

cartone. Usa un frullatore grande invece di fruste industriali più pericolose

preparare la polpa di carta.

 

Utilizzare inchiostri serigrafici a base d'acqua anziché a base di solvente. Pressa calcografica pulita

letti e lastre inchiostranti con olio vegetale e detersivo per piatti invece di solventi.

Usa stencil di carta tagliata invece di stencil di lacca per la stampa serigrafica.

 

Usa il cloruro ferrico per incidere le lastre di rame invece del mordente olandese o dell'acido nitrico

lastre di zinco. Se si utilizza la mordenzatura con acido nitrico, fare una doccia di emergenza e lavare gli occhi

fontana e ventilazione di scarico locale.

 

Usa diazo invece di fotoemulsioni bicromate. Usa una fontana di acido citrico

soluzioni in litografia per sostituire i dicromati.

 

Avere un sistema di raccolta della polvere per le macchine per la lavorazione del legno. Evitare irritante e

legni duri allergenici, legni stabilizzati (ad es. arseniato di rame cromato

trattato).Pulire la polvere di legno per rimuovere i rischi di incendio.

 

Avere guardie della macchina. Hanno serrature a chiave e pulsante antipanico.

 

Ridurre i livelli di rumore o indossare protezioni acustiche.

 

Utilizzare colle a base d'acqua quando possibile. Evitare colle formaldeide/resorcina,

colle a base solvente.

 

Utilizzare vernici e finiture a base d'acqua. Usa piuttosto la gommalacca a base di alcol etilico

rispetto all'alcool metilico.

 

Acquista argilla bagnata. Non utilizzare smalti al piombo. Acquista smalti preparati piuttosto che

miscelazione di smalti secchi. Smalti a spruzzo solo in cabina di verniciatura. Fuoco forno fuori o avere

ventilazione di scarico locale. Indossa occhiali a infrarossi quando guardi nel forno caldo.

 

Utilizzare solo utensili manuali per la scultura in pietra per ridurre i livelli di polvere. Non usare

arenaria, granito o pietra ollare, che potrebbero contenere silice o amianto. Non

utilizzare resine poliestere, epossidiche o poliuretaniche altamente tossiche. Avere ventilazione se

riscaldamento della plastica per rimuovere i prodotti di decomposizione. Mop umido o polveri aspiranti.

 

Evitare le saldature all'argento di cadmio e i flussi di fluoruro. Utilizzare sodio idrogeno solfato anziché acido solforico per il decapaggio. Avere una ventilazione di scarico locale.

 

 

smaltatura

 

 

Fusione a cera persa

 

 

 

Vetrate

 

 

Saldatura

 

 

 

Arte commerciale

Piombo, ustioni, infrarossi

radiazione

 

Fumi metallici, silice,

radiazione infrarossa, calore

 

 

Piombo, fondenti acidi

 

 

Fumi metallici, ozono, azoto

anidride carbonica, elettrica e antincendio

pericoli

 

Solventi, fotochimici,

videoterminali

Utilizzare solo smalti senza piombo. Forno di smaltatura ventilato. Avere protezione dal calore

guanti e indumenti e occhiali a raggi infrarossi.

 

Utilizzare sabbia/gesso 50/50 30 mesh invece di rivestimenti in cristobalite. Avere locale

ventilazione di scarico per il forno di combustione della cera e l'operazione di colata. Indossa calore-pro

indumenti protettivi e guanti.

 

Usa la tecnica del foglio di rame piuttosto che il piombo. Utilizzare senza piombo e antimonio

saldature. Evita le vernici al vetro al piombo. Utilizzare flussanti per saldatura privi di acidi e colofonia.

 

Non saldare metalli rivestiti di zinco, vernici al piombo o leghe con metalli pericolosi

(nichel, cromo, ecc.). Saldare solo metalli di composizione nota.

 

 

Usa il nastro biadesivo invece del mastice. Usa eptano, non esano

cementi di gomma. Avere cabine di verniciatura per la spazzolatura ad aria. Utilizzare a base di acqua o alcool-

pennarelli permanenti a base invece di tipi di xilene.

Vedere la sezione Fotografia per i fotoprocessi.

Avere sedie ergonomiche adeguate, illuminazione, ecc., per i computer.

 

Arti dello spettacolo

Teatro

 

 

 

 

Danza

 

 

 

Musica

Solventi, vernici, saldatura

fumi, isocianati, sicurezza,

fuoco

 

 

Lesioni acute

Lesioni da sforzo ripetitivo

 

 

Lesioni muscoloscheletriche

(p. es., sindrome del tunnel carpale)

 

Rumore

 

 

 

Sforzo vocale

Utilizzare vernici e coloranti a base d'acqua. Non utilizzare schiume poliuretaniche spray.

Saldatura separata dalle altre aree. Avere procedure di rigging sicure. Evitare

articoli pirotecnici, armi da fuoco, nebbia e fumo e altri effetti speciali pericolosi.

Tutti gli scenari ignifughi. Segna tutte le botole, i pozzi e i prospetti.

 

Avere una pista da ballo adeguata. Evitare orari pieni dopo un periodo di inattività. Assicurare

riscaldamento adeguato prima e defaticamento dopo l'attività di danza. Consentire sufficiente

tempo di recupero dopo infortuni.

 

Utilizzare strumenti di dimensioni adeguate. Avere supporti adeguati per gli strumenti. Consentire un tempo di recupero sufficiente dopo gli infortuni.

 

Mantenere i livelli sonori a livelli accettabili. Indossa i tappi per le orecchie del musicista, se necessario.

Posizionare gli altoparlanti in modo da ridurre al minimo i livelli di rumore. Utilizzare materiali fonoassorbenti

muri.

 

Assicurare un adeguato riscaldamento. Fornire un adeguato allenamento vocale e condizionamento.

 

Meccanica automobilistica

Tamburi dei freni

 

sgrassante

 

Motori per auto

 

Saldatura

 

La pittura

Amianto

 

solventi

 

Monossido di carbonio

 

 

 

Solventi, pigmenti

Non pulire i tamburi dei freni a meno che non si utilizzino attrezzature approvate.

 

Utilizzare detergenti a base d'acqua. Usa un detergente per parti

 

Avere lo scarico del tubo di scappamento.

 

Vedi sopra.

 

Spruzzare la vernice solo in cabina di verniciatura o all'aperto con protezione respiratoria.

 

 

Economia domestica

Cibo e nutrizione

Rischi elettrici

 

Coltelli e altri taglienti

utensili

 

Fuoco e ustioni

 

 

Prodotti per la pulizia

Seguire le regole standard di sicurezza elettrica.

 

Tagliare sempre lontano dal corpo. Mantieni i coltelli affilati.

 

 

Avere cappe per stufe con filtri antigrasso che scaricano all'esterno. Indossare protezioni

guanti con oggetti caldi.

 

Indossare occhiali, guanti e grembiule con prodotti per la pulizia acidi o basici.

 

 

Insegnanti universitari e universitari

I pericoli a livello universitario e universitario includono, oltre a quelli sopra menzionati, il fatto che studenti, insegnanti e tecnici tendono a essere più sperimentali e tendono a utilizzare materiali e macchinari più potenzialmente pericolosi. Spesso lavorano anche su scala più ampia e per periodi di tempo più lunghi. Le precauzioni devono includere istruzione e formazione, la fornitura di controlli tecnici e dispositivi di protezione individuale, politiche e procedure di sicurezza scritte e l'insistenza sul rispetto di queste.

Libertà artistica

Molti insegnanti e tecnici d'arte sono artisti a pieno titolo, con conseguenti esposizioni multiple ai pericoli dei materiali e dei processi artistici che possono aumentare significativamente i loro rischi per la salute. Di fronte a pericoli nel loro campo di cui non erano a conoscenza o che avevano ignorato, molti insegnanti si mettono sulla difensiva. Gli artisti sono sperimentali e spesso appartengono a una cultura anti-establishment che incoraggia la sfida alle regole istituzionali. È importante, tuttavia, che l'amministrazione scolastica si renda conto che la ricerca della libertà artistica non è un argomento valido contro il lavoro sicuro.

Responsabilità e Formazione

In molte giurisdizioni gli insegnanti saranno soggetti a una responsabilità sia personale che scolastica per la sicurezza dei loro studenti, in particolare i più giovani. “A causa dei limiti di età, maturità ed esperienza della maggior parte degli studenti e perché gli insegnanti sono in piedi in loco parentis (al posto di un genitore), ci si aspetta che le scuole forniscano un ambiente sicuro e stabiliscano un comportamento ragionevole per la protezione degli studenti” (Qualley 1986).

Programmi per la salute e la sicurezza

È importante che le scuole si assumano la responsabilità di formare sia gli insegnanti d'arte che gli amministratori scolastici sui potenziali rischi dei materiali e dei processi artistici e su come proteggere i propri studenti e se stessi. Un'amministrazione scolastica prudente assicurerà che vi siano politiche, procedure e programmi scritti per la salute e la sicurezza, il rispetto di questi, una regolare formazione sulla sicurezza e un reale interesse nell'insegnare come creare arte in sicurezza.

 

Di ritorno

Lunedi, 21 marzo 2011 15: 29

Problemi di salute e modelli di malattia

Gli insegnanti costituiscono un segmento ampio e in crescita della forza lavoro in molti paesi. Ad esempio, nel 4.2 negli Stati Uniti oltre 1992 milioni di lavoratori sono stati classificati come prescolari dagli insegnanti delle scuole superiori. meccanica.

L'insegnamento non è stato tradizionalmente considerato un'occupazione che comporta l'esposizione a sostanze pericolose. Di conseguenza, sono stati condotti pochi studi sui problemi di salute legati al lavoro. Tuttavia, gli insegnanti scolastici e altro personale scolastico possono essere esposti a un'ampia varietà di rischi professionali riconosciuti fisici, chimici, biologici e di altro tipo.

L'inquinamento dell'aria interna è una causa importante di malattie acute negli insegnanti. Una delle principali fonti di inquinamento dell'aria interna è la manutenzione inadeguata dei sistemi di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell'aria (HVAC). La contaminazione dei sistemi HVAC può causare malattie respiratorie acute e dermatologiche. Gli edifici scolastici di nuova costruzione o ristrutturati rilasciano nell'aria sostanze chimiche, polveri e vapori. Altre fonti di inquinamento dell'aria interna sono coperture, isolamento, tappeti, tende e mobili, vernici, mastice e altri prodotti chimici. I danni causati dall'acqua non riparati, come le perdite dal tetto, possono portare alla crescita di microrganismi nei materiali da costruzione e nei sistemi di ventilazione e al rilascio di bioaerosol che colpiscono allo stesso modo il sistema respiratorio di insegnanti e studenti. La contaminazione degli edifici scolastici da parte di microrganismi può causare gravi condizioni di salute come polmonite, infezioni delle vie respiratorie superiori, asma e rinite allergica.

Gli insegnanti specializzati in determinati campi tecnici possono essere esposti a specifici rischi professionali. Ad esempio, gli insegnanti di arti e mestieri spesso incontrano una varietà di sostanze chimiche, inclusi solventi organici, pigmenti e coloranti, metalli e composti metallici, minerali e plastica (Rossol 1990). Altri materiali artistici causano reazioni allergiche. L'esposizione a molti di questi materiali è strettamente regolamentata sul posto di lavoro industriale ma non in classe. Gli insegnanti di chimica e biologia lavorano con sostanze chimiche tossiche come la formaldeide e altri rischi biologici nei laboratori scolastici. Gli insegnanti di negozio lavorano in ambienti polverosi e possono essere esposti a livelli elevati di polvere di legno e materiali per la pulizia, nonché a livelli elevati di rumore.

L'insegnamento è un'occupazione spesso caratterizzata da un alto grado di stress, assenteismo e burnout. Ci sono molte fonti di stress dell'insegnante, che possono variare a seconda del livello scolastico. Includono preoccupazioni amministrative e curriculari, avanzamento di carriera, motivazione degli studenti, dimensioni della classe, conflitto di ruolo e sicurezza del lavoro. Lo stress può anche derivare dall'affrontare i comportamenti scorretti dei bambini e possibilmente la violenza e le armi nelle scuole, oltre ai pericoli fisici o ambientali come il rumore. Ad esempio, i livelli sonori desiderabili in classe sono compresi tra 40 e 50 decibel (dB) (Silverstone 1981), mentre in un'indagine su diverse scuole, i livelli sonori in classe erano in media tra 59 e 65 dB (Orloske e Leddo 1981). Gli insegnanti che svolgono un secondo lavoro dopo il lavoro o durante l'estate possono essere esposti a ulteriori rischi sul posto di lavoro che possono influire sul rendimento e sulla salute. Il fatto che la maggioranza degli insegnanti siano donne (tre quarti di tutti gli insegnanti negli Stati Uniti sono donne) solleva la questione di come il duplice ruolo di lavoratrice e madre possa influire sulla salute delle donne. Tuttavia, nonostante gli alti livelli di stress percepiti, il tasso di mortalità per malattie cardiovascolari negli insegnanti era inferiore rispetto ad altre professioni in diversi studi (Herloff e Jarvholm 1989), il che potrebbe essere dovuto alla minore prevalenza del fumo e al minore consumo di alcol.

Vi è una crescente preoccupazione che alcuni ambienti scolastici possano includere materiali cancerogeni come amianto, campi elettromagnetici (EMF), piombo, pesticidi, radon e inquinamento dell'aria interna (Regents Advisory Committee on Environmental Quality in Schools 1994). L'esposizione all'amianto è una preoccupazione particolare tra gli addetti alla custodia e alla manutenzione. Un'elevata prevalenza di anomalie associate a malattie correlate all'amianto è stata documentata nei custodi scolastici e negli addetti alla manutenzione (Anderson et al. 1992). La concentrazione aerodispersa di amianto è stata segnalata più alta in alcune scuole che in altri edifici (Lee et al. 1992).

Alcuni edifici scolastici sono stati costruiti vicino a linee elettriche di trasmissione ad alta tensione, fonti di campi elettromagnetici. L'esposizione ai campi elettromagnetici proviene anche da unità di visualizzazione video o cavi esposti. In alcuni studi, l'eccessiva esposizione ai campi elettromagnetici è stata collegata all'incidenza della leucemia e del cancro al seno e al cervello (Savitz 1993). Un'altra fonte di preoccupazione è l'esposizione ai pesticidi che vengono applicati per controllare la diffusione di popolazioni di insetti e parassiti nelle scuole. È stato ipotizzato che i residui di pesticidi misurati nel tessuto adiposo e nel siero di pazienti con carcinoma mammario possano essere correlati allo sviluppo di questa malattia (Wolff et al. 1993).

La grande percentuale di insegnanti che sono donne ha portato a preoccupazioni sui possibili rischi di cancro al seno. Diversi studi hanno riscontrato un aumento inspiegabile dei tassi di cancro al seno. Utilizzando i certificati di morte raccolti in 23 stati degli Stati Uniti tra il 1979 e il 1987, i rapporti proporzionali di mortalità (PMR) per il cancro al seno erano 162 per gli insegnanti bianchi e 214 per gli insegnanti neri (Rubin et al. 1993). Un aumento di PMR per cancro al seno è stato riportato anche tra gli insegnanti nel New Jersey e nell'area di Portland-Vancouver (Rosenman 1994; Morton 1995). Sebbene questi aumenti dei tassi osservati finora non siano stati collegati né a fattori ambientali specifici né ad altri fattori di rischio noti per il cancro al seno, hanno dato luogo a una maggiore consapevolezza del cancro al seno tra alcune organizzazioni di insegnanti, con conseguenti campagne di screening e diagnosi precoce.

 

Di ritorno

Lunedi, 21 marzo 2011 15: 30

Problemi ambientali e di salute pubblica

Le istituzioni educative sono responsabili di garantire che le loro strutture e pratiche siano conformi alla legislazione ambientale e sulla salute pubblica e rispettino gli standard accettati di cura nei confronti dei propri dipendenti, studenti e comunità circostante. Gli studenti non sono generalmente coperti dalla legislazione sulla salute e sicurezza sul lavoro, ma le istituzioni educative devono esercitare la diligenza nei confronti dei loro studenti almeno nella stessa misura richiesta dalla legislazione volta a proteggere i lavoratori. Inoltre, le istituzioni di insegnamento hanno la responsabilità morale di educare i propri studenti su questioni di sicurezza personale, pubblica, occupazionale e ambientale che riguardano loro e le loro attività.

Università e Istituti di Formazione Superiore

Le grandi istituzioni come i campus universitari e universitari possono essere paragonate a grandi città o piccole città in termini di dimensione della popolazione, area geografica, tipo di servizi di base richiesti e complessità delle attività svolte. Oltre ai rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro riscontrati all'interno di tali istituzioni (trattati nel capitolo Servizi pubblici e governativi), vi è un'ampia gamma di altre preoccupazioni, relative alle grandi popolazioni che vivono, lavorano e studiano in un'area definita, che devono essere affrontate.

La gestione dei rifiuti nel campus è spesso una sfida complessa. La legislazione ambientale in molte giurisdizioni richiede un rigoroso controllo delle emissioni di acqua e gas derivanti dalle attività di insegnamento, ricerca e servizi. In determinate situazioni, le preoccupazioni della comunità esterna possono richiedere l'attenzione delle pubbliche relazioni.

I programmi di smaltimento dei rifiuti chimici e solidi devono tenere conto dei problemi di salute occupazionale, ambientale e della comunità. La maggior parte delle grandi istituzioni dispone di programmi completi per la gestione dell'ampia varietà di rifiuti prodotti: sostanze chimiche tossiche, radioisotopi, piombo, amianto, rifiuti biomedici, rifiuti, rifiuti umidi e materiali da costruzione. Un problema è il coordinamento dei programmi di gestione dei rifiuti nei campus a causa dell'elevato numero di dipartimenti diversi, che spesso hanno difficoltà di comunicazione tra loro.

I college e le università differiscono dall'industria per la quantità e il tipo di rifiuti pericolosi prodotti. I laboratori universitari, ad esempio, di solito producono piccole quantità di molte diverse sostanze chimiche pericolose. I metodi di controllo dei rifiuti pericolosi possono includere la neutralizzazione di acidi e alcali, il recupero di solventi su piccola scala mediante distillazione e l'imballaggio "da laboratorio", in cui piccoli contenitori di sostanze chimiche pericolose compatibili vengono collocati in fusti e separati da segatura o altri materiali di imballaggio per evitare rotture. Poiché i campus possono generare grandi quantità di rifiuti di carta, vetro, metallo e plastica, i programmi di riciclaggio possono solitamente essere implementati come dimostrazione di responsabilità della comunità e come parte della missione educativa.

Alcune istituzioni situate all'interno delle aree urbane possono fare molto affidamento su risorse comunitarie esterne per servizi essenziali come la polizia, la protezione antincendio e la risposta alle emergenze. La stragrande maggioranza delle istituzioni di medie e grandi dimensioni istituisce i propri servizi di pubblica sicurezza per servire le comunità dei campus, spesso lavorando in stretta collaborazione con risorse esterne. In molte città universitarie, l'istituto è il più grande datore di lavoro e di conseguenza ci si può aspettare che fornisca protezione alla popolazione che lo sostiene.

I college e le università non sono più del tutto remoti o separati dalle comunità in cui si trovano. L'istruzione è diventata più accessibile a un settore più ampio della società: donne, studenti maturi e disabili. La natura stessa delle istituzioni educative le mette particolarmente a rischio: una popolazione vulnerabile in cui lo scambio di idee e opinioni divergenti è apprezzato, ma in cui il concetto di libertà accademica potrebbe non essere sempre bilanciato con la responsabilità professionale. Negli ultimi anni le istituzioni educative hanno segnalato più atti di violenza nei confronti dei membri della comunità educativa, provenienti dalla comunità esterna o scoppiati dall'interno. Gli atti di violenza perpetrati contro singoli membri della comunità educativa non sono più eventi estremamente rari. I campus sono luoghi frequenti per manifestazioni, grandi assemblee pubbliche, eventi politici e sportivi in ​​cui è necessario considerare la sicurezza pubblica e il controllo della folla. L'adeguatezza dei servizi di sicurezza e di pubblica sicurezza e dei piani e delle capacità di risposta alle emergenze e ripristino di emergenza deve essere costantemente valutata e periodicamente aggiornata per soddisfare le esigenze della comunità. L'identificazione ei controlli dei pericoli devono essere presi in considerazione per i programmi sportivi, le gite sul campo e una varietà di attività ricreative sponsorizzate. Il servizio medico di emergenza deve essere disponibile anche per le attività fuori sede. La sicurezza personale è gestita al meglio attraverso la segnalazione dei pericoli e programmi educativi.

Devono essere affrontati i problemi di salute pubblica associati alla vita del campus, come il controllo delle malattie trasmissibili, l'igiene dei servizi di ristorazione e delle strutture residenziali, la fornitura di acqua fresca, aria pulita e suolo incontaminato. Sono richiesti programmi di ispezione, valutazione e controllo. L'istruzione degli studenti in questo senso è di solito responsabilità del personale dei servizi agli studenti, ma spesso sono coinvolti professionisti della salute e della sicurezza sul lavoro. L'educazione in materia di malattie sessualmente trasmissibili, abuso di droghe e alcol, agenti patogeni trasmessi per via ematica, stress e malattie mentali è particolarmente importante in una comunità universitaria, dove il comportamento rischioso può aumentare la probabilità di esposizione ai rischi associati. Devono essere disponibili servizi medici e psicologici.

Scuole elementari e medie

Le scuole elementari hanno molti degli stessi problemi ambientali e di salute pubblica dei college e delle università, solo su scala ridotta. Spesso, tuttavia, le scuole ei distretti scolastici non dispongono di efficaci programmi di gestione dei rifiuti. Un grave problema affrontato da molte scuole è lo smaltimento dell'etere esplosivo e dell'acido picrico che sono stati immagazzinati nei laboratori scolastici per molti anni (Consiglio Nazionale delle Ricerche 1993). I tentativi di smaltire questi materiali da parte di personale non qualificato hanno provocato esplosioni in diversi casi. Un problema è che i distretti scolastici possono avere molte scuole separate da diverse miglia. Ciò può creare difficoltà nella centralizzazione dei programmi per i rifiuti pericolosi, dovendo trasportare i rifiuti pericolosi sulle strade pubbliche.

 

Di ritorno

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti ai servizi di istruzione e formazione

Abdo, R e H Chriske. 1990. HAV-Infektionsrisiken im Krankenhaus, Altenheim und Kindertagesstätten. In Arbeitsmedizin im Gesundheitsdienst, Bd. v, a cura di F Hofmann e U Stößel. Stoccarda: Gentner Verlag.

Anderson, HA, LP Hanrahan, DN Higgins e PG Sarow. 1992. Un'indagine radiografica sulla manutenzione degli edifici della scuola pubblica e sui dipendenti della custodia. Ambiente Res 59: 159-66.

Clemens, R, F Hofmann, H Berthold, G Steinert et al. 1992. Prävalenz von Hepatitis A, B und C bei ewohern einer Einrichtung für geistig Behinderte. Sozialpädiatrie 14: 357-364.

Herloff, B e B Jarvholm. 1989. Insegnanti, stress e mortalità. Lancetta 1: 159-160.

Lee, RJ, DR Van Orden, M Corn e KS Crump. 1992. Esposizione all'amianto aereo negli edifici. Regul Toxicol Farmaco 16: 93-107.

Morton, NOI. 1995. Principali differenze nei rischi di cancro al seno tra le professioni. J Occup Med 37: 328-335.

Consiglio Nazionale per la Ricerca. 1993. Pratiche prudenti in laboratorio: manipolazione e smaltimento di sostanze chimiche. Washington, DC: Stampa dell'Accademia Nazionale.

Orloske, AJ e JS Leddo. 1981. Effetti ambientali sull'udito dei bambini: come possono far fronte i sistemi scolastici. J Sch Health 51: 12-14.

Polis, M et al. 1986. Trasmissione di Giardia lamblia da un centro diurno a una comunità. Sono J Public Hlth 76: 1,142-1,144.

Qualley, California. 1986. Sicurezza in sala d'arte. Worcester, MA: pubblicazioni Davis.

Comitato consultivo Regents sulla qualità ambientale nelle scuole. 1994. Rapporto al Consiglio dei reggenti dello Stato di New York sulla qualità ambientale delle scuole. Albany: Università dello Stato di New York, Dipartimento statale per l'istruzione.

Rosenmann, KD. 1994. Cause di mortalità negli insegnanti della scuola primaria e secondaria. Sono J Indust Med 25: 749-58.

Rossol, M. 1990. La guida completa alla salute e alla sicurezza dell'artista. New York: Allworth Press.

Rubin, CH, CA Burnett, WE Halperin e PJ Seligman. 1993. Occupazione come identificatore di rischio per il cancro al seno. Am J Public Health 83: 1,311-1,315.

Savitz, DA. 1993. Panoramica della ricerca epidemiologica sui campi elettrici e magnetici e sul cancro. Am Ind Hyg Assoc J 54: 197-204.

Silverstone, D. 1981. Considerazioni per l'ascolto e le distrazioni del rumore. In Progettare ambienti di apprendimento, a cura di PJ Sleeman e DM Rockwell. New York: Longman Inc.

Wolff, MS, PG Toniolo, EW Lee, M Rivera e N Dubin. 1993. Livelli ematici di residui organoclorurati e rischio di cancro al seno. J Natl Cancer Inst 85: 648-652.

Centro risorse per la salute sul lavoro delle donne. 1987. Notizie sul centro risorse per la salute sul lavoro delle donne 8 (2) 3-4.