Lunedi, 04 aprile 2011 14: 58

Operazioni di rifornimento e manutenzione dei veicoli a motore

Vota questo gioco
(3 voti )

I carburanti e i lubrificanti a base di petrolio sono venduti direttamente ai consumatori presso stazioni di servizio a servizio completo e self-service (con o senza aree di riparazione), autolavaggi, centri di assistenza automobilistici, agenzie di autoveicoli, autofficine, officine di riparazione, negozi di ricambi automobilistici e minimarket. Gli addetti alle stazioni di servizio, i meccanici e gli altri dipendenti che riforniscono, lubrificano e riparano i veicoli a motore devono essere consapevoli dei pericoli fisici e chimici dei carburanti derivati ​​dal petrolio, dei lubrificanti, degli additivi e dei prodotti di scarto con cui entrano in contatto e devono seguire le procedure di lavoro sicure appropriate e la protezione personale le misure. Gli stessi rischi fisici e chimici e le esposizioni sono presenti nelle strutture commerciali, come quelle gestite da flotte di autocarri, agenzie di autonoleggio e compagnie di autobus per il rifornimento e la manutenzione dei propri veicoli.

Poiché sono le strutture in cui i carburanti vengono consegnati direttamente al veicolo dell'utente, le stazioni di servizio, in particolare quelle in cui i conducenti riforniscono i propri veicoli, sono i luoghi in cui i dipendenti e il pubblico in generale hanno maggiori probabilità di entrare in contatto diretto con prodotti petroliferi pericolosi. A parte quei conducenti che cambiano il proprio olio e lubrificano i propri veicoli, la probabilità di contatto con lubrificanti o olio usato da parte degli automobilisti, ad eccezione del contatto accidentale durante il controllo dei livelli dei fluidi, è molto ridotta.

Operazioni della stazione di servizio

Area isola carburante e sistema di erogazione

I dipendenti devono essere consapevoli dei potenziali rischi di incendio, sicurezza e salute di benzina, cherosene, diesel e altri carburanti erogati nelle stazioni di servizio. Dovrebbero anche essere consapevoli delle precauzioni adeguate. Questi includono: erogazione sicura di carburanti in veicoli e contenitori, pulizia e smaltimento di fuoriuscite, lotta contro incendi incipienti e drenaggio sicuro di carburanti. Le stazioni di servizio dovrebbero fornire pompe erogatrici di carburante che funzionino solo quando gli ugelli dei tubi flessibili del carburante vengono rimossi dalle staffe degli erogatori e gli interruttori vengono attivati ​​manualmente o automaticamente. I dispositivi di erogazione del carburante devono essere montati su isole o protetti da danni da collisione mediante barriere o cordoli. Le apparecchiature di erogazione, i tubi flessibili e gli ugelli devono essere ispezionati regolarmente per perdite, danni e malfunzionamenti. È possibile installare dispositivi di sicurezza sugli erogatori di carburante come dispositivi di emergenza a strappo sui tubi flessibili, che trattengono il liquido su ciascun lato del punto di rottura, e valvole di impatto con collegamenti fusibili alla base degli erogatori, che si chiudono automaticamente in caso di forte impatto o incendio.

Le normative governative e le politiche aziendali possono richiedere l'affissione di cartelli nelle aree di erogazione simili ai seguenti cartelli, obbligatori negli Stati Uniti:

  • "Vietato fumare: spegni il motore"
  • “ATTENZIONE: È illegale e pericoloso erogare benzina in contenitori non omologati”
  • "La legge federale vieta l'introduzione di qualsiasi benzina contenente piombo o fosforo in qualsiasi veicolo a motore etichettato SOLO BENZINA SENZA PIOMBO"
  • "BENZINA SENZA PIOMBO", affisso sui distributori di benzina senza piombo e "CONTAINS LEAD ANTIKNOCK COMPOUNDS", affisso sui distributori di benzina con piombo.

 

Rifornimento veicoli

I dipendenti delle stazioni di servizio devono sapere dove si trovano gli interruttori di arresto di emergenza della pompa di erogazione del carburante e come attivarli, e devono essere consapevoli dei potenziali pericoli e delle procedure per l'erogazione sicura del carburante nei veicoli, ad esempio:

  • I motori dei veicoli devono essere spenti e il fumo vietato durante il rifornimento per ridurre i rischi di movimento accidentale del veicolo, fuoriuscite e accensione di vapori di carburante.
  • Quando il carburante viene erogato, l'ugello deve essere inserito nel tubo di riempimento del veicolo e il contatto tra l'ugello e il tubo di riempimento deve essere mantenuto per fornire un collegamento elettrico fino al completamento dell'erogazione. Gli ugelli non devono essere bloccati aperti con tappi del carburante o altri oggetti. Ove consentito, devono essere utilizzati dispositivi di chiusura omologati per tenere aperti gli ugelli automatici.
  • Veicoli come betoniere e veicoli ricreativi con motori a combustione interna ausiliari non devono essere alimentati fino a quando sia i motori del veicolo che i motori ausiliari non sono spenti. Prestare attenzione durante il rifornimento di carburante per veicoli da diporto o di altro tipo dotati di fornelli a gas, frigoriferi e scaldabagni per garantire che i vapori del carburante non vengano accesi dalle fiamme pilota. I dipendenti non devono rifornire i camion stando in piedi sulla sponda laterale, sul pianale del camion o sul serbatoio del carburante.
  • I serbatoi di carburante di motocicli, motocicli, carrelli elevatori e veicoli simili non devono essere riempiti mentre il motore è in funzione o quando qualcuno è seduto sul veicolo. I serbatoi devono essere riempiti lentamente per evitare fuoriuscite di carburante che potrebbero finire sui motori caldi e provocare incendi.
  • Dopo il rifornimento, gli ugelli delle manichette devono essere prontamente sostituiti sugli erogatori, le pompe spente e i tappi riposizionati sui tubi di riempimento o sui contenitori.

 

Riempimento di contenitori di carburante portatili

Le stazioni di servizio dovrebbero stabilire procedure come le seguenti per l'erogazione sicura di carburante in contenitori portatili:

  • Ove richiesto dalla normativa governativa o dalle politiche aziendali, il carburante deve essere erogato solo in contenitori portatili approvati, correttamente identificati ed etichettati, con o senza beccucci, ugelli o tubi di erogazione e dotati di sfiati e tappi a vite o chiusura automatica per gravità, azione a molla o combinazione coperchi fusibili progettati per fornire sollievo dalla pressione.
  • I contenitori devono essere posizionati a terra e riempiti lentamente per evitare schizzi e riempimenti eccessivi e per garantire la messa a terra. I contenitori non devono essere riempiti mentre si trovano in un veicolo o nel pianale di un camion, in particolare uno con un rivestimento in plastica, poiché non è possibile ottenere un'adeguata messa a terra. Devono essere forniti e utilizzati cavi di collegamento e morsetti, oppure deve essere mantenuto il contatto tra gli ugelli dell'erogatore e i contenitori per fornire un legame durante il riempimento e tra i beccucci o gli imbuti dei contenitori e i serbatoi durante il rifornimento dai contenitori.
  • Quando si versa il carburante da contenitori che non hanno beccucci incorporati, è necessario utilizzare imbuti per ridurre al minimo le fuoriuscite ed evitare il riempimento a schizzi.
  • I contenitori portatili che contengono carburante o vapori devono essere adeguatamente conservati in armadi o locali approvati, lontano da fonti di calore e ignizione.

 

Serbatoi di stoccaggio, tubi di riempimento, tappi di riempimento e sfiati

I serbatoi di stoccaggio sotterranei e fuori terra delle stazioni di servizio e i tappi di riempimento devono essere tenuti chiusi tranne durante il riempimento e la misurazione per ridurre al minimo il rilascio di vapori di carburante. Quando le aperture del serbatoio si trovano all'interno di edifici, è necessario prevedere valvole di ritegno caricate a molla o dispositivi simili per proteggere ciascuna delle aperture dal trabocco del fluido e dal possibile rilascio di vapore. Gli sfiati del serbatoio di stoccaggio devono essere posizionati in conformità con le normative governative e la politica aziendale. Laddove è consentito lo sfiato all'aria aperta, le aperture dei tubi di sfiato dei serbatoi di stoccaggio sia sotterranei che fuori terra devono essere posizionate a un livello elevato in modo che i vapori infiammabili siano diretti lontano da potenziali fonti di ignizione e non entrino in finestre o prese d'aria o porte o diventino intrappolati sotto grondaie o sporgenze.

La miscelazione impropria di prodotti diversi durante le consegne può essere causata dalla mancanza di identificazione o da codici colore o contrassegni impropri sui serbatoi di stoccaggio. I coperchi dei serbatoi di stoccaggio, i tubi di riempimento, i tappi e i bordi o le imbottiture dei serbatoi di riempimento devono essere adeguatamente identificati in base ai prodotti e ai gradi in modo da ridurre la possibilità di una consegna nel serbatoio sbagliato. I simboli di identificazione e la codifica a colori devono essere conformi alle normative governative, alle politiche aziendali o agli standard del settore, come la procedura consigliata 1637 dell'American Petroleum Institute (API), Utilizzo del sistema di simboli colorati API per contrassegnare apparecchiature e veicoli per l'identificazione dei prodotti presso le stazioni di servizio e i terminali di distribuzione. Una tabella indicante i simboli oi codici colore in uso dovrebbe essere disponibile presso la stazione di servizio durante le consegne.

Consegna di carburante alle stazioni di servizio

Le stazioni di servizio dovrebbero stabilire e implementare procedure come le seguenti, per la consegna sicura del carburante nei serbatoi di stoccaggio delle stazioni di servizio fuori terra e sotterranee:

Prima della consegna

  • I veicoli e altri oggetti devono essere spostati dall'area in cui si troveranno l'autocisterna di consegna e i tubi di mandata.
  • I camion cisterna di consegna devono essere posizionati lontano dalle aree di traffico e ai veicoli deve essere impedito di guidare vicino all'area di scarico o sopra i tubi flessibili mediante l'uso di coni stradali o barriere.
  • I serbatoi di stoccaggio in ricezione devono essere misurati prima della consegna per determinare se la capacità è sufficiente e controllati per vedere se c'è dell'acqua nel serbatoio.
  • I conducenti devono assicurarsi che il carburante venga erogato nei serbatoi corretti, che i tappi degli indicatori siano sostituiti prima di iniziare la consegna e che tutte le aperture del serbatoio non utilizzate per la consegna siano coperte.
  • Ove richiesto dalle politiche aziendali o dai regolamenti governativi, il sistema di recupero dei vapori dell'autocisterna deve essere collegato al serbatoio di stoccaggio ricevente prima dell'inizio della consegna.

 

Durante la consegna

  • I conducenti devono monitorare l'area vicino agli sfiati del serbatoio ricevente per potenziali fonti di ignizione e verificare che gli sfiati funzionino correttamente durante la consegna.
  • Gli autisti devono rimanere dove possono osservare la consegna ed essere in grado di interrompere la consegna o intraprendere altre azioni appropriate in caso di emergenza, come l'espulsione di liquido dagli sfiati o se si attiva un dispositivo di troppo pieno o un allarme di sfiato del serbatoio.

 

Dopo la consegna

  • I serbatoi di stoccaggio possono essere misurati dopo la consegna per verificare che i serbatoi specifici abbiano ricevuto i prodotti corretti e la giusta quantità di prodotti come indicato sulla bolla di consegna o sul registro. I campioni possono essere prelevati dai serbatoi dopo la consegna per scopi di controllo della qualità.
  • Dopo la consegna, i dispositivi di contenimento delle fuoriuscite devono essere drenati se necessario e i tappi di riempimento e di riempimento corretti e i coperchi dei serbatoi di stoccaggio devono essere sostituiti sui serbatoi appropriati.

 

Altre funzioni della stazione di servizio

Stoccaggio di liquidi infiammabili e combustibili

Le normative governative e le politiche aziendali possono controllare lo stoccaggio, la manipolazione e l'erogazione di liquidi infiammabili e combustibili e prodotti chimici per autoveicoli come vernici, fluidi di avviamento, antigelo, acidi della batteria, fluidi lavavetri, solventi e lubrificanti nelle stazioni di servizio. Le stazioni di servizio devono conservare aerosol e liquidi infiammabili in contenitori chiusi in aree approvate e ben ventilate, lontano da fonti di calore o ignizione, in appositi locali, armadietti o armadietti per liquidi infiammabili o in edifici esterni separati.

Sicurezza elettrica e illuminazione

I dipendenti delle stazioni di servizio devono avere familiarità con i fondamenti della sicurezza elettrica applicabili alle stazioni di servizio, come i seguenti:

  • L'illuminazione e gli impianti elettrici, le apparecchiature e gli impianti della corretta classificazione elettrica devono essere forniti e mantenuti in conformità con codici e regolamenti e non devono essere sostituiti da apparecchiature di classificazione inferiore.
  • Utensili elettrici, refrigeratori d'acqua, macchine per il ghiaccio, frigoriferi e apparecchiature elettriche simili devono essere adeguatamente messi a terra. Le luci portatili devono essere protette contro la rottura per ridurre al minimo la possibilità che una scintilla possa accendere vapori infiammabili in caso di rottura delle lampadine.

 

Un'adeguata illuminazione dovrebbe essere fornita in punti appropriati nelle stazioni di servizio per ridurre il rischio di incidenti e lesioni. I regolamenti governativi, le politiche aziendali o gli standard volontari possono essere utilizzati per determinare i livelli di illuminazione appropriati. Vedi tabella 1.

Tabella 1. Livelli di illuminamento delle aree delle stazioni di servizio.

Zona stazione di servizio

Candele consigliate per i piedi

Zone di traffico attivo

20

Aree di stoccaggio e magazzini

10-20

Bagni e aree di attesa

30

Isole dispenser, banchi di lavoro e zone cassa

50

Aree di assistenza, riparazione, lubrificazione e lavaggio

100

Uffici

100-150

Fonte: ANSI 1967.

 

Blocco/etichettatura

Le stazioni di servizio devono stabilire e attuare procedure di lockout/tagout per prevenire il rilascio di energia potenzialmente pericolosa durante l'esecuzione di lavori di manutenzione, riparazione e assistenza su utensili elettrici, meccanici, idraulici e pneumatici, attrezzature, macchinari e sistemi come ascensori, montacarichi e martinetti, apparecchiature di lubrificazione, pompe e compressori per l'erogazione del carburante. Le procedure di lavoro sicure per prevenire l'avviamento accidentale dei motori dei veicoli durante la manutenzione o la riparazione dovrebbero includere lo scollegamento della batteria o la rimozione della chiave dall'accensione.

Fluidi per stazioni di servizio

Livelli del fluido e del liquido di raffreddamento

Prima di lavorare sotto un cofano (cofano), i dipendenti devono assicurarsi che rimanga aperto testando la tensione o utilizzando un'asta o un tutore. I dipendenti devono prestare attenzione quando controllano i fluidi del motore del veicolo per evitare ustioni dai collettori di scarico e per evitare il contatto tra le aste di livello e i terminali o i cavi elettrici; la cura è necessaria anche quando si controllano i livelli del fluido della trasmissione (poiché il motore deve essere in funzione). I dipendenti devono seguire procedure di lavoro sicure durante l'apertura dei radiatori, ad esempio consentire ai radiatori pressurizzati di raffreddarsi e coprire i tappi dei radiatori con un panno pesante durante l'apertura, utilizzare DPI e stare con il viso rivolto dall'altra parte rispetto ai radiatori in modo da non inalare vapore o vapori che fuoriescono.

Liquidi antigelo e lavavetri

I dipendenti che effettuano la manutenzione dei veicoli devono essere consapevoli dei pericoli sia degli antigelo a base di glicole che di alcol e dei concentrati di liquido lavavetri e di come maneggiarli in sicurezza. Ciò include precauzioni come conservare i prodotti a base di alcol in fusti ben chiusi o contenitori imballati, in stanze o armadietti separati, lontano da tutte le apparecchiature di riscaldamento e fornire un contenimento per prevenire la contaminazione degli scarichi e del terreno in caso di fuoriuscita o perdita di glicole tipo antigelo. L'antigelo o il liquido lavavetri devono essere erogati da fusti verticali utilizzando pompe manuali ben collegate dotate di gocciolatoi, piuttosto che utilizzare rubinetti o valvole su fusti orizzontali, che potrebbero perdere o aprirsi o rompersi, causando fuoriuscite. La pressione dell'aria non deve essere utilizzata per pompare concentrati di antigelo o liquido lavavetri dai fusti. I contenitori portatili vuoti di antigelo e liquido lavavetri concentrato devono essere completamente drenati prima dello smaltimento e devono essere seguite le normative applicabili che regolano lo smaltimento delle soluzioni antigelo a base di glicole.

Lubrificazione

Le stazioni di servizio devono garantire che i dipendenti siano a conoscenza delle caratteristiche e degli usi dei diversi carburanti, oli, lubrificanti, grassi, fluidi per autotrazione e sostanze chimiche disponibili nella struttura e della loro corretta selezione e applicazione. Per rimuovere il basamento, gli scarichi della trasmissione e del differenziale, i tappi di prova e i filtri dell'olio, è necessario utilizzare gli strumenti adeguati per non danneggiare veicoli o attrezzature. Le chiavi per tubi, le prolunghe e gli scalpelli devono essere utilizzati solo da dipendenti che sanno come rimuovere in sicurezza i tappi congelati o arrugginiti. A causa dei potenziali pericoli coinvolti, le apparecchiature di lubrificazione ad alta pressione non devono essere avviate fino a quando gli ugelli non sono fissati saldamente contro gli ingrassatori. Se il test deve essere eseguito prima dell'uso, l'ugello deve essere puntato su un fusto vuoto o un recipiente simile e non su uno straccio o un panno tenuto in mano.

Operazioni di sollevamento

I dipendenti che lavorano all'interno e nelle vicinanze delle aree di servizio dei veicoli devono essere consapevoli delle condizioni non sicure e seguire pratiche di lavoro sicure come non sostare davanti ai veicoli mentre vengono guidati nelle aree di servizio, sopra le fosse di lubrificazione o sugli ascensori o quando i veicoli vengono sollevati.

  • I veicoli devono essere correttamente allineati su sollevatori a due rotaie, a ruota libera o a contatto con il telaio, poiché una posizione decentrata potrebbe causare la caduta di un veicolo.
  • Gli ascensori non devono essere sollevati fino a quando gli occupanti non hanno lasciato i veicoli e non è stato effettuato un controllo dello spazio sopraelevato.
  • Una volta che il veicolo è in posizione, il dispositivo di arresto di emergenza deve essere impostato in modo che il sollevatore non cada in caso di caduta di pressione. Se un ascensore si trova in una posizione in cui il dispositivo di arresto di emergenza non può essere inserito, blocchi o supporti di sicurezza devono essere posizionati sotto l'ascensore o il veicolo.
  • Un sollevatore idraulico può essere dotato di una valvola di controllo della mancanza di olio, che impedisce il funzionamento se l'olio nel serbatoio di alimentazione scende al di sotto di un livello minimo, poiché il sollevatore può cadere accidentalmente in tali condizioni.

 

Quando la lubrificazione dei cuscinetti delle ruote, la riparazione dei freni, il cambio delle gomme o altri servizi vengono eseguiti su sollevatori a ruota libera o a contatto con il telaio, i veicoli devono essere leggermente sollevati dal pavimento per consentire ai dipendenti di lavorare da una posizione accovacciata, per ridurre la possibilità di schiena sforzo. Dopo che i veicoli sono stati sollevati, le ruote devono essere bloccate per evitare che rotolino e i supporti di sicurezza devono essere posizionati al di sotto per il supporto in caso di guasto del martinetto o del sollevatore. Quando si rimuovono le ruote dai veicoli sui ponti sollevatori, i veicoli devono essere bloccati in modo sicuro per evitare che si muovano. Se vengono utilizzati martinetti o cavalletti per sollevare e sostenere i veicoli, questi devono essere della portata adeguata, posizionati nei punti di sollevamento appropriati sui veicoli e verificarne la stabilità.

Manutenzione pneumatici

I dipendenti devono essere consapevoli di come controllare in sicurezza la pressione e gonfiare i pneumatici; i pneumatici devono essere ispezionati per usura eccessiva, la pressione massima dei pneumatici non deve essere superata e il lavoratore deve stare in piedi o inginocchiarsi di lato e girare la faccia durante il gonfiaggio dei pneumatici. I dipendenti devono essere consapevoli dei pericoli e seguire pratiche di lavoro sicure durante la manutenzione di ruote con cerchi in più parti e in un unico pezzo e ruote con cerchione con anello di bloccaggio su autocarri e rimorchi. Quando si riparano pneumatici con composti o liquidi infiammabili o tossici, è necessario osservare precauzioni come il controllo delle fonti di accensione, l'uso di DPI e la fornitura di un'adeguata ventilazione.

Pulizia delle parti

I dipendenti delle stazioni di servizio devono essere consapevoli dei rischi di incendio e salute derivanti dall'utilizzo di benzina o solventi a basso punto di infiammabilità per pulire le parti e devono seguire pratiche sicure come l'utilizzo di solventi approvati con un punto di infiammabilità superiore a 60ºC. Le lavapezzi devono avere un coperchio protettivo che viene tenuto chiuso quando la lavapezzi non è in uso; quando la rondella è aperta, dovrebbe essere presente un dispositivo di fermo apertura come i fusibili, che consentano la chiusura automatica del coperchio in caso di incendio.

I dipendenti devono prendere precauzioni in modo che la benzina o altri liquidi infiammabili non contaminino il solvente per la pulizia e non abbassino il suo punto di infiammabilità per creare un pericolo di incendio. Il solvente per la pulizia contaminato deve essere rimosso e collocato in contenitori approvati per il corretto smaltimento o riciclaggio. I dipendenti che puliscono parti e apparecchiature utilizzando solventi per la pulizia devono evitare il contatto con la pelle e gli occhi e utilizzare DPI adeguati. I solventi non devono essere utilizzati per il lavaggio delle mani e altre forme di igiene personale.

Aria compressa

Pratiche di lavoro sicure dovrebbero essere stabilite dalle stazioni di servizio per il funzionamento dei compressori d'aria e l'uso di aria compressa. I tubi dell'aria devono essere utilizzati solo per il gonfiaggio dei pneumatici e per la lubrificazione, la manutenzione e i servizi ausiliari. I dipendenti devono essere consapevoli dei rischi derivanti dalla pressurizzazione di serbatoi di carburante, trombe d'aria, serbatoi d'acqua e altri contenitori a pressione diversi dall'aria. L'aria compressa non deve essere utilizzata per la pulizia o per soffiare residui dai sistemi frenanti dei veicoli, poiché molte guarnizioni dei freni, specialmente sui modelli di veicoli più vecchi, contengono amianto. Dovrebbero essere utilizzati metodi più sicuri come la pulizia con aspirapolvere o soluzioni liquide.

Manutenzione e gestione della batteria di accumulo

Le stazioni di servizio devono stabilire procedure per garantire che lo stoccaggio, la manipolazione e lo smaltimento delle batterie e dei fluidi elettrolitici delle batterie seguano le normative governative e le politiche aziendali. I dipendenti devono essere consapevoli dei pericoli dei cortocircuiti elettrici durante la ricarica, la rimozione, l'installazione o la manipolazione delle batterie; scollegare il cavo di terra (negativo) prima di rimuovere le batterie; e ricollegare il cavo di terra (negativo) per ultimo durante l'installazione delle batterie. Quando si rimuovono e si sostituiscono le batterie, è possibile utilizzare un supporto per facilitare il sollevamento ed evitare di toccare la batteria.

I dipendenti devono essere consapevoli delle pratiche sicure come le seguenti per la manipolazione della soluzione della batteria:

  • I contenitori di soluzione elettrolitica devono essere conservati a temperature comprese tra 16 e
    32ºC in aree sicure dove non possono ribaltarsi. Qualsiasi soluzione elettrolitica versata sulle batterie o nell'area di riempimento deve essere lavata con acqua. Il bicarbonato di sodio (bicarbonato di sodio) può essere utilizzato in caso di fuoriuscite, poiché è un efficace neutralizzante per la soluzione elettrolitica della batteria.
  • Le nuove batterie devono essere posizionate sul pavimento o sul tavolo di lavoro quando vengono riempite con soluzione elettrolitica e i cappucci devono essere sostituiti prima dell'installazione. Le batterie nuove non devono essere riempite quando sono all'interno dei veicoli.
  • È possibile utilizzare schermi facciali e occhiali protettivi, grembiuli e guanti per ridurre al minimo l'esposizione alla soluzione della batteria. La soluzione della batteria deve essere maneggiata ed erogata dove è disponibile una fornitura di acqua potabile o liquido per il lavaggio degli occhi, nel caso in cui la soluzione della batteria si rovesci o venga a contatto con la pelle o gli occhi di un dipendente. Non utilizzare soluzioni neutralizzanti sulla pelle o sugli occhi.
  • Durante la manutenzione delle batterie, le particelle corrosive che si accumulano attorno ai terminali devono essere spazzolate via, lavate con acqua pulita, neutralizzate con bicarbonato di sodio o altri agenti simili ed evitate che vengano a contatto con occhi o indumenti.

 

I dipendenti devono controllare i livelli di liquido nelle batterie prima della ricarica e controllarli periodicamente durante la ricarica per determinare se le batterie si stanno surriscaldando. I caricabatterie devono essere spenti prima di scollegare i cavi dalle batterie, per evitare la creazione di scintille che potrebbero incendiare il gas idrogeno generato durante la carica. Quando le batterie a "ricarica rapida" sono installate sui veicoli, i veicoli devono essere allontanati dalle isole di erogazione del carburante e i cavi di massa della batteria (negativi) devono essere scollegati prima di collegare i caricatori. Se le batterie si trovano all'interno dell'abitacolo o sotto il pianale del veicolo, devono essere rimosse prima della ricarica.

I dipendenti devono avere familiarità con i pericoli e le procedure sicure per "mettere in moto" i veicoli con batterie scariche, al fine di evitare danni all'impianto elettrico o lesioni dovute all'esplosione delle batterie se i cavi di collegamento sono collegati in modo errato. I dipendenti non devono mai avviare o caricare batterie congelate.

Guida di veicoli e traino

I dipendenti devono essere formati, qualificati e disporre di adeguate licenze di operatore di veicoli a motore per guidare i veicoli dei clienti o dell'azienda, i camion di servizio o le attrezzature di traino all'interno o all'esterno dei locali. Tutti i veicoli devono essere utilizzati in conformità con le normative governative e le politiche aziendali. Gli operatori devono controllare immediatamente i freni del veicolo e i veicoli con freni difettosi non devono essere guidati. I dipendenti che gestiscono i carri attrezzi devono avere familiarità con le procedure operative sicure, come l'azionamento del paranco, il controllo della trasmissione e del telaio del veicolo da trainare e il non superare la capacità di sollevamento massima del carro attrezzi.

Spazi ristretti nelle stazioni di servizio

I dipendenti delle stazioni di servizio devono essere consapevoli dei pericoli associati all'ingresso in spazi confinati come serbatoi fuori terra e sotterranei, pozzetti, pozzi di pompaggio, serbatoi di contenimento dei rifiuti, fosse settiche e pozzi di raccolta ambientale. L'ingresso non autorizzato non dovrebbe essere consentito e dovrebbero essere stabilite procedure di autorizzazione all'ingresso in spazi ristretti che si applichino sia ai dipendenti che agli appaltatori.

Procedure di emergenza

Le stazioni di servizio dovrebbero sviluppare procedure di emergenza e i dipendenti dovrebbero sapere come far suonare gli allarmi, come notificare alle autorità le emergenze quando e come evacuare e quali azioni di risposta appropriate dovrebbero essere intraprese (come spegnere gli interruttori di emergenza in caso di fuoriuscite o incendi nelle zone della pompa di erogazione). Le stazioni di servizio possono istituire programmi di sicurezza per familiarizzare i dipendenti con la prevenzione di furti e violenze, a seconda dell'ubicazione della stazione di servizio, degli orari di apertura e delle potenziali minacce.

Stazione di servizio Salute e sicurezza

Protezione antincendio

I vapori di benzina sono più pesanti dell'aria e possono percorrere lunghe distanze per raggiungere fonti di ignizione se rilasciati durante il rifornimento di carburante, fuoriuscite, traboccamenti o riparazioni. È necessario fornire un'adeguata ventilazione in aree chiuse per consentire la dissipazione dei vapori di benzina. Gli incendi possono verificarsi a causa di fuoriuscite e traboccamenti durante il rifornimento o la manutenzione dei veicoli o la consegna del prodotto nei serbatoi delle stazioni di servizio, in particolare se il fumo non è limitato o se i motori dei veicoli rimangono in funzione durante il rifornimento. Per evitare incendi, i veicoli devono essere allontanati dalle aree di fuoriuscita o la benzina versata deve essere pulita da sotto o intorno ai veicoli prima di avviare i motori. I veicoli non dovrebbero essere autorizzati a entrare o attraversare le fuoriuscite.

I dipendenti devono essere consapevoli di altre cause di incendio nelle stazioni di servizio, come manipolazione, trasferimento e stoccaggio impropri di liquidi infiammabili e combustibili, rilasci accidentali durante le riparazioni del sistema di alimentazione, scariche elettrostatiche durante la sostituzione dei filtri sui distributori di benzina e l'uso di lavori impropri o non protetti luci. Lo scarico della benzina dai serbatoi del carburante dei veicoli potrebbe essere molto pericoloso a causa del potenziale rilascio di carburante e vapori, specialmente in aree di servizio chiuse quando possono essere presenti fonti di ignizione.

I permessi per lavori a caldo dovrebbero essere rilasciati quando vengono eseguiti lavori diversi dalla riparazione e manutenzione del veicolo che introducono fonti di ignizione in aree in cui possono essere presenti vapori infiammabili. I dipendenti devono essere consapevoli del fatto che l'adescamento del carburatore non deve essere tentato mentre i motori dei veicoli sono in funzione o vengono avviati con i loro motorini di avviamento, poiché i ritorni di fiamma potrebbero incendiare i vapori del carburante. I dipendenti devono seguire procedure sicure, come l'uso di liquido di avviamento e non benzina per l'adescamento dei carburatori e l'uso di morsetti per tenere aperti gli strozzatori durante il tentativo di avviare il motore.

Sebbene le normative governative o le politiche aziendali possano richiedere l'installazione di sistemi fissi di protezione antincendio, gli estintori sono solitamente il mezzo principale di protezione antincendio nelle stazioni di servizio. Le stazioni di servizio dovrebbero fornire estintori della corretta classificazione per i pericoli previsti. Gli estintori e i sistemi fissi di protezione antincendio devono essere regolarmente ispezionati, sottoposti a manutenzione e sottoposti a manutenzione e i dipendenti devono sapere quando, dove e come utilizzare gli estintori e come attivare i sistemi fissi.

Le stazioni di servizio devono installare controlli di arresto di emergenza degli erogatori di carburante in luoghi chiaramente identificati e accessibili e garantire che i dipendenti conoscano lo scopo, l'ubicazione e il funzionamento di tali controlli. Per evitare la combustione spontanea, gli stracci oleosi devono essere conservati in contenitori metallici coperti fino al riciclaggio o allo smaltimento.

Sicurezza

Gli infortuni dei dipendenti nelle stazioni di servizio possono derivare dall'uso improprio di strumenti, attrezzature e scale; non indossare DPI; cadere o inciampare; lavorare in posizioni scomode; e sollevamento o trasporto di casse di materiali in modo errato. Lesioni e incidenti possono verificarsi anche a causa del mancato rispetto delle pratiche di sicurezza quando si lavora su radiatori caldi, trasmissioni, motori e sistemi di scarico, si effettua la manutenzione di pneumatici e batterie e si lavora con ascensori, martinetti, apparecchiature elettriche e macchinari; da rapina e aggressione; e dall'uso improprio o dall'esposizione a detergenti, solventi e prodotti chimici per automobili.

Le stazioni di servizio dovrebbero sviluppare e implementare programmi per prevenire incidenti e inconvenienti che possono essere attribuiti a problemi associati alle condizioni fisiche della stazione di servizio, come scarsa manutenzione, stoccaggio e pratiche di pulizia. Altri fattori che contribuiscono agli incidenti nelle stazioni di servizio includono la mancanza di attenzione, formazione o abilità dei dipendenti, che può comportare l'uso improprio di attrezzature, strumenti, parti di automobili, forniture e materiali di manutenzione. La Figura 1 fornisce una checklist di sicurezza.

Figura 1. Elenco di controllo per la sicurezza e la salute delle stazioni di servizio.

TRA035C1

Le rapine rappresentano un grave pericolo per la sicurezza nelle stazioni di servizio. Le precauzioni e la formazione appropriate sono discusse nell'allegato nella scatola e altrove in questo Enciclopedia.

Salute e benessere

I dipendenti devono essere consapevoli dei rischi per la salute associati al lavoro nelle stazioni di servizio, come i seguenti:

Monossido di carbonio. I gas di scarico dei motori a combustione interna contengono monossido di carbonio, un gas altamente tossico, inodore e incolore. I dipendenti devono essere consapevoli dei pericoli dell'esposizione al monossido di carbonio, in particolare quando i veicoli si trovano all'interno di aree di servizio, garage o autolavaggi con i motori accesi. I gas di scarico del veicolo devono essere convogliati all'esterno tramite tubi flessibili e deve essere fornita ventilazione per assicurare un'adeguata fornitura di aria fresca. Gli apparecchi e i riscaldatori a olio combustibile devono essere controllati per garantire che il monossido di carbonio non venga scaricato nelle aree interne.

Tossicità dei combustibili derivati ​​dal petrolio. I dipendenti che entrano in contatto con benzina, gasolio, gasolio da riscaldamento o cherosene devono essere consapevoli dei potenziali rischi di esposizione e sapere come maneggiare questi carburanti in sicurezza. L'inalazione di concentrazioni sufficienti di vapori di petrolio per lunghi periodi di tempo può provocare lieve intossicazione, anestesia o condizioni più gravi. Una breve esposizione ad alte concentrazioni provoca vertigini, mal di testa e nausea e irrita gli occhi, il naso e la gola. Benzina, solventi o oli combustibili non devono mai essere travasati da contenitori o serbatoi con la bocca, poiché la tossicità degli idrocarburi liquidi a bassa viscosità aspirati direttamente nei polmoni è 200 volte maggiore rispetto a quando vengono ingeriti. L'aspirazione nei polmoni può causare polmonite con edema polmonare esteso ed emorragia, con conseguenti lesioni gravi o morte. Il vomito non deve essere indotto. È necessario richiedere assistenza medica immediata.

Benzene. I dipendenti delle stazioni di servizio devono essere consapevoli dei potenziali pericoli del benzene, che si trova nella benzina, ed evitare di inalarne i vapori. Sebbene la benzina contenga benzene, è improbabile che un'esposizione di basso livello ai vapori di benzina causi il cancro. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che i dipendenti delle stazioni di servizio non sono esposti a livelli eccessivi di benzene durante lo svolgimento delle loro normali attività lavorative; tuttavia, esiste sempre la possibilità che si verifichi una sovraesposizione.

Rischi di dermatite. I dipendenti che maneggiano ed entrano in contatto con prodotti petroliferi come parte del loro lavoro devono essere consapevoli dei rischi di dermatiti e altri disturbi della pelle e dell'igiene personale e delle misure di protezione individuale necessarie per controllare l'esposizione. In caso di contatto oculare con benzina, lubrificanti o antigelo, gli occhi devono essere sciacquati con acqua potabile pulita e tiepida e deve essere fornita assistenza medica.

Lubrificanti, olio motore usato e prodotti chimici per autoveicoli. I dipendenti che cambiano l'olio e altri fluidi per autoveicoli, incluso l'antigelo, devono essere consapevoli dei pericoli e sapere come ridurre al minimo l'esposizione a prodotti come la benzina nell'olio motore usato, il glicole nell'antigelo e altri contaminanti nei fluidi della trasmissione e nei lubrificanti per ingranaggi mediante l'uso dei DPI e delle buone pratiche igieniche. Se le pistole lubrificanti ad alta pressione vengono scaricate contro il corpo di un dipendente, l'area interessata deve essere esaminata immediatamente per vedere se i prodotti petroliferi sono penetrati nella pelle. Queste lesioni causano poco dolore o sanguinamento, ma comportano una separazione quasi istantanea dei tessuti cutanei e possibili danni più profondi, che dovrebbero ricevere cure mediche immediate. Il medico curante deve essere informato della causa e del prodotto coinvolto nella lesione.

Saldatura. La saldatura, oltre a costituire un pericolo di incendio, può comportare l'esposizione ai pigmenti di piombo derivanti dalla saldatura sulle parti esterne delle auto, nonché ai fumi metallici e ai gas di saldatura. È necessaria una ventilazione di scarico locale o una protezione respiratoria.

Verniciatura a spruzzo e stucchi per carrozzeria. La verniciatura a spruzzo può comportare l'esposizione a vapori di solventi e particolati di pigmenti (ad esempio, cromato di piombo). I riempitivi per carrozzeria spesso sono resine epossidiche o poliestere e possono comportare rischi per la pelle e le vie respiratorie. Si consigliano cabine di verniciatura drive-in per la verniciatura a spruzzo, ventilazione di scarico locale e protezione della pelle e degli occhi durante l'utilizzo di stucchi per carrozzerie.

Accumuli. Le batterie contengono soluzioni di elettroliti corrosivi di acido solforico che possono causare ustioni e altre lesioni agli occhi o alla pelle. L'esposizione alla soluzione della batteria deve essere ridotta al minimo mediante l'uso di DPI, inclusi guanti di gomma e protezione per gli occhi. I dipendenti devono lavare immediatamente la soluzione elettrolitica dagli occhi o dalla pelle con acqua potabile pulita o liquido per lavaggio oculare per almeno 15 minuti e rivolgersi immediatamente a un medico. I dipendenti devono lavarsi accuratamente le mani dopo la manutenzione delle batterie e tenere le mani lontane dal viso e dagli occhi. I dipendenti devono essere consapevoli che il sovraccarico delle batterie può creare quantità esplosive e tossiche di idrogeno gassoso. A causa dei potenziali effetti dannosi dell'esposizione al piombo, gli accumulatori usati devono essere adeguatamente smaltiti o riciclati in conformità con le normative governative o le politiche aziendali.

Amianto. I dipendenti che controllano e riparano i freni devono essere consapevoli dei pericoli dell'amianto, sapere come riconoscere se le ganasce dei freni contengono amianto e adottare misure protettive adeguate per ridurre l'esposizione e contenere i rifiuti per un corretto smaltimento (vedere figura 2).

Figura 2. Involucro portatile per prevenire l'esposizione alla polvere di amianto dai tamburi dei freni È dotato di una pistola ad aria compressa inclusa con un manicotto di cotone ed è collegato a un aspirapolvere HEPA.

TRA035F2

Per gentile concessione di Nilfisk of America, Inc.

Dispositivi di protezione individuale (DPI)

Gli infortuni ai dipendenti possono verificarsi a causa del contatto con carburanti per autotrazione, solventi e sostanze chimiche o da ustioni chimiche causate dall'esposizione agli acidi delle batterie o alle soluzioni caustiche. I dipendenti delle stazioni di servizio devono avere familiarità con la necessità di utilizzare e indossare DPI come i seguenti:

  • Scarpe da lavoro con suole resistenti all'olio e allo scivolamento devono essere indossate per lavori generici nelle stazioni di servizio e scarpe antinfortunistiche approvate con punta protettiva e suole antiscivolo o all'olio dove c'è il pericolo di lesioni ai piedi dovute a rotolamento o caduta oggetti o attrezzature.
  • Occhiali di sicurezza e protezione respiratoria dovrebbero essere usati per proteggersi dall'esposizione a sostanze chimiche, polvere o vapore, come quando si dipinge o si lavora intorno a batterie e radiatori. Gli occhiali di sicurezza industriale o gli schermi facciali con occhiali protettivi devono essere indossati quando esiste la possibilità di esposizione a materiali da impatto, come lavorare con smerigliatrici o respingenti metallici, riparare o montare pneumatici o sostituire i sistemi di scarico. Gli occhiali da saldatura devono essere indossati durante il taglio o la saldatura per evitare ustioni da flash e lesioni causate da particelle.
  • Quando si maneggiano sostanze chimiche e solventi per autoveicoli, acido della batteria e soluzioni caustiche e durante la pulizia di fuoriuscite di sostanze chimiche o carburante, è necessario indossare guanti, grembiuli, calzature, visiere e occhiali protettivi impermeabili. Indossare guanti da lavoro in pelle quando si maneggiano oggetti appuntiti come vetri rotti, parti di autoveicoli o cerchioni di pneumatici e durante lo svuotamento dei bidoni della spazzatura.
  • La protezione della testa può essere necessaria quando si lavora sotto i veicoli nei box o si cambia la segnaletica o le luci sopraelevate e in altre aree in cui esiste un potenziale rischio di lesioni alla testa.
  • I dipendenti che lavorano sui veicoli non devono indossare anelli, orologi da polso, braccialetti o catene lunghe, poiché i gioielli potrebbero entrare in contatto con le parti mobili del veicolo o l'impianto elettrico e causare lesioni.

 

Per prevenire incendi, dermatiti o ustioni chimiche della pelle, gli indumenti imbevuti di benzina, antigelo o olio devono essere immediatamente rimossi in un'area o stanza con una buona ventilazione e priva di fonti di ignizione, come riscaldatori elettrici, motori, sigarette, sono presenti accendini o asciugamani elettrici. Le aree della pelle interessate devono quindi essere accuratamente lavate con sapone e acqua tiepida per rimuovere ogni traccia di contaminazione. Gli indumenti devono essere asciugati all'aria aperta o in aree ben ventilate lontano da fonti di ignizione prima del lavaggio per ridurre al minimo la contaminazione dei sistemi di acque reflue.

Problemi ambientali della stazione di servizio

Controllo dell'inventario dei serbatoi di stoccaggio

Le stazioni di servizio devono mantenere e riconciliare regolarmente registri di inventario accurati su tutti i serbatoi di stoccaggio della benzina e dell'olio combustibile per controllare le perdite. La misurazione manuale a bastoncino può essere utilizzata per fornire un controllo dell'integrità dei serbatoi di stoccaggio sotterranei e dei tubi di collegamento. Laddove è installata un'apparecchiatura di misura automatica o di rilevamento delle perdite, la sua accuratezza deve essere verificata regolarmente mediante misura manuale a bastoncino. Qualsiasi serbatoio o sistema di stoccaggio sospettato di perdite deve essere esaminato e, se viene rilevata una perdita, il serbatoio deve essere messo in sicurezza o svuotato e riparato, rimosso o sostituito. I dipendenti delle stazioni di servizio devono essere consapevoli del fatto che la benzina fuoriuscita può percorrere lunghe distanze sottoterra, contaminare le riserve idriche, entrare nelle fognature e nei sistemi di drenaggio e causare incendi ed esplosioni.

Gestione e smaltimento dei materiali di scarto

Lubrificanti di scarto e prodotti chimici per autoveicoli, olio motore usato e solventi, benzina versata e olio combustibile e soluzioni antigelo di tipo glicole devono essere scaricati in serbatoi o contenitori approvati e opportunamente etichettati e conservati fino allo smaltimento o al riciclaggio in conformità con le normative governative e le politiche aziendali.

Poiché i motori con cilindri usurati o altri difetti possono consentire l'ingresso di piccole quantità di benzina nei loro carter, sono necessarie precauzioni per evitare che i vapori che potrebbero essere rilasciati da serbatoi e contenitori con scarichi del basamento raggiungano fonti di accensione.

I filtri dell'olio usati e i filtri dell'olio della trasmissione devono essere drenati dall'olio prima dello smaltimento. I filtri del carburante usati che sono stati rimossi dai veicoli o dalle pompe di erogazione del carburante devono essere scaricati in contenitori approvati e conservati in luoghi ben ventilati lontano da fonti di ignizione fino a quando non sono asciutti prima dello smaltimento.

I contenitori dell'elettrolito della batteria usati devono essere accuratamente risciacquati con acqua prima dello smaltimento o del riciclaggio. Le batterie usate contengono piombo e devono essere adeguatamente smaltite o riciclate.

La pulizia di grandi fuoriuscite può richiedere una formazione speciale e DPI. Il carburante fuoriuscito recuperato può essere restituito al terminal o all'impianto di stoccaggio o altrimenti smaltito secondo le normative governative o la politica aziendale. Lubrificanti, olio usato, grasso, antigelo, carburante versato e altri materiali non devono essere spazzati, lavati o scaricati in scarichi a pavimento, lavandini, servizi igienici, fognature, pozzetti o altri scarichi o in strada. Il grasso e l'olio accumulati devono essere rimossi dagli scarichi a pavimento e dai pozzetti per evitare che questi materiali scorrano nelle fognature. La polvere di amianto e le guarnizioni dei freni in amianto usate devono essere maneggiate e smaltite secondo le normative governative e le politiche aziendali. I dipendenti devono essere consapevoli dell'impatto ambientale e dei potenziali rischi per la salute, la sicurezza e gli incendi di questi rifiuti.

 

Di ritorno

Leggi 19759 volte Ultima modifica Venerdì, Ottobre 28 2011 16: 37

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti all'industria dei trasporti e al magazzinaggio

Istituto nazionale americano per gli standard (ANSI). 1967. Illuminazione. ANSI A11.1-1967. New York: ANSI.

Anton, DJ. 1988. Dinamiche d'urto e sistemi di ritenuta. In Aviation Medicine, 2a edizione, a cura di J Ernsting e PF King. Londra: Butterworth.

Beiler, H e U Tränkle. 1993. Fahrerarbeit come Lebensarbeitsperpektive. In Europäische Forschungsansätze zur Gestaltung der Fahrtätigkeit im ÖPNV (S. 94-98) Bundesanstat für Arbeitsschutz. Bremerhaven: Wirtschaftsverlag NW.

Ufficio di statistica del lavoro (BLS). 1996. Statistiche sulla sicurezza e sulla salute. Washington, DC: BLS.

Associazione canadese di transito urbano. 1992. Studio ergonomico della postazione di lavoro del conducente negli autobus urbani. Toronto: Associazione canadese di transito urbano.

Decker, J.A. 1994. Valutazione dei rischi per la salute: Southwest Airlines, Houston Hobby Airport, Houston, Texas. HETA-93-0816-2371. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

DeHart RL. 1992. Medicina aerospaziale. In Public Health and Preventive Medicine, 13a edizione, a cura di ML Last e RB Wallace. Norwalk, CT: Appleton e Lange.

Birre DeHart, RL e KN. 1985. Incidenti aerei, sopravvivenza e soccorso. In Fundamentals of Aerospace Medicine, a cura di RL DeHart. Filadelfia, Pennsylvania: Lea e Febiger.

Eisenhardt, D ed E Olmsted. 1996. Indagine sull'infiltrazione di gas di scarico in un edificio situato sulla pista di rullaggio dell'aeroporto John F. Kennedy (JFK). New York: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, Servizio sanitario pubblico, Divisione della salute sul lavoro federale, Ufficio sul campo di New York.

Firth, R. 1995. Passaggi per installare con successo un sistema di gestione del magazzino. Ingegneria industriale 27 (2): 34–36.

Friedberg, W, L Snyder, DN Faulkner, EB Darden, Jr., e K O'Brien. 1992. Esposizione alle radiazioni dei membri dell'equipaggio del vettore aereo II. DOT/FAA/AM-92-2.19. Oklahoma City, OK: Istituto di medicina aeronautica civile; Washington, DC: Amministrazione federale dell'aviazione.

Gentry, JJ, J Semeijn e DB Vellenga. 1995. Il futuro dell'autotrasporto nella nuova Unione Europea: 1995 e oltre. Revisione della logistica e dei trasporti 31(2):149.

Giesser-Weigt, M e G Schmidt. 1989. Verbesserung des Arbeitssituation von Fahrern im öffentlichen Personennahverkehr. Bremerhaven: Wirtschaftsverlag NW.

Glaister, DH. 1988a. Gli effetti dell'accelerazione di lunga durata. In Aviation Medicine, 2a edizione, a cura di J Ernsting e PF King. Londra: Butterworth.

—. 1988b. Protezione contro l'accelerazione di lunga durata. In Aviation Medicine, 2a edizione, a cura di J Ernsting e PF King. Londra: Butterworth.

Haas, J, H Petry e W Schühlein. 1989. Untersuchung zurVerringerung berufsbedingter Gesundheitsrisien im Fahrdienst des öffentlichen Personennahverkehr. Bremerhaven; Wirtschaftsverlag NW.

Camera di navigazione internazionale. 1978. Guida internazionale alla sicurezza per petroliere e terminali. Londra: Witherby.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1992. Sviluppi recenti nel trasporto terrestre. Relazione I, programma di attività settoriali, dodicesima sessione. Ginevra: OIL.

—. 1996. Prevenzione degli infortuni a bordo di navi in ​​mare e in porto. Un codice di condotta dell'ILO. 2a edizione. Ginevra: OIL.

Joyner, KH e MJ Bangay. 1986. Indagine sull'esposizione dei lavoratori radar aeroportuali civili in Australia. Giornale di potenza a microonde ed energia elettromagnetica 21 (4): 209–219.

Landsbergis, PA, D Stein, D Iacopelli e J Fruscella. 1994. Indagine sull'ambiente di lavoro dei controllori del traffico aereo e sviluppo di un programma di formazione sulla sicurezza e salute sul lavoro. Presentato all'American Public Health Association, 1 novembre, Washington, DC.

Leverett, SD e JE Whinnery. 1985. Biodinamica: accelerazione sostenuta. In Fundamentals of Aerospace Medicine, a cura di RL DeHart. Filadelfia, Pennsylvania: Lea e Febiger.

Magnier, M. 1996. Esperti: il Giappone ha la struttura ma non la volontà per l'intermodalità. Giornale di commercio e commerciale 407:15.

Martino, R.L. 1987. AS/RS: dal magazzino alla fabbrica. Ingegneria manifatturiera 99:49–56.

Meifort, J, H Reiners e J Schuh. 1983. Arbeitshedingungen von Linienbus- und Strassenbahnfahrern des Dortmunder Staatwerke Aktiengesellschaft. Bremen-haven: Wirtschaftsverlag.

Miyamoto, Y. 1986. Irritanti per gli occhi e le vie respiratorie nello scarico dei motori a reazione. Medicina aeronautica, spaziale e ambientale 57(11):1104–1108.

Associazione nazionale per la protezione antincendio (NFPA). 1976. Manuale per la protezione antincendio, 14a edizione. Quincy, Massachusetts: NFPA.

Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1976. Esposizioni documentate del personale dai sistemi di ispezione dei bagagli aeroportuali. DHHS (NIOSH) Pubblicazione 77-105. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

—. 1993a. Valutazione dei rischi per la salute: magazzino di generi alimentari Big Bear. HETA 91-405-2340. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

—. 1993 b. Avviso: prevenire l'omicidio sul posto di lavoro. DHHS (NIOSH) Pubblicazione 93-108. Cincinatti, OH: NIOSH.

—. 1995. Valutazione dei rischi per la salute: magazzino di generi alimentari Kroger. HETA 93-0920-2548. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Consiglio nazionale per la sicurezza. 1988. Manuale sulla sicurezza delle operazioni a terra dell'aviazione, 4a edizione. Chicago, IL: Consiglio nazionale per la sicurezza.

Nicogossian, AE, CL Huntoon e SL Pool (a cura di). 1994. Fisiologia e medicina spaziale, 3a edizione. Filadelfia, Pennsylvania: Lea e Febiger.

Peters, Gustavsson, Morén, Nilsson e Wenäll. 1992. Forarplats I Buss, Etapp 3; Specifica Krav. Linköping, Svezia: Väg och Trafikinstitutet.

Poitrast, BJ e de Treville. 1994. Considerazioni di medicina del lavoro nell'industria aeronautica. In Occupational Medicine, 3a edizione, a cura di C Zenz, OB Dickerson e EP Hovarth. St. Louis, MO: Mosby.

Register, O. 1994. Fai funzionare l'Auto-ID nel tuo mondo. Trasporti e distribuzione 35(10):102–112.

Reimann, J. 1981. Beanspruchung von Linienbusfahrern. Untersuchungen zur Beanspruchung von Linienbusfahrern im innerstädtischen Verkehr. Bremerhaven: Wirtschafts-verlag NW.

Rogers, JW. 1980. Risultati del programma di monitoraggio dell'ozono in cabina FAA negli aeromobili commerciali nel 1978 e 1979. FAA-EE-80-10. Washington, DC: Amministrazione federale dell'aviazione, Ufficio per l'ambiente e l'energia.

Rose, RM, CD Jenkins e MW Hurst. 1978. Studio sui cambiamenti sanitari dei controllori del traffico aereo. Boston, MA: Facoltà di Medicina dell'Università di Boston.

Sampson, RJ, MT Farris e DL Shrock. 1990. Trasporto nazionale: pratica, teoria e politica, 6a edizione. Boston, Massachusetts: Houghton Mifflin Company.

Streekvervoer Nederland. 1991. Chaufferscabine [Cabina di guida]. Amsterdam, Paesi Bassi: Streekvervoer Nederland.

Senato degli Stati Uniti. 1970. Controllori del traffico aereo (Rapporto Corson). Rapporto del Senato 91-1012. 91° Congresso, 2° Sessione, 9 luglio. Washington, DC: Oggetto Criteri di gruppo.

Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti (DOT). 1995. Rapporto del Senato 103–310, giugno 1995. Washington, DC: GPO.

Verband Deutscher Verkehrsunternehmen. 1996. Fahrerarbeitsplatz im Linienbus [La postazione di lavoro del conducente negli autobus]. VDV Schrift 234 (Entwurf). Colonia, Germania: Verband Deutscher Verkehrsunternehmen.

Violland, M. 1996. Dove ferrovie? Osservatore OCSE n. 198, 33.

Wallentowitz H, M Marx, F Luczak, J Scherff. 1996. Forschungsprojekt. Fahrerarbeitsplatz im Linienbus— Abschlußbericht [Progetto di ricerca. Postazione di guida negli autobus – Rapporto finale]. Aquisgrana, Germania: RWTH.

Wu, YX, XL Liu, BG Wang e XY Wang. 1989. Spostamento temporaneo della soglia indotto dal rumore degli aeromobili. Spazio aereo e medicina 60 (3): 268–270.