Lunedi, 28 marzo 2011 19: 39

Raccolta rifiuti domestici

Vota questo gioco
(0 voti )

In molte località la raccolta dei rifiuti domestici viene effettuata dai dipendenti comunali. In altri, da aziende private. Questo articolo fornisce una panoramica dei processi e dei pericoli basati su osservazioni ed esperienze nella provincia del Quebec, in Canada. Editore.

Panoramica

Oltre ai pochi lavoratori impiegati dai comuni della provincia del Québec, in Canada, che hanno i propri enti per la raccolta dei rifiuti, migliaia di raccoglitori e autisti sono impiegati in centinaia di aziende del settore privato.

Molte imprese private si affidano, in tutto o in parte, a lavoratori che noleggiano o possiedono camion e sono responsabili dei collezionisti che lavorano per loro. La concorrenza nel settore è elevata, poiché i contratti comunali vengono assegnati all'offerente più basso e vi è un regolare ricambio annuale delle imprese. L'elevata concorrenza si traduce anche in tassi di raccolta dei rifiuti domestici bassi e stabili, e la raccolta dei rifiuti rappresenta la percentuale più bassa delle tasse comunali. Tuttavia, man mano che le discariche esistenti si riempiono, i costi delle discariche aumentano, obbligando i comuni a prendere in considerazione sistemi integrati di gestione dei rifiuti. Tutti i lavoratori comunali sono sindacalizzati. La sindacalizzazione dei lavoratori del settore privato è iniziata negli anni '1980 e dal 20 al 30% di loro è ora sindacalizzata.

Processi di lavoro

La raccolta dei rifiuti è un mestiere pericoloso. Se riconosciamo che i camion della spazzatura sono simili alle presse idrauliche, ne consegue che la raccolta dei rifiuti è come lavorare su una pressa industriale mobile in condizioni molto più impegnative di quelle incontrate nella maggior parte delle fabbriche. Nella raccolta dei rifiuti, la macchina percorre il traffico in tutte le stagioni e gli operatori devono alimentarla correndogli dietro e gettandovi dentro oggetti irregolari di volume e peso variabile, contenenti oggetti invisibili e pericolosi. In media, i raccoglitori gestiscono 2.4 tonnellate di rifiuti all'ora. L'efficienza delle operazioni di raccolta dei rifiuti dipende interamente dalle determinanti del ritmo e del ritmo di lavoro. La necessità di evitare il traffico nelle ore di punta e le code sui ponti crea tempi stretti nei punti di raccolta e durante il trasporto. La velocità è di nuovo importante durante lo scarico nelle discariche e negli inceneritori.

Diversi aspetti della raccolta dei rifiuti influenzano il carico di lavoro e i rischi. In primo luogo, la remunerazione è forfettaria, ovvero il territorio specificato contrattualmente deve essere completamente ripulito dai rifiuti domestici il giorno della raccolta. Poiché il volume dei rifiuti dipende dalle attività dei residenti e varia di giorno in giorno e di stagione in stagione, il carico di lavoro varia enormemente. In secondo luogo, i lavoratori sono a diretto contatto con gli oggetti ei rifiuti raccolti. Ciò è molto diverso dalla situazione nei settori della raccolta di rifiuti commerciali e industriali, dove i contenitori pieni di rifiuti vengono raccolti o da camion a caricamento frontale dotati di carrelli elevatori automatizzati o da autocarri scarrabili. Ciò significa che i lavoratori di quei settori non maneggiano i contenitori dei rifiuti e non sono a diretto contatto con i rifiuti. Le condizioni di lavoro di questi raccoglitori assomigliano quindi più da vicino a quelle dei conducenti di rifiuti domestici, piuttosto che ai raccoglitori di rifiuti domestici.

La raccolta residenziale (detta anche raccolta domestica) è invece prevalentemente manuale e gli addetti continuano a movimentare una grande varietà di oggetti e contenitori di dimensioni, natura e peso variabili. Alcuni comuni suburbani e rurali hanno implementato la raccolta semiautomatica, che prevede l'utilizzo di cassonetti domestici mobili e raccoglitori a caricamento laterale (figura 1). Tuttavia, la maggior parte dei rifiuti domestici continua ad essere raccolta manualmente, soprattutto nelle città. La caratteristica principale di questo lavoro è quindi un notevole sforzo fisico.

Figura 1. Raccolta rifiuti automatica a caricamento laterale.

PGS100F1

Azienda manifatturiera Pak Mor

Pericoli

Uno studio che comprendeva osservazioni e misurazioni sul campo, interviste con dirigenti e lavoratori, analisi statistiche di 755 infortuni sul lavoro e analisi di sequenze video ha rivelato una serie di potenziali pericoli (Bourdouxhe, Cloutier e Guertin 1992).

Carico di lavoro

In media, ogni giorno i raccoglitori di rifiuti movimentano 16,000 kg distribuiti su 500 punti di raccolta, pari a una densità di raccolta di 550 kg/km. La raccolta richiede quasi 6 ore, pari a 2.4 tonnellate/ora, e comporta 11 km a piedi durante una giornata lavorativa totale di 9 ore. La velocità media di raccolta è di 4.6 km/h, su un territorio di quasi 30 km di marciapiedi, strade e corsie. I periodi di riposo sono limitati a pochi minuti in precario equilibrio sulla pedana posteriore, o, nel caso di conducenti-raccoglitori di autocarri a carico laterale, al volante. Questo impegnativo carico di lavoro è esacerbato da fattori quali la frequenza delle discese e delle salite dal camion, la distanza percorsa, le modalità di spostamento, lo sforzo statico necessario per mantenere l'equilibrio sulla piattaforma posteriore (minimo 13 kg di forza), la frequenza delle movimentazioni operazioni per unità di tempo, la varietà delle posture richieste (movimenti di flessione), la frequenza dei lanci e dei movimenti di torsione del tronco e l'elevato tasso di raccolta per unità di tempo in alcuni settori. Il fatto che l'Association française de normalization (AFNOR) abbia adattato lo standard di peso per la movimentazione manuale sia stato superato nel 23% dei viaggi osservati è una testimonianza eloquente dell'impatto di questi fattori. Se si considerano le capacità dei lavoratori (stabilite in 3.0 tonnellate/ora per i camion a carico posteriore e 1.9 tonnellate/ora per quelli a carico laterale), la frequenza con cui viene superato lo standard AFNOR sale al 37%.

Diversità e natura degli oggetti trattati

La manipolazione di oggetti e contenitori di peso e volume variabile interrompe il regolare svolgimento delle operazioni e spezza i ritmi di lavoro. Gli oggetti di questa categoria, spesso nascosti dai residenti, includono oggetti pesanti, grandi o ingombranti, oggetti taglienti o appuntiti e materiali pericolosi. I pericoli più frequenti sono elencati nella tabella 1.

 


Tabella 1. Oggetti pericolosi rinvenuti nelle raccolte dei rifiuti domestici.

Vetri, vetri, tubi fluorescenti

Acido della batteria, lattine di solvente o vernice, contenitori aerosol, bombole di gas, olio motore

Scarti di costruzione, polvere, intonaco, segatura, scorie

Pezzi di legno con chiodi

Siringhe, rifiuti sanitari

Rifiuti da giardino, erba, sassi, terra

Mobili, elettrodomestici, altri grandi rifiuti domestici

Rifiuti precompattati (in condomini)

Numero eccessivo di piccoli contenitori da piccole imprese e ristoranti

Grandi quantità di rifiuti vegetali e animali nei settori rurali

Borse extra large

Contenitori vietati (p. es., senza manici, peso eccessivo, fusti di petrolio da 55 galloni, fusti con collo sottile, bidoni della spazzatura senza coperchio)

Borse piccole, apparentemente leggere, ma in realtà pesanti

Numero eccessivo di piccole borse

Buste di carta e scatole che si strappano

Tutti rifiuti che vengono nascosti a causa del loro peso eccessivo o della loro tossicità, o che sorprendono i lavoratori impreparati

Contenitori commerciali che devono essere svuotati con un sistema improvvisato, spesso inappropriato e pericoloso


 

I lavoratori sono molto aiutati dal fatto che i residenti smistano i rifiuti in sacchi con codice colore e bidoni domestici mobili che facilitano la raccolta e consentono un migliore controllo del ritmo e dello sforzo di lavoro.

Condizioni climatiche e natura degli oggetti trasportati

Sacchetti di carta bagnati e buste di plastica di scarsa qualità che si strappano e disperdono il loro contenuto sul marciapiede, bidoni della spazzatura ghiacciati e bidoni domestici incastrati nei cumuli di neve possono causare contrattempi e pericolose manovre di recupero.

Orario di lavoro

La necessità di correre, i problemi del traffico, le auto parcheggiate e le strade affollate possono contribuire a situazioni pericolose.

Nel tentativo di ridurre il proprio carico di lavoro e mantenere un ritmo di lavoro elevato ma costante di fronte a questi vincoli, i lavoratori spesso tentano di risparmiare tempo o fatica adottando strategie di lavoro che possono essere pericolose. Le strategie più comunemente osservate includevano calciare sacchi o scatole di cartone verso il camion, zigzagare lungo la strada per raccogliere da entrambi i lati della strada, afferrare sacchi mentre il camion è in movimento, portare sacchi sotto il braccio o contro il corpo, usare la coscia per aiutare a caricare sacchi e bidoni della spazzatura, raccolta manuale dei rifiuti sparsi a terra e compattazione manuale (spingendo con le mani i rifiuti che traboccano dalla tramoggia quando il sistema di compattazione non è in grado di trattare il carico con sufficiente rapidità). Ad esempio, nella raccolta suburbana con camion a carico posteriore, sono state osservate quasi 1,500 situazioni all'ora che potrebbero provocare incidenti o aumentare il carico di lavoro. Questi includevano:

  • 53 sale e scende dalla piattaforma posteriore del camion
  • 38 tirature brevi
  • 482 movimenti di flessione
  • 203 lanci
  • 159 movimenti di torsione
  • 277 azioni potenzialmente pericolose (incluse 255 strategie di lavoro volte a ridurre il carico di lavoro risparmiando tempo o fatica)
  • 285 istanze di aumento del carico di lavoro, incluse 11 attività di recupero da incidenti
  • 274 oggetti o contenitori pericolosi o pesanti.

 

La raccolta con camion a carico laterale (vedi figura 1) o piccoli cassonetti domestici mobili riduce la manipolazione di oggetti pesanti o pericolosi e la frequenza di situazioni che potrebbero causare incidenti o aumento del carico di lavoro.

Uso delle vie pubbliche

La strada è il luogo di lavoro dei collezionisti. Ciò li espone a pericoli come il traffico veicolare, l'accesso bloccato ai contenitori dei rifiuti dei residenti, l'accumulo di acqua, neve, ghiaccio e cani del vicinato.

Veicoli

I camion a carico posteriore (figura 2) hanno spesso gradini troppo alti o poco profondi e piattaforme posteriori difficili da montare e che rendono le discese pericolosamente simili ai salti. I corrimano troppo alti o troppo vicini al cassone del camion non fanno che peggiorare la situazione. Queste condizioni aumentano la frequenza delle cadute e degli urti con strutture adiacenti alla pedana posteriore. Inoltre, il bordo superiore della tramoggia è molto alto e i lavoratori più bassi devono spendere ulteriore energia per sollevare oggetti da terra. In alcuni casi, i lavoratori usano le gambe o le cosce come supporto o potenza aggiuntiva durante il caricamento della tramoggia.

Figura 2. Autocarro compattatore chiuso a carico posteriore.

PGS100F2

National Safety Council (US) La lama del packer scende a pochi centimetri dal bordo della piattaforma. La lama ha la capacità di tagliare oggetti sporgenti.

Le caratteristiche dei camion a carico laterale e le operazioni relative al loro carico comportano specifici movimenti ripetitivi suscettibili di causare problemi muscolari e articolari alla spalla e alla parte superiore della schiena. Gli autisti-raccoglitori di autocarri a carico laterale hanno un ulteriore vincolo, in quanto devono far fronte sia allo sforzo fisico della raccolta che a quello mentale della guida.

Equipaggiamento per la protezione personale

Sebbene il valore teorico dei DPI sia fuori discussione, può tuttavia rivelarsi inadeguato nella pratica. In concreto, l'attrezzatura può essere inadeguata alle condizioni in cui viene effettuata la raccolta. Gli scarponi, in particolare, sono incompatibili con l'esigua altezza utile delle pedane posteriori e l'elevato ritmo di lavoro reso necessario dal modo in cui è organizzata la raccolta. I guanti forti, resistenti alle forature ma flessibili sono preziosi per la protezione contro le lesioni alle mani.

Organizzazione del lavoro

Alcuni aspetti dell'organizzazione del lavoro aumentano il carico di lavoro e, per estensione, i rischi. In comune con la maggior parte delle situazioni forfettarie, il vantaggio principale per i lavoratori di questo sistema è la capacità di gestire il proprio tempo di lavoro e risparmiare tempo adottando un ritmo di lavoro rapido come meglio credono. Questo spiega perché i tentativi, basati su considerazioni di sicurezza, di rallentare il ritmo del lavoro non hanno avuto successo. Alcuni orari di lavoro superano le capacità dei lavoratori.

Il ruolo della miriade di variazioni del comportamento dei residenti nella creazione di pericoli aggiuntivi merita uno studio a sé stante. Rifiuti proibiti o pericolosi abilmente nascosti nei normali rifiuti, contenitori fuori standard, oggetti eccessivamente grandi o pesanti, disaccordi sui tempi di raccolta e non conformità alle norme aumentano il numero di pericoli e il potenziale di conflitto tra residenti e raccoglitori. I raccoglitori sono spesso ridotti al ruolo di “polizia dei rifiuti”, educatori e tamponi tra comuni, imprese e residenti.

La raccolta di materiali da riciclare non è priva di problemi, nonostante una bassa densità di rifiuti e tassi di raccolta molto inferiori a quelli della raccolta tradizionale (ad eccezione della raccolta delle foglie per il compostaggio). La frequenza oraria delle situazioni che possono provocare incidenti è spesso elevata. Va tenuto presente che si tratta di un nuovo tipo di lavoro per il quale sono stati formati pochi lavoratori.

In diversi casi, i lavoratori sono obbligati a svolgere attività pericolose come salire sulla cassa di compattazione del camion per entrare negli scomparti e spostare con i piedi pile di carta e cartone. Sono state osservate anche diverse strategie di lavoro volte ad accelerare il ritmo di lavoro, ad esempio, riordinare manualmente il materiale da riciclare e rimuovere gli oggetti dalla scatola di riciclaggio e portarli sul camion, piuttosto che portare la scatola sul camion. La frequenza di contrattempi e interruzioni della normale attività lavorativa in questo tipo di raccolta è particolarmente elevata. Questi contrattempi derivano da lavoratori che svolgono attività ad hoc che sono esse stesse pericolose.

Infortuni sul lavoro e prevenzione

La raccolta dei rifiuti domestici è un mestiere pericoloso. Le statistiche supportano questa impressione. Il tasso medio annuo di infortuni in questo settore, per tutte le tipologie di impresa, autocarro e commercio, è di quasi 80 infortuni ogni 2,000 ore di raccolta. Ciò equivale a 8 lavoratori su 10 che subiscono un infortunio almeno una volta all'anno. Si verificano quattro incidenti ogni 1,000 camion da 10 tonnellate. In media, ogni infortunio comporta la perdita di 10 giorni lavorativi e un risarcimento per infortunio di $ 820 (canadese). Gli indici di frequenza e gravità degli infortuni variano tra le imprese, con tassi più elevati osservati nelle imprese municipali (74 infortuni/100 lavoratori contro 57/100 lavoratori nelle imprese private) (Bourdouxhe, Cloutier e Guertin 1992). Gli incidenti più comuni sono elencati nella tabella 2.

Tabella 2. Incidenti più comuni nella raccolta dei rifiuti domestici, Quebec, Canada.

ferita

Causare

Percentuale di incidenti studiati

Dolore alla schiena o alle spalle

Movimenti di lancio o torsione durante la raccolta dei sacchi

19

Lesioni alla schiena

Sforzi eccessivi durante il sollevamento di oggetti

18

Distorsioni della caviglia

Cade o scivola mentre scende dal carrello o si sposta nelle sue vicinanze

18

Mani, dita, braccia o ginocchia schiacciate

Colpiti da container o oggetti pesanti, intrappolati tra il veicolo e i container, o collisioni con parte del veicolo o auto parcheggiate

18

Lacerazioni alla mano e alla coscia di profondità variabile

Vetro, chiodi o siringhe durante il caricamento della tramoggia

15

Graffi e lividi

Contatto o collisioni

5

Irritazione degli occhi o delle vie respiratorie

Polvere o schizzi di liquidi che si verificano durante il lavoro vicino alla tramoggia durante la compattazione

5

Altro

 

2

 

I collezionisti in genere soffrono di lacerazioni alle mani e alle cosce, i conducenti in genere soffrono di distorsioni alle caviglie derivanti da cadute durante lo smontaggio della cabina e i conducenti-collezionisti di camion a caricamento laterale soffrono tipicamente di dolori alla spalla e alla parte superiore della schiena derivanti dai movimenti di lancio. La natura degli incidenti dipende anche dal tipo di autocarro, sebbene ciò possa anche essere visto come un riflesso delle attività specifiche associate agli autocarri a carico posteriore e laterale. Queste differenze sono legate alla progettazione delle attrezzature, al tipo di movimenti richiesti e alla natura e densità dei rifiuti raccolti nei settori in cui queste due tipologie di camion sono utilizzate.

Frodi

Di seguito sono elencate dieci categorie in cui i miglioramenti potrebbero rendere più sicura la raccolta dei rifiuti domestici:

  1. gestione della salute e della sicurezza (ad esempio, lo sviluppo di programmi di prevenzione degli infortuni basati sulla conoscenza dei rischi professionali da parte dei lavoratori e più adatti alle mansioni effettive)
  2. formazione e assunzione
  3. organizzazione del lavoro, organizzazione della raccolta e del carico di lavoro
  4. veicoli
  5. formazione e condizioni di lavoro dei lavoratori ausiliari, occasionali e interinali
  6. contratti di incasso
  7. gestione pubblica
  8. collaborazione tra associazioni datoriali (comunali e private), lavoratori e organi decisionali comunali o regionali
  9. stabilità della forza lavoro
  10. ricerca su dispositivi di protezione individuale, design ergonomico dei camion, subappalto e sicurezza.

 

Conclusione

La raccolta dei rifiuti domestici è un'attività importante ma pericolosa. La protezione dei lavoratori è resa più difficile quando questo servizio è appaltato a imprese del settore privato che, come nella provincia del Quebec, possono subappaltare il lavoro a molti piccoli committenti. Se si vuole mantenere la salute e la sicurezza dei lavoratori, è necessario affrontare e controllare un gran numero di rischi ergonomici e di incidenti, aggravati da quote di lavoro, condizioni meteorologiche avverse e problemi locali di strade e traffico.

 

Di ritorno

Leggi 9106 volte Ultima modifica il Venerdì, Settembre 16 2011 15: 29

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti ai servizi pubblici e governativi

Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH). 1989. Linee guida per la valutazione dei bioaerosol nell'ambiente interno. Cincinnati, Ohio: ACGIH.

Angerer, J, B Heinzow, DO Reimann, W Knorz e G Lehnert. 1992. Esposizione interna a sostanze organiche in un inceneritore di rifiuti urbani. Int Arch Occupare Ambiente Salute; 64(4):265-273.

Asante-Duah, DK, FK Saccomanno e JH Shortreed. 1992. Il commercio di rifiuti pericolosi: può essere controllato? Environ Sci Technol 26:1684-1693.

Beede, DE e DE Bloom. 1995. L'economia dei rifiuti solidi urbani. Osservatore di ricerca della Banca mondiale. 10(2):113-115.

Belin, L. 1985. Problemi di salute causati da actinomiceti e muffe nell'ambiente industriale. Suppl. 40:24-29.

Bisesi, M e D Kudlinski. 1996. Misurazione di batteri gram-negativi presenti nell'aria in aree selezionate di un edificio per la disidratazione dei fanghi. Presentato all'American Industrial Hygiene Conference and Exposition, 20-24 maggio, Washington, DC.

Botros, BA, AK Soliman, M Darwish, Se el Said, JC Morrill e TG Ksiazek. 1989. Sieroprevalenza di tifo murino e fièvre boutonneuse in alcune popolazioni umane in Egitto. J Trop Med Hyg. 92(6):373-378.

Bourdouxhe, M, E Cloutier e S Guertin. 1992. Étude des risques d'accidents nella collecte des ordures ménagères. Montreal: Institut de recherche en santé de la sécurité du travail.

Bresnitz, EA, J Roseman, D Becker e E Gracely. 1992. Morbilità tra i lavoratori degli inceneritori di rifiuti urbani. Am J Ind Med 22 (3): 363-378.

Brophy, M. 1991. Programmi di ingresso nello spazio confinato. Bollettino sulla sicurezza e la salute della Federazione per il controllo dell'inquinamento idrico (primavera):4.

Brown, JE, D Masood, JI Couser e R Patterson. 1995. Polmonite da ipersensibilità da compostaggio residenziale: polmone del compostatore residenziale. Ann Allergy, Asthma & Immunol 74:45-47.

Clark, CS, R Rylander e L Larsson. 1983. Livelli di batteri gram-negativi, aspergillus fumigatus, polvere ed endotossine negli impianti di compostaggio. Appl Environ Microbiol 45:1501-1505.

Cobb, K e J Rosenfield. 1991. Programma di studio a domicilio per la gestione del compost municipale. Itaca, NY: Cornell Waste Management Institute.

Cointreau-Levine, SJ. 1994. Partecipazione del settore privato ai servizi RSU nei paesi in via di sviluppo: il settore formale, vol. 1. Washington, DC: Banca Mondiale.

Colombi, A. 1991. Rischi per la salute dei lavoratori dell'industria dello smaltimento dei rifiuti (in italiano). MedLav 82(4):299-313.

Coughlin, SS. 1996. Giustizia ambientale: il ruolo dell'epidemiologia nella protezione delle comunità non autorizzate dai rischi ambientali. Sci Total Environ 184:67-76.

Consiglio per le organizzazioni internazionali delle scienze mediche (CIOMS). 1993. Linee guida etiche internazionali per la ricerca biomedica che coinvolge soggetti umani. Ginevra: CIOMS.

Cray, C. 1991. Waste Management Inc.: un'enciclopedia dei crimini ambientali e altro
Misfatti, 3a edizione (riveduta). Chicago, Illinois: Greenpeace USA.

Crook, B, P Bardos e J Lacey. 1988. Impianti di compostaggio dei rifiuti domestici come fonte di microrganismi presenti nell'aria. In Aerosols: Their Generation, Behavior and Application, a cura di WD Griffiths. Londra: Società Aerosol.

Desbaumes, P. 1968. Studio dei rischi inerenti alle industrie che trattano rifiuti e acque reflue (in francese). Rev Med Suisse Romande 88(2):131-136.

Ducel, G, JJ Pitteloud, C Rufener-Press, M Bahy e P Rey. 1976. L'importanza dell'esposizione batterica nei servizi igienico-sanitari durante la raccolta dei rifiuti (in francese). Soz Praventivmed 21(4):136-138.

Associazione olandese per la salute sul lavoro. 1989. Protocollo Onderzoeksmethoden Micro-biologische Binnenlucht- verontreinigingen [Metodi di ricerca nell'inquinamento biologico dell'aria interna]. Rapporto del gruppo di lavoro. L'Aia, Paesi Bassi: Associazione olandese per la salute sul lavoro.

Emery, R, D Sprau, YJ Lao e W Pryor. 1992. Rilascio di aerosol batterici durante la compattazione dei rifiuti infettivi: una valutazione iniziale dei rischi per gli operatori sanitari. Am Ind Hyg Assoc J 53(5):339-345.

Gellin, GA e MR Zavon. 1970. Dermatosi professionale di lavoratori dei rifiuti solidi. Arch Environ Health 20(4):510-515.

Pace verde. 1993. Siamo stati ingannati! Plastica di Montreal scaricata all'estero. Rapporto sul commercio internazionale di sostanze tossiche di Greenpeace. Washington, DC: Informazioni pubbliche di Greenpeace.

—. 1994a. L'invasione dei rifiuti in Asia: un inventario di Greenpeace. Rapporto sul commercio tossico di Greenpeace. Washington, DC: Informazioni pubbliche di Greenpeace.

—. 1994b. Incenerimento. Inventario di Greenpeace delle tecnologie tossiche. Washington, DC: Informazioni pubbliche di Greenpeace.

Gustavsson, P. 1989. Mortalità tra i lavoratori di un inceneritore di rifiuti urbani. Am J Ind Med 15(3):245-253.

Heida, H, F Bartman e SC van der Zee. 1975. Esposizione professionale e monitoraggio della qualità dell'aria interna in un impianto di compostaggio. Am Ind Hyg Assoc J 56(1): 39-43.

Johanning, E, E Olmsted e C Yang. 1995. Problemi medici relativi al compostaggio dei rifiuti urbani. Presentato all'American Industrial Hygiene Conference and Exposition, 22-26 maggio, Kansas City, KS.

Knop W. 1975. Sicurezza sul lavoro negli impianti di incenerimento (in tedesco) Zentralbl Arbeitsmed 25(1):15-19.

Kramer, MN, VP Kurup e JN Fink. 1989. Aspergillosi broncopolmonare allergica da una discarica contaminata. Am Rev Respir Dis 140:1086-1088.

Lacey, J, PAM Williamson, P King e RP Barbos. 1990. Microrganismi presenti nell'aria associati al compostaggio dei rifiuti domestici. Stevenage, Regno Unito: Laboratorio Warren Spring.

Lundholm, M e R Rylander. 1980. Sintomi occupazionali tra i lavoratori del compost. J Occup Med 22(4):256-257.

Malkin, R, P Brandt-Rauf, J Graziano e M Parides. 1992. Livelli di piombo nel sangue nei lavoratori degli inceneritori. Environ Res 59(1):265-270.

Malmros, P e P Jonsson. 1994. Gestione dei rifiuti: Pianificazione per la sicurezza dei lavoratori del riciclaggio. Gestione dei rifiuti e recupero delle risorse 1:107-112.

Malmros, P, T Sigsgaard e B Bach. 1992. Problemi di salute sul lavoro dovuti alla raccolta differenziata. Gestione dei rifiuti e ricerca 10:227-234.

Mara, DD. 1974. Batteriologia per ingegneri sanitari. Londra: Churchill Livingstone.

Maxey, Minnesota. 1978. Rischi della gestione dei rifiuti solidi: problemi, principi e priorità bioetici. Environ Health Perspect 27:223-230.

Millner, PD, SA Olenchock, E Epstein, R Rylander, J Haines e J Walker. 1994. Bioaerosol associati a impianti di compostaggio. Scienza e utilizzo del compost 2: 3-55.

Mozzon, D, DA Brown e JW Smith. 1987. Esposizione professionale a polvere aerodispersa, quarzo respirabile e metalli derivanti dalla manipolazione dei rifiuti, dall'incendio e dallo smaltimento in discarica. Am Ind Hyg Assoc J 48(2):111-116.

Nersting, L, P Malmros, T Sigsgaard, e C Petersen. 1990. Rischio biologico per la salute associato al recupero delle risorse, allo smistamento dei rifiuti riciclati e al compostaggio. Grana 30:454-457.

Paull, JM e FS Rosenthal. 1987. Deformazione termica e stress da calore per i lavoratori che indossano tute protettive in un sito di rifiuti pericolosi. Am Ind Hyg Assoc J 48(5):458-463.

Puckett, J e C Fogel 1994. Una vittoria per l'ambiente e la giustizia: il divieto di Basilea e come è successo. Washington, DC: Informazioni pubbliche di Greenpeace.

Rahkonen, P, M Ettala, e io Loikkanen. 1987. Condizioni di lavoro e igiene nelle discariche sanitarie in Finlandia. Ann Occup Hyg 31(4A):505-513.

Robazzi, ML, E Gir, TM Moriya, and J Pessuto. 1994. Il servizio di raccolta dei rifiuti: rischi professionali contro danni alla salute (in portoghese). Rev Esc Enferm USP 28(2):177-190.

Rosas, I, C Calderon, E Salinas e J Lacey. 1996. Microrganismi presenti nell'aria in una stazione di trasferimento dei rifiuti domestici. In Aerobiology, a cura di M Muilenberg e H Burge. New York: Lewis Editori.

Rummel-Bulska, I. 1993. La Convenzione di Basilea: un approccio globale per la gestione dei rifiuti pericolosi. Documento presentato alla Pacific Basin Conference on Hazardous Waste, Università delle Hawaii, novembre.

Salvato, JA. 1992. Ingegneria ambientale e servizi igienico-sanitari. New York: John Wiley e figli.

Schilling, CJ, IP Tams, RS Schilling, A Nevitt, CE Rossiter e B Wilkinson. 1988. Un'indagine sugli effetti respiratori dell'esposizione prolungata alla cenere di combustibile polverizzata. Br J Ind Med 45(12):810-817.

Shrivastava, DK, SS Kapre, K Cho e YJ Cho. 1994. Malattia polmonare acuta dopo l'esposizione alla cenere volante. Torace 106(1):309-311.

Sigsgaard, T, A Abel, L Donbk, e P Malmros. 1994. Cambiamenti della funzione polmonare tra i lavoratori del riciclaggio esposti a polvere organica. Am J Ind Med 25:69-72.

Sigsgaard, T, B Bach e P Malmros. 1990. Compromissione respiratoria tra i lavoratori in un impianto di trattamento dei rifiuti. Am J Ind Med 17(1):92-93.

Smith, R.P. 1986. Risposte tossiche del sangue. In Casarett and Doull's Toxicology, a cura di CD Klaassen, MO Amdur e J Doull. New York: casa editrice Macmillan.

Soskolne, C. 1997. Trasporto internazionale di rifiuti pericolosi: commercio legale e illegale nel contesto dell'etica professionale. Bioetica globale (settembre/ottobre).

Spinaci, S, W Arossa, G Forconi, A Arizio, E Concina. 1981. Prevalenza dell'ostruzione bronchiale funzionale e identificazione dei gruppi a rischio in una popolazione di lavoratori dell'industria (in italiano). MedLav 72(3):214-221.

Notizie Southam. 1994. Proposto divieto di esportazione di rifiuti tossici. Edmonton Journal (9 marzo): A12.

van der Werf, P. 1996. Bioaerosol in un impianto di compostaggio canadese. Biociclo (settembre): 78-83.
Vir, Ak. 1989. Commercio tossico con l'Africa. Environ Sci Technol 23:23-25.

Weber, S, G Kullman, E Petsonk, WG Jones, S Olenchock e W Sorensen. 1993. Esposizioni alla polvere organica dalla manipolazione del compost: presentazione del caso e valutazione dell'esposizione respiratoria. Am J Ind Med 24:365-374.

Wilkenfeld, C, M Cohen, SL Lansman, M Courtney, MR Dische, D Pertsemlidis e LR Krakoff. 1992. Trapianto di cuore per cardiomiopatia allo stadio terminale causata da un feocromocitoma occulto. J Trapianto cuore-polmone 11:363-366.