Nome chimico    

Numero CAS

Esposizione ICSC a breve termine

Esposizione ICSC a lungo termine

ICSC Vie di esposizione e sintomi

US NIOSH Organi bersaglio e vie di ingresso

Sintomi NIOSH USA

BUTANO 106-97-8

Inalazione: sonnolenza

Pelle: a contatto con il liquido: congelamento

Occhi: a contatto con il liquido: congelamento

Sistema nervoso centrale; con (liquido)

Drow, narco, asphy; liq: congelamento

CICLOESANO 110-82-7

occhi; pelle; tratto respiratorio superiore; polmoni

pelle

Inalazione: vertigini, mal di testa, nausea

Pelle: arrossamento

Occhi: arrossamento

Occhi; resp sys; pelle; SNC Inh; ing; con

Irritare gli occhi, la pelle e il sistema respiratorio; drow; derma; narcotico, coma

CICLOPENTANO 287-92-3

occhi; pelle; tratto respiratorio superiore; polmoni; SNC

pelle

Inalazione: vertigini, mal di testa, nausea, perdita di coscienza, debolezza

Pelle: arrossamento

Occhi: arrossamento

Ingestione: dolori addominali, diarrea, vertigini, nausea, mal di gola

Occhi; pelle; resp sys; SNC Inh; ing; con

Irrita ey, pelle, naso, gola; li-head, dizz, euph, inco, nau, vomit, stupor; pelle secca e screpolata

DECANO 124-18-5

polmoni

pelle; reni; sangue

Inalazione: confusione, sonnolenza

Pelle: pelle secca, arrossamento

Occhi: arrossamento, dolore

Etano 74-84-0

pelle

Inalazione: asfissiante semplice.

Pelle: a contatto con il liquido: congelamento

Occhi: a contatto con liquidi: congelamento

EPTANO 142-82-5

occhi; pelle; resp tratto; polmoni; SNC

pelle

Inalazione: ottusità, mal di testa

Pelle: pelle secca, sensazione di bruciore

Occhi: arrossamento, dolore

Ingestione: crampi addominali, nausea, vomito

Pelle; resp sys; SNC Inh; ing; con

Li-head, gidd, stupor, verti, inco; perdita di appetito, nau; derma; pneumatico chimico (aspir liq); uncon

ESANO 110-54-3

occhi; pelle; resp tratto; polmoni; SNC; fegato

pelle; SNP; geni

Inalazione: vertigini, sonnolenza, ottusità, mal di testa, respiro affannoso, nausea, perdita di coscienza, debolezza

Pelle: pelle secca, arrossamento

Occhi: arrossamento, dolore

Pelle; occhi; resp sys; SNC; PNS Inh; ing; con

occhi irritati, naso; li-testa; nau, testa; peri neur: estremità intorpidite, muscoli deboli; derma; vertigini; pneumatico chimico (aspir liq)

2-METILBUTANO 78-78-4

occhi; pelle; resp tratto; polmoni; cuore

pelle

Inalazione: tosse, vertigini, sonnolenza, mal di testa, fiato corto, mal di gola, battito cardiaco irregolare

Pelle: pelle secca, sdrammatizza gli arrossamenti cutanei

Occhi: arrossamento, dolore

Ingestione: dolore addominale, nausea, vomito

METILCICLOSANO 108-87-2

polmoni; SNC

pelle

Inalazione: vertigini, sonnolenza

Pelle: arrossamento

Occhi: arrossamento

Ingestione: nausea

Resp sys; pelle; occhi; SNC Inh; ing; con

Irrita occhi, pelle, naso, gola; li-testa, drow; negli animali: narco

2-METILEPTANO 592-27-8

pelle

Pelle: arrossamento

OTTANO 111-65-9

occhi; pelle; resp tratto; polmoni

pelle

Inalazione: confusione, vertigini, sonnolenza, mal di testa, respiro affannoso, nausea, perdita di coscienza

Pelle: pelle secca, arrossamento

Occhi: arrossamento, doloreIngestione: vomito

Pelle; occhi; resp sys; SNC Inh; ing; con

occhi irritati, naso; drow; derma; pneumatico chimico (aspir liq); negli animali: narco

PENTANO 109-66-0

polmoni; SNC

Inalazione: vertigini, sonnolenza, mal di testa, nausea, perdita di coscienza, vomito

Pelle: pelle secca

Pelle; occhi; resp sys; SNC Inh; ing; con

Irrita occhi, pelle, naso; derma; pneumatico chimico (aspir liq); drow; negli animali: narco

PROPANO 74-98-6

pelle

Inalazione: asfissiante semplice.

Pelle: a contatto con il liquido: congelamento

Occhi: a contatto con liquidi: congelamento

SNC Inh; con (liquido)

Dizz, conf, eccitazione, asphy; liq: congelamento

2,2,4-TRIMETILPENTANO 540-84-1

occhi; pelle; resp tratto; reni; fegato

pelle; reni; fegato

Inalazione: confusione, vertigini, mal di testa, nausea, vomito

Pelle: arrossamento, dolore

Occhi: arrossamento

Ingestione: vomito

 

Di ritorno

Formula chimica

Chemical

Sinonimi
Codice UN

Numero CAS

106978

BUTANE

n-Butano;
dietile;
Metiletilmetano
UN1011

106-97-8

110827

CICLOESANO

esaidrobenzene;
esametilene;
Esanaftene
UN1145

110-82-7

287923

CICLOPENTANO

Pentametilene
UN1146

287-92-3

75194

cyclopropane

Trimetilene
UN1027

75-19-4

124185

DECANO

UN2247

124-18-5

75832

2,2-dimetilbutano

75-83-2

79298

2,3-dimetilbutano

2,3-Dimethylbutane
UN2457

79-29-8

463821

2,2-DIMETILPROPANO

Neopentano
UN2044

463-82-1

74840

ETANO

Bimetile;
dimetile;
idruro di etile;
Metilmetano
UN1035
UN1961

74-84-0

142825

EPTANO

Dipropil metano;
n-Eptano;
Idruro di eptile
UN1206

142-82-5

110543

ESANO

n-Esano;
Idruro di esile
UN1208

110-54-3

75285

ISOBUTANE

Propano, 2-metil-
UN1969

75-28-5

107835

ISOESANO

107-83-5

78784

2-METILBUTANO

etildimetilmetano;
isoamilidruro;
Isopentano;
Isopentano
UN1265

78-78-4

108872

METILCICLOSANO

cicloesilmetano;
esaidrotoluene;
Esaidruro di toluene
UN2296

108-87-2

592278

2-METILHEPTANO

592-27-8

96140

3-metilpentano

96-14-0

111842

NONANO

n-Nonano

111-84-2

111659

OTTANO

n-Ottano
UN1262

111-65-9

109660

PENTANO

UN1265

109-66-0

74986

PROPANO

Dimetilmetano;
Idruro di propile
UN1978

74-98-6

540841

2,2,4-trimetilpentano

isobutiltrimetilmetano;
isoottano

540-84-1

 

Di ritorno

Nome chimico
Numero CAS

Colore/Forma

Punto di ebollizione (°C)

Punto di fusione (°C)

Peso molecolare

Solubilità in acqua

Densità relativa (acqua=1)

Densità di vapore relativa (aria=1)

Pressione di vapore/ (Kpa)

Infiamma.
Limiti

Punto di infiammabilità (°C)

Punto di autoaccensione (°C)

ACRIDINA
260-94-6

aghi o prismi romboedrici dall'alcool; monoclino, ortorombico; piccoli aghi incolori; piastre ortorombiche, aghi di alcool diluito; cristalli piccoli, incolori o leggermente gialli

346

111

179.21

sl sol

1.005

a 129 °C

N-AMINOETILPIPERAZINA
140-31-8

liquido

220

all'17.6 ottobre

129.2

sol

0.9837

4.4

93 oc

2-aminopyridine
504-29-0

foglioline bianche o grandi cristalli incolori; polvere bianca o cristalli

211

58

94.11

misc

3.25

0.13

68 cc

BENZOGUANAMINA
91-76-9

cristalli

227

187.20

0.6%

@25°C/4°C

1,2,3-BENZOTRIAZOLO
95-14-7

aghi di benzene; polvere cristallina da bianca a marrone chiaro

@ 15 mmHg

98.5

119.12

sl sol

CUMARINA
91-64-5

cristalli romboidali e piramidali dall'etere; placche ortorombiche rettangolari; bianco, solido cristallino

301.72

71

146.14

1 g/ 400 ml (freddo)

0.935 a 20/4 °C

1 mm Hg a 106.0 °C

3,4,5,6-DIBENZOCARBAZOLO
194-59-2

aghi da etanolo

158

267.34

ACIDO 3,6-DICLOROPICOLINICO
1702-17-6

solido cristallino bianco; cristalli incolori

151-152

192.0

a 25 °C

0.8

0.003 Pa

N-ETILMORFOLINA
100-74-3

liquido incolore

138.5

all'62.78 ottobre

115.2

misc

0.8996

4.0

a 20 °C

2-MERCAPTOBENZOTIAZOLO
149-30-4

aghi o volantini monoclini gialli pallidi; polvere giallastra; aghi da alc o metanolo diluito; polvere cristallina da giallastra a marrone chiaro

181

167.2

insolare

1.42

DISOLFURO DI 2-MERCAPTOBENZOTIAZOLO
120-78-5

aghi giallo pallido da benzene; polvere a flusso libero

180

332.46

insolare

1.50

1-METIL-2-PIRROLIDONE
872-50-4

liquido incolore

202

24

99.13

v sol

a 25 °C/25 °C

3.4

a 25 °C

0.99 l
3.9 l

91

270

N-METILMORFOLINA
109-02-4

115-116

101.14

sol

0.9051

2-METILPIRIDINA
109-06-8

liquido incolore

129

all'70 ottobre

93.12

v sol

0.9443

3.2

1.2

1.4 l
8.6 l

39

535

3-METILPIRIDINA
108-99-6

liquido incolore

143-144

all'18.3 ottobre

93.12

misc

@15°C/4°C

3.2

a 25 °C

1.3 l
8.7 l

38 cc

4-METILPIRIDINA
108-89-4

liquido incolore

145

3.6

93.12

misc

0.9548

3.2

a 25 °C

1.3 l
8.7 l

57 oc

MORFOLINA
110-91-8

liquido incolore; liquido mobile

128.9

all'4.9 ottobre

87.12

misc

1.0007

3

1.06

2.0 l
11.2 l

38 oc

310

NICOTINA
54-11-5

liquido oleoso da incolore a giallo pallido; denso, bianco acqua, olio che diventa marrone

@ 745 mmHg

all'79 ottobre

162.23

misc

1.0097

5.61

a 62 °C

0.7 l
4.0 l

95

244

TARTRATO DI NICOTINA
65-31-6

piatti bianchi

90

462.46

sol

N-NITROSONORNICOTINA
16543-55-8

olio giallo

@ 0.2 mmHg

47

177.23

a 154 °C

FENAZOPIRIDINA
94-78-0

cristalli giallo-brunastri

139

213.25

@ 25 °C (est)

a 25 °C

FENOTIAZINA
92-84-2

volantini gialli, romboidali o piatti a forma di diamante di toluene o butanolo; prismi gialli dall'alcool; polvere, granuli o scaglie da verde grigiastro a giallo verdastro

371

185.1

186.26

insolare

FENILENEPIRENE
193-39-5

lastre gialle o aghi di petrolio leggero

530

162.5-164

insolare

1.0x10- 10 asciutto

PIPERAZINA
110-85-0

piatti o volantini da etanolo; grumi o scaglie da bianchi a leggermente biancastri; cristalli incolori, trasparenti, aghiformi

146

106

86.14

v sol

1.1

3.0

81 oc

PIPERAZINA DIIDROCLORURO
142-64-3

polvere cristallina color crema; aghi bianchi

159.07

41%

piperidina
110-89-4

liquido limpido e incolore

@ 760 mmHg

-7

85.15

v sol

0.8622

3.0

a 29.2 °C

16 cc

1,3-PROPANO SULTONE
1120-71-4

liquido incolore o cristalli bianchi

@ 0.039 atmosfere.

31

122.1

100 g/l

@40°C/4°C

PROPILENE IMINA
75-55-8

liquido oleoso incolore

66

all'65 ottobre

57.1

sol

@16°C/4°C

2.0

14.9

-39 cc

PIRIDINA
110-86-1

liquido incolore; leggermente giallo

115.2

all'42 ottobre

79.10

misc

0.9819

2.73

2.0

1.8 l
12.4 l

17 cc

482

pirimidina
289-95-2

123.8

22

80.09

misc

PIRROLIDINA
123-75-1

liquido da incolore a giallo pallido

88.5-89

all'57.8 ottobre

71.12

misc

@22.5°C/4°C

2.45

a 39 °C

a -2°C

2-PIRROLIDINONE
616-45-5

liquido

@742 mmHg

25

85.1

v sol

1.120

2.93

110 cc

CHINOLINA
91-22-5

liquido da incolore a marrone

237.7

all'15 ottobre

129.16

insolare

1.0929

4.45

0.1

1.2 l
7 l

99

480

SULFOLANO
126-33-0

bianco o bianco crema, polvere cristallina

285

27.4-27.8

120.16

misc

@30°C/4°C

a 27.6 °C

177 oc

TETRAIDROTIOFENE
110-01-0

liquido bianco acqua

121.0

all'96.1 ottobre

88.2

insolare

0.9987

3.05

a 25 °C

1.1 l
12.1 l

12

200

tiofene
110-02-1

liquido incolore

84.16

all'38.25 ottobre

84.14

insolare

1.06494

2.9

a 12.5 °C

-1

2-vinilpiridina
100-69-6

liquido incolore

159-160

159-160

105.1

sl sol

0.9983

a 44.5 °C

 

Di ritorno

Nome chimico
Numero CAS

Fisico

Chemical

Classe o Divisione ONU / Rischi sussidiari

N-AMINOETILPIPERAZINA
140-31-8

8

2-aminopyridine
504-29-0

Possibile esplosione della polvere se in forma pulverulenta o granulare, miscelata con aria

La sostanza si decompone per combustione producendo gas e vapori tossici inclusi ossidi di azoto • Reagisce con forti ossidanti causando pericolo di incendio e esplosione • La sostanza è una base forte solubile in acqua

6.1

BENZOGUANAMINA
91-76-9

6.1

ACIDO 3,6-DICLOROPICOLONIC
1702-17-6

La sostanza si decompone per combustione producendo gas tossici e corrosivi • Reagisce con basi formando sali • Le loro soluzioni sono corrosive per alluminio, ferro e stagno

2-MERCAPTOBENZOTIAZOLO
149-30-4

Alla combustione, forma gas tossici (monossido di carbonio e composti di zolfo) • La sostanza si decompone per forte riscaldamento e per combustione producendo fumi tossici e irritanti (ossidi di zolfo e azoto) • Reagisce con acidi con formazione di fumi altamente tossici di composti di zolfo • Reagisce con acidi o fumi acidi che producono fumi tossici (composti solforati)

DISOLFURO DI 2-MERCAPTOBENZOTIAZOLO
120-78-5

Alla combustione, forma gas tossici: ossidi di carbonio, zolfo e azoto • Reagisce con forti ossidanti e acidi

2-METILPIRIDINA
109-06-8

La sostanza si decompone per forte riscaldamento producendo fumi tossici (ossidi di azoto) • Reagisce con ossidanti e acidi forti • Attacca il rame e le sue leghe

3

3-METILPIRIDINA
108-99-6

La sostanza si decompone per forte riscaldamento producendo fumi tossici (ossidi di azoto) • Reagisce con ossidanti e acidi forti

3

4-METILPIRIDINA
108-89-4

La sostanza si decompone per forte riscaldamento producendo fumi tossici (ossidi di azoto) • Reagisce con ossidanti e acidi forti

3

1-METIL-2-PIRROLIDONE
872-50-4

La sostanza si decompone per forte riscaldamento sopra 315 °C producendo fumi tossici • Reagisce con acidi forti • Attacca l'alluminio

MORFOLINA
110-91-8

La sostanza si decompone per forte riscaldamento producendo fumi tossici (ossidi di azoto) • La sostanza è una base debole • Reagisce con forti ossidanti causando pericolo di incendio • Attacca il rame e i suoi composti

3

NICOTINA
54-11-5

La sostanza si decompone per forte riscaldamento producendo fumi tossici • Reagisce violentemente con forti ossidanti • Attacca la gomma e alcune plastiche

TARTRATO DI NICOTINA
65-31-6

Con questa sostanza si formano composti sensibili agli urti • La sostanza si decompone per forte riscaldamento producendo fumi tossici • La sostanza è un forte agente riducente e reagisce con ossidanti

6.1

FENOTIAZINA
92-84-2

La sostanza si decompone per forte riscaldamento e per combustione producendo fumi tossici e irritanti contenenti ossidi di azoto e ossidi di zolfo

FENILENEPIRENE
193-39-5

Al riscaldamento si formano fumi tossici

PIPERAZINA
110-85-0

8

piperidina
110-89-4

Il vapore è più pesante dell'aria e può viaggiare lungo il suolo; possibile accensione a distanza

La sostanza si decompone per forte riscaldamento e per combustione producendo gas tossici quali ossidi di azoto • La sostanza è una base medio forte • Reagisce violentemente con ossidanti

3 / 8

PROPILENE IMINA
75-55-8

3

PIRIDINA
110-86-1

Il vapore è più pesante dell'aria e può viaggiare lungo il suolo; possibile accensione a distanza

Alla combustione, forma fumi tossici (ammine) • La sostanza si decompone per forte riscaldamento o per combustione producendo fumi tossici (ossidi di azoto e acido cianidrico) • Reagisce violentemente con forti ossidanti e acidi forti

3

PIRROLIDINA
123-75-1

3 / 8

2-PIRROLIDINONE
616-45-5

La sostanza si decompone per forte riscaldamento producendo fumi tossici • Reagisce con acidi forti cf • metilpirrolidone • Attacca alluminio

CHINOLINA
91-22-5

La sostanza si decompone per forte riscaldamento e per combustione producendo fumi tossici di ossidi di azoto • Reagisce con forti ossidanti e anidride maleina

6.1

TETRAIDROTIOFENE
110-01-0

Il vapore è più pesante dell'aria e può viaggiare lungo il suolo; possibile accensione a distanza

Alla combustione forma fumi tossici • Reagisce violentemente con i forti ossidanti e l'acido nitrico • Attacca la gomma

3

tiofene
110-02-1

Il vapore è più pesante dell'aria e può viaggiare lungo il suolo; possibile accensione a distanza • In seguito a flusso, agitazione, ecc., possono essere generate cariche elettrostatiche

La sostanza si decompone per forte riscaldamento e per combustione producendo fumi tossici e irritanti (ossidi di zolfo) • Reagisce violentemente con materiali ossidanti, incluso acido nitrico fumante

3

2-vinilpiridina
100-69-6

6.1 / 3

Per la classe UN: 1.5 = sostanze molto insensibili che presentano un rischio di esplosione di massa; 2.1 = gas infiammabile; 2.3 = gas tossico; 3 = liquido infiammabile; 4.1 = solido infiammabile; 4.2 = materia soggetta a combustione spontanea; 4.3 = sostanza che a contatto con l'acqua sviluppa gas infiammabili; 5.1 = sostanza comburente; 6.1 = tossico; 7 = radioattivo; 8 = sostanza corrosiva

 

Di ritorno

Domenica, Agosto 07 2011 06: 37

Composti eterociclici: rischi per la salute

Nome chimico

Numero CAS

Esposizione ICSC a breve termine

Esposizione ICSC a lungo termine

ICSC Vie di esposizione e sintomi

US NIOSH Organi bersaglio e vie di ingresso

Sintomi NIOSH USA

2-AMINOPIRIDINA 504-29-0

Inalazione: convulsioni, vertigini, mal di testa, nausea, fiato corto, debolezza, aumento della pressione sanguigna, collasso

SNC; resp sys Inh; addominali; ing; con

Irrita occhi, naso, gola; testa, vertigini, eccitazione; nau; pressione alta; resp angoscia; debole; convulsioni; stupore

ACIDO 3,6-DICLOROPICOLINICO 1702-17-6

occhi; ris tratto

fegato; reni

Inalazione: tosse, ottusità

2-MERCAPTOBENZOTIAZOLO 149-30-4

occhi

pelle

Inalazione: tosse

Pelle: arrossamento

Occhi: arrossamento, dolore

DISOLFURO DI 2-MERCAPTOBENZOTIAZOLO 120-78-5

occhi; pelle; ris tratto

pelle

Inalazione: tosse, mal di gola

Pelle: può essere assorbito, arrossamento

Occhi: arrossamento

2-METILPIRIDINA 109-06-8

occhi; pelle; ris tratto

pelle; SNC

Inalazione: sensazione di bruciore, tosse, vertigini, sonnolenza, mal di testa, respiro affannoso, nausea, mal di gola, perdita di coscienza, debolezza

Pelle: può essere assorbito, pelle secca, arrossamento, sensazione di bruciore, dolore, vesciche

Occhi: dolore, visione offuscata, gravi ustioni profonde

Ingestione: dolore addominale, sensazione di bruciore, diarrea, vomito

3-METILPIRIDINA 108-99-6

occhi; pelle; ris tratto

pelle; SNC

Inalazione: sensazione di bruciore, tosse, vertigini, sonnolenza, mal di testa, respiro affannoso, nausea, mal di gola, perdita di coscienza, debolezza

Pelle: può essere assorbito, pelle secca, arrossamento, sensazione di bruciore, dolore, vesciche

Occhi: dolore, visione offuscata, gravi ustioni profonde

Ingestione: dolore addominale, sensazione di bruciore, diarrea, vomito

4-METILPIRIDINA 108-89-4

occhi; pelle; ris tratto

pelle; SNC

Inalazione: sensazione di bruciore, tosse, vertigini, sonnolenza, mal di testa, respiro affannoso, nausea, mal di gola, perdita di coscienza, debolezza

Pelle: può essere assorbito, pelle secca, arrossamento, sensazione di bruciore, dolore, vesciche

Occhi: dolore, visione offuscata, gravi ustioni profonde

Ingestione: dolore addominale, sensazione di bruciore, diarrea, vomito

1-METHYL-2-PYRROLIDONE     872-50-4

resp tratto; occhi

polmoni; midollo osseo; sistema linfatico

Inalazione: tosse, respiro affannoso

Pelle: può essere assorbito

Occhi: arrossamento, dolore, visione offuscata, perdita della vista; crampi addominali, diarrea, respiro affannoso

MORFOLINA 110-91-8

occhi; pelle; resp tratto; polmoni

fegato; reni

Inalazione: Ingestione: sensazione di bruciore, tosse, respiro affannoso, respiro corto, mal di gola

Pelle: può essere assorbito, arrossamento, ustioni cutanee, dolore

Occhi: arrossamento, dolore, visione offuscata

Ingestione: dolori addominali, tosse, diarrea, vomito

Resp sys; occhi; pelle; fegato; reni Inh; addominali; ing; con

Irrita occhi, pelle, naso, sistema respiratorio; vis dist; tosse; negli animali: fegato, danno renale

NICOTINA 54-11-5

Inalazione: dolori addominali, mal di testa, nausea, vomito, tremori, convulsioni,

SNC; CVS; polmoni; tratto gastrointestinale; sistema di riproduzione Inh; addominali; ing; con

Nau, salv, mal di pancia, vomito, diarr; capo, capogiro, udito, vis dist; conf, debole, inco; fibrilla atriale parossistica; convulsioni, disp; negli animali: effetti terato

NICOTINA TARTRATO 65-31-6

occhi; pelle; SNC

Inalazione: dolori addominali, mal di testa, nausea, vomito, tremori, convulsioni

Pelle: può essere assorbito

Occhi: arrossamento, dolore

FENOTIAZINA 92-84-2

occhi; pelle; resp tratto; sangue; fegato

pelle

Inalazione: tosse, mal di gola

Pelle: può essere assorbito, arrossamento, dolore, prurito, pelle di colore giallo-marrone

Occhi: arrossamento, dolore, visione offuscata

Pelle; CVS; fegato; reni Inh; addominali; ing; con

Prurito, irritazione, arrossamento della pelle; epatite, anemia emolitica, crampi addominali, tacar; danno ai reni; pelle fotosens

FENILENEPIRENE 193-39-5

Pelle: può essere assorbito

PIPERIDINA 110-89-4

Inalazione: sensazione di bruciore, tosse, respiro affannoso

PROPILENE IMINA 75-55-8

occhi; pelle; resp tratto; polmoni ; SNC

pelle

Inalazione: tosse, vertigini, mal di testa, respiro affannoso, respiro corto, perdita di coscienza

Pelle: può essere assorbito, arrossamento, ustioni cutanee, prurito, vesciche

Occhi: arrossamento, dolore, visione offuscata

Ingestione: sensazione di bruciore all'apparato digerente, vertigini, mal di testa, nausea, vomito

Occhi; pelle (negli animali: tumori nasali) Inh; addominali; ing; con

Occhio, ustioni della pelle; (carc)

PIRIDINA 110-86-1

occhi; pelle; resp tratto; tratto gastrointestinale; SNC; CVS

pelle; fegato; reni

Inalazione: tosse, vertigini, mal di testa, nausea, respiro corto, perdita di coscienza

Pelle: può essere assorbito, arrossamento

Occhi: arrossamento, dolore

Ingestione: dolore addominale, diarrea, vomito, debolezza

Occhi; pelle; SNC; fegato; reni; tratto gastrointestinale Inh; addominali; ing; con

Occhi irritati; testa, ner, vertigine, insom; nau, anor, derm; fegato, danno renale

2-PIRROLIDINONE 616-45-5

occhi

CHINOLINA 91-22-5

occhi; resp tratto; SNC

fegato; reni; retina

Inalazione: tosse, respiro affannoso, nausea, fiato corto, vomito, debolezza

Pelle: può essere assorbito, arrossamento, ustioni della pelle

Occhi: arrossamento, dolore, visione offuscata

TETRAIDROTIOFENE 110-01-0

occhi; pelle; resp tratto; SNC

pelle

Inalazione: sensazione di bruciore, tosse, mal di testa, mal di gola

Pelle: può essere assorbito, pelle secca, arrossamento, sensazione di bruciore

Occhi: arrossamento, dolore, occhi

Ingestione: dolore addominale

TIOFENE 110-02-1

occhi; pelle; ris tratto

Inalazione: tosse, mal di gola

Pelle: può essere assorbito

Occhi: arrossamento, dolore

 

Di ritorno

Domenica, Agosto 07 2011 06: 35

Composti eterociclici: identificazione chimica

Formula chimica

Chemical

Sinonimi
Codice UN

Numero CAS

1888911

N-ACETILCAPROLATTAM

Acetilcaprolattame;
2H-Azepin-2-one, 1-acetilesaidro-

1888-91-1

260946

ACRIDINA

Benzo(b)chinolina;
2,3-benzochinolina;
Dibenzo(b,e)piridina
UN2713

260-94-6

140318

N-AMINOETILPIPERAZINA

N-(2-Amminoetil)piperazina;
1-(2-amminoetil)piperazina
UN2815

140-31-8

504290

2-aminopyridine

o-Amminopiridina;
a-amminopiridina;
2-amminopiridina;
Ammino-2-piridina;
a-piridinamina;
a-piridilammina;
2-piridilammina
UN2671

504-29-0

91769

BENZOGUANAMINA

4,6-diammino-2-fenil-s-triazina;
2-fenil-4,6-diammino-s-triazina;
2-fenil-4,6-diammino-1,3,5-triazina

91-76-9

95147

1,2,3-BENZOTRIAZOLO

1,2,-amminozofenilene;
Aziminobenzene;
benzene azimmide;
Benzisotriazolo;
1,2,3-benzotriazolo;
Benztriazolo;
1H-Triazaindene

95-14-7

91645

CUMARINA

91-64-5

194592

3,4,5,6-DIBENZOCARBAZOLO

3,4,5,6-dibenzcarbazolo;
3,4,5,6-dinaftacarbazolo;
7H-Dibenzo(C,G)carbazolo

194-59-2

1702176

ACIDO 3,6-DICLOROPICOLONIC

acido 3,6-dicloro-2-piridincarbossilico;
Acido 2-piridinacarbossilico, 3,6-dicloro-

1702-17-6

100743

N-ETILMORFOLINA

4-etilmorfolina

100-74-3

149304

2-MERCAPTOBENZOTIAZOLO

benzotiazolo-2-tione;
2(3H)-benzotiazolotione;
2-benzotiazolil mercaptano;
Mercaptobenzotiazolo;
2-mercaptobenzotiazolo

149-30-4

120785

DISOLFURO DI 2-MERCAPTOBENZOTIAZOLO

2-benzotiazolil disolfuro;
disolfuro di benzotiazile;
Bis(benzotiazolil) disolfuro;
Bis(2-benzotiazil) disolfuro;
dibenzotiazolil disolfuro;
dibenzotiazil disolfuro;
dibenzoiltiazil disolfuro;
dibenztiazil disolfuro;
2,2'-Ditiobis(benzotiazolo);
2-mercaptobenzotiazolo disolfuro;
2-mercaptobenzotiazildisolfuro

120-78-5

109024

N-METILMORFOLINA

Metilmorfolina;
4-metilmorfolina
UN2535

109-02-4

872504

1-METIL-2-PIRROLIDINONE

N-metilpirrolidinone;
N-Metil-2-pirrolidinone;
1-metil-5-pirrolidinone;
N-metilpirrolidone;
N-metil-a-pirrolidone;
1-metil-2-pirrolidone

872-50-4

109068

2-METILPIRIDINA

a-metilpiridina;
2-picolina;
a-Picolina

109-06-8

108996

3-METILPIRIDINA

3-picolina

108-99-6

108894

4-METILPIRIDINA

g-picolina;
4-picolina

108-89-4

110918

MORFOLINA

Ossido di dietilenimmide;
immidossido di dietilene;
Dietilossimmide;
Ossido di dietilenimmide;
Drwamina;
p-isossazina, tetraidro-;
Tetraidro-;
Tetraidro-1,4-isossazina;
Tetraidro-1,4-ossazina
UN2054

110-91-8

54115

NICOTINA

1-Metil-2-(3-piridil)pirrolidina;
3-(N-Metilpirrolidino)piridina;
L-nicotina;
3-(Tetraidro-1-metilpirrolo-2-ile);
a-piridil-aN-metilpirrolidina;
Pirrolidina, 1-Metil-2-(3-piridale)-;
Tetraidronicotirina
UN1654

54-11-5

65316

TARTRATO DI NICOTINA

Tartrato acido di nicotina;
Bitartrato di nicotina;
Tartrato di idrogeno di nicotina
UN1659

65-31-6

16543558

N-NITROSONORNICOTINA

1'-nitroso-1'-demetilnicotina;
1-nitroso-2-(3-piridil)pirrolidina;
3-(1-nitroso-2-pirrolidinil)piridina;
Piridina, 3-(1-nitroso-2-pirrolidinil)-, (s)-

16543-55-8

94780

FENAZOPIRIDINA

2,6-diammino-3-fenilazopiridina;
fenazodina;
3-(fenilazo)-2,6-piridindiammina;
fenazopiridina;
2,6-piridindiammina, 3-(fenilazo)-;
Piridio;
Piripiridio

94-78-0

92842

FENOTIAZINA

Dibenzoparatiazina;
Dibenzotiazina;
Dibenzo-1,4-tiazina

92-84-2

193395

FENILENEPIRENE

indeno(1,2,3-CD)pirene;
o-fenilenpirene;
2,3-;
2,3-o-fenilenpirene;
1,10- ((o-fenilene)pirene;
1,10-(1,2-fenilene)pirene

193-39-5

110850

PIPERAZINA

1,4-Dietilendiammina;
esaidro-1,4-diazina;
esaidropirazina;
Piperazidina;
Piperazina ;
Piperazina, anidra;
Esaidruro di pirazina
UN2579

110-85-0

142643

PIPERAZINA DIIDROCLORURO

Sale dicloridrato di dietilendiammina;
Dowzene DHC;
Piperazina cloridrato

142-64-3

110894

piperidina

Azacicloesano;
Ciclopentimina;
Esaidropiridina;
esasano;
Pentametilenimmina;
pentametilenimmina;
Piperidina ;
Piridina, esaidro-
UN2401

110-89-4

1120714

1,3-PROPANO SULTONE

acido 3-idrossi-1-propansolfonico solfone;
sultone dell'acido 3-idrossi-1-propansolfonico;
1,2-ossatrolano 2,2-diossido

1120-71-4

75558

PROPILENE IMINA

2-metilazaciclopropano;
2-Metilaziridina;
metiletilenimmina;
2-metiletilenimmina;
immina di propilene;
1,2-propilenimmina
UN1921

75-55-8

110861

PIRIDINA

UN1282

110-86-1

289952

pirimidina

1,3-diazabenzene;
m-Diazina;
Metadiazina

289-95-2

123751

PIRROLIDINA

Azaciclopentano;
azolidina;
Prolamina;
Pirrolo, tetraidro-;
pirrolidina;
Tetraidropirrolo;
Tetrametilenimmina
UN1922

123-75-1

616455

2-PIRROLIDINONE

Lattame dell'acido 4-amminobutirrico;
Butirrolattame;
2-ossopirrolidina;
a-Pirrolidinone;
pirrolidone;
2-pirrolidone

616-45-5

91225

CHINOLINA

1-azanaftalene;
1-benzina;
1-benzina;
benzo(b)piridina;
chinolina
UN2656

91-22-5

126330

SULFOLANO

Tetrametilensolfone ciclico;
Ciclotetrametilen solfone;
Diidrobutadiene solfone;
1,1-diossidotetraidrotiofurano;
1,1-diossidotetraidrotiofene;
Sulfalone;
Sulfolano;
Biossido di tetraidrotiofene

126-33-0

110010

TETRAIDROTIOFENE

Tetraidrotiofene;
Tetrametilen solfuro;
tiaciclopentano;
Thilano;
Tiofane
UN2412

110-01-0

110021

tiofene

divinilene solfuro;
Tiaciclopentadiene;
tiafene;
tiofurano;
tiofurame;
tiofurfurano;
tiolo;
Tiofene
UN2414

110-02-1

100696

2-vinilpiridina

100-69-6

 

Di ritorno

Nome chimico
Numero CAS

Colore/Forma

Punto di ebollizione (°C)

Punto di fusione (°C)

Peso molecolare

Solubilità in acqua

Densità relativa (acqua=1)

Densità di vapore relativa (aria=1)

Pressione di vapore/ (Kpa)

Infiamma.
Limiti

Punto di infiammabilità (°C)

Punto di autoaccensione (°C)

BROMO
7726-95-6

liquido bruno-rossastro scuro; vapore bruno-rossastro; cristalli romboidali

58.78

all'7.25 ottobre

159.808

3.58 gr/100ml

@25°C/4°C

a 15 °C

23.3

PENTAFLUORURO DI BROMO
7789-30-2

liquido incolore; gas incolore superiore a 40.3 °C

40.76

all'60.5 ottobre

174.90

reagisce

a 25 °C

6.05

a 25.5 °C

FLUORURO DI CARBONILE
353-50-4

gas incolore

all'83 ottobre

all'114 ottobre

66.01

reagisce

a 25 °C

2.3

CLORO
7782-50-5

gas biatomico giallo-verdastro

all'34.6 ottobre

all'100.98 ottobre

70.906

a 30 °C

1.4085; 6.864 atm

2.5

638

OSSIDO DI CLORO
10049-04-4

gas da giallo a giallo rossastro a temperatura ambiente; il biossido di cloro solido è una massa cristallina rosso-giallastra; il liquido è bruno-rossastro

11

all'59 ottobre

67.46

@ 25 °C e 34.5 mmHg

a 0 °C

2.3

10

> 10

TRIFLUORURO DI CLORO
7790-91-2

gas incolore; il liquido è di colore giallo-verde; solido è bianco

11.75

all'76.34 ottobre

92.46

reagisce

a 13 °C

3.18

a -4.9 °C; 740 mmHg

FLUORITE
7782-41-4

giallo pallido; gas giallo verdastro

all'188.13 ottobre

all'219.61 ottobre

37.99

reagisce

a -188.2 °C

1.3

a -223.0 °C; 10 mmHg

FLUORURO DI IDROGENO
7664-39-3

liquido incolore

20

all'83 ottobre

20.0

misc

a 19.54 °C

a 0 °C

a 2.5 °C

IODIO
7553-56-2

squame o placche nero-bluastre; biatomico; cristalli rombici, viola-neri con lucentezza metallica

184.35

113.50

253.81

@ 25 °C (solido)

6.75 g/l (gas)

@ 38.7 °C (solido)

CLORURO DI AZOTO
10025-85-1

olio giallo o cristalli romboidali

<71

<-40

120.37

insol acqua fredda, decompone l'acqua calda

1.653

TRIFLUORURO DI AZOTO
7783-54-2

gas incolore

all'129 ottobre

all'208.5 ottobre

71.01

sl sol

@ -129 °C (liquido)

DIFLUORURO DI OSSIGENO
7783-41-7

gas incolore; bruno-giallastro quando liquido

all'144.8 ottobre

all'223.8 ottobre

54.00

insol acqua calda; sl sol e decompone l'acqua fredda

@ -233.8 °C (liquido)

1.8

a -144.6 °C

FLUORURO DI PERCLORYL
7616-94-6

gas incolore

all'46.8 ottobre

all'146 ottobre

102.45

misc

0.637 (gas); 1.434 (liquido)

3.5

1.06

FOSGENE
75-44-5

gas incolore

8

all'118 ottobre

98.92

sl sol

1.381

3.4

161.6

PENTABROMIDE DI FOSFORO
7789-69-7

massa cristallina gialla

106 decomposizione

430.49

decompone

TRIBROMURO DI FOSFORO
7789-60-8

liquido incolore; liquido giallo pallido

173.2

all'41.5 ottobre

270.73

a 15 °C

a 47.8 °C

ESAFLUOROSILICATO DI SODIO
16893-85-9

polvere granulare bianca

188.05

sol

2.68

CLORURO DI ZOLFO
10025-67-9

liquido oleoso da ambra chiaro a rosso giallastro

135.6

all'77 ottobre

135.03

reagisce

a 15.5 °C/15.5 °C

4.66

0.906

118 cc

234

DICLORURO DI ZOLFO
10545-99-0

liquido rosso scuro; *liquido bruno-rossastro

59 (decomposizione)

all'78 ottobre

102.96

@15°C/15°C

3.55

a -23 °C

ESAFLUORURO DI ZOLFO
2551-62-4

gas incolore; liquido a -50.5 °C

-63.8 sublimi

all'50.8 ottobre

146.06

sl sol

@ -50 °C (liquido)

5.1

2140

FLUORURO DI SOLFURIL
2699-79-8

gas incolore

all'55.38 ottobre

all'135.82 ottobre

102.07

4-5 ml di gas/100 ml

3.72 g/l (gas), 1.7 g/l (liquido)

3.5

a 25 °C

 

Di ritorno

Nome chimico
Numero CAS

Fisico

Chemical

Classe o Divisione ONU / Rischi sussidiari

BROMO
7726-95-6

Il vapore è più pesante dell'aria

Per riscaldamento si formano fumi tossici • La sostanza è un forte ossidante e reagisce violentemente con materiali combustibili e riducenti • Reagisce violentemente con ammoniaca acquosa, ossidanti, metalli, composti organici e fosforo causando pericolo di incendio ed esplosione • Attacca alcune forme di plastica, gomma e rivestimenti

3 / 6.1

PENTAFLUORURO DI BROMO
7789-30-2

Il vapore è più pesante dell'aria

La sostanza si decompone per forte riscaldamento superiore a 460 °C e per contatto con acidi o fumi acidi producendo fumi molto tossici di fluoro e bromo • Reagisce violentemente con combustibili e composti organici, materiale contenente idrogeno (come ammoniaca, acido acetico, grasso, carta) causando pericolo di incendio ed esplosione • Reagisce in modo esplosivo con acqua o vapore producendo fumi tossici e corrosivi • Reagisce con tutti gli elementi conosciuti, eccetto azoto, ossigeno e gas rari

5.1 / 6.1 / 8

FLUORURO DI CARBONILE
353-50-4

Il gas è più pesante dell'aria

La sostanza si decompone per forte riscaldamento a 450-490 °C producendo gas tossici • Idrolizzato rapidamente dall'acqua per formare anidride carbonica e acido fluoridrico

2.3 / 8

CLORO
7782-50-5

Il gas è più pesante dell'aria

Reagisce violentemente con molti composti organici, ammoniaca e metalli finemente suddivisi causando pericolo di incendio ed esplosione • Attacca molti metalli in presenza di acqua • Attacca plastica, gomma e rivestimenti

2.3 / 5.1 / 8

OSSIDO DI CLORO
10049-04-4

Il gas è più pesante dell'aria

Può decomporsi in modo esplosivo per urto, attrito o scuotimento • Può esplodere per riscaldamento • La sostanza è un forte ossidante e reagisce violentemente con materiali combustibili e riducenti • Reagisce violentemente con mercurio, fosforo, zolfo e molti composti, causando pericolo di incendio e esplosione • Reagisce con acqua che produce acido cloridrico e acido clorico

TRIFLUORURO DI CLORO
7790-91-2

Il gas è più pesante dell'aria e corrosivo

La sostanza si decompone a temperatura superiore a 220 °C producendo gas tossici (composti di cloro e fluoro) • Reagisce violentemente con acqua, sabbia, composti contenenti silicio, vetro e amianto • Reagisce con tutte le forme di plastica, gomma e resine, eccetto quelle altamente fluorurate polimeri • La maggior parte dei materiali combustibili si accende spontaneamente a contatto con questa sostanza • Reagisce violentemente con materiali ossidabili, metalli e ossidi metallici • Esplode a contatto con materiali organici • Emette fumi altamente tossici a contatto con acidi

2.3 / 5.1 / 8

FLUORITE
7782-41-4

Il gas è più pesante dell'aria

La sostanza è un forte ossidante e reagisce violentemente con materiali combustibili e riducenti • Reagisce violentemente con acqua producendo vapori tossici e corrosivi: ozono e acido fluoridrico • Reagisce violentemente con ammoniaca, metalli, ossidanti e molti altri materiali, causando pericolo di incendio e esplosione

2.3 / 5.1 / 8

BROMURO DI IDROGENO
10035-10-6

Il gas è più pesante dell'aria

La soluzione in acqua è un acido forte, reagisce violentemente con le basi ed è corrosiva • Reagisce violentemente con forti ossidanti e molti composti organici causando pericolo di incendio ed esplosione • Attacca molti metalli formando gas idrogeno infiammabile

8

FLUORURO DI IDROGENO
7664-39-3

La soluzione in acqua è un acido forte, reagisce violentemente con le basi ed è corrosiva • Reagisce violentemente con molti composti causando pericolo di incendio ed esplosione • A contatto con l'aria emette fumi corrosivi più pesanti dell'aria e si propagano al suolo • Attacca vetro e altri composti contenenti silicio

3 / 6.1

TRIFLUORURO DI AZOTO
7783-54-2

2.3 / 5.1

DIFLUORURO DI OSSIGENO
7783-41-7

Il gas è più pesante dell'aria

La sostanza si decompone per forte riscaldamento superiore a 250 °C producendo fumi tossici (fluoro) • La sostanza è un forte ossidante e reagisce violentemente con materiali combustibili e riducenti • Reagisce in modo esplosivo con idrogeno solforato a temperatura ambiente, con cloro, bromo o iodio al riscaldamento • Attacca mercurio • Esplode a contatto con il vapore • La reazione del difluoruro di ossigeno con non metalli come fosforo rosso e polvere di boro e silice, allumina o simili solidi tensioattivi è esotermica e può essere esplosiva

2.3 / 5.1 / 8

FLUORURO DI PERCLORYL
7616-94-6

La sostanza si decompone per forte riscaldamento producendo fumi tossici (fluoro, ossidi di fluoro, cloro, ossidi di cloro) • La sostanza è un forte ossidante e reagisce violentemente con materiali combustibili e riducenti, causando pericolo di incendio e esplosione • Attacca alcune forme di plastica, gomma e rivestimenti

2.3 / 5.1

FOSGENE
75-44-5

Il vapore è più pesante dell'aria e può viaggiare lungo il terreno

La sostanza si decompone per forte riscaldamento sopra i 300 °C producendo gas tossici e corrosivi: acido cloridrico e monossido di carbonio, fumi di cloro • Reagisce violentemente con forti ossidanti • Reagisce lentamente con acqua producendo gas corrosivi, pungenti e tossici • Reagisce violentemente con ammine, con alluminio • Attacca molti metalli in presenza di acqua • Attacca metallo, plastica, gomma

2.3 / 8

PENTABROMIDE DI FOSFORO
7789-69-7

8

TRIBROMURO DI FOSFORO
7789-60-8

8

CLORURO DI ZOLFO
10025-67-9

Alla combustione, forma gas e vapori tossici (come acido cloridrico, anidride solforosa, idrogeno solforato) • La sostanza si decompone in cloro gassoso e zolfo solido per riscaldamento superiore a 300 °C • Reagisce con perossidi, ossidi di fosforo e alcuni composti organici, causando pericolo di incendio ed esplosione • Reagisce con l'aria umida formando vapori corrosivi (acido cloridrico) • Il contatto con l'acqua provoca una reazione violenta, formando gas di acido cloridrico (o acido cloridrico), anidride solforosa, zolfo, solfito, tiosolfato e acido solfidrico, che può corrodere i contenitori metallici e formare gas idrogeno infiammabile

8

DICLORURO DI ZOLFO
10545-99-0

8

ESAFLUORURO DI ZOLFO
2551-62-4

Il gas è più pesante dell'aria e può accumularsi negli spazi del soffitto basso causando carenza di ossigeno

La sostanza si decompone in caso d'incendio producendo fumi tossici di ossidi di zolfo e acido fluoridrico • a contatto con superfici calde producendo S02 • Per riscaldamento si formano fumi tossici • Reagisce con forti ossidanti e alcali e alcali terrosi

2.2

FLUORURO SULPHURYL
2699-79-8

2.3

Per la classe UN: 1.5 = sostanze molto insensibili che presentano un rischio di esplosione di massa; 2.1 = gas infiammabile; 2.3 = gas tossico; 3 = liquido infiammabile; 4.1 = solido infiammabile; 4.2 = materia soggetta a combustione spontanea; 4.3 = sostanza che a contatto con l'acqua sviluppa gas infiammabili; 5.1 = sostanza comburente; 6.1 = tossico; 7 = radioattivo; 8 = sostanza corrosiva

 

Di ritorno

Domenica, Agosto 07 2011 06: 26

Alogeni e loro composti: rischi per la salute

Nome chimico

Numero CAS

Esposizione ICSC a breve termine

Esposizione ICSC a lungo termine

ICSC Vie di esposizione e sintomi

US NIOSH Organi bersaglio e vie di ingresso

Sintomi NIOSH USA

BROMO 7726-95-6

occhi; pelle; resp tratto; polmoni

pelle; polmoni

Inalazione: corrosivo, sensazione di bruciore, tosse, vertigini, mal di testa, respiro affannoso, mal di gola

Pelle: corrosiva, arrossamento, ustioni cutanee, dolore

Occhi: corrosivo, arrossamento, dolore, gravi ustioni profonde

Ingestione: corrosivo, crampi addominali, sensazione di bruciore, mal di gola, collasso

Resp sys; occhi; SNC; pelle Inh; ing; con

Capogiro, testa; lac, epis; tosse, sensazione di oppressione, edema del polmone, pneu; dolore addominale, diarr; eruzioni simili al morbillo; occhio, ustioni della pelle

PENTAFLUORURO DI BROMO 7789-30-2

occhi; pelle; resp tratto; polmoni

fegato; reni; ris tratto

Inalazione: sensazione di bruciore, tosse, fiato corto, mal di gola

Pelle: ustioni cutanee, dolore, vesciche

Occhi: dolore, visione offuscata, gravi ustioni profonde

Ingestione: dolore addominale, sensazione di bruciore

Occhi; pelle; resp sys; fegato; reni Inh; ing; con

Irritare gli occhi, la pelle e il sistema respiratorio; mais collo; ustioni della pelle; tosse; disp, edema del polmone; fegato, rene inj

FLUORURO DI CARBONILE 353-50-4

occhi; pelle; resp tratto; polmoni; pelle

sangue

Inalazione: tosse, respiro affannoso, mal di gola, i sintomi possono essere ritardati

Pelle: arrossamento, a contatto con il liquido: congelamento

Occhi: arrossamento

Occhi; pelle; resp sys; osso Inh; con

Irrita gli occhi, la pelle, il muco, il sistema respiratorio; occhi, ustioni della pelle; lacca; tosse; edema del polmone, disp; esposizione cronica: dolore gastrointestinale, fibrosi muscolare, fluorosi scheletrica; liq: congelamento

CLORO 7782-50-5

occhi; pelle; resp tratto; polmoni; pelle

polmoni

Inalazione: corrosivo, sensazione di bruciore, tosse, mal di testa, respiro affannoso, nausea, fiato corto, mal di gola, i sintomi possono essere ritardati

Pelle: corrosiva, ustioni cutanee, dolore

Occhi: corrosivo, dolore, visione offuscata, gravi ustioni profonde

Resp sys, occhi, pelle Inh; con

Bruciore di occhi, naso, bocca; lac, reno; tosse, soffocamento, dolore sottomarino; nau, vomito; testa, vertigini; sincope; edema del polmone; pneumatico; ipossia; derma; liq: congelamento

OSSIDO DI CLORO 10049-04-4

occhi; pelle; resp tratto; polmoni; pelle

polmoni

Inalazione: corrosivo, tosse, mal di testa, respiro affannoso, nausea, fiato corto, mal di gola, i sintomi possono essere ritardati

Pelle: corrosiva, arrossamento, gravi ustioni cutanee, dolore

Resp sys; occhi Inh; ing (liquido); con

Irrita occhi, naso, gola; tosse, respiro sibilante, bron, edema del polmone; bron cronico

TRIFLUORURO DI CLORO 7790-91-2

occhi; pelle; resp tratto; polmoni

Inalazione: tosse, respiro affannoso, mal di gola

Pelle: corrosiva, arrossamento, gravi ustioni cutanee, dolore

Occhi: perdita permanente della vista, gravi ustioni profonde, cecità

Pelle; occhi; resp sys Inh; ing (liquido); con

Ustioni agli occhi, alla pelle (liq o high vap conc); resp irritato; negli animali: lac; ulcera del mais; edema del polmone

FLUORO 7782-41-4

occhi; pelle; resp tratto; polmoni

pelle

Inalazione: corrosivo, tosse, fiato corto, mal di gola, soffocamento

Pelle: corrosivo, arrossamento, gravi ustioni cutanee, a contatto con il liquido: congelamento

Occhi: arrossamento, gravi ustioni profonde

Resp sys; occhi; fegato; reni Inh; con

Irrita occhi, naso, resp sys; spasmo lare, spasmo bron; edema del polmone; occhi, ustioni della pelle; negli animali: fegato, danno renale

FLUORURO DI IDROGENO 7664-39-3

occhi; pelle; resp tratto; polmoni

Inalazione: tosse, respiro affannoso, mal di gola, i sintomi possono avere effetti ritardati

Pelle: può essere assorbito, gravi ustioni cutanee

Occhi: arrossamento, dolore, visione offuscata

Ingestione: dolori addominali, diarrea, mal di gola, vomito, i sintomi possono avere effetti ritardati

Occhi; resp sys; pelle; osso Inh; addominali (liq); ing (soln); con

Irrita occhi, pelle, naso, gola; edema del polmone; occhi, ustioni della pelle; rinite; bron; alterazioni ossee

DIFLUORURO DI OSSIGENO 7783-41-7

occhi; pelle; resp tratto; polmoni

Inalazione: tosse, respiro affannoso, mal di gola

Pelle: a contatto con il liquido: congelamento

Resp sys; occhi; pelle Inh; con

Irritare gli occhi, la pelle e il sistema respiratorio; testa; edema del polmone; occhi, ustioni della pelle (dal contatto con il gas sotto pressione)

FLUORURO DI PERCLORYL 7616-94-6

resp tratto; pelle

sangue

Inalazione: mal di testa

Pelle: a contatto con il liquido: congelamento

Occhi: gravi ustioni profonde

Resp sys; pelle; sangue Inh; con (liquido)

Irrit resp sys; liq: congelamento; negli animali: methemo; ciano; debole; capogiro, testa; edema del polmone; polmonite; anossia

FOSGENE 75-44-5

occhi; pelle; resp tratto; polmoni

polmoni

Inalazione: corrosivo, sensazione di bruciore, tosse, respiro affannoso, respiro corto, mal di gola

Resp sys; pelle; occhi Inh; con (liquido)

Occhi irritati; gola secca e bruciante; vomito; tosse, espettorato schiumoso, disp, dolore toracico, ciano; liq: congelamento

CLORURO DI ZOLFO 10025-67-9

occhi; pelle; resp tratto; polmoni; corrosivo per ingestione

pelle

Inalazione: sensazione di bruciore, tosse, mal di testa, respiro affannoso, nausea, vomito

Pelle: arrossamento, ustioni cutanee, sensazione di bruciore, dolore, vesciche

Occhi: arrossamento, dolore, gravi ustioni profonde

Resp sys; pelle; occhi Inh; ing; con

Irrita occhi, pelle, muco; lacca; tosse; occhi, ustioni della pelle; edema del polmone

ESAFLUORURO DI ZOLFO 2551-62-4

pelle

Pelle: a contatto con il liquido: congelamento

Occhi: danni alla cornea

Resp sis Inh

Asphy: aumento della frequenza respiratoria, della frequenza cardiaca; leggero musc inco, turbamento emotivo; ftg, nau, vomito, convulsioni

PENTAFLUORURO DI ZOLFO 5714-22-7

Resp sys; SNC; occhi; pelle Inh; ing; con

Irrita ey, skin, resp sys; negli animali: edema del polmone, emorragia

 

Di ritorno

Formula chimica

Chemical

Sinonimi
Codice UN

Numero CAS

7726956

BROMO

Bromo
UN1744

7726-95-6

7789302

PENTAFLUORURO DI BROMO

Pentafluoruro di bromo
UN1745

7789-30-2

7789755

FLUORO DI CALCIO

7789-75-5

353504

FLUORURO DI CARBONILE

Ossido di fluoruro di carbonio;
Ossido di fluoruro di carbonio;
fluoruro di carbonio;
Difluoruro di carbonile;
difluoroformaldeide;
Fluofosgene;
Fluoroformil fluoruro;
Fluorofosgene
UN2417

353-50-4

7782505

CLORO

Cloro molecolare
UN1017

7782-50-5

10049044

OSSIDO DI CLORO

Biossido di cloro;
ossido di cloro (IV);
Perossido di cloro;
Cloroperossile

10049-04-4

7790912

TRIFLUORURO DI CLORO

Fluoruro di cloro;
Clorotrifluoruro
UN1749

7790-91-2

7782414

FLUORITE

Fluoro
UN1045

7782-41-4

10035106

BROMURO DI IDROGENO

Acido bromidrico anidro;
Soluzione di acido bromidrico
UN1788

10035-10-6

7664393

FLUORURO DI IDROGENO

Acido fluoridrico;
fluoridrico
UN1052
UN1790

7664-39-3

7553562

IODIO

7553-56-2

10025851

CLORURO DI AZOTO

nitruro di cloro;
Tricloruro di azoto;
Tricloramina;
Nitruro di tricloro

10025-85-1

7783542

TRIFLUORURO DI AZOTO

Fluoruro di azoto
UN2451

7783-54-2

7783417

DIFLUORURO DI OSSIGENO

Monossido di fluoro;
Ossido di fluoro;
Fluoruro di ossigeno
UN2190

7783-41-7

7616946

FLUORURO DI PERCLORYL

Ossido di fluoruro di cloro;
Ossifluoruro di cloro
UN3083

7616-94-6

75445

FOSGENE

cloruro di carbonile;
dicloruro di carbonile;
cloruro di cloroformile
UN1076

75-44-5

7789697

PENTABROMIDE DI FOSFORO

7789-69-7

7789608

TRIBROMURO DI FOSFORO

Bromuro di fosforo;
Tribromofosfina
UN1808

7789-60-8

16893859

ESAFLUOROSILICATO DI SODIO

16893-85-9

10025679

CLORURO DI ZOLFO

Disolfurodicloruro;
Monocloruro di zolfo;
Sottocloruro di zolfo;
Dicloruro tiosolfoso

10025-67-9

10545990

DICLORURO DI ZOLFO

10545-99-0

2551624

ESAFLUORURO DI ZOLFO

Fluoruro di zolfo
UN1080

2551-62-4

5714227

PENTAFLUORURO DI ZOLFO

Disolfurodecafluoruro;
Decafluoruro di zolfo

5714-22-7

2699798

FLUORURO DI SOLFURIL

Ossfluoruro di solforico
UN2191

2699-79-8

 

Di ritorno

Pagina 10 di 122

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti di strutture e servizi sanitari

Abdo, R e H Chriske. 1990. HAV-Infektionsrisiken im Krankenhaus, Altenheim und Kindertagesstätten. In Arbeitsmedizin im Gesundheitsdienst, banda 5, a cura di F Hofmann e U Stössel. Stoccarda: Gentner Verlag.

Acton, W. 1848. Sui vantaggi del caouchoue e della guttaperca nel proteggere la pelle dal contagio dei veleni animali. Lancetta 12: 588.

Ahlin, J. 1992. Studi di casi interdisciplinari negli uffici in Svezia. In Spazio aziendale e architettura. vol. 2. Parigi: Ministére de l'équipment et du logement.

Akinori, H e O Hiroshi. 1985. Analisi della fatica e delle condizioni di salute degli infermieri ospedalieri. J Scienza del lavoro 61: 517-578.

Allmeers, H, B Kirchner, H Huber, Z Chen, JW Walter e X Baur. 1996. Il periodo di latenza tra l'esposizione ei sintomi nell'allergia al lattice naturale: Suggerimenti per la prevenzione. Dtsh Med Wochenschr 121 (25/26):823-828.

Alter, MJ. 1986. Suscettibilità al virus della varicella zoster tra gli adulti ad alto rischio di esposizione. Infec Contr Hosp Epid 7: 448-451.

—. 1993. Il rilevamento, la trasmissione e l'esito dell'infezione da epatite C. Agenti infettanti Dis 2: 155-166.

Alter, MJ, HS Margolis, K Krawczynski, FN Judson, A Mares, WJ Alexander, PY Hu, JK Miller, MA Gerber e RE Sampliner. 1992. La storia naturale dell'epatite C acquisita in comunità negli Stati Uniti. New Engl J Med 327: 1899-1905.

Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH). 1991. Documentazione dei Valori Limite di Soglia e degli Indici di Esposizione Biologica, 6a edizione. Cincinnati, Ohio: ACGIH.

—. 1994. TLV: valori limite di soglia e indici di esposizione biologica per il periodo 1994-1995. Cincinnati, Ohio: ACGIH.

Associazione ospedaliera americana (AHA). 1992. Implementazione della pratica dell'ago più sicura. Chicago, Illinois: AHA.

Istituto americano di architetti. 1984. Determinazione dei requisiti di spazio ospedaliero. Washington, DC: American Institute of Architects Press.

Comitato per l'architettura per la salute dell'American Institute of Architects. 1987. Linee guida per la costruzione e l'equipaggiamento di strutture ospedaliere e sanitarie. Washington, DC: American Institute of Acrchtects Press.

Società americana di ingegneri del riscaldamento, della refrigerazione e del condizionamento dell'aria (ASHRAE). 1987. Strutture sanitarie. In Manuale ASHRAE: sistemi e applicazioni di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell'aria. Atlanta, Georgia: ASHRAE.

Anon. 1996. Nuovi farmaci per l'infezione da HIV. Lettera medica di farmaci e terapeutici 38: 37.

Axelsson, G, R Rylander e io Molin. 1989. Esito della gravidanza in relazione ad orari di lavoro irregolari e scomodi. Brit J Ind Med 46: 393-398.

Beatty, J SK Ahern e R Katz. 1977. La privazione del sonno e la vigilanza degli anestesisti durante la chirurgia simulata. In vigilanza, a cura di RR Mackie. New York: Plenum Press.

Beck-Friis, B, P Strang e PO Sjöden. 1991. Stress da lavoro e soddisfazione sul lavoro nell'assistenza domiciliare ospedaliera. Giornale di cure palliative 7 (3): 15-21.

Benenson, AS (a cura di). 1990. Controllo delle malattie trasmissibili nell'uomo, 15a edizione. Washington, DC: Associazione americana di sanità pubblica.

Bertold, H, F Hofmann, M Michaelis, D Neumann-Haefelin, G Steinert e J Wölfle. 1994. Epatite C—Risiko für Beschäftigte im Gesundheitsdienst? In Arbeitsmedizin im Gesundheitsdienst, banda 7, a cura di F Hofmann, G Reschauer e U Stössel. Stoccarda: Gentner Verlag.

Bertram, DA. 1988. Caratteristiche dei turni e delle prestazioni dei residenti del secondo anno in un pronto soccorso. NY State J Med 88: 10-14.

Berufsgenossenschaft für Gesundheitsdienst und Wohlfahrtspflege (BGW). 1994. Geschäftsbericht.

Bissel, L e R Jones. 1975. Medici disabili ignorati dai coetanei. Presentato alla Conferenza dell'Associazione Medica Americana sul Medico Imparied, 11 aprile, San Francisco, CA.

Bitker, TE. 1976. Raggiungere il medico depresso. JAMA 236 (15): 1713-1716.

Blanchard, M, MM Cantel, M Faivre, J Girot, JP Ramette, D Thely e M Estryn-Béhar. 1992. Incidence des rythmes biologiques sur le travail de nuit. In Ergonomia all'ospedale, a cura di M Estryn-Béhar, C Gadbois e M Pottier. Tolosa: Edizione Octares.

Blanpain, C e M Estryn-Béhar. 1990. Misure d'ambiance physique dans dix services hospitaliers. spettacoli 45: 18-33.

Blaycock, B. 1995. Allergie al lattice: panoramica, prevenzione e implicazioni per l'assistenza infermieristica. Gestione delle ferite da stomia 41(5):10-12,14-15.

Blazer, MJ, FJ Hickman, JJ Farmer e DJ Brenner. 1980. Salmonella typhi: Il laboratorio come serbatoio di infezione. Journal of Infectious Diseases 142: 934-938.

Colpo, RJ e MIV Jayson. 1988. Mal di schiena. In Idoneità al lavoro: l'approccio medico, a cura di FC Edwards, RL McCallum e PJ Taylor. Oxford: Pressa dell'Università di Oxford.

Boehm, Sol e Mi Bollinger. 1990. Importanza dei fattori ambientali sui volumi di alimentazione enterale tollerati per i pazienti nelle unità di terapia intensiva neonatale. Pratica infantile 58 (6): 275-279.

Bongers, P, RD Winter, MAJ Kompier e VV Hildebrandt. 1992. Fattori psicosociali sul lavoro e malattie muscoloscheletriche. Revisione della letteratura. Leida, Paesi Bassi: TNO.

Bouhnik, C, M Estryn-Béhar, B Kapitaniak, M Rocher e P Pereau. 1989. Le roulage dans les établissements de soins. Documento per la medicina del travaglio. INRS 39: 243-252.

Boulard, R. 1993. Les indices de santé mentale du personal infirmier: l'impact de la charge de travail, de l'autonomie et du soutien social. In La psychologie du travail à l'aube du XXI° siècle. Atti del 7° Congrès de psychologie du travail de langue française. Issy-les-Moulineaux: Edizioni EAP.

Breakwell, direttore generale. 1989. Affrontare la violenza fisica. Londra: British Psychological Society.

Bruce, DL e MJ Bach. 1976. Effetti delle concentrazioni in tracce di gas anestetici sulle prestazioni comportamentali del personale di sala operatoria. DHEW (NIOSH) Pubblicazione n. 76-169. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Bruce, DL, KA Eide, HW Linde e JE Eckenhoff. 1968. Cause di morte tra gli anestesisti: un'indagine di 20 anni. Anestesiologia 29: 565-569.

Bruce, DL, KA Eide, NJ Smith, F Seltzer e MH Dykes. 1974. Un'indagine prospettica sulla mortalità degli anestesisti, 1967-1974. Anestesiologia 41: 71-74.

Burhill, D, DA Enarson, EA Allen e S Grzybowski. 1985. Tubercolosi nelle infermiere nella Columbia Britannica. Può Med Assoc J 132: 137.

Burke, FJ, MA Wilson e JF McCord. 1995. Allergia ai guanti in lattice nella pratica clinica: casi clinici. Quintessenza Int 26 (12): 859-863.

Buring, JE, CH Hennekens, SL Mayrent, B Rosner, ER Greenberg e T Colton. 1985. Esperienze sanitarie del personale di sala operatoria. Anestesiologia 62: 325-330.

Burton, R. 1990. St. Mary's Hospital, Isola di Wight: uno sfondo adatto per la cura. Brit Med J 301: 1423-1425.

Büssing, A. 1993. Stress e burnout nell'assistenza infermieristica: studi su diverse strutture lavorative e orari di lavoro. In Salute sul lavoro per gli operatori sanitari, a cura di M Hagberg, F Hofmann, U Stössel e G Westlander. Landsberg/Lech: Ecomed Verlag.

Cabal, Do, Re Faucon, H Delbart, Fa Cabal e Sol Malot. 1986. Costruzione d'une blanchisserie industrielle aux CHU de Saint-Etienne. Arco Mal Prof 48 (5): 393-394.

Callan, JR, RT Kelly, ML Quinn, JW Gwynne, RA Moore, FA Muckler, J Kasumovic, WM Saunders, RP Lepage, E Chin, I Schoenfeld e DI Serig. 1995. Valutazione dei fattori umani della brachiterapia post-carico a distanza. NUREG/CR-6125. vol. 1. Washington, DC: Commissione di regolamentazione nucleare

Cammock, R. 1981. Edifici per l'assistenza sanitaria primaria: briefing e guida alla progettazione per gli architetti e i loro clienti. Londra: Architectural Press.

Cardo, D, P Srivastava, C Ciesielski, R Marcus, P McKibben, D Culver e D Bell. 1995. Studio caso-controllo sulla sieroconversione dell'HIV negli operatori sanitari dopo l'esposizione percutanea a sangue infetto da HIV (abstract). Controllo dell'infezione Hosp Epidemiol 16 suppl.:20.

Carillo, T, C Blanco, J Quiralte, R Castillo, M Cuevas e F Rodriguez de Castro. 1995. Prevalenza dell'allergia al lattice tra i lavoratori delle serre. J Allergia Clin Immunol® 96(5/1):699-701.

Catananti, C e A Cambieri. 1990. Igiene e Tecnica Ospedaliera. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore.

Catananti, C, G Damiani, G Capelli, G Manara. 1993. Progettazione edilizia e selezione di materiali e arredi in ospedale: una revisione delle linee guida internazionali. In Indoor Air '93, Atti della 6a Conferenza internazionale sulla qualità e il clima dell'aria interna 2: 641-646.

Catananti, C, G Capelli, G Damiani, M Volpe, and GC Vanini. 1994. Valutazione di criteri multipli nella pianificazione della selezione dei materiali per le strutture sanitarie. Individuazione preliminare di criteri e variabili. In Edifici Sani '94, Atti del III Convegno Internazionale 1: 103-108.

Cats-Baril, WL e JW Frymoyer. 1991. L'economia dei disturbi spinali. In La colonna vertebrale adulta, a cura di JW Frymoyer. New York: Corvo Press.

Centri per il controllo delle malattie (CDC). 1982. Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS): Precauzioni per il personale del laboratorio clinico. Morb Mortal Settimanale Rep 31: 577-580.

—. 1983. Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS): precauzioni per gli operatori sanitari e professionisti affini. Morb Mortal Settimanale Rep 32: 450-451.

—. 1987a. Infezione da virus dell'immunodeficienza umana negli operatori sanitari esposti al sangue di pazienti infetti. Morb Mortal Settimanale Rep 36: 285-289.

—. 1987b. Raccomandazioni per la prevenzione della trasmissione dell'HIV in ambito sanitario. Morb mortale settimanale Rappresentante 36 suppl. 2:3S-18S.

—. 1988a. Precauzioni universali per la prevenzione della trasmissione del virus dell'immunodeficienza umana, del virus dell'epatite B e di altri agenti patogeni a trasmissione ematica nelle strutture sanitarie. Morb Mortal Settimanale Rep 37: 377-382,387-388.

—. 1988b. Linee guida per la prevenzione della trasmissione del virus dell'immunodeficienza umana e del virus dell'epatite B agli operatori sanitari e di pubblica sicurezza. Morb Mortal Settimanale Rep 37 suppl. 6:1-37.

—. 1989. Linee guida per la prevenzione della trasmissione del virus dell'immunodeficienza umana e del virus dell'epatite B agli operatori sanitari e di pubblica sicurezza. Morb Mortal Settimanale Rep 38 suppl. 6.

—. 1990. Dichiarazione del servizio sanitario pubblico sulla gestione dell'esposizione professionale al virus dell'immunodeficienza umana, comprese le considerazioni sull'uso post-esposizione. Morb Mortal Settimanale Rep 39 (n. RR-1).

—. 1991a. Virus dell'epatite B: una strategia globale per eliminare la trasmissione negli Stati Uniti attraverso la vaccinazione infantile universale: Raccomandazioni del comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione (ACIP). Morb Mortal Settimanale Rep 40 (n. RR-13).

—. 1991b. Raccomandazioni per prevenire la trasmissione del virus dell'immunodeficienza umana e del virus dell'epatite B ai pazienti durante procedure invasive soggette a esposizione. Morb Mortal Settimanale Rep 40 (n. RR-8).

—. 1993a. Pratiche raccomandate per il controllo delle infezioni in odontoiatria. Morb Mortal Settimanale Rep 42 (n. RR-8):1-12.

—. 1993 b. Biosicurezza nei laboratori microbici e biomedici, 3a edizione. DHHS (CDC) Pubblicazione n. 93-8395. Atlanta, Georgia: CDC.

—. 1994a. Rapporto di sorveglianza dell'HIV/AIDS. vol. 5(4). Atlanta, Georgia: CDC.

—. 1994 b. Newsletter sulla prevenzione dell'HIV/AIDS. vol. 5(4). Atlanta, Georgia: CDC.

—. 1994 c. Virus dell'immunodeficienza umana negli ambienti domestici: Stati Uniti. Morb Mortal Settimanale Rep 43: 347-356.

—. 1994d. Rapporto di sorveglianza dell'HIV/AIDS. vol. 6(1). Atlanta, Georgia: CDC.

—. 1994e. Linee guida per prevenire la trasmissione di Mycobacterium tuberculosis nelle strutture sanitarie. Morb Mortal Settimanale Rep 43 (n. RR-13):5-50.

—. 1995. Studio caso-controllo sulla sieroconversione dell'HIV negli operatori sanitari dopo l'esposizione percutanea a sangue infetto da HIV: Francia, Regno Unito e Stati Uniti. Morb Mortal Settimanale Rep 44: 929-933.

—. 1996a. Rapporto di sorveglianza dell'HIV/AIDS. Volume 8(2). Atlanta, Georgia: CDC.

—. 1996 b. Aggiornamento: raccomandazioni del servizio sanitario pubblico provvisorio per la chemioprofilassi dopo l'esposizione professionale all'HIV. Morb Mortal Settimanale Rep 45: 468-472.

Charney, W (a cura di). 1994. Elementi essenziali della moderna sicurezza ospedaliera. Boca Raton, Florida: Lewis Editori.

Chou, T, D Weil e P Arnmow. 1986. Prevalenza di anticorpi del morbillo nel personale ospedaliero. Infec Contr Hosp Epid 7: 309-311.

Chriske, H e A Rossa. 1991. Hepatitis-C-Infektionsgefährdung des medizinischen Personals. In Arbeitsmedizin im Gesundheitsdienst, banda 5, a cura di F Hofmann e U Stössel. Stoccarda: Gentner Verlag.

Clark, DC, E Salazar-Gruesco, P Grabler, J Fawcett. 1984. Predittori di depressione durante i primi 6 mesi di tirocinio. Am J Psychiatry 141: 1095-1098.

Clemens, R, F Hofmann, H Berthold, e G Steinert. 1992. Prävalenz von Hepatitis, A, B und C bei Bewohern einer Einrichtung für geistig Behinderte. Sozialpädiatrie 14: 357-364.

Cohen, IT. 1980. Esposizione anestetica sul posto di lavoro. Littleton, Massachusetts: PSG Publishing Co.

Cohen, EN, JW Bellville e BW Brown, Jr. 1971. Anestesia, gravidanza e aborto spontaneo: uno studio su infermieri e anestesisti in sala operatoria. Anestesiologia 35: 343-347.

—. 1974. Malattie professionali tra il personale di sala operatoria: uno studio nazionale. Anestesiologia 41: 321-340.

—. 1975. Un'indagine sui rischi per la salute anestetici tra i dentisti. J Am Dent Assoc 90: 1291-1296.

Commissione delle Comunità europee. 1990. Raccomandazione della Commissione 21 febbraio 1990, sulla protezione delle persone contro l'esposizione al radon negli ambienti interni. 90/143/Euratom (traduzione italiana).

Cooper, J.B. 1984. Verso la prevenzione degli incidenti anestetici. Cliniche Internazionali di Anestesiologia 22: 167-183.

Cooper, JB, RS Newbower e RJ Kitz. 1984. Un'analisi dei principali errori e guasti delle apparecchiature nella gestione dell'anestesia: considerazioni per la prevenzione e il rilevamento. Anestesiologia 60 (1): 34-42.

Costa, G, R Trinco, and G Schallenberg. 1992. Problemi di comfort termico in una sala operatoria dotata di sistema a flusso d'aria laminare In Ergonomie à l'hôpital (ergonomia ospedaliera), a cura di M Estryn-Béhar M, C Gadbois e M Pottier. Simposio Internazionale Parigi 1991. Toulouse: Editions Octares.

Cristofari, MF, M Estryn-Béhar, M Kaminski e E Peigné. 1989. Le travail des femmes à l'hôpital. Informazioni Ospedaliere 22 / 23: 48-62.

Consiglio delle Comunità europee. 1988. Direttiva 21 dicembre 1988, per avvicinare le leggi dei paesi membri sui prodotti da costruzione. 89/106/CEE (traduzione italiana).

de Chambost, M. 1994. Alarmes sonnantes, soignantes trébuchantes. Obiettivo 26: 63-68.

de Keyser, V e AS Nyssen. 1993. Les erreurs humaines en anesthésies. Il lavoro umano 56(2/3):243-266.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. 1986. Direttiva alle Regioni sui requisiti delle strutture sanitarie private. 27 giugno.

Dehlin, O, S Berg, GBS Andersson e G Grimby. 1981. Effetto dell'allenamento fisico e della consulenza ergonomica sulla percezione psicosociale del lavoro e sulla valutazione soggettiva dell'insufficienza lombare. Scand J Rehab 13: 1-9.

Delaporte, MF, M Estryn-Béhar, G Brucker, E Peigne e A Pelletier. 1990. Pathologie dermatologique et exercice professionnel en milieu hospitalier. Arco Mal Prof 51 (2): 83-88.

Denisco, RA, JN Drummond e JS Gravenstein. 1987. L'effetto della fatica sull'esecuzione di un compito di monitoraggio anestetico simulato. J Clinic Monit 3: 22-24.

Devienne, A, D Léger, M Paillard, A Dômont. 1995. Troubles du sommeil et de la vigilance chez des généralistes de garde en région parisienne. Arch Mal Prof 56(5):407-409.

Donovan, R, PA Kurzman e C Rotman. 1993. Migliorare la vita degli operatori di assistenza domiciliare: una partnership di lavoro sociale e lavoro. Lavoro sociale 38(5):579-585..

Edling, C. 1980. Gas anestetici come rischio professionale. Una recensione. Scand J Ambiente di lavoro Salute 6: 85-93.

Ehrengut, W e T Klett. 1981. Rötelnimmunstatus von Schwesternschülerinnen in Hamberger Krankenhäusern im Jahre 1979. Monatsschrift Kinderheilkdunde 129: 464-466.

Elias, J, D Wylie, A Yassi e N Tran. 1993. Eliminazione dell'esposizione dei lavoratori all'ossido di etilene dagli sterilizzatori ospedalieri: una valutazione del costo e dell'efficacia di un sistema di isolamento. Appl Occup Ambiente Ig 8 (8): 687-692.

Engels, J, TH Senden e K Hertog. 1993. Posture lavorative degli infermieri nelle case di cura. In Salute sul lavoro per gli operatori sanitari, a cura di M Hagberg, F Hofmann, U Stössel e G Westlander. Landsberg/Lech: Ecomed Verlag.

Englade J, E Badet e G Becque. 1994. Vigilance et qualité de sommeil des soignants de nuit. Revue de l'infirmiere 17: 37-48.

Ernst, E e V Fialka. 1994. Lombalgia idiopatica: impatto presente, direzioni future. Giornale europeo di medicina fisica e riabilitazione 4: 69-72.

Escribà Agüir, V. 1992. Atteggiamenti degli infermieri nei confronti del lavoro a turni e della qualità della vita, Scand J Soc Med 20 (2): 115-118.

Escribà Agüir V, S Pérez, F Bolumar e F Lert. 1992. Retissement des horaires de travail sur le sommeil des infirmiers. In Ergonomie à l'hôpital (ergonomia ospedaliera), a cura di M Estryn-Béhar, C Gadbois e M Pottier. Simposio Internazionale Parigi 1991. Toulouse: Editions Octares.

Estryn-Béhar, M. 1990. Les groupes de parole: Une stratégie d'amélioration des relations avec les malades. Il concorso medico 112 (8): 713-717.

—. 1991. Guide des risques professionnels du personal des services de soins. Parigi: Edizioni Lamarre.

Estryn-Béhar, M e N Bonnet. 1992. Le travail de nuit à l'hôpital. Quelques constats à mieux prendre en compte. Arco Mal Prof 54 (8): 709-719.

Estryn-Béhar, M e F Fonchain. 1986. Les troubles du sommeil dupersonal hospitalier effectuant un travail de nuit en continu. Arco Mal Prof 47(3):167-172;47(4):241.

Estryn-Béhar, M e JP Fouillot. 1990a. Etude de la charge physique du personal soignant, Documents pour le médecin du travail. INRS: 27-33.

—. 1990b. Etude de la charge mentale et approche de la charge psychique du personal soignant. Analyse du travail des infirmières et aides-soignantes in 10 services de soins. Documenti per la medicina del travaglio INRS 42: 131-144.

Estryn-Béhar, M e C Hakim-Serfaty. 1990. Organisation de l'espace hospitalier. Ospizio tecnico 542: 55-63.

Estryn-Béhar, M e G Milanini. 1992. Concevoir les espaces de travail en services de soins. Tecnica ospedaliera 557: 23-27.

Estryn-Béhar, M e H Poinsignon. 1989. Travailler à l'hopital. Parigi: Berger Levrault.

Estryn-Béhar, M, C Gadbois, e E Vaichere. 1978. Effets du travail de nuit en équipes fixes sur une Population Féminine. Risultati di una ricerca nel settore ospedaliero. Arco Mal Prof 39 (9): 531-535.

Estryn-Béhar, M, C Gadbois, E Peigné, A Masson e V Le Gall. 1989 b. Impatto dei turni notturni sul personale ospedaliero maschile e femminile, in Lavoro a turni: salute e rendimento, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Atti del Simposio internazionale sul lavoro notturno e a turni. Francoforte: Peter Lang.

Estryn-Béhar, M, M Kaminski, e E Peigné. 1990. Condizioni di lavoro faticose e disturbi muscoloscheletrici tra le lavoratrici ospedaliere. Int Arch Occupare Ambiente Salute 62: 47-57.

Estryn-Béhar, M, M Kaminski, M Franc, S Fermand e F Gerstle F. 1978. Grossesse er conditions de travail en milieu hospitalier. Revue Franç Gynec 73 (10) 625-631.

Estryn-Béhar, M, M Kaminski, E Peigné, N Bonnet, E Vaichère, C Gozlan, S Azoulay e M Giorgi. 1990. Stress sul lavoro e stato di salute mentale. Br J Ind Med 47: 20-28.

Estryn-Béhar, M, B Kapitaniak, MC Paoli, E Peigné e A Masson. 1992. Attitudine all'esercizio fisico in una popolazione di lavoratrici ospedaliere. Int Arch Occupare Ambiente Salute 64: 131-139.

Estryn Béhar, M, G Milanini, T Bitot, M Baudet e MC Rostaing. 1994. La sectorisation des soins: Une organization, un espace. Gestion hospitaliere 338: 552-569.

Estryn-Béhar, M, G Milanini, MM Cantel, P Poirier, P Abriou e il gruppo di studio dell'ICU. 1995a. Interesse della metodologia ergonomica partecipativa per migliorare un'unità di terapia intensiva. In Salute sul lavoro per gli operatori sanitari, 2a edizione, a cura di M Hagberg, F Hofmann, U Stössel e G Westlander. Landsberg/Lech: Ecomed Verlag.

—. 1995b. Metodologia ergonomica partecipativa per il nuovo allestimento di un reparto di terapia intensiva cardiologica. In Salute sul lavoro per gli operatori sanitari, 2a edizione, a cura di M Hagberg, F Hofmann, U Stössel e G Westlander. Landsberg/Lech: Ecomed Verlag.

Estryn-Béhar, M, E Peigné, A Masson, C Girier-Desportes, JJ Guay, D Saurel, JC Pichenot e J Cavaré. 1989a. Les femmes travaillant à l'hôpital aux différents horaires, qui sont-elles? Que décrivent-elles come condizioni di lavoro? Que souhaitent-elles? Arco Mal Prof 50 (6): 622-628.

Falk, SA e NF Boschi. 1973. Livelli di rumore negli ospedali e potenziali rischi per la salute, Nuova Inghilterra J Med 289: 774-781.

Fanger, PO. 1973. Valutazione del comfort termico dell'uomo in pratica. Br J Ind Med 30: 313-324.

—. 1992. Caratterizzazione sensoriale della qualità dell'aria e delle fonti di inquinamento. In Aspetti chimici, microbiologici, sanitari e di comfort della qualità dell'aria interna: stato dell'arte in SBS, a cura di H. Knoppel e P. Wolkoff. Dordrecht, Paesi Bassi: Kluwer Academic Publishers.

Favrot-Laurens. 1992. Tecnologie avanzate e organizzazione del lavoro delle équipe ospedaliere. In Ergonomie à l'hôpital (ergonomia ospedaliera), a cura di M Estryn-Béhar, C Gadbois e M Pottier. Simposio Internazionale Parigi 1991. Toulouse: Editions Octares.

—. 1992. Caratterizzazione sensoriale della qualità dell'aria e delle fonti di inquinamento. In Aspetti chimici, microbiologici, sanitari e di comfort della qualità dell'aria interna: stato dell'arte nella sindrome dell'edificio malato, a cura di H. Koppel e P. Wolkoff. Bruxelles e Lussemburgo: CEE.

Ferstandig, LL. 1978. Concentrazioni di tracce di gas anestetici: una revisione critica del loro potenziale di malattia. Anesth Analg 57: 328-345.

Finley, GA e AJ Cohen. 1991. L'urgenza percepita e l'anestesista: Risposte agli allarmi comuni del monitor della sala operatoria. Può J Anaesth 38 (8): 958-964

Ford, CV e DK Wentz. 1984. L'anno del tirocinio: uno studio del sonno, degli stati d'animo e dei parametri psicofisiologici. Sud Med J 77: 1435-1442.

Friedman, RC, DS Kornfeld e TJ Bigger. 1971. Problemi psicologici associati alla privazione del sonno negli stagisti. Giornale di educazione medica 48: 436-441.

Friele, RD e JJ Knibbe. 1993. Monitoraggio delle barriere con l'uso di sollevatori per pazienti nell'assistenza domiciliare come percepito dal personale infermieristico. In Salute sul lavoro per gli operatori sanitari, a cura di M Hagberg, F Hofmann, U Stössel e G Westlander. LandsbergLech: Ecomed Verlag.

Gabois, CH. 1981. Aides-soignantes et infirmieres de nuit. In Condizioni di lavoro e vita quotidiana. Montrougs: Agence Nationale pour l'Amélioration des Conditions de Travail.

Gadbois, C, P Bourgeois, MM Goeh-Akue-Gad, J Guillaume e MA Urbain. 1992. Contraintes temporelles et structure de l'espace dans le processus de travail des équipes de soins. In Ergonomie à l'hôpital (ergonomia ospedaliera), a cura di M Estryn-Béhar, C Gadbois e M Pottier. Simposio Internazionale Parigi 1991. Toulouse: Editions Octares.

Giochi, WP e W Tatton-Braen. 1987. Progettazione e sviluppo di ospedali. Londra: Architectural Press.

Gardner, pronto soccorso e RC Hall. 1981. La sindrome da stress professionale. Psicosomatica 22: 672-680.

Gaube, J, H Feucht, R Laufs, D Polywka, E Fingscheidt e HE Müller. 1993. Hepatitis A, B und Cals desmoterische Infecktionen. Gessundheitwesen und desinfextion 55: 246-249.

Gerberding, JL. Nd Prova aperta della chemioprofilassi post-esposizione alla zidovudina negli operatori sanitari con esposizioni professionali al virus dell'immunodeficienza umana. Sceneggiatura SFGH.

—. 1995. Gestione delle esposizioni professionali a virus trasmessi per via ematica. New Engl J Med 332: 444-451.

Ginesta, J. 1989. Gas anestetici. In Riesgos del Trabajo del Personal Sanitario, a cura di JJ Gestal. Madrid: Editoriale Interamericana McGraw-Hill.

Gold, DR, S Rogacz, N Bock, TD Tosteson, TM Baum, FE Speizer e CA Czeiler. 1992. Lavoro a turni a rotazione, sonno e infortuni legati alla sonnolenza negli infermieri ospedalieri. Am J Public Health 82 (7): 1011-1014.

Goldman, LI, MT McDonough e GP Rosemond. 1972. Sottolinea che influenzano le prestazioni chirurgiche e l'apprendimento: correlazione della frequenza cardiaca, dell'elettrocardiogramma e dell'operazione registrata simultaneamente su videocassette. Ris. J Surg 12: 83-86.

Graham, C, C Hawkins e W Blau. 1983. Pratica innovativa di assistenza sociale nell'assistenza sanitaria: gestione dello stress. In Il lavoro sociale in un mondo turbolento, a cura di M. Dinerman. Washington, DC: Associazione nazionale degli assistenti sociali.

Green, A. 1992. Come gli infermieri possono garantire che i suoni che i pazienti sentono abbiano un effetto positivo piuttosto che negativo sul recupero e sulla qualità della vita. Diario infermieristico di terapia intensiva e critica 8 (4): 245-248.

Griffin, Virginia Occidentale. 1995. Assistente sociale e agenzia di sicurezza. In Enciclopedia del lavoro sociale, 19a edizione. Washington, DC: Associazione nazionale degli assistenti sociali.

Grob, P.J. 1987. Cluster di trasmissione dell'epatite B da parte di un medico. Lancetta 339: 1218-1220.

Guardino, X e MG Rosell. 1985. Exposicion laboral e gas anestesici. In Note tecniche di prevenzione. N. 141. Barcellona: INSHT.

—. 1992. Esposizione sul posto di lavoro a gas anestetici. Un rischio controllato? Janus 12: 8-10.

—. 1995. Monitoraggio dell'esposizione ai gas anestetici. In Salute sul lavoro per gli operatori sanitari, a cura di M Hagburg, F Hoffmann, U Stössel e G Westlander. Solna: Istituto nazionale di medicina del lavoro.

Hagberg, M, F Hofmann, U Stössel e G Westlander (a cura di). 1993. Salute sul lavoro per gli operatori sanitari. Landsberg/Lech: Ecomed Verlag.

Hagberg, M, F Hofmann, U Stössel e G Westlander (a cura di). 1995. Salute sul lavoro per gli operatori sanitari. Singapore: Commissione internazionale per la salute sul lavoro.

Haigh, R. 1992. L'applicazione dell'ergonomia alla progettazione del posto di lavoro negli edifici sanitari nel Regno Unito In Ergonomie à l'hôpital (ergonomia ospedaliera), a cura di M Estryn-Béhar, C Gadbois e M Pottier. Simposio Internazionale Parigi 1991. Toulouse: Editions Octares.

Halm, MA e MA Alpen, 1993. L'impatto della tecnologia su pazienti e famiglie. Cliniche infermieristiche del Nord America 28 (2): 443-457.

Harber, P, L Pena e P Hsu. 1994. Storia personale, formazione e luogo di lavoro come predittori del mal di schiena degli infermieri. Sono J Ind Med 25: 519-526.

Hasselhorn, HM. 1994. Prophylaxe antiretrovirale nach kontakt mit HIV-jontaminierten. In Flussigkeiten in Infektiologie, a cura di F. Hofmann. Landsberg/Lech: Ecomed Verlag.

Hasselhorn, HM e E Seidler.1993. Assistenza terminale in Svezia: nuovi aspetti dell'assistenza professionale ai morenti. In Salute sul lavoro per l'assistenza sanitaria Workers, a cura di M Hagberg, F Hofmann, U Stössel U e G Westlander. Landsberg/Lech: Ecomed Verlag.

Heptonstall, J, K Porter e N Gill. 1993. Trasmissione professionale dell'HIV: riepilogo dei rapporti pubblicati. Londra: Centro di sorveglianza delle malattie trasmissibili Centro AIDS.

Hesse, A, Lacher A, HU Koch, J Kublosch, V Ghane e KF Peters. 1996. Aggiornamento sull'allergia al lattice. Hauzartzt 47 (11): 817-824.

Ho, DD, T Moudgil e M Alam. 1989. Quantificazione del virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 nel sangue di persone infette. New Engl J Med 321: 1621-1625.

Hodge, B e JF Thompson. 1990. Inquinamento acustico in sala operatoria. Lancetta 335: 891-894.

Hofmann, F e H Berthold. 1989. Zur Hepatitis-B-Gefährdung des Krankenhauspersonals-Möglichkeiten der prae-und postexpositionellen Prophylaxe. Mondo Medizinico 40: 1294-1301.

Hofmann, F e U Stössel. 1995. Salute ambientale nelle professioni sanitarie: rischi per la salute biologici, fisici, psichici e sociali. Recensioni sulla salute ambientale 11: 41-55.

Hofmann, F, H Berthold, e G Wehrle. 1992. Immunità all'epatite A nel personale ospedaliero. Eur J Clin Microbiol Infect Dis 11 (12): 1195.

Hofmann, F, U Stössel e J Klima. 1994. Lombalgia negli infermieri (I). Giornale europeo di riabilitazione fisica e medica 4: 94-99.

Hofmann, F, B Sydow, e M Michaelis. 1994a. Parotite: berufliche Gefährdung und Aspekte der epidemiologischen Entwicklung. Gessundheitwesen und desinfextion 56: 453-455.

—. 1994 b. Zur epidemiologischen Bedeutung der Varizellen. Gessundheitwesen und desinfextion 56: 599-601.

Hofmann, F, G Wehrle, K Berthold, e D Köster. 1992. Epatite A come rischio professionale. Vaccina 10 suppl. 1:82-84.

Hofmann, F, U Stössel, M Michaelis e A Siegel. 1993. Tubercolosi: rischio professionale per gli operatori sanitari? In Salute sul lavoro per gli operatori sanitari, a cura di M Hagberg. Landsberg/Lech: Ecomed Verlag.

Hofmann, F, M Michaelis, A Siegel e U Stössel. 1994. Wirbelsäulenerkrankungen im Pflegeberuf. Medizinische Grundlagen und Prävention. Landsberg/Lech: Ecomed Verlag.

Hofmann, F, M Michaelis, M Nübling e FW Tiller. 1995. Epatite europea: uno studio. Pubblicazione in Vorereitung.

Hofmann, H e C Kunz. 1990. Basso rischio per gli operatori sanitari di infezione da virus dell'epatite C. Infezione 18: 286-288.

Holbrook, TL, K Grazier, JL Kelsey e RN Stauffer. 1984. La frequenza di occorrenza, impatto e costo di condizioni muscoloscheletriche selezionate negli Stati Uniti. Park Ridge, Illinois: Accademia americana dei chirurghi ortopedici.

Hollinger, FB. 1990. Virus dell'epatite B. In Virologia, a cura di BN Fiedles e DM Knipe. New York: Corvo Press.

Hopps, J e P Collins. 1995. Panoramica della professione di assistente sociale. In Enciclopedia del lavoro sociale, 19a edizione. Washington, DC: Associazione nazionale degli assistenti sociali.

Hubacova, L, I Borsky e F Strelka. 1992. Problemi di fisiologia del lavoro degli infermieri operanti nei reparti di degenza. In Ergonomie à l'hôpital (ergonomia ospedaliera), a cura di M Estryn-Béhar, C Gadbois e M Pottier. Simposio Internazionale Parigi 1991. Toulouse: Editions Octares.

Hunt, LW, AF Fransway, CE Reed, LK Miller, RT Jones, MC Swanson e JW Yunginger. 1995. Un'epidemia di allergia professionale al lattice che coinvolge gli operatori sanitari. J Occupare Ambiente Med 37 (10): 1204-1209.

Jacobson, SF e HK MacGrath. 1983. Infermieri sotto stress. New York: John Wiley & Sons.

Jacques, CHM, MS Lynch e JS Samkoff. 1990. Gli effetti della perdita di sonno sulle prestazioni cognitive dei medici residenti. J Fam Pract 30: 223-229.

Jagger, J, EH Hunt, J Brand-Elnagger e RD Pearson. 1988. Tassi di lesioni da puntura d'ago causate da vari dispositivi in ​​un ospedale universitario. New Engl J Med 319: 284-288.

Johnson, JA, RM Buchan e JS Reif. 1987. Effetto del gas anestetico di scarto e dell'esposizione al vapore sull'esito riproduttivo nel personale veterinario. Am Ind Hyg Assoc J 48 (1): 62-66.

Jonasson, G, JO Holm e J Leegard. Allergia alla gomma: un problema di salute in aumento? Tuidsskr Nor Laegeforen 113 (11): 1366-1367.

Kandolin, I. 1993. Burnout di infermiere e infermiere nel lavoro a turni. Ergonomia 36(1/3):141-147.

Kaplan, RM e RA Deyo. 1988. Mal di schiena negli operatori sanitari. In Mal di schiena nei lavoratori, a cura di RA Deyo. Filadelfia, Pennsylvania: Hanley & Belfus.

Katz, R. 1983. Cause di morte tra gli infermieri. Occupare Med 45: 760-762.

Kempe, P, M Sauter e io Lindner. 1992. Caratteristiche peculiari degli infermieri per anziani che si sono avvalsi di un programma di formazione finalizzato alla riduzione dei sintomi di burn-out e primi risultati sull'esito del trattamento. In Ergonomie à l'hôpital (ergonomia ospedaliera), a cura di M Estryn-Béhar, C Gadbois e M Pottier. Simposio Internazionale Parigi 1991. Toulouse: Editions Octares.

Kerr, J.H. 1985. Dispositivi di allarme. Br J Anaesth 57: 696-708.

Kestin, IG, RB Miller e CJ Lockhart. 1988. Allarmi uditivi durante il monitoraggio dell'anestesia. Anestesiologia 69 (1): 106-109.

Kinloch-de-los, S, BJ Hirschel, B Hoen, DA Cooper, B Ti