Banner 17

 

99. Ufficio e commercio al dettaglio

Editor del capitolo: Jonathan Rosen


Sommario

Tabelle e figure

La natura dell'ufficio e del lavoro d'ufficio
Charles Levenstein, Beth Rosenberg e Ninica Howard

Professionisti e Manager
Nona McQuay

Uffici: un riepilogo dei rischi
Wendy Hord

Sicurezza dei cassieri di banca: la situazione in Germania
Manfred fischer

telelavoro
Jamie Tessler

Il settore della vendita al dettaglio
Adriana Markowitz

     Caso di studio: mercati all'aperto
     John G.Rodwan, Jr.

tavoli 

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Lavori professionali standard
2. Lavori d'ufficio standard
3. Inquinanti dell'aria interna negli edifici per uffici
4. Statistiche sul lavoro nel settore della vendita al dettaglio

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

OFR040F3OFR040F1OFR040F2

Organizzazione del lavoro e stress

Il lavoro d'ufficio e di vendita è tradizionalmente considerato un lavoro pulito, facile e sicuro. Sebbene in questi campi le lesioni acute potenzialmente letali siano rare, esistono rischi professionali che riducono la qualità della vita e, in alcuni casi, causano lesioni gravi e morte.

Lo stress può essere definito come uno stimolo fisico o psicologico che produce tensione o interruzione del normale equilibrio fisiologico dell'individuo. Le reazioni allo stress includono mal di testa, disturbi gastrointestinali e del sonno, ipertensione e altre malattie cardiovascolari, ansia, depressione e aumento dell'uso di alcol e droghe. Il lavoro negli uffici e nei negozi al dettaglio è stressante sia per la struttura delle industrie sia per l'organizzazione del lavoro.

La struttura del lavoro

I datori di lavoro utilizzano sempre più lavoratori part-time e temporanei ("temporanei" o lavoratori a contratto). Spesso, questa disposizione fornisce la flessibilità desiderata nell'orario di lavoro. Ma ci sono dei costi. Le statistiche sul lavoro del governo mostrano che il lavoratore part-time medio negli Stati Uniti, ad esempio, guadagna solo il 60% rispetto a un lavoratore a tempo pieno su base oraria. Non solo sono pagati di meno, ma i loro benefici, come l'assicurazione sanitaria, le pensioni, il congedo per malattia e le ferie retribuiti, sono sostanzialmente inferiori a quelli ricevuti dai lavoratori a tempo pieno. Meno del 25% dei lavoratori part-time ha un'assicurazione sanitaria pagata dal datore di lavoro, rispetto a quasi l'80% dei lavoratori a tempo pieno. Il 25% dei lavoratori a tempo pieno ha una pensione, mentre solo il 1990% dei lavoratori a tempo parziale ha questa copertura. Nel 5 negli Stati Uniti c'erano quasi 15 milioni di lavoratori part-time che avrebbero preferito essere impiegati a tempo pieno. Anche altri paesi stanno subendo simili trasformazioni del lavoro. Ad esempio, nell'Unione Europea, nel 20, il 1991% della forza lavoro e circa il 8.4% degli impiegati e delle vendite avevano lavori part-time e l'1997% degli impiegati erano temporanei (De Grip, Hovenberg e Willems XNUMX).

Oltre alle retribuzioni più basse e ai pochi benefici, ci sono altri aspetti negativi di questa ristrutturazione del lavoro. I temporanei vivono spesso con lo stress di non sapere quando lavoreranno. Tendono anche a fare più straordinari perché spesso vengono assunti per periodi di “crunch”. Né i lavoratori part-time né i lavoratori temporanei ricevono pari protezione ai sensi di molte leggi governative, comprese le norme sulla sicurezza e salute sul lavoro, l'assicurazione contro la disoccupazione e le norme pensionistiche. Pochi sono rappresentati dai sindacati. Un caso di studio commissionato dalla Occupational Safety and Health Administration degli Stati Uniti sul lavoro a contratto nell'industria petrolchimica mostra che i lavoratori a contratto ricevono meno formazione in materia di salute e sicurezza e hanno tassi di infortuni più elevati rispetto ai lavoratori senza contratto (Murphy e Hurrell 1995). Le conseguenze sulla salute di una forza lavoro temporanea sempre più non sindacalizzata non devono essere sottovalutate.

Organizzazione del lavoro

Quando il noto studio a lungo termine sulle malattie cardiache, lo US Framingham Heart Study, ha esaminato la relazione tra lo stato occupazionale e l'incidenza della malattia coronarica, ha scoperto che il 21% delle donne impiegate sviluppa malattie coronariche, un tasso quasi il doppio di quella degli impiegati o delle casalinghe. Secondo il modello di controllo della domanda di stress lavorativo di Karasek, il lavoro caratterizzato da elevate richieste e basso controllo, o autonomia decisionale, è il più stressante, a causa dello squilibrio tra responsabilità e capacità di risposta (Karasek 1979, 1990). Professioni come il lavoro d'ufficio, la produzione di elettronica, il lavoro nell'abbigliamento e la lavorazione del pollame sono caratterizzate da noia, rischi ergonomici e scarso controllo del lavoro. Il lavoro d'ufficio è classificato tra i più stressanti in questo senso.

Riconoscere i determinanti sociali, economici e fisici degli effetti sulla salute legati ai fattori di stress occupazionali invece di concentrarsi esclusivamente sulla patologia personale è un primo passo nella gestione completa ea lungo termine dei problemi legati allo stress. Mentre molte persone possono beneficiare di programmi che forniscono esercizi individuali di coping e rilassamento, i programmi di gestione dello stress sul posto di lavoro dovrebbero anche riconoscere i vincoli sociali ed economici più ampi che forniscono il contesto per la vita quotidiana dei lavoratori.

Qualità dell'aria

Molti edifici hanno seri problemi di inquinamento dell'aria interna. Negli uffici, la combinazione di una scarsa ventilazione, edifici sigillati e l'accumulo di sostanze chimiche dai materiali da costruzione, dalle macchine per ufficio e dal fumo di sigaretta ha provocato uno smog negli uffici in molti edifici. I microrganismi (ad es. muffe, batteri) possono proliferare nei sistemi di condizionamento e umidificazione, nei condensatori evaporativi e nelle torri di raffreddamento in molti edifici per uffici. Il risultato può essere la “sindrome da edificio stretto”, che può comportare un'ampia gamma di sintomi a seconda della situazione, tra cui allergie e infezioni respiratorie, come la legionellosi, che a volte possono raggiungere proporzioni epidemiche. Forse l'inquinante atmosferico più comune in ufficio è il fumo di sigaretta, che può aumentare il livello di particelle respirabili nell'aria fino a 5 volte quello di un ufficio non fumatori. Poiché la ricerca ha collegato il fumo di sigaretta di un coniuge con l'aumento del rischio di cancro ai polmoni di un coniuge non fumatore, anche gli impiegati non fumatori possono essere a rischio.

Rischi ergonomici

I rischi ergonomici nel commercio al dettaglio sono aumentati negli ultimi anni con l'introduzione di nuove tecnologie e strutture organizzative. La tendenza nel commercio al dettaglio è stata verso operazioni self-service e verso punti vendita al dettaglio più grandi. L'introduzione dello scanner elettronico ha creato tempi di ciclo più brevi e una maggiore ripetitività. Inoltre, lo spazio di lavoro spesso non è adattato alla nuova tecnologia e molte pratiche lavorative possono portare a stress muscoloscheletrico.

Molti studi e indagini hanno riscontrato un tasso più elevato di disturbi traumatici cumulativi nei cassieri rispetto ai non cassieri e una relazione dose-risposta tra il lavoro e questi disturbi. Questi lavori di solito richiedono alti livelli di attività degli arti superiori e, di conseguenza, la sindrome del tunnel carpale, la tendinite e la tenosinovite sono vissute da un'ampia percentuale di cassieri. È stato dimostrato che gli addetti alla merce generica hanno livelli moderati di attività del polso e alti livelli di attività della caviglia. Il design del banco degli assegni può influenzare notevolmente la postura e gli schemi di movimento del cassiere, causando posizioni scomode, lunghe distanze e frequenti sollevamenti. Di conseguenza altre aree comuni di disagio sono il collo, la spalla, il gomito e la schiena. La posizione prolungata per cassieri e impiegati può anche causare mal di schiena a causa delle forze di compressione associate all'attività. Inoltre, la posizione eretta prolungata può causare disagio a gambe, ginocchia e piedi e vene varicose. Un ulteriore rischio per il fondo viene dallo spostamento di stack che possono essere troppo pesanti e/o troppo grandi.

Ci sono molti altri settori all'interno del commercio al dettaglio che sperimentano questi disturbi così come molti altri. Ad esempio, la vendita al dettaglio di fioristi e parrucchieri è spesso associata a problemi della pelle come eruzioni cutanee e dermatiti croniche. Le lesioni più comuni negli esercizi di ristorazione sono lacerazioni e ustioni. Tenendo conto di questi fattori insieme all'elevato tasso di turnover dei dipendenti e alla formazione inadeguata che può verificarsi di conseguenza, il risultato è un ambiente che favorisce dolore cronico, disagio ed eventuali disturbi traumatici cumulativi.

Commerci d'ufficio

L'immagine del lavoro dei colletti bianchi sicuro e pulito è spesso ingannevole. Il drastico cambiamento nelle caratteristiche della forza lavoro in cui la specializzazione del lavoro, la ripetitività dei compiti e le esigenze fisiche sono aumentate e lo spazio di lavoro disponibile è diminuito ha portato a molte lesioni e malattie ergonomiche. Le lesioni più evidenti sono associate alla sicurezza, come cadute su pavimenti scivolosi, inciampi su cavi elettrici, collisioni con cassetti di schedari aperti e oggetti pesanti in movimento come scatole di carta e mobili. Tuttavia, con l'uso onnipresente dei computer negli uffici di oggi, esiste un nuovo modello di problemi di salute. Le zone del corpo più frequentemente interessate da disturbi da trauma cumulativo sono gli arti superiori e il collo. Tuttavia, l'uso prolungato dell'unità di visualizzazione visiva (VDU) può causare infiammazioni anche a muscoli, articolazioni e tendini della schiena e delle gambe. Gravi disturbi del polso come la sindrome del tunnel carpale, le tendiniti e le tenosinoviti sono spesso associati all'uso di videoterminali. Queste condizioni possono derivare dalla continua estensione del polso durante l'uso della tastiera o dalla pressione meccanica diretta sul polso da elementi come il bordo tagliente della scrivania. Disturbi delle dita possono derivare dai numerosi e rapidi movimenti delle dita che si verificano durante la digitazione. Le spalle tenute in una posizione statica elevata, a causa di una superficie di lavoro troppo alta, possono portare a tendiniti. Come spesso accade, la posizione seduta prolungata, caratteristica dell'uso del videoterminale, può ridurre la circolazione sanguigna e aumentare il ristagno di sangue nelle gambe e nei piedi poiché i tessuti molli delle gambe vengono compressi. Il dolore lombare è spesso un disturbo associato a una posizione seduta prolungata, poiché le forze di compressione nella colonna vertebrale possono essere elevate, soprattutto se la sedia è mal progettata. Altri comuni effetti sulla salute dell'uso del videoterminale sono l'affaticamento degli occhi e il mal di testa dovuti a illuminazione inadeguata o sfarfallio del videoterminale. Il computer è raramente l'unica attrezzatura nei grandi uffici. Il livello di rumore generato dalla combinazione di fotocopiatrici, macchine da scrivere, stampanti, telefoni e sistema di ventilazione è spesso superiore ai 45-55 dBA consigliati per una facile conservazione dell'ufficio e del telefono e può interferire con la concentrazione e aumentare i livelli di fastidio e stress, che sono stati associato a malattie cardiache.

Rischi ambientali

I principali rischi ambientali legati agli uffici e al commercio al dettaglio riguardano principalmente la società dei consumi: sviluppo di centri commerciali e problemi di acque sotterranee legati allo sviluppo di "campi verdi". In molte comunità suburbane nelle nazioni industrializzate avanzate, il commercio al dettaglio e lo sviluppo di uffici nei centri commerciali minacciano la vitalità sia delle aree urbane del centro che degli spazi aperti nelle periferie. In Asia e in Africa i problemi sono diversi: insieme alla vasta e non pianificata crescita delle aree urbane è arrivata una divisione geografica ancora più netta delle classi sociali. Ma nel Nord e nel Sud, alcune città sono diventate discariche per poveri e diseredati, poiché centri commerciali e complessi di uffici – e le classi più privilegiate – hanno abbandonato le aree urbane. Non sono disponibili né il lavoro del futuro né le possibilità di consumo ad esso associate e l'ambiente urbano si è deteriorato di conseguenza. I nuovi sforzi delle organizzazioni per la giustizia ambientale hanno acuito la discussione sullo sviluppo urbano, la vita, lo shopping e il lavoro.

Lo sviluppo degli uffici pone anche il problema degli sprechi di carta. La carta presenta un problema di esaurimento delle risorse (il taglio delle foreste per la pasta da carta) e il problema dei rifiuti solidi. Una campagna internazionale contro il cloro ha anche evidenziato i rischi chimici associati alla produzione di carta. Il riciclaggio della carta, tuttavia, ha catturato l'immaginazione di chi è attento all'ambiente e l'industria della carta e della cellulosa è stata indotta ad aumentare la produzione di prodotti di carta riciclata, nonché a trovare alternative all'uso di composti di cloro. La comunicazione elettronica e la tenuta dei registri possono benissimo rappresentare una soluzione a lungo termine a questo problema.

L'enorme problema dei materiali di imballaggio in eccesso è una preoccupazione ambientale critica. Ad esempio, la discarica di Fresh Kills, la discarica di rifiuti residenziali di New York City, la più grande discarica degli Stati Uniti, copre circa 3,000 acri e riceve circa 14,000 tonnellate di rifiuti al giorno. Attualmente, in alcuni punti, la discarica raggiunge i 150 piedi (circa 50 m) di profondità, ma si prevede che raggiungerà i 450 piedi (circa 140 m) in 10 anni. Ciò non include i rifiuti commerciali o industriali non tossici. Gran parte di questi rifiuti è costituita da carta e plastica, che potrebbero essere riciclate. In Germania, i produttori di beni sono tenuti a ritirare i materiali di imballaggio. Pertanto, le aziende sono fortemente incoraggiate a ridurre le proprie pratiche di marketing al dettaglio dispendiose.

 

Di ritorno

Martedì, 15 marzo 2011 14: 19

Professionisti e Manager

Il mondo del lavoro, soprattutto nei paesi industrializzati, è diventato sempre più un mondo di colletti bianchi. Ad esempio, negli Stati Uniti nel 1994, il lavoro dei colletti bianchi era svolto dal 57.9% della forza lavoro e le occupazioni dei servizi rappresentavano il 13.7% della forza lavoro. Le occupazioni professionali sono passate dal quarto al terzo gruppo occupazionale più grande (AFL-CIO 1995). Tabella 1  elenca i lavori professionali standard secondo l'International Standard Classification of Occupations (ISCO-88). L'appartenenza dei colletti bianchi a sindacati e organizzazioni nazionali è passata dal 24% nel 1973 al 45% nel 1993 (AFL-CIO 1995). L'occupazione professionale, manageriale e tecnica dovrebbe crescere più rapidamente della media.


Tabella 1. Lavori professionali standard

Professionisti

Fisici, chimici e professionisti correlati

Fisici e astronomi
I meteorologi
chimici
Geologi e geofisici

Matematici, statistici e professionisti correlati

Matematici e professionisti correlati
Gli statistici

Professionisti informatici

Progettisti e analisti di sistemi informatici
Programmatori di computer
Altri professionisti dell'informatica

Architetti, ingegneri e professionisti affini

Architetti, urbanisti e urbanisti
Ingegneri civili
Ingegneri elettrici
Ingegneri elettronici e delle telecomunicazioni
Ingegneri meccanici
Ingegneri chimici
Ingegneri minerari, metallurgisti e professionisti correlati
Cartografi e geometri
Altri architetti e ingegneri

Scienze della vita e professionisti della salute

Biologi, zoologi e professionisti affini
Farmacologi, patologi e professionisti correlati
Agronomi e professionisti affini

Operatori sanitari (eccetto infermieri)

Medici
Dentisti
veterinari
farmacisti
Altri professionisti della salute

Professionisti infermieristici e ostetriche
Professionisti dell'insegnamento universitario, universitario e dell'istruzione superiore
Professionisti dell'insegnamento dell'istruzione secondaria
Professionisti dell'insegnamento della scuola primaria e preprimaria
Professionisti dell'insegnamento dell'educazione speciale
Altri professionisti dell'insegnamento

Specialisti in metodi educativi
Ispettori scolastici

Professionisti del settore

Contabili
Professionisti del personale e di carriera
Altri professionisti del settore

Professionisti legali

avvocati
Giudici
Altri professionisti legali

Archivisti, bibliotecari e relativi professionisti dell'informazione

Archivisti e curatori
Bibliotecari e professionisti affini

Scienze sociali e professionisti correlati

Gli economisti
Sociologi, antropologi e professionisti affini
Filosofi, storici e politologi
Filologi, traduttori e interpreti
Psicologi
Professionisti del servizio sociale

Scrittori e artisti creativi o performanti

Autori, giornalisti e altri scrittori
Scultori, pittori e artisti affini
Compositori, musicisti e cantanti
Coreografi e ballerini
Attori e registi cinematografici, teatrali e correlati

Professionisti religiosi

Fonte: OIL 1990a.


Una caratteristica del personale d'ufficio professionale e dei dirigenti è che la loro funzione lavorativa può richiedere il processo decisionale e la responsabilità per il lavoro di altri. Alcuni dirigenti o personale professionale (ad esempio, ingegneri, amministratori infermieristici o assistenti sociali) possono trovarsi nell'industria e sperimentare rischi industriali condivisi con il personale di linea. Altri con funzioni dirigenziali ed esecutive lavorano in edifici e uffici lontani dall'industria stessa. Entrambi i gruppi di lavoratori amministrativi sono a rischio per i pericoli del lavoro d'ufficio: stress professionale, scarsa qualità dell'aria interna, agenti chimici e biologici, lesioni da sforzo ripetitivo (RSI), problemi di sicurezza antincendio, molestie sessuali e violenza o aggressione sul posto di lavoro. Vedere anche l'articolo "Uffici: un riepilogo dei pericoli" in questo capitolo.

Cambiamenti demografici

In uno studio sulla "resistenza" esecutiva negli anni '1970, non è stato possibile trovare un numero sufficiente di donne in posizioni dirigenziali da includere nello studio (Maddi e Kobasa 1984). Negli anni '1990, le donne e le minoranze hanno avuto una crescente rappresentanza in posizioni di autorità, lavori professionali e lavori non tradizionali. Tuttavia, un "soffitto di vetro" raggruppa la maggior parte delle donne ai livelli inferiori della gerarchia organizzativa: solo il 2% delle posizioni dirigenziali è ricoperto da donne negli Stati Uniti, ad esempio.

Quando le donne entrano in occupazioni tradizionalmente maschili, si pone la questione se la loro esperienza sul posto di lavoro si tradurrà in un aumento della malattia coronarica simile a quello degli uomini. In passato, le donne sono state meno reattive degli uomini nelle secrezioni dell'ormone dello stress di fronte alla pressione da raggiungere. Tuttavia, in studi su donne in ruoli non tradizionali (studentesse di ingegneria, autiste di autobus e avvocatesse) un esperimento di laboratorio ha dimostrato che le donne avevano un aumento della secrezione di epinefrina quasi altrettanto marcato degli uomini esposti a un compito difficile, considerevolmente più alto rispetto alle impiegate nei ruoli tradizionali. Uno studio condotto nel 1989 su dirigenti uomini e donne ha mostrato che entrambi i sessi avevano un carico di lavoro pesante, tempi stretti, scadenze e responsabilità per gli altri. Le donne manager hanno segnalato la mancanza di comunicazione sul lavoro e il conflitto tra lavoro e famiglia come fonti di stress, mentre i manager uomini no. I dirigenti uomini hanno riportato la massima soddisfazione sul lavoro. Le donne manager non sono risultate avere il supporto di una forte rete di lavoro. Gli studi sulle donne professioniste e sui loro coniugi hanno mostrato che le responsabilità della cura dei figli sono maggiormente a carico delle donne, con gli uomini che si fanno carico di faccende con richieste meno specifiche di tempo, come la cura del prato (Frankenhaeuser, Lundberg e Chesney 1991).

Sebbene gli studi non indichino che il lavoro porta al fumo, lo stress sul posto di lavoro è associato a un aumento dei tassi di fumo e difficoltà a smettere di fumare. Nel 1988, è stato osservato un più alto tasso di fumo tra le donne professioniste rispetto ai lavoratori professionisti di sesso maschile (Biener 1988). Il fumo è uno stile comportamentale per affrontare lo stress. Ad esempio, gli infermieri che fumavano sigarette riportavano livelli più elevati di stress lavorativo rispetto agli infermieri non fumatori. Nello studio Women and Health, i lavoratori dipendenti avevano maggiori probabilità di segnalare stress sul lavoro (45%) rispetto ai lavoratori con salario orario (31%) e maggiori difficoltà a rilassarsi dopo il lavoro (57%) rispetto ai lavoratori con salario orario (35%) (Tagliacozzo e Vaughn 1982).

I cambiamenti internazionali hanno causato ristrutturazioni politiche e sociali che hanno portato a un gran numero di persone che emigrano dal loro paese di nascita. L'adattamento del posto di lavoro alle minoranze si traduce in lavoratori più diversificati rappresentati in posizioni manageriali. Le implicazioni di questi cambiamenti includono analisi del fattore umano, politiche del personale ed educazione alla diversità. Potrebbero essere necessarie modifiche ergonomiche per adattarsi a diversi tipi e dimensioni del corpo. Le culture possono scontrarsi; ad esempio, i valori relativi all'elevata produttività o alla gestione del tempo possono variare tra le nazioni. La sensibilità a tali differenze culturali viene insegnata più spesso oggi quando si immagina un'economia globale (Marsella 1994).

Nuove strutture di organizzazione del lavoro

L'aumento dell'uso di tecniche partecipative per l'input e la governance delle organizzazioni, come i comitati congiunti di gestione del lavoro ei programmi di miglioramento della qualità, hanno modificato le tipiche strutture gerarchiche di alcune organizzazioni. Di conseguenza, l'ambiguità di ruolo e le nuove competenze richieste sono spesso citate come fattori di stress per coloro che ricoprono posizioni manageriali.

Se la condizione del lavoro manageriale e di supervisione rimane impegnativa, allora l'individuo ad alto stress/poca malattia può essere descritto come un "dirigente resistente". Tali dirigenti sono stati caratterizzati come essere impegnata a varie parti della loro vita (ad esempio, famiglia, lavoro, relazioni interpersonali), come sensazione di un maggiore senso di di controllo su ciò che accade nella loro vita e per quanto riguarda Challenge in modalità positiva. Se eventi di vita stressanti (ad esempio, riduzioni di personale) possono debilitare un lavoratore, il modello di robustezza fornisce un effetto tampone o protettivo. Ad esempio, durante i periodi di cambiamento organizzativo, gli sforzi per mantenere una sensazione di controllo tra i lavoratori potrebbero includere una maggiore chiarezza nelle attività lavorative e nelle descrizioni delle mansioni e la percezione del cambiamento come possibilità, piuttosto che come perdita (Maddi e Kobasa 1984).

Cambiamento nella tecnologia sul posto di lavoro

Il lavoro è cambiato in modo tale che oltre alle capacità mentali richieste al professionista, è richiesta competenza tecnologica. L'uso del computer, del fax, del telefono e della videoconferenza, della posta elettronica, delle presentazioni audiovisive e di altre nuove tecnologie ha cambiato la funzione di molti dirigenti e creato rischi ergonomici e di altro tipo associati alle macchine che assistono queste funzioni. Il termine stress tecnico è stato coniato per descrivere l'impatto dell'introduzione delle nuove tecnologie dell'informazione. Nel 1991, per la prima volta nella storia, le aziende statunitensi hanno speso di più in hardware informatico e di comunicazione che in macchine industriali, minerarie, agricole e di costruzione.

I computer influenzano il modo in cui il lavoro professionale ei processi di lavoro sono organizzati oggi. Tali effetti possono includere affaticamento degli occhi, mal di testa e altri effetti del videoterminale. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 1989 ha riferito che i fattori psicologici e sociologici sono importanti almeno quanto l'ergonomia fisica nel lavorare con i computer. Le conseguenze indesiderate dell'uso del computer includono l'isolamento dell'operatore del computer e l'aumento del lavoro con computer in postazioni remote che utilizzano modem ad alta velocità. (Vedi anche l'articolo "Telelavoro" in questo capitolo.)

Stress professionale

Un rischio ben noto è quello dello stress lavorativo, ormai legato a esiti fisiologici, in particolare le malattie cardiovascolari. Lo stress è discusso ampiamente in diversi capitoli in questo Enciclopedia.

Uno studio svedese sugli ingegneri delle telecomunicazioni professionisti suggerisce che la maggior parte degli studi sullo stress, che di solito si basavano su lavori di bassa e media qualifica, non sono applicabili a professionisti qualificati. In questo studio, tre interventi di riduzione dello stress sono stati applicati alla forza lavoro professionale con i seguenti risultati positivi: una sensazione di avere il controllo del proprio lavoro (pensato per proteggere dal lavoro ad alto sforzo mentale); una diminuzione della tensione mentale; un effetto duraturo sulle interazioni sociali e sul supporto; un miglioramento dei livelli elevati di prolattina; una diminuzione dei trombociti circolanti (che può essere un fattore nell'ictus); e un miglioramento degli indicatori di rischio cardiovascolare (Arnetz 1996).

Poiché i costi umani e finanziari dello stress professionale sono diventati noti, molte organizzazioni hanno introdotto iniziative che riducono lo stress e migliorano la salute dei dipendenti sul posto di lavoro. Tali interventi possono concentrarsi sull'individuo (tecniche di rilassamento e programmi di assistenza ai dipendenti); sull'interfaccia individuo-organizzazione (adattamento persona-ambiente, partecipazione e autonomia); o sull'organizzazione (strutture organizzative, formazione, selezione e collocamento).

Violenza

I lavoratori manageriali e professionali sono a rischio di violenza e aggressione a causa della loro visibilità e della possibilità di reazioni avverse alle loro decisioni. Più comunemente, la violenza e l'aggressione si verificano quando il denaro passa di mano in contesti di vendita al dettaglio o dove si vedono clienti in difficoltà. I luoghi di lavoro a maggior rischio di omicidio (in ordine decrescente) sono stabilimenti di taxi, negozi di liquori, distributori di benzina, servizi investigativi, istituti di giustizia e ordine pubblico, negozi di alimentari, gioiellerie, hotel/motel e luoghi di ristoro. L'omicidio sul posto di lavoro è stata la principale causa di morte sul lavoro per le donne e la terza causa di morte per tutti i lavoratori negli Stati Uniti dalla metà degli anni '1980 alla metà degli anni '1990 (NIOSH 1993; Stout, Jenkins e Pizatella 1989).

Rischi di viaggio

Nel 30, circa 1991 milioni di persone hanno viaggiato dai paesi industrializzati ai paesi in via di sviluppo, molti di questi viaggiatori d'affari. La metà dei viaggiatori erano residenti negli Stati Uniti e in Canada, più comunemente in viaggio verso il Messico. I viaggiatori europei sono stati il ​​40% del totale, con la maggior parte in Africa e in Asia. I rischi per la salute dei viaggiatori internazionali si verificano quando si viaggia in paesi in via di sviluppo con alti tassi endemici di malattie per le quali il viaggiatore può avere bassi livelli di anticorpi protettivi. Un esempio è il virus dell'epatite A (HAV), che si trasmette a 3 persone su 1,000 per il viaggiatore medio nei paesi in via di sviluppo e che aumenta a 20 persone su 1,000 per chi viaggia nelle zone rurali e non è attento al cibo e all'igiene. L'epatite A è una malattia di origine alimentare e idrica. È disponibile un vaccino che è stato introdotto in Svizzera nel 1992 ed è raccomandato dall'Advisory Committee on Immunization Practices per le persone che viaggiano in aree con un'alta incidenza di HAV (Perry 1996). Contesto e riferimenti per tali pericoli sono forniti altrove in questo documento Enciclopedia.

Altri rischi di viaggio includono incidenti automobilistici (la causa più classificata di morte sul posto di lavoro negli Stati Uniti), jet lag dovuto a disturbi diurni, assenze familiari prolungate, disturbi gastrointestinali, incidenti di trasporto pubblico, criminalità, terrorismo o violenza. Gli avvisi ai viaggiatori per rischi specifici sono disponibili presso le agenzie di controllo delle malattie e le ambasciate.

Interventi in materia di salute e sicurezza

Le misure per il miglioramento delle condizioni di lavoro dei lavoratori professionali e manageriali includono quanto segue:

  • Tutti i lavoratori dirigenti, supervisori e professionisti dovrebbero essere inclusi nella formazione sulla salute e sicurezza sul posto di lavoro.
  • I programmi per smettere di fumare nei luoghi di lavoro sono appropriati in quanto convenienti, consentono la pratica di comportamenti di cessazione durante l'orario di lavoro (quando sono spesso più necessari per far fronte a eventi stressanti) e forniscono incentivi a smettere di fumare.
  • I programmi di gestione dello stress e del tempo portano a una maggiore soddisfazione e produttività dei lavoratori.
  • La diversità sul posto di lavoro sarà all'ordine del giorno nel prossimo secolo. La formazione sulla diversità migliora la comprensione interculturale.
  • Il personale femminile professionale e manageriale ha bisogno di sostegno sul posto di lavoro per i loro ruoli impegnativi a casa e sul posto di lavoro: congedi familiari, gruppi di sostegno e maggiori opportunità di avanzamento e controllo sul proprio lavoro.
  • A tutti i lavoratori dovrebbero essere forniti programmi di assistenza ai dipendenti che non siano giudicanti e confidenziali.
  • I rischi del lavoro al computer richiedono enfasi organizzativa, ambientale, delle attrezzature e della formazione, nonché miglioramenti ingegneristici nella progettazione di postazioni di lavoro, monitor e cantieri remoti.
  • I viaggiatori hanno bisogno di tempo per riorientarsi verso altri fusi orari e paesi, informazioni sanitarie aggiornate per proteggerli, tempo libero per provvedere alle esigenze familiari e alle protezioni di sicurezza.
  • Tutti i lavoratori hanno bisogno di controlli tecnici, pratiche di lavoro e dispositivi di protezione per proteggersi da atti violenti e aggressioni da parte di altri. La formazione in materia di protezione personale e d'ufficio dovrebbe riguardare la prevenzione, la protezione personale e l'assistenza e la consulenza post-aggressione.

 

Di ritorno

Martedì, 15 marzo 2011 14: 23

Uffici: un riepilogo dei rischi

Gli impiegati possono svolgere un'ampia varietà di compiti, tra cui: rispondere al telefono; interagire con il pubblico; maneggiare denaro; ricevere e consegnare posta; apertura della posta; dattilografia e trascrizione; utilizzare macchinari per ufficio (ad es. computer, addizionatrici, duplicatrici e così via); archiviazione; forniture di sollevamento, pacchi e così via; e lavoro professionale come scrittura, editing, contabilità, ricerca, interviste e simili. La tabella 1 elenca i lavori d'ufficio standard.

 


 

Tabella 1. Lavori d'ufficio standard

Clerks

Segretarie e impiegate alla tastiera

Stenografi e dattilografi
Elaboratore di testi e relativi operatori
Operatori di inserimento dati
Operatori di macchine calcolatrici
Segretari

Impiegati numerici

Impiegati contabili e contabili
Impiegati statistici e finanziari

Impiegati alla registrazione dei materiali e ai trasporti

Addetti al magazzino
Addetti alla produzione
Addetti ai trasporti

Impiegati di biblioteca, posta e affini

Addetti alla biblioteca e all'archiviazione
Corrieri postali e addetti allo smistamento
Codifica, correzione di bozze e relativi impiegati
Scribi e relativi impiegati
Altri impiegati d'ufficio

Cassieri, cassieri e relativi impiegatis

Cassieri e biglietterie
Cassieri e altri addetti allo sportello
Bookmaker e croupier
Prestatori di pegno e prestatori di denaro
Esattori e lavoratori assimilati

 

Addetti all'informazione clienti

Agenzia di viaggi e relativi impiegati
Addetti alla reception e addetti all'informazione
Operatori telefonici e centralini

Fonte: OIL 1990a.

 


 

Spesso si pensa che gli impiegati abbiano ambienti piacevoli e sicuri in cui lavorare. Anche se il lavoro d'ufficio non è pericoloso come molti altri luoghi di lavoro, ci sono una serie di problemi di sicurezza e salute che possono essere presenti in un ufficio. Alcuni di questi possono comportare rischi significativi per gli impiegati.

Alcuni pericoli e problemi di salute

Scivola, inciampa e cade sono una causa comune di infortuni in ufficio. Condizioni meteorologiche sfavorevoli come pioggia, neve e ghiaccio creano rischi di scivolamento all'esterno degli edifici e all'interno quando i pavimenti bagnati non vengono puliti tempestivamente. I cavi elettrici e telefonici posizionati nei corridoi e nei passaggi pedonali sono una causa comune di inciampi. Gli uffici con moquette possono creare rischi di inciampo quando la moquette vecchia, sfilacciata e deformata non viene riparata e i tacchi delle scarpe si impigliano su di essa. Le prese elettriche a pavimento possono causare inciampi quando si trovano in corridoi e passaggi pedonali.

Tagli e contusioni sono visti nelle impostazioni dell'ufficio da una varietà di cause. I tagli di carta sono comuni da cartelle di file, buste e bordi di carta. I lavoratori possono ferirsi entrando in tavoli, porte o cassetti che sono stati lasciati aperti e non sono stati visti. Forniture e materiali per ufficio conservati in modo improprio possono causare lesioni se cadono su un lavoratore o se vengono posizionati dove un lavoratore potrebbe inavvertitamente camminarci sopra. I tagli possono anche essere causati da attrezzature per ufficio come tagliacarte e spigoli vivi di cassetti, armadi e tavoli.

Rischi elettrici si verificano quando i cavi elettrici vengono posizionati attraverso corridoi e passaggi pedonali, sottoponendo i cavi a danni. L'uso improprio delle prolunghe è spesso visto negli uffici, ad esempio, quando questi cavi vengono utilizzati al posto di prese fisse (installate in modo permanente), hanno troppi elementi collegati (quindi potrebbe esserci un sovraccarico elettrico) o sono sbagliati dimensioni (prolunghe sottili utilizzate per energizzare cavi per impieghi gravosi). In molti uffici vengono utilizzati adattatori o spine "cheater". Molto spesso vengono utilizzati per collegare apparecchiature che devono essere messe a terra (spina a tre poli) in prese a due poli senza collegare la spina a terra. Questo crea un collegamento elettrico non sicuro. I pin di messa a terra a volte vengono staccati da una spina per consentire la stessa connessione a due poli.

Stress è un problema di salute psicosociale significativo per molti uffici. Lo stress è causato da molti fattori, tra cui il rumore dovuto al sovraffollamento e alle attrezzature, i rapporti inadeguati con i supervisori e/o i colleghi, l'aumento del carico di lavoro e la mancanza di controllo sul lavoro.

Problemi muscoloscheletrici e lesioni dei tessuti molli come le tendiniti derivano da mobili e attrezzature per ufficio che non sono adatti alle esigenze fisiche individuali di un lavoratore. La tendinite può verificarsi a causa del movimento ripetuto di alcune parti del corpo, come problemi alle dita dovuti alla scrittura costante o all'archiviazione e al recupero di file da armadietti troppo pieni. Molti impiegati soffrono di una varietà di RSI come la sindrome del tunnel carpale, la sindrome dello stretto toracico e il danno ai nervi dell'ulcera a causa dell'attrezzatura inadatta e della mancanza di pause di riposo dovute alla digitazione continua (su un computer) o ad altre attività ripetitive. Mobili e attrezzature mal progettati contribuiscono anche a una postura scorretta e alla compressione dei nervi degli arti inferiori, poiché molti impiegati stanno seduti per lunghi periodi di tempo; tutti questi fattori contribuiscono a problemi alla parte bassa della schiena e agli arti inferiori, così come la posizione costante.

L'uso continuo dei computer e la scarsa illuminazione generale creano affaticamento degli occhi per gli impiegati. Per questo motivo, molti lavoratori sperimentano un peggioramento della vista, mal di testa, bruciore agli occhi e affaticamento degli occhi. Le regolazioni dell'illuminazione e del contrasto dello schermo del computer, nonché le frequenti interruzioni della messa a fuoco degli occhi, sono necessarie per eliminare i problemi agli occhi. L'illuminazione deve essere adeguata al compito.

Procedure antincendio e di emergenza sono essenziali in un ufficio. Molti uffici non dispongono di procedure adeguate per consentire ai lavoratori di uscire da un edificio in caso di incendio o altra emergenza. Queste procedure, o piani di emergenza, dovrebbero essere scritte e dovrebbero essere praticate (attraverso esercitazioni antincendio) in modo che gli occupanti dell'ufficio abbiano familiarità con dove andare e cosa fare. Questo assicura che tutti i lavoratori evacueranno prontamente e in sicurezza in caso di vero incendio o altra emergenza. La sicurezza antincendio è spesso compromessa negli uffici dal blocco delle uscite, dalla mancanza di segnaletica di uscita, dallo stoccaggio di sostanze chimiche o materiali combustibili incompatibili, dai sistemi di allarme o antincendio non funzionanti o dalla totale mancanza di adeguati mezzi di notifica dei lavoratori in caso di emergenza.

Violenza

La violenza sul posto di lavoro viene ora riconosciuta come un rischio significativo sul posto di lavoro. Come discusso nel cap Violenza, negli Stati Uniti, ad esempio, l'omicidio è la prima causa di morte per le lavoratrici e la terza causa di morte per tutti i lavoratori. Le aggressioni non mortali si verificano molto più frequentemente di quanto la maggior parte delle persone creda. Gli impiegati che interagiscono con il pubblico, ad esempio i cassieri, possono essere maggiormente a rischio di violenza. La violenza può essere anche interna (lavoratore contro lavoratore). La stragrande maggioranza della violenza sul posto di lavoro in ufficio, tuttavia, proviene da persone che arrivano in ufficio dall'esterno. Gli impiegati degli uffici governativi sono molto più a rischio di episodi di violenza sul posto di lavoro perché questi lavoratori amministrano leggi e regolamenti a cui molti cittadini hanno reazioni ostili, siano esse verbali o fisiche. Negli Stati Uniti, il 18% della forza lavoro è costituito da impiegati statali, ma costituiscono il 30% delle vittime della violenza sul posto di lavoro.

Gli uffici possono essere resi più sicuri limitando l'accesso alle aree di lavoro, modificando o creando politiche e procedure che aiutino a eliminare le fonti di ostilità e forniscano procedure di emergenza e installando attrezzature di sicurezza appropriate per il particolare ufficio che si sta migliorando. Le misure per migliorare la sicurezza sono illustrate nell'articolo che descrive i requisiti tedeschi per la sicurezza dei cassieri di banca.

Indoor Air Quality

La scarsa qualità dell'aria interna (IAQ) è probabilmente il problema di sicurezza e salute più frequente da parte degli impiegati. L'effetto di una scarsa IAQ su produttività, assenteismo e morale è sostanziale. L'EPA (Environmental Protection Agency) degli Stati Uniti ha elencato la scarsa IAQ tra i primi 5 problemi di salute pubblica degli anni '1990. Esistono molte ragioni per la scarsa qualità dell'aria. Tra questi ci sono edifici chiusi o sigillati con quantità inadeguate di aria esterna, sovraffollamento di uffici, manutenzione inadeguata dei sistemi di ventilazione, presenza di sostanze chimiche come pesticidi e composti detergenti, danni causati dall'acqua e crescita di muffe, installazione di cubicoli e pareti che bloccano il flusso d'aria nelle aree di lavoro, troppa o troppo poca umidità e ambienti di lavoro sporchi (o scarsa pulizia).

Tabella 2 elenca i comuni inquinanti dell'aria interna trovati in molti uffici. Le macchine per ufficio sono anche una fonte di molti inquinanti dell'aria interna. Sfortunatamente, la maggior parte degli uffici non ha progettato i propri sistemi di ventilazione per tenere conto delle emissioni delle apparecchiature per ufficio.

Tabella 2. Inquinanti dell'aria interna che possono essere trovati negli edifici per uffici

Inquinanti

fonti

Effetti sulla salute

Ammoniaca

Macchine per progetti, soluzioni per la pulizia

Irritazione delle vie respiratorie, degli occhi e della pelle

Amianto

Prodotti isolanti, stucchi, ritardanti di fiamma, piastrelle per soffitti e pavimenti

Fibrosi polmonare (polmone), cancro

Diossido di carbonio

Aria espirata dall'uomo, combustione

Mal di testa, nausea, vertigini

Monossido di carbonio

Scarichi di automobili, fumo di tabacco, combustione

Mal di testa, debolezza, vertigini, nausea; esposizione a lungo termine correlata a malattie cardiache

Formaldehyde

Isolamento in schiuma di urea-formaldeide e resina di urea-formaldeide utilizzata per legare prodotti in legno lamellare come truciolare e compensato; fumo di tabacco

Sistema respiratorio, irritazione degli occhi e della pelle, nausea, mal di testa, affaticamento, possibilità di cancro

Freon

Impianti di condizionamento che perdono

Irritazione del sistema respiratorio; aritmia cardiaca ad alte concentrazioni

Alcool metilico

Macchine duplicatrici a spirito

Sistema respiratorio e irritazione cutanea

Microrganismi (virus, batteri, funghi)

Sistemi di umidificazione e condizionamento, condensatori evaporativi, torri di raffreddamento, carta ammuffita, libri antichi, carta da giornale umida

Infezioni respiratorie, reazioni allergiche

Scarichi di autoveicoli (monossido di carbonio, ossidi di azoto, particolato di piombo, ossidi di zolfo)

Autorimesse, traffico esterno

Irritazione delle vie respiratorie e degli occhi, mal di testa (vedi monossido di carbonio), danno genetico

Ossido d'azoto

Stufe e stufe a gas, combustione, scarichi di autoveicoli, fumo di tabacco

Sistema respiratorio e irritazione oculare

Ozono

Fotocopiatrici e altre macchine elettriche

Sistema respiratorio e irritazione oculare, mal di testa, danni genetici

Vapori e polveri di vernice (sostanze organiche, piombo, mercurio)

Superfici verniciate di fresco, vecchie pitture screpolate

Sistema respiratorio e irritazione agli occhi; danni neurologici, renali e del midollo osseo ad alti livelli di esposizione

PCB (policlorobifenili), diossina, dibenzofurano

Trasformatori elettrici, vecchi reattori per luci fluorescenti

Difetti dello sperma e del feto, eruzioni cutanee, danni al fegato e ai reni, cancro

Pesticidi

Irrorazione di piante e locali

A seconda dei componenti chimici: danni al fegato, cancro, danni neurologici, pelle, sistema respiratorio e irritazione agli occhi

Radon e prodotti di decadimento

Materiali da costruzione come calcestruzzo e pietra; scantinati

Danni genetici, cancro, danni al feto e allo sperma, ecc., dovuti a radiazioni ionizzanti

Solventi (cloruro di metilene, 1,1,1-tricloro-etano, percloroetilene, esano, eptano, alcol etilico, glicoleteri, xilene, ecc.)

Detergenti per macchine da scrivere e fluidi correttivi, adesivi spray, gomma cementizia, inchiostri per tamponi per timbri, pennarelli, inchiostri e detergenti per macchine da stampa

A seconda del solvente: irritazione della pelle, degli occhi e delle vie respiratorie; mal di testa, vertigini, nausea; danni al fegato e ai reni

Gas sterilizzanti (come l'ossido di etilene)

Sistemi per la sterilizzazione di impianti di umidificazione e condizionamento

A seconda dei componenti chimici: sistema respiratorio e irritazione oculare, danno genetico, cancro

Fumo di tabacco (esposizione passiva a particolato, monossido di carbonio, formaldeide, catrame di carbone e nicotina)

Sigarette, pipe, sigari

Sistema respiratorio e irritazione agli occhi; può portare a malattie associate ai fumatori

Composti organici volatili (COV)

Fotocopiatrici e altre macchine per ufficio, tappeti, nuove plastiche

Sistema respiratorio e irritazione oculare, reazioni allergiche

Fonte: Stellman e Henifin 1983.

La prevalenza di una IAQ scarsa ha contribuito all'aumento dell'asma professionale e di altri disturbi respiratori, della sensibilità chimica e delle allergie. Anche la pelle e gli occhi secchi o irritati sono disturbi di salute comuni che possono essere collegati a una scarsa IAQ. È necessario intraprendere azioni per indagare e correggere i problemi che stanno causando una IAQ scadente secondo gli standard e le raccomandazioni sulla qualità dell'aria.

La dermatite (sia allergica che irritante) può essere causata da molti degli inquinanti atmosferici elencati nella tabella 2, ad esempio solventi, residui di pesticidi, inchiostri, carte patinate, nastri per macchine da scrivere, detergenti e così via possono causare problemi alla pelle. Le migliori soluzioni per chi lavora in ufficio sono l'identificazione della causa e la sostituzione.

 

Di ritorno

Lavorare in banca: ora più sicuro per il personale

Quali misure a lungo termine possono essere prese per ridurre l'attrattiva di una rapina in banca? Le nuove disposizioni del regolamento tedesco per la prevenzione degli infortuni (APR) per lo “sportello del cassiere” (VBG 120) riducono notevolmente il rischio per i dipendenti di essere feriti o uccisi durante le rapine in banca.

Fondamentale è una conoscenza precisa della condotta dei rapinatori di banche. A tal fine, l'Administration Trade Organization studia le rapine in banca dal 1966. Questi studi hanno dimostrato che, ad esempio, i rapinatori di banche preferiscono le piccole filiali bancarie con pochi dipendenti. Circa un terzo delle rapine in banca avviene poco dopo l'apertura o poco prima della chiusura. L'obiettivo è lasciare la banca derubata il più velocemente possibile (dopo 2 o 3 minuti) e con il maggior bottino possibile. Molti rapinatori di banche lavorano sotto l'idea sbagliata diffusa che 100,000 DM e più possano essere prelevati dallo sportello di un cassiere. I risultati di questi ed altri studi sono contenuti nelle sezioni “Costruzione ed equipaggiamento” e “Operazioni” del TAEG “Sportelli”. A tutela del dipendente vengono qui proposte misure che riducono drasticamente le aspettative dei rapinatori di banche. Il successo di queste misure dipende dal fatto che i dipendenti le rispettino rigorosamente nella pratica quotidiana.

Quali requisiti di base sono fissati nel TAEG “Sportello”? Al comma 7 del TAEG “Sportello” è detta l'esigenza centrale: “La tutela dell'assicurato richiede la messa in sicurezza delle banconote in modo da ridurre sensibilmente l'incentivo alla rapina”.

Cosa significa nella pratica quotidiana? Il denaro facilmente accessibile dovrebbe essere conservato e lavorato in aree accessibili al pubblico solo all'interno di stanze separate dal pubblico da sezioni a prova di proiettile o infrangibili.

L'importo massimo di denaro accessibile consentito è indicato al comma 32: è ammesso un massimo complessivo di DM 50,000 se sono presenti sportelli antiproiettile, altri presidi antiscasso e sono presenti almeno 6 dipendenti. I 10,000 DM non possono essere superati in caso di utilizzo di protezioni antisfondamento (ma non sportelli antiproiettile) in relazione a container dotati di sganci scaglionati. Devono essere sempre presenti almeno 2 dipendenti, che devono mantenere il contatto visivo.

Per mantenere il più basso possibile l'incentivo alla rapina in banca, gli importi di denaro accessibile dovrebbero essere mantenuti ben al di sotto dei massimali fissati nel TAEG “sportello”. Inoltre, il comma 25 prevede istruzioni aziendali per la fissazione degli importi massimi consentiti accessibili per ciascuna filiale. Gli importi maggiori necessari per le imprese e altre esigenze dovrebbero essere protetti in contenitori con chiusura a tempo per rendere più difficile l'accesso ai rapinatori di banche.

Gli sportelli degli sportelli che non sono dotati di protezioni di sicurezza antiproiettile o infrangibili e non dispongono di un impianto centrale di erogazione di denaro o di sportelli automatici azionati dai dipendenti non dovrebbero avere banconote accessibili a portata di mano.

Messa in sicurezza di porte e finestre

Le porte di ingresso e di uscita del personale alle aree di cassa contenenti contanti devono essere protette contro la visione o l'ingresso dall'esterno, in modo che i rapinatori di banche non possano intercettare facilmente i dipendenti che entrano ed escono dai locali della banca. Il dipendente deve essere in grado di garantire, con spioncini integrati, che non esista alcun pericolo.

Per impedire l'ingresso inosservato di rapinatori di banche nei locali delle banche, i chiudiporta devono garantire che le porte siano sempre chiuse.

Poiché un notevole incentivo al furto deriva dalla visione delle banconote, le finestre dietro le quali vengono maneggiate le banconote devono essere protette contro la visione o la penetrazione. Le statistiche mostrano che il rispetto rigoroso di questo requisito si traduce in pochissime rapine in banca attraverso le finestre o gli ingressi del personale.

A differenza delle porte di ingresso e di uscita del personale, le porte per il traffico pubblico devono avere una visuale libera. In questo modo i rapinatori di banche possono essere riconosciuti in anticipo e viene emesso un allarme per portare aiuto. Pertanto è importante che la visuale non sia ostruita da cartelli o simili.

Sorveglianza ottimale della stanza

Al fine di poter identificare il rapinatore di banche il più rapidamente possibile e disporre di prove efficaci per il tribunale, nel TAEG "Sportello del cassiere" è prescritta un'attrezzatura ottimale per la sorveglianza della stanza. Questo è importante anche per determinare se il rapinatore ha estorto denaro o minacciato i dipendenti, poiché azioni particolarmente brutali aumentano la pena. Le buone foto riducono l'incentivo a rapinare una banca.

L'istruzione “Istruzioni per l'installazione di un'apparecchiatura ottimale di sorveglianza ambientale (ORSE) SP 9.7/5” del luglio 1993 ammetteva solo singole telecamere come ORSE standard. Le fotografie sono superiori alle riprese video per l'identificazione a causa del maggiore riconoscimento dei dettagli, con conseguente migliore evidenza. Lo svantaggio sta nel fatto che le foto sono disponibili solo dopo l'attivazione della fotocamera. A causa dei progressi tecnici, il comitato tecnico dell'Amministrazione ora consente anche l'uso di videocamere come possibile ORSE. L'istruzione corrispondente è ora in preparazione; prevede che la risoluzione limitata delle immagini video debba essere compensata utilizzando 2 visualizzazioni. Per questo devono essere installate almeno 2 telecamere per il riconoscimento del rapinatore e per la ripresa di eventi essenziali.

Un'adeguata installazione della tecnologia video può registrare continuamente e una foto "ricercata" può quindi essere disponibile senza attivazione speciale. Tra gli ulteriori vantaggi del sistema vi sono le riprese a colori, la più rapida reperibilità delle foto “volute”, la trasmissione delle immagini alle forze dell'ordine anche durante la rapina e la possibilità di controllare costantemente il funzionamento della telecamera.

Sicurezza della finestra del cassiere

Il TAEG “Sportello” autorizza:

  • involucri in vetro antiproiettile e infrangibili e cabine di cassiere
  • separazioni motorizzate
  • separazioni a prova di rottura in connessione con schermi antiproiettile
  • attrezzatura centrale per l'approvvigionamento di moneta
  • sportelli automatici gestiti dai dipendenti.

Inoltre, gli sportelli automatici gestiti dal cliente supportano i requisiti del paragrafo 7, poiché il loro utilizzo può ridurre la quantità di denaro nella cabina o nella stanza separata.

Per rispettare il TAEG “sportello”, prima della costruzione o ristrutturazione di uno sportello è necessario conoscere il numero di addetti necessari allo sportello e gli importi da riscuotere e versare (quantità e numero). La sicurezza ottimale può essere raggiunta solo quando la controsicurezza corrisponde al flusso effettivo di affari.

Presenza costante con contatto visivo

Alcune misure di sicurezza del cassiere richiedono un minimo di 2-6 dipendenti che si guardano negli occhi. Questa esigenza scaturisce dal riconoscimento che i rapinatori di banche preferiscono filiali più piccole con rendimenti più elevati, dove i cassieri, se minacciati con una pistola, non possono ritirarsi dietro schermature antiproiettile.

La schermatura del cassiere a prova di rottura può essere utilizzata solo quando nell'area del bancone sono sempre presenti 6 dipendenti con contatto visivo. Ciò non significa un luogo di 6 persone, dove non tutti sono sempre al proprio posto di lavoro a causa di ferie, malattia, visite ai clienti e così via. L'esperienza mostra che questa condizione può essere soddisfatta solo quando da 8 a 10 dipendenti lavorano nella sede. In alternativa, può essere eventualmente utilizzato un servizio floater per garantire il numero minimo necessario di dipendenti.

Per garantire la presenza costante di 2 dipendenti con contatto visivo, la sede deve avere da 3 a 4 postazioni.

È importante che la struttura non venga aperta prima che sia presente il numero minimo richiesto di dipendenti. Quando le consultazioni si svolgono in stanze attigue, deve essere comunque mantenuto il numero minimo di addetti alle finestre.

Sicurezza attraverso la separazione

Piccoli rami

Le “piccole filiali” sono quelle in cui non è assicurata la presenza di almeno 2 dipendenti con contatto visivo nell'area sportello. Per questi rami, la schermatura antiproiettile in combinazione con le separazioni a prova di rottura offre una buona protezione, poiché il dipendente non deve lasciare l'area protetta in caso di rapina. Le consultazioni si svolgono in un'area protetta da schermature infrangibili. Una buona comunicazione è possibile qui. Lo scudo antiproiettile, dietro il quale devono essere tenuti i contanti accessibili, dovrebbe essere posizionato in modo che i dipendenti non possano essere minacciati con un'arma dall'area clienti. Le transazioni di denaro avvengono tramite un portello prescritto o un cassetto scorrevole. Poiché in caso di attacco il dipendente deve recarsi nell'area protetta a prova di proiettile, viene fornita la necessaria sicurezza personale. Quest'area non deve essere lasciata in nessun caso, nemmeno durante la consegna di denaro al rapinatore.

La separazione completa a prova di proiettile rappresenta un'alternativa per le operazioni di sportello da 1 a 3 persone. Offre protezione meccanica contro la tipica rapina in banca, poiché tutti i dipendenti sono separati dal ladro da una schermatura antiproiettile. Lo svantaggio qui è che la comunicazione con i clienti è ridotta nell'interesse della sicurezza. Quindi la separazione completa a prova di proiettile è appropriata solo per piccoli rami.

Rami più grandi

La cabina del cassiere è una forma di sicurezza in cui solo la postazione di lavoro del cassiere è separata dall'area del cliente. Questa possibilità ha senso solo per i lavori di cassiere in cui il cassiere è completamente occupato dal suo lavoro in cabina e non deve lasciarlo.

Prima di installare una cabina, è necessario determinare se il cassiere è completamente occupato a gestire il denaro. Nelle filiali più piccole con solo da 2 a 4 dipendenti, spesso non è così. Se il cassiere ha altri compiti al di fuori della cabina, i requisiti di sicurezza dell'APR non sono soddisfatti, poiché si suppone che il cassiere sia sempre separato dai clienti per proteggersi da attacchi fisici. In pratica ciò che accade ripetutamente è che mentre il cassiere svolge compiti fuori dalla cabina, la porta viene tenuta aperta con un cuneo o la chiave viene lasciata nella serratura. In questo modo viene compromessa la sicurezza della cabina del cassiere, il che è di grande interesse per i potenziali rapinatori.

La cabina del cassiere a prova di proiettile ostacola la comunicazione tra il cassiere ei clienti. Ma poiché le discussioni più lunghe si svolgono comunque in luoghi di lavoro non garantiti, ciò non rappresenta un grosso problema. Problemi più seri includono la garanzia di ventilazione e aria condizionata senza correnti d'aria nelle cabine dei piccoli sportelli.

Per le separazioni motorizzate, una parete d'acciaio mobile, integrata nel bancone, viene sollevata in caso di emergenza mediante diversi grilletti disposti in secondi intervalli. Questo crea una separazione a prova di proiettile, con i dipendenti dietro di essa in un'area sicura. Per evitare che un rapinatore entri inosservato, deve essere attivato ogni volta che non ci sono dipendenti nell'area del caveau o quando si stanno svolgendo lavori che richiedono che il personale si allontani dai banchi. Per evitare l'attivazione costante della parete in acciaio, questo tipo di sicurezza dovrebbe essere utilizzato solo nelle aree di cassa da 2 a 4 persone.

Inoltre, le postazioni di lavoro degli sportelli possono essere isolate con segregazioni a prova di proiettile. Per questo, è possibile installare separazioni complete per tutti i dipendenti e cabine di cassiere. Questa forma di sicurezza, tuttavia, richiede la presenza costante di almeno 6 dipendenti con costante contatto visivo nella sala principale.

La separazione completa e le cabine a prova di proiettile possono essere utilizzate anche quando sono presenti un minimo di 2 dipendenti con contatto visivo e il contante accessibile non supera i 10,000 DM. In questo caso è necessario un contenitore di denaro a rilascio temporaneo in modo che il cassiere non debba costantemente lasciare l'area protetta per rifornirsi. I rapinatori di banche evitano le posizioni di cassiere dove possono aspettarsi solo una piccola quantità di denaro o devono aspettare molto tempo per ottenerlo. In questo caso, l'avviso del contenitore a rilascio orario all'ingresso e nell'area casse è importante per la tutela dei dipendenti. Ciò rende immediatamente chiaro al potenziale rapinatore che il dipendente non ha alcun controllo sul container e che ci si può aspettare solo un piccolo bottino.

Sicurezza senza Banconote Accessibili nell'Aula Magna

La sicurezza è possibile anche senza creare una separazione tra i dipendenti e l'area clienti. Ma perché ciò riduca l'incentivo, nella zona degli sportelli non possono trovarsi quantità di denaro accessibili. Il denaro prelevato deve essere immediatamente assicurato. Il denaro è custodito in una cassa in un'area non aperta al pubblico, quindi non può essere minacciato dal rapinatore. I dipendenti ricevono le somme di denaro necessarie attraverso un sistema di consegna a tubo nella sala principale. Il denaro prelevato viene inviato alla cassa in questo modo. In questo caso non è prescritto un numero minimo di dipendenti nella sala principale. Questo tipo di sicurezza, tuttavia, si traduce in tempi di attesa più lunghi per i clienti. Il vantaggio è che i rapinatori di banche non hanno praticamente alcuna possibilità di ottenere qualcosa in una rapina.

Gli sportelli automatici (ATM) gestiti dai dipendenti sono un secondo modo per effettuare pagamenti con contanti non accessibili nella sala principale. Questi, indicati dalla banca come macchine designate dall'AKT, contengono da 4 a 6 caricatori per contenere le banconote in un contenitore protetto a rilascio temporaneo. Per i pagamenti, l'importo richiesto viene richiamato tramite una tastiera, con la quale può essere emesso un allarme anche in caso di emergenza. Il denaro viene consegnato al dipendente dopo un ritardo. La durata del ritardo dipende dall'importo di denaro ed è fissata al comma 32 del TAEG “Sportelli”. Questi sono impostati in modo che sia possibile un buon servizio, ma il rapinatore è spaventato dai tempi di attesa più lunghi per importi maggiori. Le entrate in contanti dovrebbero essere garantite mediante l'uso di contenitori a chiusura temporale oa doppia chiusura.

Almeno 2 dipendenti con contatto visivo devono essere costantemente presenti quando si utilizza un bancomat gestito dai dipendenti. Per questo motivo, questa forma di sicurezza è appropriata solo per i luoghi in cui lavorano da 3 a 4 dipendenti. Le discussioni possono aver luogo in una sala conferenze solo quando 2 o più dipendenti sono presenti nell'area clienti durante la discussione.

Nel caso di un problema tecnico in un bancomat gestito dai dipendenti, dovrebbero essere preparate istruzioni e misure adeguate. Questi dovrebbero includere una cassa di emergenza e le relative procedure organizzative per garantire che il lavoro proceda secondo il TAEG "Sportello".

Direttive e istruzioni aziendali

Il datore di lavoro deve predisporre le direttive aziendali per ogni sportello e verificarne periodicamente il rispetto. Queste direttive dovrebbero delineare i possibili eventi durante una rapina e descrivere cosa fare durante e dopo la rapina. Inoltre, dovrebbero essere impartite istruzioni quotidiane e dovrebbe essere imposto l'uso delle apparecchiature di sicurezza installate. Ciò è particolarmente vero quando sono presenti quantità maggiori di banconote accessibili. Le istruzioni dovrebbero anche prescrivere le modalità di custodia di altri oggetti di valore. I dipendenti alle finestre dovrebbero essere istruiti su queste politiche aziendali almeno due volte l'anno.

Lo scopo di queste istruzioni è chiaro: garantire che i dipendenti seguano i requisiti dell'APR dello "sportello" per la propria protezione e ridurre significativamente l'incentivo a rapinare uno sportello.

 

Di ritorno

Martedì, 15 marzo 2011 14: 30

telelavoro

Il telelavoro, o lavorare fuori casa, è una tendenza in crescita nelle aziende a livello internazionale. Questo articolo discute i rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro del telelavoro (dal greco tele, significa “lontano”). La responsabilità del datore di lavoro di fornire condizioni di lavoro sicure e salubri a tali dipendenti varierà a seconda del contratto o dell'intesa esistente tra ciascun telelavoratore e datore di lavoro e in base alle leggi sul lavoro applicabili.

Mentre il telelavoro è più diffuso negli Stati Uniti, dove coinvolge oltre 8 milioni di lavoratori e rappresenta il 6.5% della forza lavoro, anche altri paesi hanno un numero significativo di telelavoratori. Ce ne sono più di 560,000 nel Regno Unito, 150,000 in Germania e 100,000 in Spagna. Ce ne sono oltre 32,000 in Irlanda, pari al 3.8% della forza lavoro (ILO 1997).

La crescente tendenza verso accordi di telelavoro può essere spiegata dai seguenti fattori:

  • sforzi aziendali per ridurre i tempi, le spese e l'impatto ambientale del pendolarismo
  • sforzi legislativi per ridurre le tendenze dell'inquinamento atmosferico indotto dal traffico
  • cambiamenti nella tecnologia, nell'informatizzazione e nella comunicazione elettronica che consentono alle imprese di assumere lavoratori in diverse località geografiche
  • costi di manutenzione di ampi spazi per uffici necessari per ospitare un gran numero di dipendenti
  • sistemazione dei lavoratori che preferiscono il telelavoro per disabilità fisica, esigenze genitoriali o altre responsabilità familiari o altri motivi
  • una strategia per ridurre l'assenteismo
  • riconoscere che i lavoratori hanno cicli interni variabili di produttività e creatività.

 

L'aumento della produttività è un altro fattore, poiché numerosi studi hanno dimostrato che il telelavoro può portare a grandi guadagni di produttività (ILO 1990b).

Il telelavoro può essere contratto in diversi modi:

  • Il dipendente lavora a tempo pieno (o part time) a casa per il proprio datore di lavoro e ha diritto a tutti gli stessi benefici forniti da quel datore di lavoro a tutti i lavoratori in loco.
  • Il dipendente lavora a tempo pieno per il datore di lavoro, ma lavora fuori casa solo per un determinato numero di giorni alla settimana o al mese.
  • Il lavoratore è definito come un lavoratore autonomo e non riceve benefici o attrezzature fornite dal datore di lavoro.

 

Rischi per la salute e la sicurezza del telelavoro

I rischi per la salute e la sicurezza del telelavoro possono includere tutti gli stessi rischi riscontrati negli ambienti d'ufficio convenzionali, con diverse preoccupazioni aggiuntive.

Qualità dell'aria interna

La maggior parte delle case non è dotata di sistemi di ventilazione meccanica. I ricambi d'aria in casa si affidano invece alla ventilazione naturale. L'efficacia di questo può dipendere da fattori quali il tipo di isolamento dell'edificio e così via. Non è possibile garantire la fornitura di aria fresca dall'esterno. Se la ventilazione naturale è inadeguata a rimuovere le fonti di inquinanti dell'aria interna nell'ambiente di lavoro domestico, potrebbe essere necessaria una ventilazione aggiuntiva.

Gli inquinanti dell'aria interna nell'ambiente domestico possono includere quanto segue:

  • esposizione a gas naturale o monossido di carbonio da sistemi di riscaldamento inefficienti o stufe che perdono
  • vapori e gas di fotocopiatrici, stampanti o altre macchine per ufficio
  • continua esposizione passiva a sostanze chimiche, gas o polveri risultanti da lavori di ristrutturazione o costruzione nell'abitazione del lavoratore
  • esposizione agli effluenti di altre attività se ospitato in un edificio multiuso (come un condominio con un salone di bellezza, una lavanderia a secco o un fast food al piano terra).
  • esposizione ai pericoli del radon se l'ufficio si trova nel seminterrato in parti del mondo in cui il radon proviene dai materiali da costruzione o dalla terra.

 

Rischi di incendio

Il cablaggio elettrico domestico è raramente progettato per soddisfare le esigenze delle apparecchiature elettriche tipicamente utilizzate nel telelavoro, come stampanti, fotocopiatrici e altre macchine per ufficio. L'installazione di tali apparecchiature senza valutare i limiti di cablaggio dell'abitazione potrebbe creare un rischio di incendio. I regolamenti edilizi locali possono proibire le regolazioni necessarie per soddisfare le maggiori esigenze di apparecchiature.

I telelavoratori che affittano i loro appartamenti possono vivere in abitazioni multi-unità con piani di evacuazione antincendio inadeguati, mezzi di uscita bloccati per le uscite antincendio o porte di uscita bloccate.

Rischi ergonomici

Gli ambienti di lavoro domestici spesso fanno affidamento sugli arredi personali del dipendente come sedie, tavoli, scaffali e altri oggetti per svolgere le attività richieste. Le postazioni di lavoro del computer nell'ambiente domestico potrebbero non consentire le regolazioni necessarie per il lavoro ad alta intensità di computer. Una carenza di un'adeguata superficie, spazio sugli scaffali o aree di stoccaggio può comportare un'eccessiva flessione, posture scomode, allungamento eccessivo e altri fattori di rischio per i disturbi da trauma cumulativo (CTD). Lavorare in ambienti freddi o riscaldati in modo non uniforme può anche contribuire a lesioni muscoloscheletriche.

Illuminazione

Un'illuminazione inadeguata può provocare posture scomode del corpo, affaticamento degli occhi e disturbi visivi. L'illuminazione delle attività può essere necessaria per piani di lavoro o portadocumenti. Le superfici delle pareti e dei mobili devono essere neutre con una finitura antiriflesso. Sebbene questa strategia di riduzione dell'abbagliamento sia sempre più utilizzata negli ambienti d'ufficio, non è ancora uno standard per la decorazione e il design della casa.

Stress professionale

Il lavoro a tempo pieno nell'ambiente domestico priva il lavoratore dei vantaggi interpersonali e professionali di una continua interazione con colleghi, colleghi e mentori. L'isolamento creato dal telelavoro può impedire al lavoratore di impegnarsi in attività di sviluppo professionale, approfittando di opportunità promozionali e contribuendo con idee all'organizzazione. I lavoratori gregari in particolare possono dipendere dal contatto umano e soffrire personalmente e professionalmente senza di esso. La mancanza di servizi di supporto amministrativo per i dipendenti che necessitano di assistenza d'ufficio rappresenta un onere aggiuntivo per i telelavoratori. Il datore di lavoro dovrebbe fare uno sforzo per incorporare il telelavoratore nelle riunioni del personale e in altre attività di gruppo, sia di persona che elettronicamente (teleconferenza) in base ai limiti fisici e geografici.

I dipendenti con figli, familiari disabili o genitori anziani possono percepire evidenti vantaggi del lavoro da casa. Ma occuparsi dei bisogni dei familiari a carico può influire sulla concentrazione necessaria per concentrarsi sulle responsabilità lavorative. Lo stress che ne deriva può avere un impatto negativo sul lavoratore che non è in grado di svolgere al meglio le proprie capacità in casa e non riesce a soddisfare le aspettative del datore di lavoro. Il telelavoro non deve essere considerato un sostituto dell'assistenza ai bambini o agli anziani. Poiché i lavoratori variano enormemente nella loro capacità di conciliare lavoro e altre responsabilità nell'ambiente domestico, la necessità di servizi di supporto deve essere valutata caso per caso per prevenire un eccessivo stress professionale e la conseguente perdita di produttività. A nessun lavoratore dovrebbe essere richiesto di adottare un accordo di telelavoro contro la sua volontà.

Risarcimento infortuni e malattia

Le malattie professionali si verificano spesso per lunghi periodi di tempo a causa di esposizioni cumulative. La prevenzione di queste malattie dipende dalla rapida identificazione dei fattori di rischio, dalla risoluzione del problema con vari metodi e dalla gestione medica del lavoratore interessato quando compaiono i primi segni o sintomi di malattia.

Fino ad oggi, la responsabilità del datore di lavoro per gli incidenti e gli infortuni nell'ambiente domestico è stata discussa caso per caso. La maggior parte degli standard nazionali in materia di salute e sicurezza sul lavoro non include politiche formali riguardanti la sicurezza dei telelavoratori. Il grave impatto di questa tendenza deve essere attentamente valutato e affrontato attraverso la definizione di standard internazionali.

Quando gli accordi di telelavoro spostano lo status del dipendente in quello di un appaltatore indipendente, anche l'onere di molte responsabilità si sposta sul dipendente. Una volta che il lavoro è svolto a domicilio da un appaltatore indipendente, il datore di lavoro non si sente più obbligato a fornire un luogo di lavoro salubre e sicuro, l'accesso a cure mediche preventive e curative per il lavoratore e la sua famiglia, la sicurezza sociale, l'assicurazione per l'invalidità e l'indennizzo per i lavoratori infortunati che devono riprendersi. Questa tendenza elimina i benefici e le tutele dei lavoratori che sono stati conquistati dopo decenni di lotte e negoziazioni.

Tutela del telelavoratore

Il contratto tra il telelavoratore e il datore di lavoro deve riguardare l'ambiente di lavoro generale, gli standard di sicurezza e salute, la formazione e le attrezzature. I datori di lavoro devono ispezionare lo spazio di lavoro domestico (in orari concordati) per garantire la sicurezza dei lavoratori e per identificare e correggere i fattori di rischio che potrebbero contribuire a malattie o infortuni. L'ispezione dovrebbe valutare l'aria interna, l'ergonomia, i rischi di inciampo, l'illuminazione, l'esposizione chimica e altri problemi. È necessario stabilire una politica chiara per quanto riguarda la fornitura di forniture per ufficio necessarie per le attività lavorative. Le questioni di responsabilità devono essere chiaramente definite per quanto riguarda i beni del datore di lavoro (e del lavoratore) che vengono persi o danneggiati a causa di incendio, calamità naturali o furto. I dipendenti devono essere esonerati dalla responsabilità finanziaria a meno che non siano stati giudicati negligenti.

Inoltre, le modalità di telelavoro dovrebbero essere valutate regolarmente al fine di identificare i lavoratori che scoprono che il lavoro da casa non funziona lavoro per loro.

In breve

I vantaggi del telelavoro sono ampi e dovrebbero essere incoraggiati accordi di telelavoro vantaggiosi per le mansioni lavorative e per i lavoratori maturi che avranno molto da guadagnare lavorando a casa. Il telelavoro ha consentito ai lavoratori disabili di raggiungere una maggiore autonomia e cercare opportunità professionali non precedentemente offerte o disponibili. In cambio, i datori di lavoro sono in grado di trattenere lavoratori di valore. Tuttavia, l'accordo sul telelavoro deve garantire la continuità dei benefici per i dipendenti e delle tutele per la salute e la sicurezza sul lavoro.

 

Di ritorno

Martedì, 15 marzo 2011 14: 32

Il settore della vendita al dettaglio

Il commercio al dettaglio è la vendita di beni ai consumatori. Le imprese vendono di tutto, dalle automobili all'abbigliamento, dal cibo ai televisori. In molti paesi quella che una volta era un'industria composta principalmente da piccoli negozi e negozi, ora è costituita in gran parte da conglomerati multinazionali che possiedono enormi megastore che competono per il mercato globale. La concorrenza ei cambiamenti tecnologici hanno modificato le descrizioni delle mansioni, i rischi associati a tali mansioni e la natura stessa della forza lavoro.

Nelle nazioni sviluppate, i piccoli rivenditori lottano per competere con i grandi rivenditori aziendali. Negli Stati Uniti, in Canada e in tutta la Comunità Europea e nell'area del Pacifico, il commercio al dettaglio si è spostato dal centro città ai centri commerciali suburbani. Invece dei negozi di quartiere "mamma e pop", le catene di negozi multinazionali vendono gli stessi prodotti e gli stessi marchi, limitando di fatto la scelta del prodotto da parte del consumatore e costringendo la concorrenza fuori dal mercato con il loro potere d'acquisto, capacità pubblicitarie e prezzi più bassi. Molte volte un grande negozio subirà una perdita su determinati prodotti per portare i clienti in un negozio; questa tecnica genera spesso altre vendite.

Nei paesi in via di sviluppo con economie prevalentemente agricole, i sistemi di baratto e mercati aperti sono ancora comuni. Tuttavia, in molti paesi in via di sviluppo, le grandi multinazionali stanno cominciando ad entrare nel mercato al dettaglio.

Ogni tipo di stabilimento ha i suoi rischi. Il lavoro al dettaglio nei paesi in via di sviluppo e in transizione è spesso molto diverso dal lavoro al dettaglio nei paesi sviluppati; i conglomerati con grandi catene di negozi non sono ancora dominanti e il commercio al dettaglio si svolge principalmente in un mercato all'aperto, con qualsiasi condizione atmosferica.

C'è una tendenza tra i conglomerati multinazionali a cercare di cambiare le condizioni di lavoro: il sindacalismo è scoraggiato, il personale è ridotto al minimo indispensabile, i salari scendono, i negozi assumono prevalentemente lavoratori a tempo parziale, l'età media della forza lavoro si abbassa e pacchetti di benefit diminuire.

In tutto il mondo gli orari di apertura dei negozi sono cambiati tanto che alcuni stabilimenti rimangono aperti anche 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. In passato, un lavoratore che lavorava di notte o in un giorno festivo riceveva un compenso extra; ora, la paga premium per lavorare quelle ore è stata tolta poiché orari così lunghi diventano la norma. Negli Stati Uniti, ad esempio, le festività tradizionali sono ora negoziabili quando il negozio rimane aperto 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX.

I cambiamenti nella natura del modo in cui vengono condotti gli affari hanno imposto diversi cambiamenti fondamentali nella forza lavoro. Dal momento che molti posti di lavoro sono stati emarginati al lavoro part-time, i lavori stessi richiedono poca abilità e i lavoratori non ricevono alcuna formazione. I lavoratori che una volta vedevano una carriera nel commercio al dettaglio, ora si ritrovano a cambiare spesso lavoro o addirittura a lasciare il campo del lavoro al dettaglio, che è diventato a tempo parziale ea breve termine.

La dimensione della forza lavoro nel settore della vendita al dettaglio è difficile da stimare. Il settore informale svolge un ruolo significativo nei paesi in via di sviluppo (cfr "Caso di studio: mercati all'aperto"). Molte volte, i problemi di salute e sicurezza passano inosservati, non vengono registrati dal governo e sono considerati parte del lavoro.

In molti dei paesi che tengono statistiche, i lavoratori al dettaglio, all'ingrosso e nei ristoranti e negli alberghi sono raggruppati in un'unica categoria. Le statistiche di tutto il mondo mostrano che la percentuale di persone che lavorano nel commercio all'ingrosso, al dettaglio, nella ristorazione e nel settore alberghiero varia da oltre il 20% in alcuni paesi dell'Asia a meno del 3% in Burkina Faso (vedi tabella 1 ). Sebbene gli uomini siano più numerosi delle donne nella forza lavoro, la percentuale di donne nel settore della vendita al dettaglio è più alta in almeno la metà dei paesi per i quali sono disponibili statistiche.

Tabella 1. Statistiche sul lavoro nel settore della vendita al dettaglio (paesi selezionati)

Paese

Uomini nella forza lavoro (%)

Uomini dentro
vendita all'ingrosso
e commercio al dettaglio;
ristoranti e
hotel (%)

Donne nella forza lavoro (%)

Donne dentro
vendita all'ingrosso
e commercio al dettaglio;
ristoranti e
hotel (%)

Popolazione totale in
all'ingrosso e al dettaglio
commercio; ristoranti
e alberghi (%)

Numero totale
delle persone
ferito

Persone ferite
nella vendita al dettaglio
industria (%)

Burkina Faso

51.3

1.0

48.7

1.5

2.6

1,858

8.71

Costa Rica

69.9

11.0

30.1

7.4

18.4

156,782

7.02

Egitto

75.9

7.3

24.1

1.2

8.4

60,859

2.52

Germania

52.3

4.5

47.7

7.0

11.5

29,847

20.13

Grecia

63.0

10.9

37.0

7.0

17.0

23,959

10.54

Italy

63.1

11.7

36.9

6.9

8.6

767,070

8.15

Giappone

59.5

11.0

40.5

10.9

21.9

2,245

9.7

Messico

69.1

10.8

30.9

9.6

20.5

456,843

16.96

Olanda

58.9

9.1

41.1

8.0

17.1

64,657

16.5

Norvegia

54.5

7.9

45.5

8.9

16.7

26,473

5.0

Singapore

59.8

13.2

40.2

9.0

22.0

4,019

0.27

Svezia

52.0

6.8

48.0

6.5

13.3

43,459

6.6

Tailandia

55.5

5.8

49.5

6.8

12.6

103,296

3.18

UK

56.2

8.3

43.8

9.5

17.8

157,947

11.09

Stati Uniti

54

11.1

46.0

10.0

21

295,340

23.610

1 Compresi gli infortuni in itinere; comprese le malattie professionali.
2 Compresi gli infortuni in itinere; imprese che impiegano 100 o più lavoratori.
3 Le serie relative al territorio della Repubblica Federale Tedesca prima del 1990;
compresi gli infortuni in itinere.
4 Comprese le malattie professionali;.compresi i casi non mortali senza giorni di lavoro persi.
5 Compresi gli infortuni in itinere; persone che perdono più di tre giornate lavorative
per periodo di invalidità.
6 Compresi i casi non fatali senza giornate lavorative perse.
7 Compresi gli infortuni in itinere; comprese le malattie professionali;
compresi i casi non fatali senza giornate lavorative perse.
8 Compresi gli infortuni in itinere.
9 Solo dipendenti; esclusi gli incidenti stradali; anno inizio aprile 1993.
10 Comprese le malattie professionali.
Fonti: Rapporti nazionali: Costa Rica 1994; Grecia 1992, 1994; Messico 1992, 1996; Singapore 1994, 1995; Thailandia 1994, 1995; Euro-FIET Commerce Sezione Commercio 1996; OIL 1994, 1995; Prezzo Waterhouse 1991.

Operazioni, pericoli e prevenzione

Cassieri

Molti cassieri lavorano presso registri meccanizzati che richiedono loro di premere una tastiera migliaia di volte al giorno per far salire il prezzo dell'articolo. La punzonatura dei tasti viene solitamente eseguita con la mano destra mentre i prodotti vengono spostati dalla parte anteriore della cassa alla parte posteriore della cassa per l'imballaggio con la mano sinistra. Queste attività lavorative comportano spesso postazioni di lavoro mal progettate, costringendo i cassieri a sollevare prodotti pesanti, allungare le mani per prendere i prodotti e spesso torcere il corpo per spostare i prodotti da un'area all'altra. Questa funzione lavorativa pone carichi diversi su ciascun lato del corpo, causando dolore lombare, malattie degli arti superiori e malattie da movimento ripetitivo tra cui tendinite, sindrome del tunnel carpale, tenosinovite, sindrome dello stretto toracico e problemi all'anca, alle gambe e ai piedi.

Postazioni di lavoro ben progettate, con scanner automatici, nastri trasportatori ad altezza di lavoro flessibili, stazioni di imbustamento ribassate, personale extra per insaccare i prodotti e sedili flessibili (in modo che i cassieri possano sedersi per alleviare la pressione della parte bassa della schiena e delle gambe) aiutano ad eliminare le pressioni e le tensioni degli arti superiori e movimenti di torsione.

Laser

I lettori di codici a barre e gli scanner portatili nei supermercati sono generalmente laser di classe 2, che producono radiazioni infrarosse nell'intervallo di lunghezze d'onda da 760 a 1,400 nm; sono considerati non pericolosi a meno che non vi sia una visione prolungata del raggio laser. Un laser produce una luce ad alta intensità che può danneggiare la retina dell'occhio. Gli occhi sono vulnerabili al calore, non hanno sensori di calore e non dissipano il calore in modo efficiente. Le pratiche di sicurezza raccomandate dovrebbero includere, come minimo, la formazione dei lavoratori sui rischi derivanti dall'osservazione del raggio di luce e sui danni agli occhi che ne possono derivare. Gli esami oculistici di base dovrebbero essere inclusi in un programma di protezione dei lavoratori per garantire che non si siano verificati danni.

Clerks

Gli addetti al dettaglio spostano grandi quantità di prodotti dai camion alla banchina di carico e quindi agli scaffali nell'area di vendita del negozio. I prodotti vengono confezionati in cartoni di varie grammature. Lo scarico manuale dei camion e lo spostamento dei cartoni dei prodotti nella parte anteriore del negozio può causare problemi muscoloscheletrici. Il prezzo degli articoli e il loro posizionamento sugli scaffali esercita un'enorme pressione su schiena, gambe e collo. L'uso di una pistola per prezzi può causare la sindrome del tunnel carpale e altri RSI sottoponendo a sforzi eccessivi e ripetuti il ​​polso, le dita e il palmo della mano. L'apertura dei cartoni con un coltello o una lama può causare tagli a mani, braccia e altre parti del corpo. Tagliare il cartone con un coltello smussato richiede una pressione extra, che mette a dura prova i palmi delle mani.

Ausili di sollevamento meccanici, come carrelli elevatori, carrelli manuali alto-basso, carrelli e carrelli aiutano a spostare gli articoli da una parte all'altra del negozio. Tavoli, martinetti a forbice e carrelli mobili possono aiutare a portare gli articoli a una buona altezza e aiutare gli addetti a posizionare il prodotto sugli scaffali senza affaticare la schiena a causa del sollevamento e della torsione. Le pistole automatiche per la prezzatura o le merci confezionate già etichettate prevengono le sollecitazioni del polso e degli arti superiori dovute a movimenti ripetuti. I coltelli affilati impediranno movimenti violenti durante l'apertura dei cartoni.

Tagliatori di carne e salumieri

Tagliatori di carne e salumieri lavorano con seghe, tritacarne, affettatrici e coltelli (vedi figura 1). Quando le lame della macchina non sono protette, si inceppano o si allentano, le dita possono essere recise, tagliate, schiacciate o contuse. Le macchine devono essere saldamente ancorate al pavimento per evitare ribaltamenti e spostamenti. Le lame devono essere mantenute libere da detriti. Se una macchina è inceppata, è necessario utilizzare dispositivi di legno per sbloccare la macchina con l'alimentazione spenta. Nessuna macchina dovrebbe essere sbloccata con l'alimentazione ancora accesa. I coltelli devono essere tenuti affilati per evitare problemi ai polsi, alle mani e alle braccia. I manici di coltelli, mannaie e mazze devono essere mantenuti puliti e non scivolosi.

Figura 1. Taglio manuale su piccola scala di carne essiccata per la vendita locale, Giappone, 1989

OFR040F3

L.Manderson

Quando la carne viene pesata meccanicamente e confezionata su un vassoio di polistirolo in una pellicola di plastica sigillata con un elemento riscaldante, i vapori e i gas della plastica riscaldata possono causare "l'asma dell'involucro di carne" e irritazioni agli occhi, al naso e alla gola, difficoltà respiratorie, dolori al petto, brividi e febbre. La ventilazione di scarico locale (LEV) deve essere posizionata vicino all'elemento riscaldante in modo che questi vapori non vengano inalati dai lavoratori, ma vengano scaricati all'esterno del luogo di lavoro.

I tagliacarne entrano ed escono dai congelatori molte volte durante la giornata. L'abbigliamento da lavoro dovrebbe includere indumenti pesanti per il lavoro nel congelatore.

I pavimenti e le passerelle possono diventare scivolosi a causa di carne, grasso e acqua. Scivolamenti, inciampi e cadute sono cause comuni di lesioni. Tutto il materiale di scarto deve essere accuratamente smaltito e tenuto lontano dalle superfici di calpestio. I tappetini per camminare e stare in piedi devono essere puliti quotidianamente o ogni volta che si sporcano.

Esposizioni chimiche

I lavoratori al dettaglio sono sempre più esposti a sostanze chimiche pericolose contenute in prodotti per la pulizia, pesticidi, rodenticidi, fungicidi e conservanti. I lavoratori dei negozi di ferramenta, i lavoratori della distribuzione automobilistica e altri sono potenzialmente esposti a sostanze chimiche pericolose a causa dello stock di vernici, solventi, acidi, sostanze caustiche e gas compressi. Le sostanze chimiche pericolose o tossiche variano a seconda della natura dei prodotti immagazzinati in ogni stabilimento. Questi possono includere materiali non necessariamente considerati pericolosi. I lavoratori dei grandi magazzini, ad esempio, possono sviluppare sensibilità e allergie ai profumi che vengono spruzzati come dimostrazioni.

I prodotti per la pulizia utilizzati per pulire le superfici nei supermercati e in altri punti vendita possono contenere cloro, ammoniaca, alcool, sostanze caustiche e solventi organici. Questi prodotti possono essere utilizzati dalle squadre di pulizia durante il turno di notte, nei negozi senza ventilazione naturale e quando il sistema di ventilazione meccanica non funziona a pieno regime. Questi prodotti chimici influiscono sul corpo se utilizzati sul posto di lavoro in quantità e intensità industriali. Le informazioni sulla sicurezza chimica devono essere prontamente disponibili sul posto di lavoro affinché i lavoratori possano leggerle. I contenitori di sostanze chimiche devono essere etichettati con il nome della sostanza chimica e il modo in cui il prodotto influisce sul corpo, nonché quali dispositivi di protezione devono essere utilizzati per prevenire le malattie. I lavoratori devono essere formati sui rischi per la salute associati all'uso di sostanze chimiche, su come le sostanze chimiche entrano nel corpo e su come evitare l'esposizione.

I lavoratori al dettaglio che aprono negozi per strada sono esposti ai gas di scarico del traffico automobilistico, così come i lavoratori del retrobottega che inalano i gas di scarico dei camion per le consegne inattivi nelle baie dei camion. I prodotti di combustione incompleta nei gas di scarico degli autoveicoli comprendono, tra l'altro, monossido di carbonio e idrocarburi policiclici aromatici. I gas di scarico e il particolato influiscono sul corpo in diversi modi. Il monossido di carbonio provoca vertigini e nausea e agisce come asfissiante, limitando la capacità del sangue di utilizzare l'ossigeno. I camion delle consegne dovrebbero spegnere i motori durante lo scarico. Potrebbe essere necessaria una ventilazione generale meccanica di scarico per allontanare l'aria contaminata dai lavoratori. La manutenzione e la pulizia programmate di routine sono necessarie per mantenere il sistema di ventilazione.

La formaldeide è spesso usata su vestiti e altri tessuti per prevenire la muffa. Può colpire chi lo respira. Nei negozi con grandi scorte di abbigliamento e tessuti senza adeguati sistemi di ventilazione naturale o meccanica, il gas di formaldeide può accumularsi e irritare gli occhi, il naso e la gola. La formaldeide può causare irritazioni cutanee e respiratorie e allergie ed è considerata un probabile cancerogeno.

Pesticidi, rodenticidi e fungicidi sono spesso usati per tenere i parassiti fuori dagli stabilimenti. Possono colpire i sistemi nervoso, respiratorio e circolatorio degli esseri umani così come insetti, roditori e piante. È importante non spruzzare sostanze chimiche indiscriminatamente in presenza di persone e tenere le persone lontane dalle aree spruzzate fino a quando non è sicuro accedervi nuovamente. L'applicatore di pesticidi deve essere addestrato in metodi di lavoro sicuri prima che i pesticidi vengano applicati.

Gli edifici "stretti", quelli senza finestre apribili e senza ventilazione naturale, dipendono dai sistemi di ventilazione meccanica. Questi sistemi devono fornire un adeguato ricambio d'aria all'interno dell'ambiente e devono includere un adeguato ricambio d'aria esterna. L'aria deve essere riscaldata o raffreddata a seconda della temperatura ambiente esterna.

Igiene

L'igiene personale è importante nel settore della vendita al dettaglio, soprattutto quando i dipendenti maneggiano cibo, denaro e sostanze chimiche pericolose. I servizi igienici e le strutture per lavarsi e bere devono essere igienici e disponibili nelle aree in cui i dipendenti possono utilizzarli durante il servizio. Le strutture devono avere acqua corrente pulita, sapone e asciugamani. I dipendenti devono essere incoraggiati a lavarsi accuratamente le mani dopo aver usato il bagno e prima di tornare al lavoro. Acqua potabile pulita e fresca deve essere disponibile in tutta l'area di lavoro. Una buona pulizia è necessaria per prevenire i parassiti e l'accumulo di immondizia. La spazzatura dovrebbe essere raccolta regolarmente.

Le strutture igienico-sanitarie sono difficili da mantenere nei mercati all'aperto, ma è necessario fare un tentativo per fornire servizi igienici e impianti di lavaggio.

Tempo

Nei mercati all'aperto, i lavoratori al dettaglio sono esposti alle intemperie e soggetti ai problemi relativi al caldo e al freddo. Nei supermercati, i cassieri lavorano spesso nella parte anteriore del negozio vicino alle porte che il pubblico utilizza per entrare e uscire, esponendo i cassieri a correnti d'aria calda e fredda. Schermi d'aria davanti alle porte che vanno verso l'esterno aiuteranno a bloccare le correnti d'aria e a mantenere la temperatura dell'aria al registratore di cassa coerente con il resto del negozio.

Prevenzione incendi

Ci sono molti rischi di incendio nei negozi al dettaglio, tra cui uscite bloccate o bloccate, entrate e uscite limitate, materiali combustibili e infiammabili e impianti elettrici e di riscaldamento difettosi o temporanei. Se i lavoratori sono tenuti a combattere un incendio, devono essere addestrati su come chiamare i soccorsi, utilizzare gli estintori ed evacuare lo spazio. Gli estintori devono essere del tipo appropriato per il tipo di incendio e devono essere ispezionati regolarmente e sottoposti a manutenzione. Le esercitazioni antincendio sono necessarie affinché i lavoratori sappiano come uscire dalla struttura durante un'emergenza.

Stress

Una nuova tendenza nel lavoro al dettaglio, quando lo stabilimento è di proprietà di un grande conglomerato, è quella di cambiare il lavoro a tempo pieno in lavoro a tempo parziale. Molti grandi negozi al dettaglio sono ora aperti 24 ore al giorno e molti rimangono aperti tutti i giorni dell'anno, costringendo i lavoratori a orari di lavoro "non sociali". L'alterazione dell'orologio biologico interno che controlla i fenomeni fisici naturali come il sonno, provoca sintomi come sonnolenza, disturbi gastrointestinali, mal di testa e depressione. Il cambio di turno, il lavoro nei giorni festivi e il lavoro part-time causano stress emotivo e fisico sul lavoro ea casa. La vita familiare "normale" è gravemente compromessa e la vita sociale significativa è limitata.

Le ore notturne sono sempre più diffuse, aumentando la sensazione di insicurezza sulla sicurezza personale e la paura di rapine e altri tipi di violenza sul lavoro. Negli Stati Uniti, ad esempio, l'omicidio è una delle principali cause di morte sul lavoro per le donne, con molti di questi decessi che si verificano durante le rapine. Si dovrebbe evitare di maneggiare denaro o lavorare da soli o durante le ore notturne. Un riesame periodico delle misure di sicurezza dovrebbe far parte di un programma di sicurezza e prevenzione della violenza.

La retribuzione part-time, con poche o nessuna indennità, aumenta lo stress da lavoro e costringe molti lavoratori a trovare posti di lavoro aggiuntivi per sostenere le proprie famiglie e mantenere i benefici per la salute.

 

Di ritorno

Martedì, 15 marzo 2011 14: 38

Caso di studio: mercati all'aperto

Il settore informale rappresenta tra il 20 e il 70% della forza lavoro urbana nei paesi in via di sviluppo (con una media del 40%); ei commercianti e venditori ambulanti di mercati all'aperto costituiscono una parte significativa di questo settore. Tale lavoro è per sua stessa natura precario. Si tratta di lunghe ore e paga bassa. I guadagni medi potrebbero non raggiungere il 40% dei livelli riscontrati nel settore formale. Non solo molti lavoratori nei mercati all'aperto non dispongono di sedi permanenti per svolgere la propria attività, ma possono anche essere costretti a fare a meno di strutture infrastrutturali di supporto. Non godono della stessa protezione legale o sicurezza sociale dei lavoratori del settore formale e sono soggetti a vessazioni. I tassi di morbilità e mortalità legati al lavoro generalmente non vengono registrati (Bequele 1985).

Figura 1. Mercato alimentare all'aperto a Malatia, Isole Salomone, 1995

OFR040F1

C.Geefhuyson

Lavoratori nei mercati all'aperto sia nei paesi in via di sviluppo che in quelli sviluppati, come quelli mostrati nella figura 1 e figura 2 , sono esposti a numerosi rischi per la salute e la sicurezza. Sono esposti ai gas di scarico dei veicoli a motore, che contengono sostanze come monossido di carbonio e idrocarburi policiclici aromatici. I lavoratori sono anche esposti alle intemperie. Nelle località tropicali e desertiche sono soggette a stress da calore e disidratazione. Nei climi più freddi sono esposti a temperature gelide, che possono causare problemi come intorpidimento, brividi e congelamento. I lavoratori nei mercati all'aperto potrebbero non avere accesso a strutture igieniche adeguate.

Figura 2. Pesanti ceste di ricci di mare distribuite da un piccolo operatore-proprietario, Giappone, 1989

OFR040F2

L.Manderson

Il settore informale in generale ei mercati all'aperto coinvolgono specificamente il lavoro minorile. Circa 250 milioni di bambini sono impegnati in lavori a tempo pieno e part-time in tutto il mondo (ILO 1996); i commercianti di strada sono i bambini lavoratori più visibili. Ai bambini che lavorano, compresi i commercianti ambulanti, in genere viene negata l'istruzione e spesso sono costretti a svolgere compiti, come sollevare carichi pesanti, che possono provocare disabilità permanenti.

 

Di ritorno

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti per uffici e negozi al dettaglio

Federazione americana del lavoro e Congresso delle organizzazioni industriali (AFL-CIO). 1995. Statistiche attuali sui colletti bianchi. Pubblicazione n. 95-3. Washington, DC: AFL-CIO, Dipartimento per i dipendenti professionali.

Arnetz, BB. 1996. Techno-stress: uno studio psicofisiologico prospettico dell'impatto di un programma di riduzione dello stress controllato nel lavoro di progettazione di sistemi di telecomunicazione avanzati. Journal of Occupational and Environmental Medicine 38 (1): 53-65.

Bequele, A. 1985. Lavoratori nei settori informali rurali e urbani nei paesi in via di sviluppo. In Introduzione alle condizioni di lavoro e all'ambiente, a cura di JM Clerc. Ginevra: OIL.

Biener, L. 1988. Genere e stress. New York: stampa gratuita.

De Grip, A, J Hoevenberg e E Willems. 1997. Il lavoro atipico nell'Unione Europea. Int Labor Rev 136 (1): 49-71.

Euro-FIET Commerce Sezione Commercio. 1996. Conferenza sulla trasformazione economica e l'internazionalizzazione nei settori dei servizi e della finanza dell'Europa centrale e orientale, aprile, Praga, Repubblica ceca.

Frankenhaeuser, M, U Lundberg e M. Chesney. 1991. Donne, lavoro e salute: stress e opportunità. New York e Londra: Plenum Press.

Hetes, R, M Moore e C Northheim. 1995. Attrezzature per ufficio: design, emissioni nell'aria interna e opportunità di prevenzione dell'inquinamento. Washington, DC: Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1990a. Classificazione internazionale standard delle professioni: ISCO-88. Ginevra: ILO.

—. 1990 b. Telelavoro. Condizioni di lavoro Digest. vol. 9(1). Ginevra: OIL.

—. 1994. Annuario delle statistiche del lavoro. Ginevra: OIL.

—. 1995. Annuario delle statistiche del lavoro. Ginevra: ILO.

—. 1996. Lavoro minorile: prendere di mira l'intollerabile. Rapporto VI(1), Conferenza internazionale del lavoro, 86a sessione. Ginevra: OIL.

—. 1997. Tendenze lavorative: tendenze del lavoro. World Work Mag OIL 19: 26-27.

Karasek, RA. 1979. Richieste di lavoro, latitudine decisionale sul lavoro e tensione mentale: implicazioni per la progettazione del lavoro. Amm Sci Q 24: 285-308.

—. 1990. Minore rischio per la salute con un maggiore controllo del lavoro tra i colletti bianchi. Comportamento dell'organo J 11: 171-185.

Maddi, SR e Kobasa, SC. 1984. The Hardy Executive: salute sotto stress. Homewood, IL: Dow Jones-Irwin.

Marsella, A.J. 1994. Lavoro e benessere in una società etnoculturalmente pluralista: questioni concettuali e metodologiche. In Lo stress del lavoro in una forza lavoro che cambia. Washington, DC: Associazione Psicologica Americana.

Murphy, L e J Hurrell, Jr. 1995. Interventi sullo stress da lavoro. In Gestione della sicurezza e della salute sul posto di lavoro: il caso del lavoro a contratto nell'industria petrolchimica statunitense. Washington, DC: Associazione Psicologica Americana.

Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1993. Aggiornamento NIOSH: NIOSH sollecita un'azione immediata per prevenire l'omicidio sul posto di lavoro. DHHS (NIOSH) Pubblicazione n. 94-101. Cincinatti, OH: NIOSH.

Perry, GF. 1996. Forum di medicina del lavoro. Journal of Occupational and Environmental Medicine 38 (4): 339-341.

Prezzo Waterhouse. 1991. Fare affari in Svezia. New York: Price Waterhouse.

Silvestri, G. 1993. La forza lavoro americana, 1992-2005: Occupazione occupazionale: ampie variazioni nella crescita. Revisione mensile del lavoro (Novembre).

Stellman, JM e MS Henifin. 1983. Il lavoro d'ufficio può essere pericoloso per la salute. New York: Libri Pantheon.

Stout, N, EL Jenkins e TJ Pizatella. 1996. Tassi di mortalità per infortuni sul lavoro negli Stati Uniti: variazioni dal 1980 al 1989. Am J Public Health 86 (1): 73-77.

Tagliacozzo, R e S Vaughn. 1982. Stress e fumo negli infermieri ospedalieri. Am J Public Health, 72: 441-448.